Home / ComeDonChisciotte / GIANNI, DAI, RACCONTALA TUTTA…

GIANNI, DAI, RACCONTALA TUTTA…

DI CARLO BERTANI

Pare che negli ultimi tempi vada di moda il sangue. Superando una soglia che pareva non si dovesse superare, il TG1 ha mostrato le immagini dell’uccisione dell’interprete di Mastrogiacomo. Fino a qualche tempo fa, quegli orrori erano riservati alla rete Internet: forse, la concorrenza inizia “mordere” ed i media di regime s’adeguano.
Adesso aspettiamo che siano trasmesse anche le immagini di qualche massacro compiuto qui è la in Medio Oriente: da Nablus a Falluja, dagli USA ad Israele. Per par condicio.

Adesso – dopo averlo usato e rivoltato come un calzino, per cercare di riportare a casa Mastrogiacomo – i Soloni di regime se la prendono con il povero Gino Strada: colui che “rivolta” – in italiano – dovrebbe essere definito “rivoltante”. Al plurale, sarebbero dunque “rivoltanti”. Bella lingua l’italiano. Il direttore del TG1 – Gianni Riotta – con la scusa di far capire cosa avviene in Afghanistan nei territori occupati dai taliban, ha operato una raffinata operazione di disinformazione al servizio del centro/sinistra/destra al potere.
Possono apparire affermazioni eccessive, ma se manca la controparte – ossia la testimonianza dei tantissimi massacri compiuti in questi anni dagli Usa, proprio in Afghanistan – si finisce per fare soltanto disinformazione. Perché non ricordare che – circa un anno fa – per un comune incidente stradale i soldati americani spararono sulla folla nel centro di Kabul? Anche questa è informazione, e sono fatti che lasciano segni profondi.

Lo spettacolo di una persona sgozzata è terrificante, tutti ne siamo convinti e proviamo orrore, ma le immagini del massacro di Jenin operato dagli israeliani (perché non trasmetti quelle immagini, Gianni?) – che chi voleva visionò sul Web – parevano una carrellata su un bancone di macelleria medievale. Cana era uno scherzo al confronto.
Si crepa forse diversamente disintegrati da una bomba che cade da 6.000 metri di quota? Forse 250 Kg di tritolo che ti scoppiano accanto sono meno tragici di una persona sgozzata? Difficile riportare quel tipo d’evento, perché non lascia testimoni: quanto siamo bravi nel coniugare, in modo sincrono, le armi e l’informazione.

Ma “le bombe colpiscono i combattenti”. Che pietosa bugia.
In Afghanistan, nessuno fa la guerra ai taliban a terra, con la fanteria: nemmeno gli americani. Tutti si limitano a bombardare con gli aerei ed a mitragliare con gli elicotteri: prova ne sia che gli USA chiesero all’Italia d’inviare proprio i cacciabombardieri AMX, perché avrebbero fatto un “buon lavoro”. E’ roba rustica, da caccia al cinghiale più che alla volpe (quando riescono a stare in aria, perché hanno il pessimo vizio di cadere da soli, finora 17 “incidenti”).
Ogni tanto – sempre a detta dei nostri amati TG – viene colpita e distrutta una colonna di taliban. Li riconoscono da 6.000 metri di quota: se era invece un clan che si spostava per un matrimonio, chi se ne poteva accorgere? Il TG1?
Se ne stanno accorgendo gli afgani. Qualcuno può spiegare perché la maggior parte del territorio afgano è nuovamente controllata dai taliban? Perché abbiamo condotto quella guerra con la solita mentalità coloniale di sempre, ed oggi ci odiano. Chi abbiamo insediato sul trono di Kabul? Un manager petrolifero dei Bush. Per quali fini abbiamo usato i fondi a disposizione? Per mantenere la corruzione del suo governo. Addirittura, per non dover aiutare i poverissimi afgani, abbiamo concesso loro di tornare a coltivare l’oppio! Qualcuno può contraddire queste affermazioni? E cosa possiamo ragionevolmente attenderci oggi? Che i taliban – che non sono certo degli stinchi di santo – stiano a guardare?

L’eterna confusione che fanno i nostri media – ben congegnata, non è semplice ignoranza distillata – parte dal non distinguere i pashtun, la principale etnia afgana, dai taliban. I primi sono un’etnia con una propria lingua – l’urdu – i secondi dei guerriglieri che vengono addestrati soprattutto all’estero: sono gli stessi che abbiamo inventato ed usato noi occidentali, contro i russi ed in Jugoslavia. Sui taliban, abbiamo il copyright.
Tutto ciò avviene poiché nessuno si è preso la briga di spiegare chi ha armato e foraggiato per decenni i taliban e chi cerca di trarne vantaggio.

Quando i taliban andarono al potere a Kabul, quali furono gli unici Stati che riconobbero quel governo?
Arabia Saudita, Pakistan ed Emirati Arabi Uniti. Punto e basta: i migliori alleati degli USA nella regione. Dove si sono formati politicamente e militarmente gli studenti col mitra? Nelle madrasse del Pakistan, e tuttora continuano ad organizzarsi ed a cercare proseliti proprio in quel Paese, “irrinunciabile” alleato USA nella regione.
Chi furono i primi ad usare quella massa di manovra per i propri fini? Gli Stati Uniti, che li utilizzarono e li sorressero per anni allo scopo di sconfiggere le truppe di Mosca che occupavano l’Afghanistan. Quando i russi furono sconfitti, si trasferirono in Bosnia: sembrerebbero quasi dei lavoratori frontalieri. Sarebbe illuminante trasmettere anche un’intervista a Walid Jumblatt – capo delle milizie druse in Libano, oggi grande sostenitore del governo Siniora – che riposa negli archivi RAI, dove affermava “d’aver venduto tutte le armi delle sue milizie in Jugoslavia, e d’aver fatto affari d’oro”. Prova a cercarla, Gianni, perché le armi a quei transfughi qualcuno doveva ben fornirle.

Oggi, gli Stati Uniti cercano in tutti i modi di creare un casus belli contro l’Iran, poiché quel paese ha deciso di dotarsi di centrali nucleari per la produzione d’energia elettrica, dopo aver sottoscritto il Trattato di non Proliferazione Nucleare a fini bellici. Ovviamente, nessuno potrà impedire all’Iran – raggiunto l’obiettivo del nucleare a scopo civile – d’espandere la stessa tecnologia ai fini militari. Pochi, però, raccontano che per passare dalla tecnologia nucleare civile a quella militare ci vorrebbe probabilmente un ulteriore decennio.
Gli stessi Stati Uniti – che oggi urlano ai quattro venti il pericolo iraniano – pare non si siano accorti, per decenni, che il Pakistan si stava dotando di bombe atomiche. La “democratica” Benazir Bhutto affermò “che avrebbero mangiato cicoria pur d’avere l’atomica”, e lo disse pubblicamente: evidentemente, nessuno ascoltava. Dopo, giunse il “meno democratico” Musharraf, ma l’atomica c’era già. Eh, che sfiga…

Il tanto democratici governanti di Ryad – nel paese dove non esiste nemmeno un Parlamento – già parecchi anni o sono iniziarono a sostituire le rampe mobili dei missili balistici sauditi con impianti sotterranei in shelter corazzati. Non sappiamo di quali ogive siano dotati i missili sauditi, ma la presenza nel paese di testate chimiche e batteriologiche è confermata da molti analisti. Non parliamo poi delle pietose bugie di Olmert per cercare di non ammettere il possesso dell’atomica.
Insomma, fra tante atomiche “scordate” e centinaia d’altre testate chimiche e batteriologiche, il punto dolente è il programma nucleare iraniano.

Qualcuno – fra un mea culpa e l’altro, fra un’invettiva contro Gino Strada ed un’altra contro Bush – si chiede “chi paga”. Ma, insomma: andate a rileggervi chi riconobbe il governo afgano dei taliban!
A dire il vero, anche gli USA li finanziarono, ma solo fino all’agosto del 2001. Dopo, nisba.
E i soldi, da dove spuntano?
Eh, i soldi…i soldi in Medio Oriente puzzano sempre un po’ di petrolio, non c’è niente da fare. Non sarà il caso odierno dell’Afghanistan, ma un certo olezzo di gasolio se lo portano sempre appresso. Perché?
Perché il prezzo del greggio ha più componenti: la più importante deriva senz’altro dalla comune legge della domanda e dell’offerta, ma la domanda e l’offerta sono da anni ai massimi storici. Ci sono poi altri elementi meno noti – le potenzialità d’estrazione dei vari bacini e quelle di raffinazione – e la Nigeria è un altro bel esempio per chiarire come si costruisce il prezzo del greggio. La speculazione sui future fa il resto.

Gli speculatori, però, hanno bisogno di “materiale” per “lavorare”, ossia per far quattrini spillandoli dalle nostre tasche. Così, un aumento del prezzo del greggio è ben visto sia a Ryad e sia a Washington, ma anche a Roma ed a Rotterdam: basta che a pagare siano i soliti imbecilli che devono riempire il serbatoio dell’auto.
Qualche tensione internazionale – vera o presunta – può lanciare un allarme? L’allarme provoca – anche per poche settimane – una minima impennata del prezzo del greggio? Un misero dollaruccio in più? Si può aumentare il prezzo alla pompa di benzina in pochi minuti, e poi farlo tornare ai livelli di partenza in poche settimane? Pare che si possa.
Un misero dollaro d’aumento del barile (poiché il prezzo del greggio trascina al rialzo tutti i prodotti energetici) comporta, su base annua, un incremento di circa 60 miliardi di dollari del mercato mondiale dell’energia.
Un dollaruccio, sessanta miliardi. Ben vengano, allora, crisi di missili con l’Iran, zuffe con la Siria, il Libano…
Da dove vengono i soldi per i taliban? Chi li paga? Si chiedono legioni di Farisei assopiti sulle poltrone dell’Insetto. Un Kalashnikov, in Iraq, costa 20 dollari. Mantenere un giovane “allievo” in una delle 2.000 madrasse del Pakistan – pensione completa, libri (per quel che servono…) e sussidio alla famiglia – costa circa 60 dollari: da quelle “scuole”, gli “studenti col mitra” sono usciti a centinaia di migliaia.

Mannaggia ‘sti taliban, che schifezza. Se non esistessero, però, quasi quasi dovremmo inventarli.

Carlo Bertani
[email protected]
www.carlobertani.it
12.04.07

Pubblicato da Davide

  • mendi

    Scrive Bertani: “L’eterna confusione che fanno i nostri media – ben congegnata, non è semplice ignoranza distillata – parte dal non distinguere i pashtun, la principale etnia afgana, dai taliban. I primi sono un’etnia con una propria lingua – l’urdu – …”

    Il pashtun è la lingua delle tribù patan, non è un’etnia.
    L’urdu è la lingua ufficiale pakistana, simile all’hindi, poco parlata perché in Pakistan vengono quasi sempre usate le lingue locali, panjiabi, sindi ecc..
    Gli afgani non parlano l’urdu, anche se i patan lo capiscono.

    Anche Bertani dovrebbe informarsi meglio.

  • marzian

    A me risulta che:

    I Pashtun (anche Pathan o Afghani) sono un gruppo etnico-linguisticosituato nell’Afghanistan orientale e meridionale, nelle province della frontiera nord-ovest, dell’Area tribale e del Baluchistan del Pakistan. I Pashtun parlano la lingua Pashtu, seguono il Pashtunwali (un codice religioso indigeno di onore e cultura pre-islamico) e la religione islamica.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Pashtun

    Però in effetti l’Urdu non c’entra…