Home / ComeDonChisciotte / GIORGIO NAPOLITANO: SEMPRE DALLA PARTE DEGLI OPPRESSORI

GIORGIO NAPOLITANO: SEMPRE DALLA PARTE DEGLI OPPRESSORI

DI ANDREA CARANCINI
andreacarancini.blogspot.com

IL DAN DAVID PRIZE A GIORGIO NAPOLITANO

1. Che cosa è il Dan David Prize

Il 9 maggio 2010 si terrà al’Università di Tel Aviv la cerimonia di consegna dei premi Dan David ( http://www.dandavidprize.org/).
I premi sono assegnati tenendo conto delle tre dimensioni del tempo, il passato, il presente e il futuro.
Il premio per il passato è stato assegnato quest’anno a Giorgio Napolitano per la sua Marcia verso la democrazia.
Il premio per il presente, Letteratura: Interpretazione del XX secolo, è stato assegnato alla scrittrice canadese Margaret Atwood e allo scrittore indiano Amitav Ghosh.
Il premio per il futuro, Computer e Telecomunicazioni, è stato assegnato al Prof. Leonard Kleinrock, Professore di Computer Science all’Università della California, al dr. Gordon E. Moore cofondatore dell’Intel e al Prof. Michael O. Rabin, Professore di Computer Science alla Harvard University e alla Hebrew University di Gerusalemme.
Il premio è di un milione di dollari per ognuna delle tre sezioni.

2. Perché Giorgio Napolitano merita questo premio (*)

I meriti del Presidente della Repubblica nella definizione dei rapporti PCI-Israele prima e Italia-Israele poi sono indubbi.

* vale ricordare che hanno ricevuto il premio anche Magdi Allam nel 2006 e la Città di Roma. Quest’ultimo è stato ritirato nel 2009 da Gianni Alemanno.

aIsraele è uno stato coloniale e coloniale è anche il suo atto di nascita
Il PCI, filo-israeliano al momento della costituzione dello Stato di Israele – per obbedienza all’Unione Sovietica che era d’obbligo – mutò linea politica, sempre in sintonia con Mosca, con un rapporto di Giancarlo Pajetta alla I Commissione del Comitato Centrale del PCI nel febbraio del 1970.

È certo – scrisse l’esponente del Pci – che Israele ha dimostrato di trovare la sua forza essenziale in una esasperazione sciovinistico-religiosa; gli avvenimenti più recenti accentuano, o rendono evidente, anche agli occhi di gran parte della opinione pubblica europea e di forze politiche che ebbero durante la guerra dei “Sei giorni” posizioni di incertezza, il carattere coloniale di Israele” e aggiungeva “va ricordato – non come una curiosità storica ma come un giudizio politico – che lo stesso carattere coloniale ebbe anche l’atto di nascita di Israele“.

b A Washington passando per Tel Aviv
Nella seconda metà degli anni ’80, con l’Unione Sovietica in crisi fu avviato da Giorgio Napolitano un processo di modifica della politica estera del PCI, descritto in modo critico e puntuale nell’articolo di Guido Valabrega, A Washington passando per Tel Aviv, all. 1.

c Ungheria e Cecoslovacchia
Il panegirico con il quale viene assegnato il premio a Giorgio Napolitano (all. 2) sottolinea questo suo impegno e ricorda la sua posizione, coraggiosa e indipendente (sic!), nei riguardi di Mosca in occasione dell’invasione della Cecoslovacchia nel 1968.
Dimentica, il panegirico, di ricordare che nel 1956 Giorgio Napolitano ebbe a schierarsi dalla parte dei carri armati sovietici sostenendo che:

l’intervento sovietico in Ungheria, evitando che nel cuore d’Europa si creasse un focolaio di provocazioni e permettendo all’Urss di intervenire con decisione e con forza per fermare la aggressione imperialista nel Medio Oriente, oltre che ad impedire che l’Ungheria cadesse nel caos e nella controrivoluzione, abbia contribuito in misura decisiva, non già a difendere solo gli interessi militari e strategici dell’Urss ma a salvare la pace nel mondo”.

d Se la causa palestinese non ci avvicina alla presa del potere
Come ha ricordato Yitzhak Laor nella lettera aperta La Fiera del libro di Torino e la buona vecchia Europa, Il Manifesto, 11 maggio 2008:

Si potrebbe riassumere il cinismo dell’attuale scena italiana citando Giorgio Napolitano, quando ha fatto riferimento a una vecchia discussione che ebbe nel 1982 a Torino con l’allora comunista Giuliano Ferrara. Riflettendo sulla posizione del Pci sul massacro di Sabra e Shatila, Napolitano, che sarebbe poi diventato Presidente, ha detto: «Per quanto riguarda una determinata persona (Giuliano Ferrara), ricordo solo che egli si faceva promotore di una causa (la causa palestinese nel 1982) che nel Partito godeva di una qualche popolarità ma che non ci avvicinava per nulla alla presa del potere». Machiavelli avrebbe dovuto incontrare sia Ferrara che il Presidente italiano per un drink sui fiumi di sangue palestinese.”

e Antisionismo = antisemitismo
Col vostro appassionato contributo possiamo combattere con successo ogni indizio di razzismo, di violenza e di sopraffazione contro i diversi, e innanzitutto ogni rigurgito di antisemitismo. Anche quando esso si travesta da antisionismo: perché antisionismo significa negazione della fonte ispiratrice dello Stato ebraico, delle ragioni della sua nascita, ieri, e della sua sicurezza, oggi, al di là dei governi che si alternano nella guida di Israele.”

[Dal discorso del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il 25 gennaio 2007 in occasione del “Giorno della memoria”]Nel discorso compaiono citazioni di Edgar Morin, ignari i ghost-writers del presidente, che per il famoso sociologo la parola “antisemitismo” è una forma di “esorcismo”.

f – Dalle “sinistre per Israele” all’ipersionismo militante
Il nuovo filosionismo, o ipersionismo, italiano ed europeo si esprime in associazioni come “Sinistra per Israele”, nella politica filo-israeliana dei governi di centrodestra e di centrosinistra, nessuna differenza tra un Prodi e un Berlusconi se non a livello di linguaggio, nelle menzogne e nelle omissioni di ogni tipo dei media di ogni genere.

3. Che cosa chiedere al Presidente della Repubblica?

Altri, in particolare il BRICUP in Inghilterra, si stanno muovendo per convincere i due scrittori, Margaret Atwood e Amitav Ghosh, a non ritirare il premio.

Noi, invece, non chiederemo nulla al nostro Presidente della Repubblica.

Giorgio Napolitano è stato sempre dalla parte degli oppressori.
Anche in occasione dell’operazione Piombo Fuso, reduce da un viaggio in Israele, non ha trovato una sola parola di condanna per la feroce aggressione sionista contro un popolo indifeso, chiuso in un campo di concentramento a cielo aperto (in all. 3 alcuni estratti di una lettera che gli fu inviata in quella occasione).

La sua marcia verso la democrazia finisce in Israele, l’unica democrazia in Medio Oriente, un paese coloniale, razzista e fascista al quale il mondo occidentale continua ad assicurare l’impunità e l’immunità, quali che siano le violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale.

Da questo Presidente, di una Repubblica nata dalla Resistenza contro il fascismo e contro il nazismo, non ci si può attendere nemmeno un sussulto di dignità.

È il segno dell’inarrestabile degrado, morale, culturale e politico, della società italiana e della società occidentale.

Ma verrà il tempo in cui i responsabili dei crimini contro l’umanità che hanno accompagnato il conflitto israelo-palestinese e altri conflitti in questo passaggio d’epoca, saranno chiamati a rispondere davanti ai tribunali degli uomini o della storia, accompagnati dai loro complici e da quanti in Occidente hanno scelto il silenzio, la viltà, l’opportunismo e il cinismo.

Alfredo Tradardi, ISM-Italia
Torino, 13 aprile 2010

A WASHINGTON PASSANDO DA TEL AVIV? All. 1
di Guido Valabrega, marxismo oggi, 1987

In presenza, a tempo indeterminato, delle navi militari italiane nel Golfo Persico, mentre dal 1982 perdura quella dei nostri dragamine nel Mar Rosso, a presidio dell’intesa di Camp David tra Carter, Beghin e Sadat, e non dimenticando né la partecipazione alla Forza multinazionale in Libano, né l’adesione all’enigmatico sminamento sempre nel Mar Rosso dell’estate 1984, giova cominciare a riflettere sulle recenti prese di posizione del PCI nei confronti di Israele. Tali prese di posizione come è noto sono culminate – anche se sembra manchi da parte della Direzione una precisazione ufficiale, ed è un’indeterminatezza del tutto negativa – con il viaggio dell’on. Giorgio Napolitano in Israele nell’ottobre 1986, salutato dalla stampa come una precisa e forte apertura verso il governo di Tel-Aviv, è infatti stato autorevolmente definito, “più che uno spiraglio al dialogo tra comunisti italiani e Stato di Israele.”
Questa esigenza di avviare una riflessione sul senso delle iniziative che hanno impegnato con il “ministro degli Esteri ombra”, tutto un gruppo di eminenti “miglioristi”, non nasce dalla nostra intenzione di drammatizzare la gravità della politica portata avanti dai governi israeliani Peres-Shamir e Shamir-Peres: difficile è pensare anche prima dei fatti della Cisgiordania e di Gaza che vi sia democratico che abbia particolare necessità di essere illuminato intorno alla repressione anti-araba interna e nei territori occupati sulla quale di fatto Israele si fonda sin dai tempi dell’espulsione in massa dei palestinesi nel 1947-49, o sulla pratica del terrorismo di Stato in grande e piccolo stile (anche noi ne abbiamo avuto recentemente una testimonianza con il rapimento a Roma di Mordechai Vanunu) o sul rifiuto permanente di attendere alle risoluzioni dell’ONU (proprio Israele che ad una risoluzionc dell’ONU deve la propria esistenza!) ecc,
Quello che mette conto di rilevare la presente nota, forzatamente breve e limitata occasione per iniziare l’esame d’una problematica assai complessa, è che l’apertura di Napolitano verso Israele è oggettivamente apertura verso la punta di diamante della politica imperialistica degli Stati Uniti: nel Vicino e Medio Oriente e nel Medirerraneo. Dunque i convegni, gli articoli e le iniziative su alcuni aspetti dell’ebraismo che il Pci ha promosso negli ultimi tempi sollevando perplessità certamente non inferiori ai consensi ottenuti dai benpensanti, non sono tanto risarcimenti o riconoscimenti o spiragli nei riguardi di Israele e ancor meno degli ebrei. Piuttosto risultano con trasparenza una delle scorciatoie strumentali per iniziare o confermare contatti, colloqui ed allineamenti in vista di ben più importanti riconoscimenti e risarcimenti da parte della massima potenza imperialistica. Non per caso con le “forze democratiche” degli stessi Stati Uniti (ma a chi esattamente si riferiva?), l’on. Napolitano auspicava. sin dagli inizi dell’87, particolari sviluppi di rapporti.
E un poco il dilemma dell’uovo e della gallina chiedersi se la svolta filo-israeliana abbia preceduto o seguito la più sostanziale svolta filo-americana. Certo è, comunque, che in un paese del Mediterraneo quale l’Italia, non si può trovare alcuna comprensione nelle sfere dirigenti statunitensi se non si riesce a definire, in un modo o nell’altro, un giudizio consonante con quella che è tuttora sotto molti aspetti la pedina-chiave della loro politica nella sponda sud di questo mare e cioè con Israele. Ed è quindi alla luce di questa considerazione che si spiega perché con ritmo rapidissimo i dirigenti del PCI siano giunti ad assumere una posizione di equidistanza tra istanze palestinesi e israeliane: si sono dunque susseguite le esortazioni a non demonizzare Israele, le pensose considerazioni per mettere sul medesimo piano le posizioni degli uni e degli altri (vale a dire degli oppressi e degli oppressori), le mirabolanti sottolineature sui contrasti insanabili (e sempre sanati) tra la colomba Shimon Peres ed il falco Ischak Shamir. Ma invero non s’è trattato che d’un processo mirante, tra l’altro, ad adeguarsi ai comportamenti consueti dell’establishment italiano più retrivo e che ha permesso di superare sul piano interno uno scoglio alquanto insidioso nella navigazione verso l’Atlantico, come ha trionfalmente confermano l’elezione dell’ultra-atlantico ed ultra-israeliano on. Spadolini alla presidenza del Senato.
La politica verso il Mediterraneo ed il Golfo Persico degli Stati Uniti meriterebbe, d’altro canto, ampie considerazioni ed una rilettura che risalisse almeno all’epoca della caduta dello Scià dell’Iran nel 1979 ed alla contemporanea invenzione da parte statunitense della dottrina dell’”arco di instabilità” nell’Oceano Indiano con il corollario della esigenza della Rapid Deployment Force (Forza di intervento rapido). Tali aspetti della strategia statunitense, tra l’altro, anche se accompagnati da un continuo dibattito nelle riviste, nelle Università e nei circoli specializzati, non sono mai risultati chiari come ora nei loro obiettivi di fondo e quei commentatori italiani che ne lamentano le incongruenze o l’incomprensibilità non fanno altro, in effetti, che lavorare per evitare che se ne prendano, come sarebbe necessario, le opportune distanze.
Ci accontenteremo, perciò, di elencare soltanto quelli che oggi sembrano alcuni dei principali punti fermi che dovrebbero garantire la supremazia globale di Washington in questa parte del mondo:
1. fare ogni sforzo per impedire il ricostituirsi d’una operante unità neutralistica ed anti-imperialistica tra i paesi della zona: appoggiando i regimi reazionari (Arabia Saudita, Marocco), isolando quelli non disponibili (ad es. Algeria), collaborando discretamente a sistemare le crisi interne dei paesi più fidati (Tunisia), estendendo la catena delle proprie basi e punti d’appoggio (Kuwait, Bahrein), sviluppando interferenze armate nelle controversie locali (Ciad), intervenendo direttamente contro quelli che rifiutano (Libia);
2. affidare alle forze navali, opportunamente potenziate, nuove finalità d’azione e specifiche incomb
enze di intervento e di presidio dal Mediterraneo al golfo di Aden, all’area degli stretti di Ormuz;
3. impegnare i paesi della NATO in tale strategia pure con interventi militari oltre il teatro europeo, come si è visto in Libano e come avviene nel Golfo, anche se ogni Stato avrà ovviamente compiti determinati e non identici: in questa graduazione di incombenze, sollecitare i governi dei paesi NATO dell’Europa meridionale (Francia, Italia) ad estendere l’ambito del loro intervento ad est di Suez e i paesi sin qui non coinvolti dell’Europa centrale (Repubblica federale tedesca) a rimpiazzare in parte i primi nel Mediterraneo;
4. gradualmente sostituire nell’immaginario collettivo, in forma sempre più ossessiva, allo spauracchio della minaccia sovietica sull’Europa e dell’espansionismo comunista in genere, tipico dell’epoca della guerra fredda, quello più duttile e se possibile ancora più torbido del terrorismo mediorientale, del fanatismo integralista islamico, dei nuovi pirati barbari scesi sul sentiero di guerra, della polveriera araba che sta per esplodere. ecc, ecc.
Su questi orientamenti, le posizioni dei governanti israeliani coincidono al cento per cento con quelle degli Stati Uniti come hanno avuto concretamente occasione di manifestare in varie circostanze: dal bombardamento di Tunisi dell’ottobre 1985, alla visita di Peres in Marocco nel luglio 1986, dall’occupazione militare d’una vasta fascia di territorio libanese alla partecipazione all’”lrangate”. Non c’è di conseguenza necessità alcuna di risalire al protocollo sulla cooperazione strategica e militare firmato da Stati Uniti e Israele nel 1981 o di prendere atto del riconoscimento ufficiale da parte di Washington ad Israele dello status analogo a quello dei Paesi della NATO (14 dicembre 1987) o di ricordare la funzione israeliana tipicamente sub-imperialistica in Africa, in alleanza con le autorità di Pretoria, o le mene reazionarie in altre parti del mondo perché risulti evidente quali siano le caratteristiche della politica israeliana e quale la funzione assegnata dagli Stati Uniti a Tel-Aviv.
E’ alla luce di tutto ciò che va giudicato quello che è stato chiamato il “ravvedimento comunista”. Non c’è dubbio: i grandi organi d’informazione dalla “Stampa” alla «Repubblica» e le varie reti televisive hanno saputo sollevare nei mesi scorsi un gran polverone sul «risarcimento» del PCI a proposito di identità ebraica, semitismo e antisemitismo. Ma non è di questioni “culturali” che s’è trattato e nemmeno di pseudocultura. Il significato dell’operazione era più chiaro e resta, purtroppo, più serio.

da un ricordo scritto da Fabio Uncini sulla rivistaAlternativedi marzo 2000
Guido Valabrega è un esempio raro in un panorama intellettuale segnato dalla propensione al compromesso e alla sudditanza. Altri, meglio di me, potranno ricordarne la cultura, il rigore dello studioso, il valore dello storico. Per me, amo ricordare di questo uomo schivo la grande umanità e modestia, la straordinaria disponibilità, il coraggio, il rigore inflessibile del giusto.
Nato a Torino nel 1931, conobbe la persecuzione antisemita. Fu tra coloro che scelsero la via della Palestina. In Israele si formò e portò a maturazione la conoscenza profonda e umanamente attenta del Vicino Oriente e della sua tragedia. Sperimentata la vita dei kibbutzim, avvertì subito, a contatto con le contraddizioni della nascita d’lsraele, la necessità di rompere con un progetto che, mentre si concretava, tradiva quegli ideali di libertà e di rinascita umana che lo avevano infiammato.
Tornato
in Italia, militante a Milano del Pci, direttore della Casa della Cultura, conobbe come molti la tempesta del 1956, ma fu tra i pochi, come Lelio Basso che da quella vicenda seppero uscire con una più calda consapevalezza critica e comunista.
Sulla fine degli anni ’70, mentre il Pci assumeva orientamenti che, legittimando il sionismo, relegavano la tragedia palestinese sullo sfondo, egli costituiva il Grmoc, Gruppo di Ricerca sul Medio Oriente Contemporaneo, un’associazione che seppe mantenere viva l’attenzione sui nodi irrisolti del Vicino Oriente. Fu Guido
infatti uno dei maggiori studiosi italiani della storia di questa regione strategica, autore di contributi fondamentali, docente di Storia dei Paesi afro-asiatici presso l’Università degli Studi di Bologna.”

Giorgio Napolitano all. 2

Laureates 2010 – 2010 Past – March Towards Democracy

Giorgio Napolitano is the President of the Republic of Italy and is known for his dedication to the cause of Parliamentary democracy and his contribution to the rapprochement between the Italian Left and European Socialism.

As one of the most prominent leaders of the Italian Communist Part (PCI), Napolitano has been pivotal in moving his party from the Soviet orbit and orienting it towards a European model of social-democracy. With the re-alignment of the Italian political scene in the 1980’s and onwards, he has been a crucial player in the process of the Italian “Historical Compromise”, which bridged the chasm between the Italian left and right, and thus integrated the PCI fully into Italian politics, thus enabling it to participate for the first time since World War II in government.

He became one of the first members of the PCI to serve in an Italian government coalition, was later elected Speaker of the Chamber of Deputies and his election in 2006 as President of the Italian Republic has been supported by a wide parliamentary coalition, encompassing parties from all the spectrum of Italian politics.

Napolitano’s moving the PCI toward a panEuropean and also Atlanticist position had wider repercussions among other European left-wing parties. He established the autonomy of the PCI vis-à-vis Moscow by adopting a courageous independent position criticizing the Soviet intervention in Prague in 1968, and moved the PCI towards adopting a more measured and balanced policy toward the Middle East.

Napolitano’s courage and intellectual integrity have been crucial in healing the wounds of the Cold War in Europe, as well as the scars left in Italian politics and culture in the wake of fascism. In this he contributed to a strengthening of democratic values and institutions in Italy and Europe and helped integrate members and parties of the extreme left into the democratic structure of parliamentary politics. His many books attest to a deep commitment to democracy, tolerance and an open society, coupled with cultural richness drawing from the best traditions of the European Enlightenment and the liberal and democratic Italian Risorgimento, inspired by the thoughts of Mazzini and his generation.

In the current somewhat chaotic climate of Italian politics, he stands as a beacon (un faro!, n.d.a.) of reason, mo
deration, democratic values and tolerance, admired and respected by members of all parties and persuasions.

Lettera aperta al Presidente della Repubblica (gennaio 2009)

Signor Presidente,
in dichiarazioni, rese alla stampa il 5 gennaio u.s. sulla situazione a Gaza, Lei ha affermato che “la situazione nella striscia di Gaza è molto dura”. Dura, Signor Presidente? E’ questo l’unico aggettivo che è riuscito a trovare nel suo forbito vocabolario per classificare una vicenda che ha i tratti di un mostruoso massacro? “Dura” la situazione mentre i tanks israeliani sparavano ad alzo zero sui quartieri di Gaza e gli F16 e gli elicotteri d’assalto Apache seminavano morte e distruzione dall’alto, mentre centinaia di feriti, privi di ogni assistenza, morivano dissanguati e intere famiglie, decine di bambini, figliolanze intere, venivano annientate dal fuoco israeliano? “Dura“, secondo la sua autorevole opinione, una criminale operazione in cui vengono utilizzate, come a Falluja, bombe al fosforo bianco e bombe di ultima generazione, le famigerate DIME (Dense Inert Metal Explosive), contro una popolazione inerme che non ha vie di scampo, sigillata come è in una immensa prigione, un campo di concentramento a cielo aperto?
Di fronte a questo massacro Lei ha lasciato intendere che il problema, e dunque le responsabilità, non sono di Israele ma di Hamas. Hamas sarebbe “l’elemento di complicazione di una crisi già pesante che si trascina”. Lei si è fatto portavoce della versione che di questa carneficina forniscono i capi dello stato di Israele, il corrotto primo ministro dimissionario Olmert, il ministro degli esteri Tzipi Livni, il presidente Shimon Peres.

Signor Presidente,
Gaza è stata messa a ferro e fuoco! I responsabili dovrebbero essere chiamati a risponderne di fronte ai tribunali penali internazionali. Lei sembra incapace di distinguere le vittime dai carnefici e si schiera con questi ultimi. Non è la prima volta. Già nel 56, Lei fu con i carri armati sovietici che soffocarono nel sangue la rivolta ungherese. La sua posizione attuale, di appoggio e di giustificazione ai carri armati israeliani è, se possibile, ancora più grave. Nel ’56 Lei era solo un esponente per quanto importante della nomenclatura comunista. Oggi Lei è il capo dello Stato che rappresenta tutti gli italiani, custode e garante dei valori della nostra Costituzione che affonda le sue radici nella Resistenza al nazifascismo.

Andrea Carancini
Fonte: http://andreacarancini.blogspot.com
Link: http://andreacarancini.blogspot.com/2010/04/giorgio-napolitano-sempre-dalla-parte.html
16.04.2010

Pubblicato da Davide

  • marimari

    Prima ha fatto il patto con il diavolo – la finanza cosiddetta internazionale – per scampare a manipulite, con tanto di promessa di massacrare il PC (missione compiuta con il suo compagnetto d’alema, togliendo di torno il puro e duro occhetto) poi il premio, dopo essere stato propulsato alla presidenza della repubblica sempre da quelle forze occulte che ci governano….e che adesso lo premiano… ahahah

  • antsr

    Vorrei aggiungere anche un’altra cosa sul presidente una dichiarazione che a me non è andata giù, quella delle affermazioni di gioia all’approvazione del trattato di Lisbona “è stato raggiunto un altro grande passo verso una vera unità del popolo Europeo”. Sicuramente era uno dei pochi ad aver letto il malloppo e di aver fatto le sue valutazioni da vecchio politico, rispetto a tanti parlamentari a cui fu detto di approvare prima e non parlare o non capire dopo tutto

  • TommasoG

    Questo e’ il form per scrivere a Napolitano
    https://servizi.quirinale.it/webmail/
    Chi ha qualcosa da dirgli a riguardo di questo premio puo’ scrivergli.
    Io gli ho scritto questa lettera:

    Gentile Presidente,
    come cittadino italiano reputo che lei sia una figura di grande intelligenza, il cui ruolo e’ tanto importante in questo periodo agitato per la Repubblica. Le scrivo a proposito del conferimento alla sua persona del premio Dan David.

    Prima di oggi non ero a conoscenza di questo premio, ma una campagna portata avanti da alcuni amici, sul fatto che tale premio e’ stato assegnato anche alla scrittrice Margaret Atwood, mi ha fatto venire a conoscenza del premio, e del fatto che e’ stato assegnato anche a Lei.

    Appare evidente che Dan David e’ da sempre un Sionista. Fa cioe’ parte di un gruppo di persone che hanno perseguito la pulizia etnica della nazione palestinese, cioe’ la creazione di un nuovo stato, Israele, tramite l’eliminazione sistematica dei precedenti occupanti.

    Accettare questo premio da parte sua equivale ad accettare la violenza con cui i Sionisti hanno creato Israele.

    Per motivi di politica internazionale, e’ comprensibile come per Lei sia difficile rifiutare questo premio. Le chiedo pero’, come cittadino italiano che crede nella giustizia e nella non violenza, di prendere una posizione netta di condanna nei confronti del movimento Sionista, nel momento che Lei, come credo fara’, accettera’ questo premio. Devolvere il premio alla causa della giustizia per il Palestinesi in esilio, nei campi profughi, nei “campi di concentramento” che sono diventati gli ultimi pezzi di terra per ora ancora non occupati da Israele, sarebbe un grande gesto di coraggio, che mostrerebbe al mondo come la giustizia debba sempre prevalere, come la violenza debba essere sempre condannata.

    Sperando in atti concreti da parte sua in questo senso, Le invio i miei piu’ rispettosi auguri, e la la speranza per un futuro migliore per la nostra Italia, per il Mediterraneo, e per il nostro Mondo.

    Firma

  • lucamartinelli

    complimenti. Ben fatto. Io preferisco non scrivere al presidente. Su questo sito ho sostenuto con argomentazioni e fatti che Napolitano è in odore di massoneria e che è stato per anni un finto-comunista. quindi l’assegnazione del premio non mi sorprende. saluti

  • anonimomatremendo

    “Gentile presidente”?Ma il tipo che ha comiciato cosí la sua accorata lettera ha presente con chi sta parlando? Uno che prima era fascista poi quando ormai il fascismo era crollato e´saltato sul carro del vincitore (1943),poi finito sotto l´ ala protrettice del peggior stato controrivoluzionario che la storia abbia mai conosciuto eccolo applaudire i carri armati sovietici che “portando la pace nel mondo” mentre schiacciano le rivolte dei “teppisti” insorti (fatti di ungfheria,anno 1956) ,poi ancora quando il baraccone sovietico e´affondato di nuovo a saltare sul carro del vincitore (anno 1991).Se esiste un essere piu´spregievole di questo ditemelo.

  • lavidia

    Bene,bravi! Studiate la vita politica di napolitano e capirete la vita politica degli ebrei !

  • dino23

    Basta con comunisti, ebrei, liberali e massoni !

  • catrafuse

    Nel cursus honorum di Napoletano va ricordata anche la benedizione elargita dalle pagine dell’Unità per l’espulsione di Solženicyn dalla Russia nel 1974.

  • TommasoG

    ma la mia linea e’ che comunque, se si ha qualcosa da dire, e’ meglio dirlo in faccia a chi la cosa va detta. per questo apprezzo il fatto che la presidenza della repubblica abbia una sezione apposta per le lettere. cosa che non esiste, invece, per la presidenza del consiglio..

  • TommasoG

    uno puo’ pensare quello che vuole, ma quando si parla in piazza, e ci si rivolge a persone pubbliche, le offese dirette non servono

  • doppio

    non perdete tempo a scrivere a queste facce di m…a, pensiamo a come potercene liberare!!