Home / ComeDonChisciotte / GIOCO DI SPECCHI

GIOCO DI SPECCHI

DI LAURA ROZEN

Per una casualità, un vecchio analista dei servizi d’intelligence della difesa, nonchè funzionario dell’ufficio del Pentagono per la questione iraniana, Larry Franklin, ha offerto l’occasione per far uscire allo scoperto oscure e torbide vicende del recente passato. Questi era un componente dell’ufficio ‘piani speciali’ del Pentagono, che si occupava della tanto contestata intelligence in Iraq; aveva caldeggiato l’esilio del controverso politico Amhed Chalabi, che aveva contribuito parecchio a sviare e intralciare il lavoro dell’intelligence nel territorio iracheno; ed aveva partecipato con un collega del Pentagono ed ex trafficante d’armi nell’affare iran/contras, Manucher Ghorbanifar, ad un controverso incontro nel dicembre del 2001 a Roma, che, in chiara violazione di un protocollo governativo americano, era stato tenuto segreto alla Cia e al Dipartimento di Stato. In tutti questi tentativi Franklin difficilmente poteva agire come un lupo solitario. Piuttosto era invece ben inserito in un piccolo gruppo organizzato di ‘falchi’ interessati alla questione Iran e Irak, che faceva forti pressioni dentro e fuori l’amministrazione Bush a favore delle loro posizioni politiche, spesso in feroce opposizione coi funzionari moderati del Dipartimento di Stato e della Cia. Grazie ai loro contatti e al loro ‘status’, i ‘falchi’ avevano successo nelle ristrette procedure burocratiche e riuscivano a ottenere l’attenzione della Casa Bianca.

Quando per la prima volta, la scorsa estate, uscì la notizia che l’Fbi stava indagando su una talpa israeliana al Pentagono, il principale dei sospetti, Franklin, era considerato uno dei 1300 impiegati che sgobbava anonimamente alle dipendenze del segretario politico per la difesa Douglas Feith. Per la precisione, Franklin lavorava all’ufficio più importante del Pentagono sulla questione iraniana.
Dal momento del suo improvviso arresto avvenuto in questo mese (maggio 2004), i media hanno acceso i riflettori su Franklin. Questi è stato accusato dall’F.B.I. di aver rivelato informazioni ‘classificate’ a interlocutori non autorizzati, compreso un funzionario di uno stato estero e ad esponenti dei media. (Franklin e’ stato comunque rilasciato su una cauzione di 100.000 dollari e sarà ascoltato dal giudice il 27 maggio prossimo).
Si è saputo che i destinatari di queste informazioni riservate erano impiegati dell’AIPAC, il comitato d’affari pubblico americano pro Israele, e che gli stessi, poi, sono stati licenziati. Per osservatori vicini al caso Franklin/AIPAC la questione è se le prove raccolte dall’FBI renderanno finalmente pubbliche le misteriose macchinazioni del ‘network’ di Franklin al Pentagono e presso l’amministrazione Bush, oppure se le indagini finiranno per essere una manovra diversiva tesa ad oscurare, nel corso del processo, colpe più gravi da parte delle teste pensanti dell’amministrazione.

Cosa ancor piu’ sconvolgente è che ci sarebbero anche indizi che, come nel caso della fuga di notizie sul caso Valerie Plane (la moglie di un diplomatico USA, spia per conto della CIA, ‘bruciata’ da una fuga di notizie), l’affare Franklin possa esaurirsi in scuse ai giornalisti che si sono interessati all’inchiesta e null’altro.
E’ utile considerare le ricadute politiche che il reato accertato a carico di Franklin ha determinato, alla luce in particolare di una infuriata discussione tra le agenzie di sicurezza nel corso della prima riunione di Bush sulla politica da tenere verso l’Iran.
Temendo la crescente forza della repubblica islamica nell’Irak del dopo Saddam e dell’Iran nel Golfo, i ‘neocons’ del Pentagono ritenevano di aver trovato una soluzione ‘creativa’: usare la presenza Usa in Irak e l’appoggio a gruppi chiave di oppositori in Iran per destabilizzare il regime di Teheran. Auspicando un piano modellato sul tipo dell’appoggio segreto dell’amministrazione Reagan ai ribelli anti-sovietici in Afghanistan, sui contras del Nicaragua e sul movimento di Solidarnosc in Polonia, i neocons del Pentagono hanno premuto molto sulla Casa Bianca affinchè firmasse una direttiva presidenziale volta a consentire operazioni segrete contro l’Iran.
Questi tentativi sono stati bloccati dai moderati del Dipartimento di Stato i quali ritenevano che l’Iran stesse giocando un blando ruolo nelle questioni irachene.
Un argomento che i ‘falchi’ hanno usato a loro favore era l’esistenza di rapporti d’intelligence americani che riferivano di attivita’ iraniane ostili e minacciose per la stabilità dell’Irak del dopo Saddam. E un gruppo che hanno provato a coinvolgere in supporto alla loro auspicata direttiva è stato proprio l’AIPAC (un alleato naturale, dal momento che la potente lobby pro-Israele gia’ da lungo tempo esercita una grande influenza nel condizionare la linea dura della politica americana contro l’Iran).
Il 26 giugno 2003, secondo un ‘affidavit’ (1) dell’FBI, allegato alle accuse raccolte a carico di Franklin, questi si era incontrato in un ristorante di Arlington, in Virginia, con due soggetti ben precisi; uno, come generalmente riportato, era Steve Stern, il vecchio direttore responsabile degli affari politici per conto dell’AIPAC, l’altro era Feith Weissman, il vecchio specialista sull’Iran della stessa lobby (l’AIPAC, dopo aver insistito per mesi che nessuno dei suoi impiegati aveva fatto niente di illecito, li ha licenziati entrambi nel corso dell’ultimo mese [maggio 2004]). Durante questo incontro Franklin è stato pescato dall’FBI mentre discuteva coi suoi compagni dei contenuti di un documento top secret del governo americano, emesso il giorno prima, che conteneva informazioni riguardanti minacce contro forze Usa in Irak.
Si evince dalla lettura dell’affidavit(1) dell’FBI che, quando Franklin fu immortalato in una foto scattata quel giugno al ristorante, il ‘buraeu’ stava già tenendo d’occhio uno o entrambi i funzionari dell’AIPAC. Secondo quanto riferisce il ‘Jewish Telegraphic Agency’ le indagini dell’FBI sull’AIPAC sono cominciate come minimo nel 2001, probabilmente in risposta a un reclamo avanzato dalla consigliera per la sicurezza nazionale dell’epoca, Condoleeza Rice, a proposito di fughe di notizie sulla decisione dell’amministrazione Bush sull’opportunità o meno di incontrare il leader dei palestinesi Arafat.
A meno di un anno da ‘quel pranzo’, nel giugno del 2004 l’FBI ha emesso un mandato di perquisizione per l’ufficio di Franklin al Pentagono, dove gli investigatori hanno scoperto i documenti classificati del 2003, serviti per tenere aggiornati i funzionari dell’AIPAC.
Lo stesso giorno, un’ispezione a casa di Franklin nel West Virginia ha permesso di scoprire altri 83 documenti classificati, quasi metà dei quali segreti (trasferire documenti classificati in un luogo non autorizzato, come il domicilio privato di Franklin, è potenzialmente un reato federale punibile con la reclusione). L’affidavit(1) testimonia che, poco tempo dopo quella perquisizione, Franklin confessava all’FBI di aver scambiato informazioni su documenti classificati del 2003 con quei suoi ‘commensali’..
Secondo un rapporto del Jewish Telegraphic Agency, a quel punto nel 2004, l’FBI ha usato questa prova schiacciante a carico di Franklin per convincerlo a cooperare nell’indagine a suo carico in modo da aiutare gli agenti ad appurare quanto il ruolo che lui stava giocando fosse piu’ o meno determinante nel ‘gonfiare’ le attività ostili iraniane in Irak e a seguire soggetti di ‘interesse’ dell’FBI e vedere come si sarebbero comportati.
Tra quelli indicati da Franklin, come riportato dai media, particolare attenzione ricevettero i collaboratori di Amhed Chalabi, al fine di scoprire chi tra essi poteva avergli rivelato che gli Usa avevano decifrato i codici di comunicazione segreti dell’Iran (informazione che Chalabi aveva poi trasmesso/passato agli iraniani), quindi un vecchio membro della C.I.A., che ha citato in giudizio l’agenzia denunciando di essere stato soggetto di una caccia alle streghe anti-israeliana, e, infine, Weissman, la ‘longa manus’ dell’AIPAC sulla questione iraniana.

Laura Rozen
Fonte:www.thenation.com
Link: http://www.thenation.com/doc.mhtml’i=20050606&s=rozen
30.05.05

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MICHELE300

Note:(1) AFFIDAVIT : dichiarazione giurata e solenne resa dinanzi al magistrato nel corso del processo. (termine giuridico anglosassone)

Pubblicato da Truman