FINE DEGLI STATI UNITI, INIZIO DEL GOVERNO MONDIALE

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI ADRIAN SALBUCHI
Salbuchi.com

L’anno 2009 ha segnato l’inizio di quelli che saranno i quattro anni più drammatici della storia umana.
A partire da aprile-giugno 2009, la crisi economica potrebbe portare a una drammatica guerra sociale-civile negli Stati Uniti, che potrebbe portare alla divisione territoriale della nazione. Tale è la visione di Igor Panarin, Dottore in Scienze Politiche e Direttore del Dipartimento degli affari internazionali presso l’Accademia diplomatica del Ministero degli Affari Esteri della Russia, previsione fatta nel 1998. A quel tempo, le previsioni di Panarin non sembravano essere realistiche, dal momento che gli Stati Uniti un decennio fa sembravano imbattibili: una superpotenza mondiale. Oggi, tuttavia, le stime del Dr. Panarin sembrano avvicinarsi a una realtà possibile.
Un paio di settimane fa, il sito russo Izvestia ha introdotto una versione aggiornata di questi eventi, attraverso un’intervista televisiva, dove gli esperti hanno condiviso con Panarin le loro opinioni su temi come ad esempio, il motivo per cui negli Stati Uniti il crollo dell’economia e finanza è inevitabile, anche con Obama, e il motivo per cui ora è meglio per la Russia restare amica della Cina.
Riportiamo alcune parti del colloquio:

Domanda: Sig. Panarin, dove ha avuto l’idea di una “rottura” degli Stati Uniti nel 1998 quando il paese prosperava ed era il leader mondiale incondizionato?

Risposta: Nel settembre 1998, c’è stata in Austria, una conferenza internazionale sulla guerra Informativa. In quel momento ho presentato i risultati della mia ricerca analitica. Tra i circa 400 partecipanti, 150 americani avevano cominciato a gridare nel pubblico, quando ho parlato nella mia presentazione della prossima frattura USA. Tuttavia, le mie argomentazioni erano ben fondate. A quel tempo era ovvio per me che le finanze e l’economia potevano essere le principali forze distruttive che incombevano sugli Stati Uniti. Il dollaro non era sostenuto da niente. Il debito estero del paese è cresciuto come una valanga, nonostante il fatto che non vi era alcun debito nei primi anni Ottanta. Nel 1998, quando ho fatto le mie previsioni, il debito era salito a $ 2.000.000.000.000 (due trilioni di dollari). Ora supera 11 miliardi di dollari … Questa è una finanza a piramide può solo portare ad un collasso.

Domanda: Crollo, quindi dell’intera economia degli Stati Uniti?

Risposta: Si ricorda che ora è in pieno collasso. Tre delle cinque più grandi e più antiche banche di Wall Street hanno cessato di esistere in seguito alla crisi finanziaria, e altre due sono in pericolo. Le loro perdite sono le più grandi nella storia. Ora si parla di sostituire il sistema di regolamentazione del mondo e gli Stati Uniti non sarebbero più “IL” regolatore globale.

Domanda: Quale paese dovrebbe sostituire gli Stati Uniti, allora?

Risposta: Ci sono due paesi che possono rivendicare questo ruolo: la Cina con la sua enorme riserva e la Russia come paese che potrebbe svolgere il ruolo di regolatore del territorio.
Un evento davvero eccezionale ha avuto luogo durante il vertice del gruppo dei G20 fatto a Washington. I partecipanti hanno proposto una nuova architettura finanziaria internazionale, che avrà un ruolo chiave presso il FMI (Fondo Monetario Internazionale).
Ma il Fondo monetario internazionale ha bisogno di fondi, i partecipanti hanno chiesto a Cina e Giappone di fornire questi fondi. Oggi, le riserve d’oro della Cina superano i 2 miliardi di dollari e la Cina è il più grande creditore degli Stati Uniti, che oggi può esercitare forti pressioni sulle politiche del FMI. Per tutto questo, non credo sia un caso che il leader cinese Hu Jintao si è incontrato con altri due leader al vertice: il presidente russo Dmitri Mevdelev e il leader del Regno Unito Gordon Brown. Ora ci sono piani per condurre una nuova riunione del G20 in Inghilterra, e il ricongiungimento con la Russia come paese che propone i principi per la ricostruzione del sistema finanziario mondiale è inserito in una chiara visione del processo di riforma cinese.

Lo scheletro che mantiene la coesione e l’unità degli Stati Uniti è fragile

Domanda: Abbiamo le idee chiare nei confronti dei leader del mondo, ma al ritorno negli Stati Uniti, cosa vi fa pensare che il paese avrebbe una frattura territorialmente?

Risposta: Ci sono diverse ragioni. In primo luogo, i problemi finanziari negli Stati Uniti sono destinati a crescere. Aziende come General Motors e Ford sono sull’orlo del collasso, il che significa che interi villaggi resteranno disoccupati. I governatori di Stati membri UE Nortemericana si chiedono con sempre maggiore veemenza che il governo nazionale invii loro denaro. I reclami crescono. Finora sono stati limitati a causa delle elezioni presidenziali e la speranza che Barack Obama possa fare un miracolo. Ma nella primavera del 2009, sarà diventato chiaro che il miracolo Obama non accadrà. Il secondo fattore riguarda la vulnerabilità del regime politico negli Stati Uniti. Non vi è alcun diritto uniforme per tutto il territorio nazionale di questo paese. Nemmeno per il traffico uniformemente a tutta la nazione. Lo scheletro che tiene gli Stati Uniti è di fragile unità e coesione. Anche le forze armate USA in Iraq hanno un elevato numero di membri che non sono cittadini statunitensi, ma sono lì per combattere, perché sono stati messi in cambio di cittadini statunitensi. Infine, la frattura dell’elite negli Stati Uniti è diventata qualcosa di particolarmente evidente nella crisi attuale.

Domanda: Come sarebbe fratturato il paese?. Ovviamente, il Messico si trova nel sud, ma che cosa vede?

Risposta: Credo che ci saranno sei parti in totale. La prima riguarderà la costa del Pacifico. Sono in grado di farvi un esempio: il 53% della popolazione di San Francisco è di origine cinese.
Il governatore dello Stato di Washington era di etnia cinese, la capitale di Seattle è conosciuta come la porta della Cina in materia di immigrazione verso gli Stati Uniti. La seconda parte sarebbe sicuramente il sud del Messico. In alcune zone, il castigliano ed è diventata una delle lingue ufficiali. Poi lo Stato del Texas sta apertamente lottando per la l’ indipendenza. La costa atlantica è di mentalità etnica completamente diversa rispetto al resto del paese.
Si potrebbe anche spezzare in due parti. E ci sarebbero due depressioni centrali; ricordi che i cinque Stati membri in cui risiedono le tribù indiane hanno annunciato la loro richiesta di indipendenza. Al momento, è stato percepito come uno scherzo – o una sorta di politica spettacolo – ma resta il fatto ed è una realtà che non può essere ignorata. Il Canada, a sua volta, sta esercitando una forte influenza al nord.

Domanda: Che cosa succederà allora al dollaro?

Risposta: Nel 2006, c’è stato un accordo segreto tra il Canada, il Messico e gli Stati Uniti per preparare l’attuazione del programma “Amero”, come nuova moneta della regione. Ciò potrebbe significare la sostituzione del dollaro. Allo stesso tempo, essi potrebbero “congelare” i dollari con cui gli Stati Uniti hanno letteralmente invaso il mondo. Può essere usato come un pretesto, per esempio, che “molti gruppi terroristici hanno forgiato i biglietti, e quindi la necessità di verificare l’autenticità di uno”.

Domanda: Che cosa possiamo dire circa il divario che si è verificato all’interno della leadership americana detta élite? Sono i democratici contro i repubblicani?

Risposta: No. Non è così. Ci sono due gruppi tra i protagonisti. Il primo potrebbe essere descritto come quello mondiale o addirittura trotzkista. Leon Trotzky aveva già formulato questa idea, all’inizio del secolo scorso: non è necessario per la Russia, ma avevano bisogno di una rivoluzione. La Russia sovietica è stata percepita come una semplice trotzkyista di base da cui partire per esercitare il controllo su tutto il mondo. Il secondo gruppo è costituito da stataliste che desiderano la prosperità per il loro paese. Siamo in grado di trovare i rappresentanti di questi due “clan” all’interno del Partito Repubblicano e nelle file del Partito Democratico. Ad esempio, il voto è avvenuto dopo poche settimane dal piano anti-crisi del Segretario del Tesoro Henry Paulson, che è stato proposto dal repubblicano Bush, tuttavia, i primi a respingerlo al Congresso erano proprio repubblicani stessi.

Quest’intervista condotta da Izvestia il 25-nov-08 ed è stata ampiamente ripresa in Occidente dalla CNN, Bloomberg, The Guardian e The Telegraph di Londra, FoxNews, e altri.
Fonte: Adrian Salbuchi

Versione originale:

Adrian Salbuchi
Fonte:/www.asalbuchi.com.ar
Link: http://www.asalbuchi.com.ar/2008/12/fin-de-los-estados-unidos-inicio-del-gobierno-mundial/
15.01.2009

Versione italiana:

Fonte: www.vocidallastrada.com/
Link: http://www.vocidallastrada.com/2009/01/fine-degli-stati-uniti-inizio-del.html
16.01.2009

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
23 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
23
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x