Home / ComeDonChisciotte / GHEDDAFI E IL KAMASUTRA POLITICO

GHEDDAFI E IL KAMASUTRA POLITICO

DI SHERIF EL SEBAJE
salamelik.blogspot.com

Come scrivevo appunto l’altro giorno, sono due i fatti che avrei voluto commentare durante questa pausa estiva e che recupero invece adesso. Del primo abbiamo già parlato, quindi passiamo al secondo: la caduta di Tripoli nelle mani dei ribelli anti-Gheddafi, coadiuvati da mercenari e addestratori stranieri. Una “vittoria che non c’è, e che nella misura in cui c’è non appartiene loro”, come scrive correttamente Robi Ronza commentando i fatti libici. E l’indecorso spettacolo di alcuni politicanti che non hanno esitato, mentre ancora si sparava per le strade della città libica, a festeggiare la caduta del “dittattore sanguinario” pochissimi mesi dopo averlo accolto a suon di fanfare, ne vogliamo parlare? Un allucinante e leggermente disgustoso kamasutra politico.


Se ci sono “posizioni insostenibili” su Gheddafi in giro in questo momento di certo non sono le mie – visto che, non essendo un voltagabbana, la “>mia opinione sul Fratello Colonello non è cambiata – ma quelle dei signori che non hanno esitato a scaricare il leader libico foraggiando e finanziando, grazie ad un sequestro indiscriminato sia dei soldi del governo libico che di quelli di Gheddafi, una guerra civile che ha trasformato una della capitali con il reddito pro-capite più alto della regione in una città sull’orlo di una crisi umanitaria. E non è detto che la guerra civile si concluda in fretta o che non si trasformi – una volta sparito dalla scena il Colonello – in un regolamento di conti all’afghana tra le varie fazioni che già ora si scannano tra di loro.

Sarebbe meraviglioso, e davvero una bella lezione per l’Occidente, se la Libia si trasformasse in un’area di instabilità permanente dove scorrazzano terroristi e fondamentalisti vari, visto che in Libia non esiste uno stato che possa essere definito tale e una società civile degna di questo nome. Non a caso la NATO mette già le mani avanti paventando un possibile impiego di truppe di terra, come se questo potesse essere la panacea e non un ulteriore elemento di destabilizzazione. Il tutto sempre per proteggere i civili, si capisce. Civili che, secondo mezzi di informazione compiacenti e complici, avevano subito “bombardamenti aerei” e “strupri di massa” prima di essere seppelliti in “fosse comuni da 10.000 corpi” di cui però non è stata trovata la minima traccia o prova, esattamente come non è stata trovata ancora traccia delle armi di distruzione di massa di fu Saddam.

Come scrive Fabrizio Tringali in questo editoriale: “L’esperienza ha insegnato che il miglior casus belli, cioè quello comunemente più accettato dai cittadini, riguarda i diritti umani e la difesa della popolazione civile sotto l’attacco di un tiranno. Agli occidentali piacerà sempre pensarsi come “liberatori”, mentre difficilmente essi abboccherebbero ancora a stupidaggini palesemente inventate come le armi di distruzione di massa di Saddam”. E in effetti la strategia ha funzionato perché l’intervento è stato collegato ad un fatto vero: Gheddafi è un dittatore. Il più longevo del mondo arabo, per di più. Ma era anche l’unico dittatore arabo in grado di dire pane al pane e latte di cammella al latte di cammella, seppur in modo provocatorio e creativo. L’unico capace di denunciare, con atti pratici, l’ipocrisia dell’occidente e la sua sete di denaro. L’unico in grado di chiedere e ottenere risarcimenti per il passato colonialista, cosa che non è riuscita a nessun altro.

Il prossimo leader della Libia avrà il coraggio di opporsi ai diktat occidentali dopo aver abbondantemente usufruito dei droni e dei bombardamenti “mirati” senza i quali nessuna avanzata su Tripoli sarebbe stata possibile? Non credo proprio. La Libia, uno dei paesi più ricchi di petrolio di ottima qualità si trasformerà in una ghiotta preda da “ricostruire” a suon di barili. Persino il Corriere ha rispolverato la sua vecchia vocazione di quotidiano filocolonialista con una bella intervista ad un vecchietto libico intitolata “Tornino gli italiani”. E magari anche i bombardamenti chimici e i campi di concentramento per cui erano tristemente conosciuti, mi viene da aggiungere.

Sherif El Sebaie
Fonte: http://salamelik.blogspot.com
Link: http://salamelik.blogspot.com/2011/09/gheddafi-e-il-kamasutra-politico.html
2.09.2011

Pubblicato da Davide

  • neutrino

    Ottimo articolo.
    Mi preme solo aggiungere che la bella lezione, nel caso di una Libia afganizzata, non sarebbe per tutto l’Occidente, ma principalmente per l’Europa. Oltre oceano la prospettiva riguardo all’instabilità nel Mediterraneo credo possa essere molto diversa.

  • RicBo

    Veramente non capisco perchè dia tanto fastidio (soprattutto ad una certa area ‘antagonista’) la caduta di uno dei più folli e sanguinari dittatori africani, uno che ha sterminato qualsiasi opposizione, che ha finanziato ed armato terroristi di tutto il mondo per 30 anni, che non ha nessuna nozione di democrazia, che considera il popolo libico una ‘sua’ creazione, che considera le donne un puro oggetto sessuale, che ha creato una falsa immagine di una Libia ‘ricca’ o addirittura ‘socialista’ come qualcuno ha detto, quando la verità è che la ricchezza se la incameravano solo lui la sua famiglia e i suoi clan, un uomo e un clan posseduti da un delirio di onnipotenza spaventoso, di una pratica di dominio violento e potrei continuare per molte altre righe ancora.
    Ci vogliamo nascondere dietro la foglia di fico dell’argomento ‘USA e Israele fanno di peggio’? o che ‘chi ha preso il suo posto non è certo meglio’?
    Vero, ma piangere sopra a ciò che è successo come fa questo articolo e decine di altri pubblicati qui ed altrove, non serve a nulla, niente può cancellare ciò che è successo e neppure sminuire la portata della ribellione, nè che il fantomatico appoggio di milioni di libici a Gaddafi era un’invenzione (come lo erano quasi tutte le informazioni che arrivavano da lì da qualsiasi parte venissero). Ora non sarei neppure così certo che senza l’aiuto della NATO e compagnia bella i ribelli non ce l’avrebbero mai fatta, vista la determinazione che avevano sarebbe solo durata più a lungo e con molta più sofferenza.

  • Truman

    Io invece non capisco perchè perdi tempo a ricopiare qui, dove nessuno ti crede, le fregnacce che i “giornalisti” di Repubblica ed altri giornali di regime propinano ai loro lettori.

    I giornalisti di Repubblica e affini almeno sono pagati per fare il loro sporco lavoro. Ma tu perchè vuoi sporcare anche CDC?

  • Beverast

    O è sciocco chi legge qui, o lo sei tu. La risposta non mi sembra difficile. Senza offesa naturalmente.