Germania coinvolta in ‘attività biologiche militari’ in Ucraina

Intervista di RT News a Maria Zakharova, portavoce del Ministero degli Esteri russo

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

A causa delle difficoltà che molti nostri lettori potrebbero riscontrare tentando di aprire l’articolo in fonte, dovute alla censura a cui sono stati sottoposti alcuni canali di informazione russa come RT News, ripubblichiamo per intero l’intervista a Maria Zakharova, Direttore del Dipartimento Informazione e Stampa del Ministero degli Esteri.

* * *

Domanda: Si è saputo che durante l’operazione militare speciale in Ucraina, le truppe russe hanno scoperto nuovi documenti sulle attività biologiche militari svolte nella nazione. Puoi parlarne in modo più dettagliato?

Maria Zakharova: Come risultato dell’operazione militare speciale in Ucraina (SMO), le forze armate russe hanno trovato documenti che fanno luce sul programma bio-militare attuato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti in Ucraina. I ricercatori del programma stavano studiando i patogeni più pericolosi: potenziali agenti biologici per armi biologiche che hanno obiettivi naturali sia in Ucraina che in Russia. Stavano anche studiando i modi in cui le epidemie si diffondevano sulla base di questi agenti. La portata del lavoro rende evidente che una parte considerevole, e probabilmente la più importante, delle informazioni sul programma militare americano rimane nascosta alla comunità internazionale.

Parlando a un’audizione della commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti il ​​9 marzo 2022, il sottosegretario di Stato per gli affari politici, Victoria Nuland, ha affermato che Washington stava cercando di impedire il trasferimento di alcuni materiali di ricerca dai bio-laboratori ucraini alle forze russe. Durante i briefing con la stampa del 7, 10, 17, 24 e 31 marzo, il capo delle forze di difesa dalle radiazioni, chimiche e biologiche delle forze armate russe Igor Kirillov ha descritto le attività biomilitari statunitensi in Ucraina, sulla base delle informazioni ottenute durante l’SMO in Ucraina dalle forze armate russe. Ha anche formulato conclusioni basate sull’analisi di esperti. I ricercatori continuano a studiare questi materiali.

 

Domanda: Cosa sta facendo la Russia per assicurarsi che gli Stati Uniti forniscano chiarimenti sulla sua cooperazione biologica militare con l’Ucraina?

Maria Zakharova: La Russia ha reso pubblici i fatti finora emersi all’ONU e ad altre organizzazioni internazionali e ha invitato le autorità statunitensi a fornire spiegazioni dettagliate, ma, prevedibilmente, Washington non sembra essere pronta a condividere con il pubblico qualsiasi informazione significativa sul suo programma biologico militare in Ucraina.

Inoltre, chiaramente, la Casa Bianca ritiene che l’offesa sia la migliore difesa e ha lanciato l’ennesima campagna di propaganda incentrata sulla falsa affermazione che gli sforzi del nostro Paese per attirare l’attenzione della comunità internazionale sulle attività dei biologi militari statunitensi in Ucraina non sarebbero nulla. più di una cortina fumogena, che, dicono, Mosca cercherà di utilizzare per coprire il potenziale uso di armi biologiche o chimiche durante l’operazione militare speciale condotta dalle forze armate russe.

Questo rozzo tentativo degli Stati Uniti di distogliere l’attenzione pubblica da questa pericolosa questione esplosiva dei laboratori biologici controllati dagli Stati Uniti in Ucraina e di affogarla in questa “sensazione apocalittica” è stato – a prima vista inaspettatamente – fortemente sostenuto dalla leadership politica tedesca. Un certo numero di importanti politici e alti funzionari tedeschi, tra cui il Cancelliere federale tedesco Olaf Scholz, hanno rilasciato dichiarazioni che imitano la narrativa degli Stati Uniti sotto forma di giuste minacce e avvertimenti diretti alla Russia. La posizione verbale proattiva ufficiale di Berlino rimane in linea con la strategia perseguita da molto tempo nel contesto della crisi ucraina (che non è utile per risolverla ora e che in precedenza ha portato il processo di Minsk in un vicolo cieco con la sua deliberata inclinazione pro-Kiev), ma si distingue tuttavia nel suo palese cinismo nei confronti del flusso complessivo di retorica anti-russa che è venuta dalla Germania nelle ultime settimane. Innanzitutto, in considerazione della circostanza chiave che già prima che le Forze armate russe iniziassero questa speciale operazione militare, la Germania, insieme agli Stati Uniti, conduceva da molti anni vigorose attività biologiche militari in Ucraina e, forse, continua a farlo . Crediamo fermamente che questo sia in gran parte ciò che motiva la Germania ad essere più attiva, rispetto ad altri paesi dell’UE, nei suoi tentativi di attribuire al nostro paese piani criminali riguardanti l’uso di armi biologiche e chimiche in Ucraina e nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, che non sono stati ancora liberati. in considerazione della circostanza chiave che anche prima che le forze armate russe iniziassero questa operazione militare speciale, la Germania, insieme agli Stati Uniti, conduceva da molti anni vigorose attività biologiche militari in Ucraina e, forse, continua a farlo. Crediamo fermamente che questo sia in gran parte ciò che motiva la Germania ad essere più attiva, rispetto ad altri paesi dell’UE, nei suoi tentativi di attribuire al nostro paese piani criminali riguardanti l’uso di armi biologiche e chimiche in Ucraina e nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, che non sono stati ancora liberati. in considerazione della circostanza chiave che anche prima che le forze armate russe iniziassero questa operazione militare speciale, la Germania, insieme agli Stati Uniti, conduceva da molti anni vigorose attività biologiche militari in Ucraina e, forse, continua a farlo. Crediamo fermamente che questo sia in gran parte ciò che motiva la Germania ad essere più attiva, rispetto ad altri paesi dell’UE, nei suoi tentativi di attribuire al nostro paese piani criminali riguardanti l’uso di armi biologiche e chimiche in Ucraina e nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, che non sono stati ancora liberati. continua a farlo. Crediamo fermamente che questo sia in gran parte ciò che motiva la Germania ad essere più attiva, rispetto ad altri paesi dell’UE, nei suoi tentativi di attribuire al nostro paese piani criminali riguardanti l’uso di armi biologiche e chimiche in Ucraina e nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, che non sono stati ancora liberati. continua a farlo. Crediamo fermamente che questo sia in gran parte ciò che motiva la Germania ad essere più attiva, rispetto ad altri paesi dell’UE, nei suoi tentativi di attribuire al nostro paese piani criminali riguardanti l’uso di armi biologiche e chimiche in Ucraina e nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, che non sono stati ancora liberati.

 

Domanda: Ci sono ulteriori dettagli sulle attività biologiche militari tedesche in Ucraina?

Maria Zakharova: Per farvi capire meglio la situazione, citerò i seguenti fatti. Dal 2013, sotto gli auspici del Ministero degli Esteri federale tedesco, il governo tedesco ha implementato il Programma tedesco di biosicurezza (GBP) che include progetti di partenariato con agenzie governative e organizzazioni di ricerca nei paesi interessati, di cui l’Ucraina è entrata a far parte nel 2014, anno di Maidan. Specialisti tedeschi dell’Istituto di microbiologia delle forze armate tedesche (Monaco di Baviera), dell’Istituto Friedrich Loeffler (isola di Greifswald-Riems), dell’Istituto Bernhard Nocht per la medicina tropicale (Amburgo) e dell’Istituto Robert Koch (Berlino), specializzati nella ricerca di agenti biologici, sono impegnati in attività pratiche.

Secondo il Ministero degli Esteri federale tedesco, la terza fase della GBP sarà implementata nel 2020-2022. Possiamo dedurre dai materiali pubblicamente disponibili che gli obiettivi tecnici dichiarati del GBP includono, tra gli altri, la raccolta di informazioni sull’epidemia in paesi terzi, anche con l’uso della tecnologia dei big data, e lo sviluppo dell’infrastruttura dei paesi partner per la gestione di agenti biologici pericolosi.

L’Istituto di medicina veterinaria sperimentale e clinica di Kharkov è dal 2016 l’Istituto di microbiologia della principale controparte ucraina delle forze armate tedesche, come sappiamo dai suoi stessi dati. I due istituti collaborano nell’ambito del progetto ucraino-tedesco intitolato “Iniziativa sulla sicurezza biologica e la difesa biologica nella gestione dei rischi zoonotici ai confini esterni dell’Unione europea”. Il fatto che il suo obiettivo ufficiale sia quello di “migliorare la situazione della difesa e della sicurezza biologica” in Ucraina, “in particolare nell’est del paese” fa sorgere la domanda retorica di quale confine i biologi militari tedeschi considerino un confine esterno ai fini della loro interessi professionali. È il confine russo-ucraino?

L’Istituto di microbiologia afferma nei suoi materiali che il progetto è correlato alla “potenziale minaccia del terrorismo biologico” in Ucraina nel mezzo delle ostilità senza fine nelle regioni orientali di quel paese. È chiarissimo che questo è un modo per inviare un sottile messaggio sul possibile “coinvolgimento” di DPR e LPR nei piani di schiusa per l’uso di armi biologiche proibite a livello internazionale. In tal modo, l’esercito tedesco ha deliberatamente intimidito le sue controparti ucraine per molto tempo e, di fatto, le ha contrapposte psicologicamente alle repubbliche del Donbass. Gli esperti ucraini di sicurezza biologica partecipano invariabilmente alle conferenze sulla biodifesa medica che si tengono regolarmente presso l’Istituto di microbiologia delle forze armate tedesche.

Ovviamente, per garantire protezione contro un potenziale attacco biologico, è necessario prima studiare i potenziali agenti biologici con cui può essere realizzato. In altre parole, è necessario condurre ricerche nel campo delle armi biologiche o chimiche. Le Forze armate tedesche (AFG) hanno sufficienti conoscenze e abilità pratiche in questo settore, come è stato dimostrato dallo scandaloso incidente con il misterioso avvelenamento del blogger Alexey Navalny. Gli specialisti dell’Istituto di Farmacologia e Tossicologia dell’AFG – un’istituzione militare alleata dell’Istituto di microbiologia dell’AFG – avrebbero rilevato molto rapidamente nel corpo del cittadino russo tracce di una tossina militare che la NATO elenca nella famiglia Novichok. Un così alto livello di competenza – se, ovviamente,

L’istituto tedesco Friedrich Loeffler, responsabile del centro per lo studio dei virus più pericolosi e delle infezioni zoonotiche sull’isola baltica di Riems, mantiene una collaborazione attiva con l’Istituto statale di ricerca di diagnostica di laboratorio e competenza veterinaria-sanitaria ucraino (Kiev), l’Istituto statale di controllo scientifico di biotecnologia e ceppi di microrganismi (Kiev) e anche con l’Istituto di medicina veterinaria sperimentale e clinica (Kharkov) che collabora parallelamente con l’Istituto di microbiologia AFG. In Ucraina, il Friedrich Loeffler Institute si è concentrato sulla febbre emorragica della Crimea-Congo. Gli scienziati sovietici lo scoprirono per la prima volta sul territorio della Crimea russa nel 1944.

Il Bernhard Nocht Institute for Tropical Medicine ha concentrato le sue attività in Ucraina su febbri estremamente pericolose: Denge, Chikungunya, West Nile e Usutu, solo per citarne alcune.

Queste informazioni sulle attività biomilitari della Germania in Ucraina sono tutt’altro che esaustive. Non si può escludere che, con l’avanzare dell’operazione militare speciale, ulteriori documenti verranno scoperti dalle forze armate russe. Secondo rapporti confermati, la Germania ha coordinato strettamente il suo lavoro sulla sicurezza biologica con i suoi alleati americani che hanno creato una rete di almeno 30 laboratori biologici in Ucraina. Oltre alle loro altre attività, erano coinvolti in ricerche pericolose.

Esortiamo i funzionari tedeschi a smettere immediatamente di diffondere false accuse sulle intenzioni del nostro Paese di usare armi vietate dal diritto internazionale. Crediamo che tali affermazioni possano servire solo a spingere i battaglioni neonazisti a commettere orribili provocazioni e la responsabilità morale delle loro tragiche conseguenze sarà condivisa da Berlino.

__________________________________

Massimo A. Cascone, 16.04.2022

Fonte: https://www.rt.com/russia/553975-germany-military-biological-ukraine-zakharova/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x