GLI SCIPPATORI RINGRAZIANO

DI MIGUEL MARTINEZ
Kelebek

Come probabilmente sapete, gira in rete questa denuncia.

Non ho né tempo né voglia di controllarne l’esattezza: nella mia esperienza, testi di questo tipo contengono facilmente errori e semplificazioni estreme (cosa sarà mai la “somministrazione di reati pericolosi“?).

Mi interessano però due punti.

Punto primo, la differenza radicale tra mediatizzazione dello scontro tra destra e sinistra, e la pratica della destra e della sinistra quando sono al potere.

Pensiamo all’elettore di sinistra, che temeva che Berlusconi avrebbe messo in ogni clinica legioni di ciellini armati di alabarde, per impedire gli aborti. E adesso passano pure gli aborti clandestini.

O pensiamo all’elettore di destra, che sperava che Berlusconi avrebbe liberato il paese dai ladri – spacciatori – clandestini – pedofili pagati dai comunisti. Ed ecco che Berlusconi depenalizza (nella pratica) immigrati clandestini, pedopornografi, scippatori e magnaccia (non li sto mettendo tutti sullo stesso piano; ma l’elettore di destra in genere lo fa).

Per questo, ho evidenziato nel testo i reati più temuti dalla “destra”, che la destra oggi assolve.

Punto secondo, la retorica di questo testo, tipica del nuovo populismo trasversale, se la prende con l’individuo Berlusconi, oppure con la “Casta“. Che certo esiste, solo che ormai è diventata l’unico problema riconosciuto da tutti, mentre dietro incombe qualcosa di molto più terribile: la devastazione generale del capitalismo assoluto.

Come superare la legge vergogna dell’indulto?

Oggi si è espresso al Senato il voto della vergogna. La maggioranza ha votato compatta a favore della legge “blocca-processi”, dando il suo contributo alla distruzione della giustizia in Italia, in piena sintonia con l’INDULTO.

Ecco l’elenco dei reati che resteranno impuniti da oggi in poi:
– aborto clandestino
– abuso d’ufficio
– adulterazione di sostanze alimentari
– associazione per delinquere
– bancarotta fraudolenta
– calunnia
– circonvenzione di incapace
– corruzione
– corruzione giudiziaria – è quella per cui Silvio Berlusconi ha fatto questo decreto
– detenzione di documenti falsi per l’espatrio
– detenzione di materiale pedo-pornografico
– estorsione
– falsificazione di documenti pubblici
– frodi fiscali
– furto con strappo
– furto in appartamento
– immigrazione clandestina (“pensate, dopo tutte le menate che fanno con la storia dell’immigrazione clandestina, adesso sospendono i processi” – Marco Travaglio)
– incendio e incendio boschivo
– intercettazioni illecite
– maltrattamenti in famiglia
– molestie
– omicidio colposo per colpa medica
– omicidio colposo per norme sulla circolazione stradale vietata (“tutti quelli che stendono la gente per la strada ubriachi, bene quelli non li si processa” – Marco Travaglio)
– peculato
– porto e detenzione di armi anche clandestine
– rapina
– reati informatici
– ricettazione
– rivelazioni di segreti d’ufficio
– sequestro di persona
– sfruttamento della prostituzione
– somministrazione di reati pericolosi
– stupro e violenza sessuale
– traffico di rifiuti
– truffa alla Comunità Europea
– usura
– vendita di prodotti con marchi contraffatti
– violenza privata

Tutti questi, essendo puniti con pene inferiori ai dieci anni, vengono sospesi.

FATELA GIRARE.
ORGANIZZATE LA RESISTENZA CONTRO LA CASTA.

Miguel Martinez
Fonte: http://kelebek.splinder.com/
Link: http://kelebek.splinder.com/post/17609113/Gli+scippatori+ringraziano
26.06.08

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Bazu
Bazu
26 Giugno 2008 9:12

E cosa ne pensano i veltroniani?

mat612000
mat612000
26 Giugno 2008 10:16

Somministrazione di reati dolosi non esiste, più che altro perchè non ha alcun senso.
Esiste la somministrazione di medicinali guasti e altre forme di somministrazione di sostanze nocive per la salute.
Il reato di immigrazione clandestina non è ancora stato introdotto, cioè attualmente non esiste.
Cerchiamo di diffondere se possibile notizie, non ignoranza (di quella ce n’è già in abbondanza).
Sotto la voce reati “informatici rientrano” un’infinità di reati specifici, il reato informatico in sè non vuol dire niente: è solo il mezzo usato per commettere il reato.
E’ come definire la rapina in una banca a cui fa seguito la fuga in auto dei banditi “reato automobilistico”…

IVANOE
IVANOE
26 Giugno 2008 10:27

Cosa rimane da salvare ? Più nulla. Ma lo sapevamo tutti. Prima e dopo il voto. Ormai la perversione ed il degradomorale e politca dell’italia è spaventosa. La cosa anora più perversa è che tutto questo stà accadendo sotto i nostri occhi e impotenti anzi quasi del tutto paralizzati nell’agire. Siamo tutti sotto ipnosi. Le morti bianche, i processi aggiustati, la povertà che ormai flagella le masse italiche sembra non riguardare nessuno nemmeno le stesse vittime di quanto sta accadendo. Chi ci ha governato e ci governa sà perfettamente dello sfacelo che ha raggiunto l’italia ed ha già giocato d’anticipo al si salvi chi può, anche se loro stessi sembrano ormai talmente impregnati del loro narcisismo che non si rendono conto di avere superato ogni limite della decenza. Qui in italia è ormai una guerra tra faide e non credo che ci sia tanta pianificazione in questo. Forze armate che vengono schierate “contro la polizia” ( è notizia di oggi che il premio di produttività il governo lo erogherà solo alle forze armate ) così come il mescolamento dei militari con i poliziotti che sembra più una provocazione verso quest’ultimi piuttosto che una collaborazione. La giustizia doppia-faccia.Perchè ormai non si… Leggi tutto »

illupodeicieli
illupodeicieli
26 Giugno 2008 13:08

anzitutto non è che potevamo ri-votare Bersani e compagni: in tanti hanno disperso il voto, anche qui in Sardegna dove il tuo candidato era dietro perchè capolista erano i segretari di partito o chi volevano loro.Basta dire che quì era candidato nel pdl ,ed è pure riuscito, Luca Barbareschi, ma il sistema è uguale anche nei partiti o coalizioni di altro colore. il problema è il sistema che obbedisce agli ordini delle segreterie dei partiti e poi nel fatto che sia Silvio che Walter e pure Antonio Di Pietro, sono accentratori:non prendono decisioni in accordo con gli elettori o con il paese ma decidono loro che cosa è giusto fare o non fare(o si fanno consigliare da persone di fiducia:è possibile e in genere sono pure consigliati male).Tutti da tempo non mettono le cose ai voti, non rimandano decisioni anche importanti a una consultazione. Se poi come ora c’è in ballo un processo importante,una deposizione determinante, ecco che si cerca non un rinvio (anche per motivi validi) ma direttamente una legge ,anzi forse due leggi, che mettano fine a questo stato di cose.Non poter processare le più alte cariche dello stato, laddove ieri Mastella a 8 e mezzo sosteneva che… Leggi tutto »

cocis18
cocis18
26 Giugno 2008 14:38

in un qualsiasi paese europeo un simile elemento sarebbe già in carcere da un pezzo .. qui è un eroe..

albertgast
albertgast
27 Giugno 2008 14:36

“….in un qualsiasi paese europeo un simile elemento sarebbe già in carcere da un pezzo .. qui è un eroe…..” Condivido in pieno e sottoscrivo. Per quasi due anni hanno starnazzato in tv e sui loro giornali che Prodi stava tartassando tutti con l’aumento delle tasse ma…..adesso vanno bene così!!!! Non sarà toccata nemmeno una aliquota! E il tempo ci sarebbe stato, eccome, per correggerle. Dove sono tutti quelli che si lamentavano di non arrivare a fine mese? Adesso che, per giunta, aumenteranno anche luce a gas, come faranno? Macchè, adesso va tutto bene. E tutti quelli che si lamentavano della lentezza della giustizia? Bè, se per caso fosse anche stato pizzicato il ladruncolo che vi ha rubato in casa, potete dimenticarvi di avere giustizia…..a mai più!!! Altro che indulto! E la monnezza? E’ sempre là. E l’Alitalia? E’ sempre in crisi. E gli sbarchi di clandestini? Che a sentire quell’arrogante di Castelli bastava che sapessero che avevano vinto loro le elezioni e non sarebbero più avvenuti? Infatti continuano come prima e più di prima. L’importante è che al capo sia data l’immunità, perchè si vede che stavolta l’aveva fatta più grossa del solito e aveva davvero paura di finire… Leggi tutto »