Home / ComeDonChisciotte / GAZA, CHI HA VIOLATO LA TREGUA ?

GAZA, CHI HA VIOLATO LA TREGUA ?

DI MIGUEL MARTINEZ
Kelebek

La tesi ufficiale israeliana, secondo cui Israele si sarebbe dovuto difendere da un lancio continuo di razzi palestinesi, è passata pienamente nei media, dove la discussione è solo, se la giusta e legittima reazione israeliana sia stata però sproporzionata.

Questa discussione fa sembrare che ci sia un “dibattito”, con la prevedibile divisione tra destra (“puniteli fino in fondo!”) e sinistra (“ma no, sono cattivi anche perché hanno sofferto, ci vuole più pietà“).

Invece è la tesi stessa a essere falsa, e lo dimostra una fonte davvero insospettabile.

Su Huffingtonpost, infatti, Nancy Kanwisher, Johannes Haushofer e Anat Biletzki hanno preso i dati forniti dal consolato d’Israele a New York riguardante il numero di lanci di razzi e i colpi di mortaio provenienti da Gaza verso Israele.

Il risultato è questa tabella.

gaza-violence-who-started

Come vedete, appena è stata stabilita la tregua, i colpi sparati cessano praticamente del tutto, con nessun lancio da parte di militanti di Hamas.

A novembre si vede un’improvvisa impennata. In realtà, il mese è iniziato tranquillamente.

Poi (ma questo il documento del consolato israeliano ovviamente non lo dice) il 4 novembre, gli israeliani hanno ucciso un palestinese.

C’è stata un’immediata risposta palestinese; e subito dopo, gli israeliani hanno ucciso sei palestinesi, innescando ulteriori attacchi israeliani e ulteriori risposte palestinesi, fino alla degenerazione completa della tregua.

Curiosamente, lo stesso consolato israeliano segnala che tutte le azioni palestinesi successive – con l’eccezione di un lancio il 28 novembre rivendicato anche ma non solo da Hamas –  sono state rivendicate dal Jihad Islamico e dalla sinistra palestinese (Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina e Fronte Democratico).

Gli autori dell’articolo su Huffingtonpost scoprono che si tratta di un modello ricorrente.

Usando questa volta dati di B’Tselem, analizzano tutto il periodo che va dal settembre del 2000 all’ottobre del 2008.

Solo dal giugno 2008, si può parlare di tregua; ma prima ci sono state molte “conflict pauses“, definite come periodi di uno o più giorni in cui non veniva ucciso nessuno.

E qui i risultati sono inequivocabili:

“Nel 79% dei casi, le pause nel conflitto sono state interrotte quando Israele ha ucciso un palestinese, mentre solo nell’8% dei casi sono state interrotte da un attacco palestinese (nel rimanente 13% dei casi, l’interruzione è avvenuta da entrambe le parti nello stesso giorno [1]). Inoltre, abbiamo visto che questa tendenza – dove è probabile che Israele uccida per primo dopo una pausa nel conflitto – diventa più marcata dopo periodi di pausa più lunghi. Infatti, su 25 periodi di non violenza che sono durati più di una settimana, Israele ne ha interrotti 24 unilateralmente – pari al 96% – e ha interrotto unilateralmente il 100% dei 14 periodi di nonviolenza durati più di 9 giorni”.

Il titolo a questo post lo abbiamo messo per semplificare: in realtà non è per motivi moralistici che ci chiediamo “chi ha cominciato“, come si fa all’asilo.

Ha cominciato Israele sessant’anni fa, e sono sessant’anni che ogni singolo palestinese subisce espropri, miseria, bombardamenti, perquisizioni, e che ogni singolo palestinese ha almeno un parente stretto morto assassinato, mutilato o torturato in carcere.

Sono sessant’anni che gli abitanti di Gaza sono chiusi dentro una bottiglia, e i massacri che hanno dovuto subire non risalgono certamente a oggi.

Quindi anche se fosse stato Hamas “a cominciare”, avrebbe avuto tutto il diritto morale di farlo; e se fosse stato Israele, non avrebbe fatto nulla di diverso da ciò che ha sempre fatto.

Casomai è interessante cercare di capire perché il governo di Israele ha voluto cominciare e dove vuole arrivare devastando la già devastata Gaza; e soprattutto perché questo progetto è stato approvato da tutto il complesso che possiamo definire “occidentale”, dagli Stati Uniti ai paesi della NATO.

La cerchia piuttosto ristretta di persone che possono decidere su questioni come questa può certamente commettere anche grandi errori. Ma comunque decide sempre in base a ragionamenti e calcoli precisi.

Perché quindi Israele e tutto il complesso-Occidente hanno voluto l’attacco a Gaza?

E’ una domanda a cui non ho una risposta precisa e sicura.

Ma anche il capo del governo della Turchia ha dovuto apprendere dal telegiornale – o poco ci manca – che Israele aveva attaccato Gaza.

P.S. Aveva già trattato in dettaglio la questione di Gaza uno dei primi studiosi mondiali di scienze politiche, Fedro (ringrazio Santaruina dell’idea):

“Un lupo ed un agnello erano giunti al medesimo fiume spinti dalla sete ; più in alto stava il lupo e di gran lunga più in basso l’agnello.

Spinto dalla gola malvagia il lupo cercò un pretesto di lite.

“Perché” disse “mi hai reso torbida l’acqua che bevo?”.

Il lanuto di rimando : “come posso , di grazia, fare ciò di cui ti lamenti , o’ lupo? L’acqua scorre da te fino alla mia bocca”.

Quello respinto dalle forze della verità disse: “sei mesi fa hai parlato male di me”.

Disse quello:”Ma non ero ancora nato!”.

” Tuo padre, per Ercole, ha parlato male di me” disse quello.

E così dopo averlo azzannato, lo sbrana con ingiusta uccisione.”

Nota:

[1] Evidentemente un responsabile c’è sempre, ma l’azione e la rappresaglia hanno avuto luogo lo stesso giorno, mentre i dati sono solo suddivisi per giorno.

Miguel Martinez
Fonte: http://kelebek.splinder.com
Link: http://kelebek.splinder.com/post/19547833/Gaza%2C+chi+ha+violato+la+tregua
11.01.2009

Pubblicato da Davide

  • myone

    Non leggo l’ articolo che ne fa disputa su chi ha o non ha violato la tregua, quando hammas e il libano sparano da 8 anni razzi cosi, come si vedono nella foto, senza che abbia avuto risposte alla pari, e che questi petardoni, li chiamano patardi di latta fatti negli scantinati. Accendetevene uno in casa prima di ogni cena giornaliera.

  • materialeresistente

    Prima però che ci si accenda il petardone in casa, fa che qualcuno venga nella tua di casa e ti sbatta fuori a calci nel culo e ti confini nello scantinato di un metro quadro, a te e famiglia, magari viene voglia a te di accenderlo un petardone.
    ma perchè non te ne vai a fanculo sionista.

  • Maxim

    Non leggo l’ articolo che ne fa disputa su chi ha o non ha violato la tregua

    ma allora che rispondi a fare all articolo che parla proprio di questo ?

  • myone

    Stai attento ad offendere, perche’ poi cancellano i miei messaggi. Grazie. Io non mi offendo.

    Dicevo che quando un etnia che e’ sempre stata in quella terra piu’ che i palestinesi e gli islamici, e se l’ e’ pure acquistata in gran parte, e in altra parte l’ ha avuta giuridicamente e riconosciuta mondialmente, richiede uno stato su un territorio esiguo, e si trova tutti gli stati confinanti islamici che gli fanno la guerra, e la perdono pure, e l’ inno della guerra era /distruzione totale di isdraele e degli ebrei/, e non firmano alcun trattato di pace dopo aver perso la guerra, e non gli viene chiesto alcun riscatto o conto o saldo in terra, ma anzi gli restituiscono la terra all’ egitto, e si trovano, a guerra che continua senza trattati di pace e con il continuo motto idealista e di fatto che continua pure lui, ad essere, oltre che gli uomini bomba, attentati, e razzi, ad essere importunato, parliamo soffice, non solo si allarga in virtu’ di una guerra che continua con tutti i canoni, ma se te gli regali ste candele per cena, lui rimane generoso, e te ne rimanda di piu’ grosse…. visto che puo’. Hai capiuto……material-resistente?

  • myone

    Perche’ la faziosita’ oltre modo e oltre limite, e’ come il setaccio del moschino, mentre ti ingoi il cammello il biduino e pure la tenda. Capisci il senso? Spero di si.

  • Mangudai

    Tue opinioni!!…. ma smettila di raccontare balle, e cazzate.
    Vuoi provare tu a vivere senza acqua, senza cibo, senza marito o moglie trucidati dal Tsahal colpevoli solamente di andare a pescare per provvedere al mantenimento dei propri figli,vuoi provare tu a vivere senza la necessaria ssistenza sanitaria, ed essere additato come terrorista? Vuoi provare tu a vivere dopo che ai visto gli occhi di tuo figlio dilaniato dal “White Peet”
    Facciamo il conto Myone…comincia!

  • keypaxy

    myone la tua testa è disabitata..

  • afragola

    “signor myone lei afferma che…
    Non leggo l’ articolo che ne fa disputa su chi ha o non ha violato la tregua, quando hammas e il libano sparano da 8 anni razzi cosi, come si vedono nella foto, senza che abbia avuto risposte alla pari, e che questi petardoni, li chiamano patardi di latta fatti negli scantinati. Accendetevene uno in casa prima di ogni cena giornaliera.”

    beh se non leggi gli articolo che cazzo rispondi? ……per coerenza non dovresti farlo ..no? ..poi in merito agli scantinati …facciamo cosi tu te ne vai in uno scantinato di gaza dove in 24 ore ti arriva di tutto da pentole a pressione ad alta tecnologia, missili da crocera con testate all’ uranio impoverito ,poi un bella ripassatina di bombe al fosforo bianco…in cambio facciamo venire a casa tua una bella famigliola di palestinesi che dici? ..dopo l’esperimento vogliamo vede se hai ancora il coraggio di spara’ ste fregnaccie .. ..vedi io credo che lei non esista ..che sia solo l’ennesima interferenza del mossad ……sa’ se sente a naso …..se sente puzza de fosforo e de veleno

  • afragola

    Perche’ la faziosita’ oltre modo e oltre limite, e’ come il setaccio del moschino, mentre ti ingoi il cammello il biduino e pure la tenda. Capisci il senso? Spero di si.

    ma che vor di’? ..non capisco…

  • afragola

    no no myone ..ha la testa per dividere le orecchie …ho la tastiera dissociata

  • Hassan

    Bravo Myone, non leggerlo, evita di leggere tutte quelle cose che contraddicono le tue fisime.

    Dovresti cambiarti il nickname in Myope.

  • Hassan

    Bravo Myone, non leggerlo, evita di leggere tutte quelle cose che contraddicono le tue fisime.

    Dovresti cambiarti il nickname in Myope.

  • Hassan

    Se gli ebrei non avessero invaso la Palestina cacciando gli abitanti autoctoni, e pretendendo di installarci uno Stato Razzista di apartheid, tutto questo non sarebbe successo. In Palestina già vivevano, assieme a musulmani e cristiani, degli ebrei, e vivevano in pace. Sono stati i Sionisti a mettere a ferro e fuoco, tramite azioni di terrore come quelle dei terroristi dell’Irgun, la Palestina.

  • Eli

    Per un minimo di rispetto storico, gli ebrei sono stati scacciati dalla Palestina nel 70 d.C. dall’imperatore Romano Tito Vespasiano Augusto.
    Nel 1947 l’Inghilterra cedette il suo protettorato sulla Palestina agli ebrei perchè sfinita dal terrorismo sionista dei vari Ben Gurion, Begin, Rabin, all’epoca tutti terroristi. L’argomento addotto dai sionisti era che “Quella era la Terra Promessa a loro da Dio nella Bibbia”.
    Con questi argomenti probanti, che ne direste di richiedere indietro Nizza e la Savoia alla Francia? Propongo un referendum ed un movimento popolare! Ah, però, non ce l’ha promesse Dio…
    Vi saluto con vera simpatia.

  • myone

    myHope, quella che sperebbe di non vedere e sentire piu’ tutto questo sia da una parte che dall’ altra. Alla fine se vuoi le parti sono uguali. Qui ti dice tutto. Le fisime non le ho, non sono ne da una parte ne dall’ altra, penso non con la mia testa, ma con la testa dei due contendenti, visto che loro sembra non ci pensino nel verso giusto, a quello che vorremmo vedere. E’ voi che pensate solo con un lobo del cervello, e questo e’ preoccupante. Se ci trovassimo io e te, ( e non e’ una minaccia), e per qualsiasi motivo, te mi sferri un calcio, e io un pugno di quelli che ti rompono il capo in due e ti fanno vegetale a vita, il violento sono io, e l’ assassino sono io. (chiuso)

  • myone

    Gli ebrei sono un popolo e non hanno una terra. Hanno voluto prendersi la terra su cui hanno maggiormente abitato come etnia. Nel momento che lo stato di isdraele fu fondato, tutti i paesi arabi confinanti lo hanno invaso e le hanno pure prese e perso. Nessun trattato di pace e’ stato firmato, e e’ rimasto lo stato di guerra, che secondo loro, visti i presupposti di eliminazione di isdraele e degli ebrei, fa continuare la disputa, e se gli rompi le palle sul loro territorio, loro ti cacciano e si allargano, e che siano scuse o no, sono legittime, sussistendo lo stato di guerra e le intenzioni, prima terroristiche islamiche, e poi concentrate sulla palestina, unico avamposto di questa disputa.

    Gli ebrei non hanno invaso la palestina, hanno voluto una patria, che voi non avete voluto a tutti i costi, e avete cercato di annientarli, e ora ve la fanno pagare finche’ esistete, ed esistete a fargli molestia, e gli date pure i presupposti e le occasioni, affinche’ operino cosi, e siete bastardamente cocciuti e fanatici, a tal punto che non ve ne frega nulla delle vostre famiglie, dove, dove ogni famiglia, minimo, ha un attivista o un sicuro combattentente, e se ne avesse l’ occasione, si aggregherebbe o ogni cosa.

    Mi dici come fanno? Fanno un appello a chiamare chi vuole continuare questa guerra, o le vittime non vi pongono o li pongono, a rivedere i modi e le considerazioni? Finche’ c’e’ uno stato di guerra, e nessun trattato di pace, la guerra e’ sempre innescata, e gli isalamici la fumentano, e isdraele risponde, e anche se cacciasse fuori dal libano tuti gli islamici, avrebbe pure ragione, con una guerra aperta, un terrorismo attivo, e un popolo che sostiene all’ interno tutta questa politica e tutto questo guerreggiare. Gli stati a motivo delle guerre, ne hanno lasciate di terre agli occupanti o vincitori, e ne hanno pure prese, e vale per tutti. Questo e’ che non capite. Volete avere ragione radicale, senza considerare altro.

    Ancora oggi il capo di hammas ha dichiarato che la guerra continua, fino al raggiungimento e alla presa di gerusalemme. ( scusa) ( cretini). Cio’ significa, che la guerra non la fanno come vuoi te, ma la fanno come intendono loro, e questo parlo dei mezzi e dei danni che possono fare. E a questo modo, a maggior ragione, sono sempre piu’ determinati a determinare una fine, non tanto degli isamici o di espropio del libano, ma di estirpare a occhi chiusi tutti color che continuano su questa riga.

    Qui dicono che quando il protettorato era inglese, tutto taceva, ma se l’ hanno passato agli ebrei, sopratutto dove stanziavano, a voi islamici la cosa non e’ mai stata tollerata, e cosi loto non tollerano voi e non vi tollereranno mai, finche’ esistete come il princio per cui non li avete riconosciuti e li avete fatto guerra, facendola rimanere tut’ ora aperta. E la guerra e’ guerra, non e’ nient’ altro che guerra. E chiudo ancora. Se voi arabi islamici palestinesi, avreste el medesime armi o possibilita’ degli isdraeliani, voi, isdraele lo avreste gia’ cremato prima ancora dei nazzisti.

    E finitela con sto siaonismo, che alla fine intende, la liberta’ di un popolo di avere una terra, uno stato. Ce l’ hanno tutii i popoli di questo mondo, e loro, lo stato se lo facevano sui loro insediamenti. Voi gli avete permesso di allargarsi, e alla fine, vista l’ ostinazione per principio del principio che avete adossato come distruzione totale, distruggono voi e prendono le terre vostre, come misura e cintura di sicurezza.

  • portoBF

    Non so neanche perchè ci si chiede ancora chi ha violato la tregua. Da sessant’anni l’entità sionista, che sarebbe meglio chiamare NAZI, uccide, tortura, ruba, allora perchè chiederci ancora questo, non ci dovrebbero essere più dubbi, chi ne ha ancora o è uno stupido demente o è in malafede e perciò uguale a quei criminali senza onore. Ne uccide più la penna che la spada.

  • myone

    Quando uno dice una cosa, su quella cosa poi si basano le sidpute. Ma qui la risposta era iranoca. Capisco quello che dici, e non vorrei mai trovarmi in questo stato, non solo avrei terrore, ma mi ha sempre terrorizzato l’ idea che possa essere. Da cernobil e in tutti gli eventi bellici, mi sono sempre passato dei periodi da schifo isistenziale, non di dispute commentatorie, ma vere e propie crisi.

    Se fosse cosi, la prima forza che troverei, e’ quella di farmi hammas contro tutti gli hammas, costi di andare contro ai miei simili, che messi a questo modo no sono simili miei. Se accetto e accondiscendo per ragione, mi dovro’ prendere pure le conseguenze.

    Ma questa storia, ormai, e’ partita male, e gli islamici non si puliscano la faccia davanti a maometto e halla, e si sormontata di immensi fatti, dale a questo punto da non poter piu’ risalire a nessun contesto e a nessun confine e a nessun colore originale. E’ un pasticcio, da stracciare completamente.

    La via, si deve fare in solo modo, con una pace accettata, messa nero su bianco, con un’ ennesima ripartizione e confinamento e sconfinamento dei popoli, sotto visione bellica mondiale, per cui chi primo sgarra, viene passato per una guerra totale di dissuasione. ( allora mi viene da pensare: e un razzo o una bomba, puo’ o potra’ determinare tutto questo? )

    Gli isdraeliani, sebbene in stato di guerra, sarebbero venuti all’ accordo, ritirandosi, conedendo terre, esrpopiando insediamenti ( che hanno pure liberato) concedendo ancora terra e favori e denaro e tutto il resto. Con harafat, voce dei palestinesi e sotto sotto degli arabi e soratutto degli islamici, in virtu’ di una considerazione religiosa nata nel 600 come l’ isalmismo, a fronte di una storia millenaria loro, pretendevano gerusalemme capitale araba.

    Ora mi chiedo: una valenza sul falso e sullo sbagliato, e un principio religioso, vale tutto quello che si sono giocati e che ancora si giocheranno e che ostinatamente stanno provocando?

    Ora come ora si, visto che piu’ di cosi non si puo’ perdere, costi quello che costi, continuano fino alla fine. Ma dico io, ci sono milioni di persone ancora. Non hanno per loro un valore come lo asseriscono, tale che sovrasti questo schifoso martirio?

    Non infinocchiamoci. Dal 38 la guerra e’ aperta, ed e’ stata aperta dagli isalmici, e non e’ mai stata chiusa. Se una parte e’ piu’ forte, quella piu’ debole pero’, non demorde propio. Questa e’ la situazione. E sotto , c’e’ ogni valenza, dalla guerra fatta agli ebrei, al principio di distruzione degli esbrei e della loro patria, fino alla radice contessa e motivata, quella religiosa.

    Alla fine, e l ‘ ho detto ancora, io e voi non possiamo fare nulla. Se volete che dica ad isdraele che e’ la peggio razza che esista, lo confermo, lo dico, e ci sputo pure addosso, ma addossso, ci sputo pure agli islamici, carne senza prezzo nemmeno per la loro vita o sopravvivenza. Perche’? Perche’ la rogna l’ avete iniziata voi, non l’ avete chiusa, l’ avete piu’ volte rifiutata, e ora sebbene vi o si trovano in queste condizioni, domani e sempre, la ricomincerete o ricominceranno, e cosi loro, li fate continuare. Difficile capire questo? Una guerra non guarda in faccia nessuno, e se c’e’ uno stato di guerra che continua, il merito e’ di chi apparentemente perde, ma non perde mai il principio di ricominciare, e di far uscire il fantasma suscitato da loro stessi, che ogni volta che lo si richiama, la follia e’ sempre pronta; ma voluta, considerata, e pure accettata.

    Piu’ si va avanti, e meno si torna indietro.

    Parlo a come stanno le cose, e non do ragione a nessuno, Parlo a come sono le cose e sono pensate e volute ed eseguite. Se pensate che abbia sbagliato o che sbagli, dico si al 100%, ma i fatti che si vedono, sono cosi, sono considerati cosi, sussistono cosi, e sono loro e vostri. Io non ci centro, non do ragione a nessuno, e non ho fatto nulla mai, per pateggiare, sostenere o altro.

    POi qui, facile parlare. Se ci si calasse nella realta’, quella del pulsare isdraeliano e palestinese, allora si sentirebbe melgio come stanno le cose, e si comprenderebbe meglio anziche’ stare da questa parte, e se di calci dovremmo darne, ne daremmo a tutti e due, alla fine.

    Io, fossi palestinese, farei un’ iniziativa unica. Fareo marciare tutta la palestina intera in un solo momento, sulla terra di isdraele, in pace. Ma non figli di cani come gli hammas, ma tutti coloro che di hammas, il corano, l’ isalam, siano capaci di metterlo nel comodino, ma come civili umani, uomini donne bambini, vogliono la vita. E se cosi e’, lo facciano. Lo dico, perche’ io lo farei.