Home / ComeDonChisciotte / FRONT RUNNING COMPUTERIZZATO E TRUFFA FINANZIARIA

FRONT RUNNING COMPUTERIZZATO E TRUFFA FINANZIARIA

DI ELLEN BROWN
www.webofdebt.com/

Come un programma destinato a salvare il libero mercato si è trasformato in un mostro

Mentre la SEC è impegnata ad indagare su Goldman Sachs, potrebbe anche prendere in esame un’altra truffa guidata da Goldman: il front running computerizzato utilizzando programmi di trading ad alta frequenza.

I commentatori dei mercati amano parlare di “capitalismo del libero mercato” ma secondo l’opinionista di Wall Street Max Keiser, questo non esiste più. Si è infatti trasformato in quello che la sua collega televisiva Stacy Herbert definisce “capitalismo del mercato manipolato”: oggi tutti i mercati sono soggetti a manipolazione per un profitto privato.


Keiser non sta solamente facendo speculazione. Egli sostiene di aver inventato uno dei programmi più utilizzati per compiere le manipolazioni ma non è quello che intendeva veramente creare. Il suo programma brevettato era progettato per eliminare le manipolazioni dai mercati, e questo sarebbe stato fatto facendo corrispondere automaticamente gli acquirenti con i venditori, eliminando il “front running” – gli intermediari che acquistano o vendono in anticipo su grandi ordini in arrivo dai loro clienti. Il programma era volto ad eliminare il conflitto di interessi che esiste quando gli intermediari che fanno corrispondere gli acquirenti con i venditori vendono anche per proprio conto. Ma il programma è caduto nelle mani sbagliate ed è diventato il prototipo per programmi di trading automatizzato che in realtà agevolano il front running.

Chiamato anche “Trading ad Alta Frequenza” (HFT) o “black box trading”, il programma di contrattazioni automatizzate utilizza computer ad alta velocità guidati da complessi algoritmi (istruzioni impartite al computer) per analizzare i dati e sbrigare gli ordini in quantità enormi a velocità elevatissime. Come il giocatore di poker che sbircia le carte dell’avversario da uno specchio, l’HFT consente all’operatore di sbirciare i principali ordini in arrivo e posizionarsi in cima per sottrarre una parte dei profitti. Badate che questi importanti ordini istituzionali sono i nostri soldi – fondi pensione, fondi comuni, 401K.

Quando la “creazione del mercato” (facendo corrispondere gli acquirenti con i venditori) era fatta strettamente da intermediari umani nella sala della Borsa Valori, le manipolazioni e il front running erano considerati un prezzo da pagare accettabile (anche se moralmente discutibile) per avere mercati continuamente “liquidi”. Ma il front running dei computer, utilizzando programmi di contrattazioni complessi, è un genere di truffa completamente diverso. Una piccola falla del sistema si è tramutata in un mostro. Keiser sostiene che il front running computerizzato con l’HFT è diventato l’attività principale di Wall Street e la forza trainante principale della maggior parte del volume degli scambi, contribuendo non solo a buona parte dei profitti provenienti dalle contrattazioni ma anche alla manipolazione dei mercati per scopi economici e politici.

Lo “specialista virtuale”: il prototipo delle contrattazioni ad alta frequenza

Fino a poco tempo fa la maggior parte del mercato veniva realizzata da intermediari chiamati “specialisti”, vale a dire quelle persone che si vedono nella sala della Borsa di New York e che contrattano il prezzo delle azioni. Il lavoro dello specialista ebbe origine più di un secolo fa, quando era stata riconosciuta la necessità di un sistema di contrattazioni continue. Ciò significava contrattare anche quando non c’era alcun acquirente o venditore “reale” che attendesse a prendere parte alla contrattazione.

Lo specialista è un intermediario che tratta un’azione ben specifica e che rimane in un punto preciso della sala tenendone un inventario. Egli pubblica i prezzi “bid” (miglior prezzo di acquisto) e “ask” (miglior prezzo di vendita), gestisce gli ordini “limite”, esegue le contrattazioni ed è responsabile delle gestione del flusso ininterrotto di ordini. Se c’è un forte spostamento della domanda dalla parte della “vendita” o dalla parte dell’”acquisto”, lo specialista interviene e vende o acquista prelevando dal proprio inventario per soddisfare la domanda, finché il divario si è ridotto.

Questo dà la possibilità allo specialista di contrattare per sé, utilizzando la sue informazioni confidenziali per registrare dei profitti. Questa pratica è disapprovata dalla Securities Exchange Commission (SEC) ma non è mai stata regolamentata seriamente perché è stata considerata necessaria per mantenere i mercati “liquidi”.

La “Virtual Specialist Technology” (VST) di Keiser fu sviluppata per Hollywood Stock Exchange (HSX), una simulazione multigiocatore basata sul web nella quale i giocatori utilizzano denaro virtuale per acquistare e vendere “azioni” di attori, registi, film in uscita e altre opzioni relative all’industria cinematografica. Il programma determina in automatico il vero prezzo di mercato, confrontando i “bid” con gli “ask” e valutando la quota di ciascuno. Keiser e il co-fondatore di HSX, Michael Burns, fecero domanda di brevetto nel 1996 per un “sistema di contrattazioni di titoli implementato al computer con una funzione specialistica virtuale” e fu assegnato loro il brevetto degli Stati Uniti n. 5960176 nel 1999.

Purtroppo le cose andarono male dopo il crollo delle dot.com quando la società di Keiser, la HSX Holdings, vendette, nonostante la sua opposizione, il brevetto della VST alla società di investimenti Cantor Fitzgerald. Cantor Fitzgerald congelò poi la parte del programma che avrebbe eliminato il front running, come le aziende farmaceutiche che acquistano brevetti in concorrenza per toglierli dal mercato. Invece di impedire il front running, il programma fu alterato in modo che potesse in realtà accrescere quella pratica disonesta. Keiser (che ora vive in Europa) fa notare che questo genere di abuso di brevetto è illegale ai sensi della legge europea sulla proprietà intellettuale.

Nel frattempo, il progetto del programma VST rimaneva in bella mostra all’Ufficio brevetti, dando suggerimenti ad altri inventori. Per ottenere un brevetto, i richiedenti devono elencare uno “stato dell’arte” e quindi dimostrare che il loro brevetto ne è in qualche modo un miglioramento. L’elenco per il brevetto di Keiser mostra che è stato richiamato da altri 132 riguardanti programmi di contrattazione automatica o HFT.

L’HFT è giunto rapidamente a dominare gli scambi. Le società di contrattazioni ad alta frequenza oggi contano per il 73% di tutte le contrattazioni degli equity americani, malgrado queste rappresentino solamente il 2% delle circa 20.000 società operanti.

Nel 1998, la SEC consentì che le reti di comunicazione elettronica online, ovvero i sistemi alternativi di contrattazione, diventassero scambi azionari a tutti gli effetti. I sistemi alternativi di contrattazione (ATS) sono sistemi di corrispondenza ordini automatizzati a computer che offrono opportunità simili a quelle di scambio a costi inferiori ma che sono spesso soggetti a requisiti di divulgazione inferiori e regole di contrattazione diverse. I sistemi informatici fanno corrispondere in automatico ordini di acquisto e di vendita che erano stati a loro volta inviati tramite computer. La creazione del mercato che una volta veniva effettuata con un “registro dello specialista” – un qualcosa che poteva essere esaminato e verificato – viene ora effettuata da una “scatola nera” invisibile, senza controllo.

Per oltre un secolo il mercato azionario è stato un vero mercato, con operatori in carne e ossa che rilanciavano offerte su offerte nella sala della Borsa Valori. In un solo decennio le contrattazioni in sala sono state del tutto eliminate tranne che per gli scambi più importanti, come la Borsa Valori di New York (NYSE). E anche in quei mercati, le contrattazioni in sala convivono con le contrattazioni elettroniche.

I sistemi alternativi di contrattazione permettono praticamente a qualunque operatore abbastanza grande di fare ordini direttamente nel mercato, invece che inoltrarli agli operatori al NYSE. I sistemi alternativi di contrattazione consentono anche a qualunque operatore abbastanza grande dotato di un sofisticato programma HFT di effettuare contrattazioni di front running.

Il Flash Trade: come viene manipolato il gioco

Una componente essenziale del front running computerizzato è una pratica discutibile chiamata “flash trade”. Gli ordini flash sono permessi grazie ad una scappatoia nel regolamento che consente, al pagamento di una quota, di mostrare in anticipo gli ordini ad alcuni operatori. Un tempo il NYSE consentiva agli specialisti di dare un’occhiata in anticipo agli ordini in arrivo, ma ora questa pratica è stata sostituita da una politica “di parità” che dà a tutti gli investitori uguale accesso a tutte le quotazioni dei prezzi. Tuttavia, alcuni ATS in forte concorrenza con gli scambi consolidati per le attività commerciali hanno adottato l’uso del flash trade per separare le attività di contrattazione dagli scambi. Un ordine in arrivo viene mostrato per una frazione di secondo ad un operatore prima di essere inviato al sistema del mercato nazionale. Se l’operatore riesce a far corrispondere la miglior offerta nel sistema otterrà quell’ordine prima ancora che il resto del mercato possa vederlo.

La rapida occhiata rivela la contrattazione in arrivo ma non il prezzo limite – il prezzo massimo al quale l’acquirente o il venditore è disposto a contrattare. Questo è ciò che calcola il programma HFT ed è ciò che dà all’operatore ad alta frequenza lo stesso genere di informazioni confidenziali disponibili all’operatore tradizionale: l’operatore ad alta frequenza ora riesce a sbirciare le carte dell’avversario. Questo significa che gli operatori ad alta frequenza possono fare molto di più che sottrarre grossi profitti agli altri investitori: possono davvero manipolare i mercati.

Le modalità con le quali viene fatto sono state spiegate da Karl Denninger in un lucido post pubblicato nel luglio 2009 su Seeking Alpha:

“Diciamo che c’è un acquirente disposto a comprare 100.000 azioni di BRCM ad un prezzo limite di 26,40 dollari. Vale a dire che l’acquirente accetterà qualsiasi prezzo fino a 26,40 dollari. Ma il mercato, in questo momento particolare, è a 26,10 dollari, trenta centesimi in meno.

“Allora i computer, avendo rilevato attraverso i loro ordini flash (che dovrebbero essere illegali) che c’è un desiderio di azioni Broadcom, iniziano ad emettere piccoli ordini (in genere in pacchetti azionari da 100) di tipo IOC – “Immediate or Cancel” – per vendere a 26,20 dollari. Se quell’ordine viene “mangiato” allora il computer emette un ordine a 26,25 dollari, poi a 26,30, poi a 26,35, poi a 26,40. Quando tenta a 26,45 dollari non ottiene alcun “morso” e l’ordine viene immediatamente cancellato.

“L’afflusso di offerta arriva, ma guarda che coincidenza, a 26,39 dollari e si sostiene che il mercato è diventato ‘più efficiente’.

“E’ assurdo, perché non c’era alcun “vero venditore” a nessun di quei prezzi! Questo schema di offerta era inteso per fare una sola cosa – manipolare il mercato individuando quelle che si pensava fossero informazioni nascoste – il prezzo limite dell’altra parte!

“Con le normali code di ordini e i normali flussi la persona con il limite di ordine vedrebbe l’offerta a 26,20 dollari e potrebbe abbassare il proprio limite. Ma i computer sono così veloci che a meno che non ne abbiate uno altrettanto rapido non c’è alcuna possibilità: il vostro ordine viene immediatamente “violentato” al prezzo limite pieno! Venite fregati di 29 centesimi per azione il che vi è stato letteralmente sottratto dalle società HFT che hanno visto le vostre carte prima che voi potevate rilevare l’attività, hanno determinato il vostro prezzo massimo e quindi vi hanno venduto ad una cifra la più vicina possibile al vostro prezzo massimo”.

La presunta giustificazione per i programmi ad alta frequenza è che essi “migliorano la liquidità” ma Denninger dice: “Sono fesserie. Hanno trasformato il mercato in un gioco truccato dove gli ordini istituzionali (cioè voi, il signor Rossi e la signora Rossi quando acquistate o vendete dei fondi comuni!) venite regolarmente fregati a vantaggio di alcune grandi banche internazionali”.

A dire la verità gli operatori ad alta frequenza stanno togliendo liquidità dal mercato. Così sostiene John Daly sul britannico Globe and Mail, citando Thomas Caldwell, amministratore delegato di Caldwell Securities Ltd.: “I grandi investitori istituzionali sanno che se iniziano a far passare un grosso pacchetto di azioni ad un certo prezzo – anche se questo pacchetto è suddiviso in tante piccole contrattazioni su diversi ATS e mercati – possono dare inizio ad un’inondazione di ordini ad alta frequenza che spostano immediatamente i prezzi di mercato a svantaggio dell’istituto… è questa la ragione per cui gli istituti si sono riuniti nei cosiddetti gruppi oscuri gestiti da ATS come Instinet, e da operatori individuali come Goldman Sachs. I gruppi consentono agli operatori di offrire i prezzi senza rivelare pubblicamente le loro identità e scoprire le proprie carte”.

Poiché questi grandi gruppi oscuri sono poco visibili agli altri investitori e ai regolatori, essi bloccano la libera ed equa contrattazione il cui funzionamento dipende da mercati per aste aperti e trasparenti.

Il famigerato manipolatore dei mercati: Goldman Sachs

Tyler Durden, scrivendo su Zero Hedge, fa notare che il gioco HFT è dominato da Goldman Sachs, che egli definisce “un hedge fund in tutto e per tutto tranne che per l’appoggio della FDIC”. Goldman era una banca di investimenti fino al crollo del 2008 quando è diventata una banca commerciale da un giorno all’altro per capitalizzare sui sussidi del salvataggio federale, tra cui denaro esente da interessi proveniente dalla Fed che può utilizzare per speculare sugli scambi ATS poco trasparenti dove i mercati sono manipolati e controllati.

A differenza del NYSE, che è aperto tutti i giorni solamente dalle 10 del mattino alle 4 del pomeriggio, le contrattazioni ATS durano ventiquattr’ore al giorno e sono particolarmente intense quando il NYSE è chiuso, cioè quando ci sono poche contrattazioni azionarie da poter essere facilmente manipolate. Tyler Durden scrive:

“Poiché i mercati continuano a salire giorno dopo giorno, indipendentemente dal peggioramento delle condizioni economiche, sono solamente questi HFT che determinano la direzione complessiva del mercato, generalmente senza fondamentali o motivi tecnici. E basandosi su poche righe di codice, gli investitori al dettaglio si ritrovano truffati in un mercato in salita che non ha nulla a che vedere con i primi segnali di ripresa o con una qualche società cinese che acquista qualche altro centinaio di server Intel: gli HFT stanno semplicemente portando avanti lo stesso mito del mercato Ponzi che avevamo visto nel caso Madoff, ma su una scala enormemente più vasta”.

La manipolazione dell’HFT ci aiuta a capire in che modo Goldman Sachs abbia guadagnato lo scorso anno 100 milioni di dollari al giorno dal suo reparto contrattazioni, giorno dopo giorno, su 116 giorni di contrattazioni su 194 dalla fine di settembre 2009. Quando si conoscono le carte dell’avversario è come rubare le caramelle a un bambino.

Ridare vita al libero mercato

Quindi, che cosa si può fare per ristabilire dei mercati liberi ed equi? Un passo nella giusta direzione sarebbe quello di proibire i flash trade. La SEC sta proponendo delle norme in tal senso ma non sono ancora state rese effettive.

Un altro controllo proposto sull’HFT è una Tobin tax – una piccola imposta su ogni contrattazione finanziaria. Le proposte vanno dallo 0,005% all’1%, soglia abbastanza bassa da essere difficilmente avvertita dai legittimi investitori “buy and hold”, ma abbastanza alta per affossare l’HFT, che sottrae piccolissimi profitti da un numero enorme di contrattazioni.

Questo è quanto sostengono i proponenti ma una piccola imposta potrebbe non essere in realtà sufficiente per affossare l’HFT. Considerate l’esempio di Denninger, in cui l’operatore ad alta frequenza non guadagnava solo pochi centesimi ma 29 centesimi pieni a contrattazione e aveva la possibilità di racimolare questa cifra su 99.500 azioni (100.000 azioni meno 5 contrattazioni in pacchetti da 100 a somme inferiori). E’ un guadagno di 28.855 dollari su una contrattazione da 2,63 milioni di dollari, non male per pochi millesimi di secondo di lavoro. Imponendo uno 0,1% di Tobin tax su questi 2,63 milioni il profitto su ridurrebbe a 26.225 dollari ma è ancora un bel guadagno per una contrattazione che dura meno di un battito di ciglia.

La soluzione ideale sarebbe quella di risolvere il problema alla radice – il meccanismo di regolazione dei prezzi. Keiser sostiene che questo potrebbe essere fatto vietando l’HFT e installando in tutti gli scambi il suo programma VST nella sua concezione originale. Il vero prezzo di mercato sarebbe allora stabilito automaticamente, escludendo sia la manipolazione umana che quella elettronica. Keiser fa notare che gli azionisti della sua ex azienda hanno avanzato la richiesta per annullare la vendita a Cantor Fitzgerald e recuperare il programma perché l’accordo non è mai stato perfezionato e gli investitori di HSX Holdings non hanno mai ricevuto un centesimo dalla vendita.

C’è solo un problema con la loro richiesta: le scartoffie che dimostrano che era stato inviato agli uffici di Cantor Fitzgerald al World Trade Center diversi mesi prima del settembre 2001. Come il capitalismo del libero mercato, sembra che le prove siano andate in fumo.

Ellen Brown
Fonte: www.webofdebt.com
Link: http://www.webofdebt.com/articles/computerized_front_running.php
21.04.21010

Traduzione a cura di JJULES per www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Davide

  • Tonguessy

    Articolo sensato che apprezzo.
    La Goldman Sachs si è tirata fuori dai pasticci proprio grazie all’High Frequency Trading (HFT), che ha permesso guadagni (ma sarebbe più opportuno parlare di speculazioni) dell’ordine di 21 miliardi di dollari durante l’anno appena trascorso.
    L’algo-trading (sinonimo di HFT) oggi regola già il 40% degli scambi borsistici USA, con Londra che segue a ruota ed i mercati asiatici che stanno convertendosi a ritmi infernali. Tutto automatizzato, tutto succede in una frazione di secondo. Il vero problema è che non è possibile NESSUNA verifica o intervento su ciò che accade se non quando è ormai troppo tardi. Ve lo immaginate un broker HFT (fa parte della famiglia Black Box Economics) che resosi conto che non ci sono più i margini di guadagno inizia a vendere, seguito a ruota da altri broker HFT che nel timore di perdere tutto vendono tutto? L’intervento della SEC, o Consob a bloccare le quotazioni avverrebbe quando ormai i buoi sono tutti scappati.

    Diane Coyle, economista inglese, afferma che “dove buon senso ed economia entrano in collisione, lì il buon senso ha torto”.
    http://www.appelloalpopolo.it/?p=1413

  • AlbertoConti

    “è come rubare le caramelle a un bambino” Per la finanza il bambino è il mondo, il mondo che vive, che soffre, che lavora, che produce, che consuma. I “signori” della finanza sono i parassiti del mondo, ne succhiano le energie fino a stritolarlo nella disperazione che precede la stupidità della guerra. Dire parassita è troppo poco, dire ladro è troppo poco, criminale è forse l’aggettivo più giusto. Il mondo allora dovrebbe difendersi da questo mostro, che è una sua proiezione, che contiene il distillato dei suoi difetti, in due modi che non sono alternativi, ma complementari, non se ne esce senza attuarli insieme: riconoscere le proprie colpe per cambiare profondamente i propri principi ispiratori, dandosi nuove regole, e resettare il vecchio sistema del diritto di proprietà, per il semplice fatto che non esiste diritto acquisito col crimine.

  • Tonguessy

    “non esiste diritto acquisito col crimine”.
    Davvero davvero?

  • lucamartinelli

    avevo gia’ letto di questo sistema. Aggiungerei a quanto tu e Alberto avete detto una valutazione di tipo etico. comincio a trovare inaccettabile che il sistema liberal-capitalista non ponga mai un limite alla truffa e al saccheggio del lavoro altrui. Non accetto piu’ che arraffare danaro sia a tutti i costi, anche quelli criminali. Poi penso che tutto questo è normale in una finta democrazia e allora ritrovo la serenita’ mentale. saluti

  • AlbertoConti

    Secondo l’orientamento giurisprudenziale, che ha prodotto il sequestro dei beni mafiosi, in accordo al comune sentire, al senso della morale che è alla base della convivenza e della civiltà. Poi la realtà è tutto il contrario, ma è “normale” che sia così, che tutta la storia sia una storia di rapporti di forza fisica. Il grande contributo che può dare ogni essere umano all’evoluzione spirituale della specie è proprio questo, la testimonianza che c’è un’altra realtà alternativa alla pura e semplice logica della forza fisica. Una realtà certamente anomala in natura, indissolubile da quell’anomalia che è la vita stessa.

  • redme

    …” dietro ogni grande fortuna c’è un crimine ” (Honorè de Balzac)

  • ascanio

    Ma se fosse utile ad aprire gli occhi ai poveri ignari (al mondo intero per capirsi) si potrebbero accettare a raffica rivelazioni di tale misura…PURTROPPO però, sebbene la cosa sia risaputa o intuita, non servono proprio a niente in definitiva….Tanto è vero che quando ci sarà il collasso vero e proprio, e saranno c…. amari, la gente si troverà sprovvista come un bambino “innocente”.
    Sono in grado ormai di controllare e manipolare praticamente tutto!
    Questa è la piaga!!
    I colpevoli sono i signori avidi banchieri (e che signori!)….e questo la dice tutta….

    Mi sono sempre chiesto come facessero ogni santa volta all’apertura di wall street a riesumare tutti i mercati attivi ( europa ) in deciso negativo, con un “vigore” senza pari…Quello che sta succedendo in questo momento pure, tanto per cambiare…
    E’ certo che il trucco c’era….
    Bella merda.

  • backtime

    i banchieri vanno “squartati” uno ad uno, da sempre ho questo pensiero e da sempre ritengo che, chi avrà la possibilità di farlo, non commette reato tantomeno pecca, semmai salva il mondo dal più grande essere schifoso mai esistito.

  • amensa

    bravo. quoto il tuo intervento.

  • Fisioterapiapertutti

    Ragazzi, credo che qui si stia facendo molta confusione.
    Qualcuno di voi investe sul serio o facciamo solo chiacchiere?

    Se voi non usate una piattaforma dell’800 sapreste che la velocità di esecuzione di un ordine da parte della banca è praticamente immediato.

    Io imposto degli ordini di acquisto al superamento di un certo prezzo e se seguo l’andamento dei prezzi in pratica mi esegue l’ordine appena la soglia è raggiunta, immediatamente.

    Potete utilizzare tutti i programmi di front running che preferite, non riuscirete mai a sottrarmi denaro finchè le piattaforme delle banche saranno così efficienti.

  • toolleeo

    Beh, parlando con un ex-collega che progettava datacenter, ovvero i palazzoni pieni zeppi di processori e harddisk dove ormai tutte le ditte tendono a conservare i propri dati, mi diceva che il contratto con una importante banca londinese era sfumato perche`, essendo il datacenter collocato qualche decina di chilometri di distanza dalla sede della banca, i dati ci mettevano piu` di pochi microsecondi per andare e tornare da banca a datacenter e viceversa. Ovviamente l’operatore umano non ha tempistiche di gestione delle informazioni dell’ordine dei microsecondi…. quindi mi pare ovvio che tali “prestazioni velocistiche” siano indispensabili per altri tipi di gestione delle contrattazioni…

  • Tonguessy

    Questo è vero solo per transazioni relative a reti “normali”, ma cambia radicalmente quando si parla di reti dedicate ad alta frequenza, come quelle delle borse. La Goldman Sachs (sempre la stessa) è sotto accusa per avere prima copiato e poi usato gli algoritmi di gestione della rete borsistica di New York e avere così prodotto degli utili da capogiro.
    “a former Goldman Sachs programmer was accused this month of stealing secret computer codes — software that a federal prosecutor said could “manipulate markets in unfair ways” ”
    http://www.nytimes.com/2009/07/24/business/24trading.html?_r=1