GLI ISRAELIANI AMANO NETANYAHU

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI GILAD AZTMON

gilad.co.uk

Le elezioni israeliane hanno confermato che Benjamin Netanyahu ha messo in atto un recupero miracoloso da un’immaginaria “caduta”. Netanyahu ha superato la pesante campagna mediatica contro di lui, sia in Israele che all’estero, e ha vinto nonostante tutto. L’ebreo internazionale di sinistra invece ci aveva promesso che Bibi stava per essere politicamente spazzato via. Questo straordinario e pericoloso uomo ha segnato un’incredibile vittoria politica e storica.

Israele è una vera democrazia ebraica. Ha molti problemi ma rappresenta genuinamente lo spirito e le aspirazioni degli israeliani. Nella Knesset israeliana del 2015, non c’e’ nessun partito ebreo a cui importa realmente dei Palestinesi e dei loro problemi. Non vi è alcun singolo membro ebreo che offra un piano di pace e riconciliazione. Meretz, il solo cosidetto partito ebreo “di destra” che intendeva offrire una visione di pace, è stato ridotto ad un ruolo microscopico ed è prima di tutto vincolato alle faccende del LGBT.

Nella democrazia israeliana, il terzo più grande partito nella Knesset è l’Arab Unity. Questa è davvero una grande notizia. I cosidetti “anti” Sionisti devono trovar ciò leggermente imbarazzante. Mentre nel razzista stato Sionista, gli arabi sono diventati la terza forza politica in parlamento, le organizzazioni progressiste ebree a favore dei palestinesi come JVP, JFJFP o IJAN, Goyim, lasciando perdere gli Arabi, sono tenute fuori dai posti dove si prendono decisioni.

Similmente, l’Israele razzista è leggermente più avanzato rispetto ai suoi oppositori ebrei “progressisti”.

Nelle ultime settimane ci è stato detto che l’arringa di Netanyahu al Congresso sarebbe stata l’ultima sua mossa. Leggiamo rapporti che suggeriscono che gli israeliani hanno reagito negativamente alla sua propaganda di guerra. Come al solito, siamo stati ingannati. Gli israeliani, come dimostrano i risultati elettorali, amano Netanyahu e approvano la sua incursione nel Congresso americano. Gli israeliani adorano vedere il loro primo ministro adulato e riverito dalle elite politiche americane mentre le persuade a mandare i loro figli a morire per Zion.

Coloro che si oppongono ad Israele, alle sue lobby e al suo potere ebreo devono essere felici della vittoria politica di Bibi. Ammetto che ne sono certamente soddisfatto. Ci risparmia molto tempo sprecato e deludente propaganda da parte dei sostenitori di Israele, dei mercanti di Hasbara e della sinistra ebraica.

La scorsa settimana abbiamo imparato che la maggioranza degli ebrei inglesi sostiene Bibi ed il suo partito Likud. A quanto pare, lo stato ebreo non è differente. Israele è Bibi e Bibi è Israele.

Gilad Atzmon

Fonte: www.gilad.co.uk

Link: http://www.gilad.co.uk/writings/2015/3/18/bibis-comeback

18.03.2015

Tradotto per www.comedonchisciotte.org da Lord Diego.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x