Germania: ipotesi obbligo vaccinale da ottobre

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Come riporta il quotidiano tedesco Welt, in Germania è stata per il momento scongiurata la possibilità che venisse stabilito l’obbligo vaccinale per tutta la popolazione maggiorenne. A tener banco adesso però è una proposta di compromesso, presentata da alcuni parlamentari del Bundestag con il sostegno del cancelliere Olaf Scholz e del ministro della salute Karl Lauterbach, che prevede l’imposizione dell’obbligo vaccinale per le persone oltre i 50 anni a partire dal 3 ottobre.

Dagmar Schmidt membro del Partito Socialdemocratico (SPD) ha affermato questa mattina, lunedì 4 aprile, che il suo gruppo parlamentare sta spingendo per far passare il provvedimento sulla vaccinazione obbligatoria ma ha incontrato le resistenze degli altri gruppi parlamentari.

Tra le proposte sulla vaccinazione preventiva sulle quali il Bundestag è chiamato a decidere questa settimana, precisamente giovedì 7 aprile, anche quelle dei gruppi della CDU e della CSU – Christian Democratic Union/Christian Social Union -, i cui punti principali includono l’introduzione di un registro delle vaccinazioni, nonchè altre due bozze dove invece si respinge fortemente l’obbligo.

Tra i punti delle proposte di legge che spingono per la vaccinazione, prevista quindi la creazione di un registro nazionale nonchè l’idea di introdurre la consulenza obbligatoria sui rischi della malattia. Nel caso in cui l’obbligo dovesse passare per gli over 50, le persone nella fascia di età tra i 18 e i 49 anni dovranno quindi dimostrare al loro assicuratore sanitario entro il 15 settembre che, se non sono stati vaccinati, hanno quanto meno rispettato l’obbligo di consulenza.

Massimo A. Cascone, 04.04.2022

Fonte: https://www.welt.de/politik/deutschland/article237969535/Nun-Beratungspflicht-Vorstoss-fuer-Corona-Impfpflicht-ab-18-Jahren-gescheitert-Kompromissvorschlag-vorgelegt.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x