Giudice salva minore da madre vaccinista

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Dott.ssa Lucia Leoncini, questo il nome della temeraria giudice di Pistoia che, con una sentenza nella sostanza impeccabile e dal valore inestimabile, ha deciso di evitare ad un bambino quasi dodicenne di essere vaccinato contro la Covid, a causa dell’isterica paura della madre ricorrente.

Nella fattispecie, in relazione alla vaccinazione contro la Covid per i minorenni, in una causa promossa dal genitore favorevole alla vaccinazione avverso il genitore non favorevole, il Tribunale di Pistoia ha rigettato il ricorso, rilevando che “la somministrazione di un trattamento sanitario, di cui non risulta nota la frequenza di importanti effetti collaterali a breve e soprattutto a medio-lungo termine, per fronteggiare rischi medici che possono ragionevolmente dirsi remoti non corrisponde a una ragionevole applicazione del principio di prudenza (precauzione).”

Il Tribunale, in particolare, ha osservato come:

  • I vaccini Pfizer e Moderna sono univoci nell’indicare nel proprio foglietto illustrativo che il vaccino “non è raccomandato nei bambini di età inferiore a 12 anni”;
  • I vaccini attualmente disponibili non valgono ad evitare il contagio;
  • Per quanto attiene invece ai possibili rischi il foglio illustrativo dei due sieri disponibili per i soggetti minorenni dichiara “non nota la frequenza degli eventi avversi gravi; è indicato un aumento del rischio di miocardite, soprattutto nei maschi e giovani”;
  • I dati forniti dall’ISS e dall’ISTAT rilevano che nella fascia di età di 0-18 il rischio di eventi gravi conseguenti alla malattia è molto basso in termini percentuali.

Sentenza di buon senso, che servirà da fondamentale precedente per evitare in futuro che altri minorenni vengano sottoposti alla vaccinazione con il solo parere favorevole di uno dei due genitori.

Un grazie al padre del minorenne e al sul avvocato per aver prodotto in udienza agli scritti scientifici ufficiali e un grazie alla giudice coraggiosa, che ha ricostruito perfettamente come dal punto di vista giuridico il principio di precauzione non consenta la vaccinazione forzosa dei minorenni.

Qui il PDF della Sentenza del Tribunale di Pistoia

Massimo A. Cascone, 12.03.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x