GERMANSPIN

DI BARBARA TAMPERI

L’Orizzonte degli Eventi

Non c’è niente da fare, i box come questo di Repubblica entreranno nella storia delle psyops. Ma una delle scatole nere non era risultata irrimediabilmente danneggiata ed illeggibile? Già isolato il DNA di tutti e 150 passeggeri 150, tutti e proprio tutti in così poco tempo?

Ma la migliore è quella del “giornalista che ha visto il filmato da telefonino e dice che “dà i brividi”. Come i video che-non-vi-faremo-vedere dell’ISIS raccolti dalla signora Katz ad uso e consumo dei meshuge goyim.
Telefonino questo, tra parentesi, trovato miracolosamente intatto anche se precipitato ad una velocità che non ha dato invece scampo alle enormi turbine dell’aereo, nell’impatto con la montagna. Trovato per giunta tra migliaia di frammenti di fusoliera, motori, carne umana e bagagli, nel più grande puzzle della storia risolto nel minor tempo assoluto. Alla Ravensburger sono ancora ammutoliti.
Ma si può credere a questa pagliacciata? Non ne ho scritto finora solo perché volevo vedere, come nello sketch di Totò su “Pasquale maledetto”, questi stupidi fin dove volevano arrivare.
Sono giorni che va avanti la farsa a puntate, alla quale si aggiunge un capitolo al giorno, praticamente un feuilletton alla Gaston Leroux, e il livello del ridicolo è ormai vicino a tracimare. Manca solo un bimbetto che alzi la manina e riveli l’oscena nudità dell’Imperatore.
Un aereo è andato a schiantarsi su una montagna, si, ma di bugie, fate ingollare con l’imbuto ogni sera dai kapò dell’informazione, che non si vergognano di rendere sempre più ridicola la loro categoria di fronte a milioni di telespettatori.
Ormai abituati a mentire ed affabulare su tutto: sulla ripresa dell’economia, sulla bontà dell’Europa, sull’uscita dal tunnel, sulla bravura di Renzi, sull’onestà del PD e su D’Alema-che-non-è-indagato, non trovano alcuna incongruenza nella favola del pilota kamikaze perché depresso. Con nessuno che abbia chiamato terra con il telefonino: “Ehi, c’è un pazzo chiuso in cabina che vuole farci schiantare!” Su United 93 telefonavano a manetta, non dite che non è possibile. Non avete visto il film? Beh, capolavoro!
Eh si, quanto mi è puzzata da subito la gita in montagna della cancelliera callipigia e di Hollande: ben due capi di stato aviotrasportati, con tutto l’ambaradan di sicurezza ed intelligence che la cosa comporta, e in men che non si dica, sul luogo del disastro, a dare una mano di propaganda europeista quanto mai inopportuna su un evento che era “soltanto” l’ennesima fatale sciagura aerea. O no?
Per non parlare del fetore che emana l’autopsia in diretta della mente del povero Lubitz. Il solito capro espiatorio sempre pronto in questi casi. Telediagnosticato di ogni tipo di sindrome depressiva – quando caso mai si tratterebbe di mass-murderer, dai soliti incompetenti che si permettono di parlare di psichiatria quando sarebbe meglio che parlassero di calcio, e poi e poi.
Abbiamo assistito alla costruzione di un personaggio perfetto in senso letterario da dare in pasto all’opinione pubblica che, per paura di vedersi appiccicare la lettera scarlatta del complottismo, non oserà mettere in dubbio la sua veridicità, nonostante un film argentino recente abbia praticamente raccontato, con mesi d’anticipo, la stessa identica storia grottesca di questo Gabriel Pasternak tedesco. C’è effettivamente un filo che lega gli sceneggiatori cinematografici e gli spin doctors. Da sempre. Sappiatelo.
E poi il ridicolo autodafé dei tedeschi che si sentono toccati nella loro preziosa infallibilità e ci fanno su le copertine lacrimogene autocommiseranti.
Chiediamoci piuttosto quanti sono ormai ultimamente gli aerei caduti, scomparsi, volatilizzati e le vittime sui cui tragici destini si stanno raccontando le versioni più assurde, quasi che chi le inventa volesse solo sadicamente prendersi gioco di una platea di boccaloni ontologicamente inferiori?
Perché i piloti delle linee aeree cominciano a rifiutarsi di volare dopo questi ultimi incidenti?
Ma credete davvero che, seppur in una linea aerea low cost, un pilota possa tenere nascosto uno stato mentale come quello che viene ora attribuito a Gabriel Pasternak, oops!, a Lubitz? Hanno tentato pure di infilarci la storia che si era appena lasciato con la morosa. Manco la D’Urso.
Voi credete pure che le cose siano andate come vi stanno raccontando. Io sento puzza di spin lontano un chilometro. Non posso farci niente. Trascende ogni mio controllo. Da quella sera dell’undici settembre quando dissero di aver trovato, tra le macerie fumanti e il polverone di due grattacieli crollati, il passaporto intatto del “terrorista arabo”, scusatemi tanto, ma non credo più a niente.
Barbara Tamperi
2.04.2015
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Neriana
Neriana
3 Aprile 2015 17:35

Mettiamoci l’animo in pace…Questa storia è un misteronel vero senso del termine mistero che significa, cosa che non puo’ essere rivelata  ( da dal  greco [it.wikipedia.org] «mysterion»: cosa da tacere ) 

mago
mago
3 Aprile 2015 17:35
Si anche che si fosse preventivamente informato in rete  sul maneggio della porta della cabina mi sembra esageratamente ridicolo… non lo hanno etichettato ancora come satanista o pedofilo….sarebbe utile sapere come il telefono sia finito in mani della stampa visto lo spiegamento della sicurezza…
Servus
Servus
3 Aprile 2015 18:00

Cambio il tiro su altro oggetto: "la bravura di Renzi, sull’onestà del PD e su D’Alema-che-non-è-indagato".


Non che D’Alema mi sia simpatico, ma nessuno ha notato la coincidenza dell’attacco a D’Alema proprio quando sta attaccando politicamente Renzi? E’ la minaccia dei nostri padroni: se tocchi Renzi muori.
clausneghe
clausneghe
3 Aprile 2015 18:20

Intanto un altro aereo della Germanwings è dovuto atterrare in emergenza, dopo aver sorvolato le Alpi, a Venezia. Dicono che due persone, una dell’equipaggio pare, si sono sentite male, anzi malissimo. Solo coincidenza, come il fulmine che cade due volte nello stesso posto? Non ci credo.

lucamartinelli
lucamartinelli
3 Aprile 2015 18:24

La disputa tra il piduista D’Alema e l’aspirante massone Renzi è una delle tante fiction ad uso e consumo del popolo…….entrambi sono burattini dei poteri forti e in sostanza contano come il due di picche. Buona Pasqua.

Senna
Senna
3 Aprile 2015 18:53

Questo povero ragazzo, non solo è morto come i passeggeri del volo Germanwings, ma è stato inseguito in maniera vile e perfida, anche crocefisso.
Il suo sacrificio servirà a risvegliare qualche dormiente in più !!

1Al
1Al
3 Aprile 2015 18:54

Bingo!

yakoviev
yakoviev
3 Aprile 2015 18:56

Der resto proprio D’Alema ha fatto da garante e esecutore in un momento cruciale: la guerra alla Jugoslavia. C’è la sua firma sul nuovo statuto della NATO (dove viene anche formalmente sancito il superamento dell’ "alleanza difensiva"), non dimentichiamolo.

1Al
1Al
3 Aprile 2015 18:56

Vero, ma in questo momento Renzi è un 3 di picche.

s_riccardo
s_riccardo
3 Aprile 2015 21:49

Dal secondo giorno dall’evento ho avuto dubbi su tutto. Due Capi di stato  Nato che si fanno portare insieme sul luogo dell’incidente (escusatio non pentita accusatio manifesta), notizie che si rincorrono minuto dopo minuto.Scatole nere decifrate subito dagli americani(?) perché? Scatola nera dell’aereo della Malaysia in Ucraina  ancora da decifrare, non si saprà mai la verità. E l’aereo della Malaysia nell’oceano Indiano? 

Tutti sanno tutto di tutti e non vedono un aereo dal satellite… ma fatemi il piacere. Cui prodest.
esca
esca
3 Aprile 2015 22:54

I media non ci hanno informato se per caso il Lubitz soffrisse di unghie incarnite, per il resto il quadro è completo.
A proposito…ma ebola?? Fine dell’emergenza??

GioCo
GioCo
3 Aprile 2015 23:54

Nella notte qualcuno ha fatto un incantesimo. Non che sia un "buono" ma forse forse nel muro omertoso dei "Masters of the Universe" alias neocon, si è aperta la breccia di qualche barlume di coscienza.Cioè in effetti, dopo cotanta collezione di sconfitte, qualcuno nel cerchio del Gran Kagan deve aver iniziato a chiedersi se vale la pena seguirlo nel baratro delle evidenti idiozie. Infatti perchè proprio adesso avremmo aerei che cadono dopo decenni di fumigazioni? Forse perché è cambiata la miscela dei combustibili? Possibile che nessuno nei meandri delle stanze segrete segretissime si sia fatto venire un dubbio sulle "(ri)cadute" nei voli Low Cost? Mmm, questa non è gente mediamente così imbecille. Tanto da dover intervenire con la mossa della seppia (alza il polverone e straparla di tutto e di niente fino a garantita noia pubblica).I significati sono tanti e a tanti livelli: "qui est perfidus?". Forse le indagini non cercano solo giustificazioni pubbliche ma una mano invisibile per conto di altre. Questa è gente che non agisce mai a un solo livello, è uno spreco inutile di risorse.Intanto il problema rimane: non si può fermare la geo-ingegneria senza fermare la conquista delle coscienze rimbollite del popolo digitale. Quindi non… Leggi tutto »

FBF
FBF
4 Aprile 2015 1:55

IL PIÙ PIÙ GRANDE PUZZLE DELLA STORIA RISOLTO NEL MINOR TEMPO ASSOLUTO Questo avvenimento può avere pochissime spiegazioni esclusa quella ufficiale che per ovvie ragioni tramuterei in sacrificio piuttosto che in suicidio. La prima potrebbe essere quella di scaricare le colpe sulle esercitazioni militari americane per far apparire i – fino a ieri  – mitici Stati Uniti, al mostro pagano, protestante e nazista di oggi. La seconda,  visto che il più grande puzzle della storia è stato risolto nel minor tempo assoluto e soprattutto in modo troppo ridicolo, ci offre un’altra esca ossia un’altra verità da scoprire. Un gioco, una caccia al tesoro che potrebbe durare decenni. Un po’ come l’11 settembre e tutti gli altri 11. Poi minacciano i complottisti per far credere che siano pericolosi al sistema. Assolutamente improbabile che il sistema vacilli. Se non abbiamo abboccato a quella del suicidio, dobbiamo stare attenti ad abboccare alla seconda verità che sarà sicuramente offerta,  ma non credo per ora.  Perciò visto che siamo in un periodo pasquale un sacrificio rituale ordinato e preparato nei minimi particolari che però ha preso una brutta piega viste le volute troppe ipotesi assurde, anche se pare pazzesco non è da escludere. Infatti all’ombra… Leggi tutto »

refrattario
refrattario
4 Aprile 2015 16:26

La stessa sceneggiatura è stata scritta qualche settimana prima, ma per l’areo sbagliato,

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/volo_passeggeri_malaysia_airlines_bara_metallo/notizie/1225986.shtml

clausneghe
clausneghe
4 Aprile 2015 18:16

E la sfiga si accanisce su Germanswing..

Infatti ho appena letto sull’Ansa che un altro?? loro aereo ha dovuto scaricare il carburante in aria, prima di atterrare a Venezia.
clausneghe
clausneghe
4 Aprile 2015 18:20

Scusate la fretta.. Era il volo Colonia-Venezia ed è stato deviato a Stoccarda.

Una normale misura di sicurezza, dicono. Aveva una perdita di carburante, dicono.