FAME E CANNIBALISMO

DI SANTIAGO ALBA RICO

ajintem.com

Nel mese di luglio 2008 si è svolto a Coney Island il campionato del mondo dei divoratori di hot dogs.

Il giovane statunitense Joey Chestnut (nella foto) ha battuto in finale il giapponese Takeru Kobayashi e ha superato tutti i precedenti records mondiali inghiottendo 66 hot dogs in 12 minuti, mandando in delirio i più di 50.000 spettatori presenti in diretta all’impresa. Come premio, il campione ha ricevuto un buono di 250 dollari di acquisti in un centro commerciale e un anno intero di hot dogs gratis presso la catena Nathan’s.

Oggi, mentre scrivo queste righe, si celebra il campionato mondiale dei perditori di peso.

Ogni secondo cinque persone si disputano la finale – un haitiano, un somalo, un ruandese, un congolese, un afgano – e i cinque ottengono la vittoria. Il premio è la morte. L’appetito di Joey Chestnut non è niente paragonato a quello che ha divorato – chiamiamoli così – René, Sohad, Randia, Sevére e Samia.

Ogni 12 minuti la povertà uccide tramite la fame 3.600 tra uomini, donne e bambini in tutto il mondo.

O, il che è lo stesso: per ogni 5 hot dogs a Coney Island 300 essere umani muoiono di inedia in Africa.

Nel 1876 il vicere dell’India, lord Lytton, organizzò a Delhi il banchetto più costoso e sontuoso della storia per festeggiare l’assunzione della regina Vittoria a Imperatrice coloniale. Per una settimana 68.000 invitati non smisero di mangiare e bere; in quella settimana, secondo i calcoli di un giornalista dell’epoca, morirono di fame 100.000 sudditi indiani nel quadro di una carestia senza precedenti che falciò almeno 30 milioni di vite e che fu provocata e aggravata dal ”libero commercio” imposto dall’Inghilterra. Mentre i colonialisti inglesi mangiavano pernici e agnelli, i sopravvissuti indiani mangiavano i loro stessi figli.

La fame, lo sapppiamo, dissolve tutti i legami sociali e impone il cannibalismo. Bisona avere davvero molta fame per mangiarsi con le lacrime agli occhi il cadavere di un vicino, ma bisogna avere moltissima fame per divorare allegramente 66 hot dogs in 12 minuti.

Confesso che, ogni volta che penso alle carestie, non mi viene in mente il ventre gonfio di René o il seno vuoto di Samia, ma la voracità applaudita di Joey Chestnut, quale simbolo pubblicitario di un’economia che non può permettersi nemmeno di calmare gli appetiti di chi è sazio.

Chestnut non è un cannibale, no, ma in un certo senso si alimenta del dimagrimento degli etiopi, dei tailandesi e degli egiziani: la terza parte del raccolto mondiale di cereali serve ad ingrassare gli animali che noi occidentali ci mangiamo (1 chilo di carne a persona al giorno gli statunitensi, più di ½ chilo gli europei) e basterebbe a dar da mangiare alla terza parte dei 1.000 milioni di persone che, secondo la FAO, patiscono la fame nel mondo.

Esagerare è misurare l’incommensurabile, è rendere appprendibile l’irrapresentabile.

Esageriamo: Chestnut è un cannibale. Davanti alle 500.000 persone che lo applaudivano si è mangiato René, Randia, Sevére e Samia e altri 3.595 uomini, donne e bambini. Neppure Bokassa dimostrò mai tanto appetito.

A Chestnut si può chiedere che mangi meno e anche che si opponga al suo governo, ma in realtà anche lui è solo un’altra vittima della fame.

C’è la fame di quelli che non hanno niente e c’è la fame di quelli che non hanno mai abbastanza; la fame di quelli che vogliono qualcosa e la fame di quelli che vogliono sempre di più: più carne, più petrolio, più automobili, più cellulari, più immagini, più giochi e – anche una moralità superiore.

La relazione tra le due insoddisfazioni è un sistema globale. Vogliamo un uomo libero e abbiamo una fame libera.

Confesso che ogni volta che penso alla fame non mi viene in mente lo scheletro di Sohad nè gli immensi occhi febbricitanti di Sevère, ma l’esercito degli USA in Iraq e l’allegria depredatoria del Carrefour.

Esagerare è rimpicciolire l’illimitato, è ridurre lo smisurato a scala umana.

Esageriamo: il cannibalismo è, non più obbligatorio, ma elegante.

Alcune poche menti privilegiate (da governi e da multinazionali) dedicano ogni loro sforzo a trovare il modo perchè a tutto il mondo, da tutte le parti, manchi qualcosa; perchè i i bambini di Haiti e della Sierra Leone soffrano la fame e si disperino per questo e perchè i consumatori occidentali – dopo aver divorato boschi, fiumi, minerali e animali (con le loro immagini) – si ritrovino affamati e se ne rallegrino.

Il capitalismo toglie ai paesi poveri le loro risorse e, allo stesso tempo, le forze per resistere; il capitalismo dà, a noi occidentali, le merci e, allo stesso tempo, la fame necessaria per inghiottirle senza fermarci; la fame diventa così, da un lato e dall’altro, la disgrazia oggettiva di Africa, Asia e America Latina e la felicità soggettiva di un’umanità culturalmente e materialmente insostenibile e condannata ala distruzione.
Sì, la carestia dissolve tutti i legami sociali e impone il cannibalismo.

La povertà relativa ravviva l’ingegno, inventa soluzioni collettive, improvvisa solidarietà e crea reti sociali di resistenza.

Ma, sotta una certa soglia, quando la fame minaccia la sopravvivenza, le trame si disfano e rimangono solo impulsi atomizzati, solitari, animali: individui puri opposti tra loro.

Solo in questo senso – biologico e quasi zoologico – si può dire che le nostre società occidentali sono “individualiste”.

Qualche volta ho espresso la regola della soddisfazione antropologica con la seguente formula: “Poco è abbastanza, molto è già insufficiente”.

Sotto il “poco” c‘è la fame e sono impossibili la coscienza, la resistenza e la solidarietà; sopra l’ “abbastanza” c’è più fame e sono impossibili anche la coscienza, la resistenza e la solidarietà. “Troppo” vuole sempre “di più”.

Abbiamo già superato questo punto, a partire dal quale l’unica cosa che abbiamo – non auto, non carne, non case, non immagini – è fame; e la nostra voracità, come quella di Joey Chestnut, si sta mangiando – mentre scrivo queste righe – non solo Sania e Sohadi e Sevère, tanto annebbiati e lontani, ma anche i suoi stessi figli.

Santiago Alba Rico, scrittore, saggista e filosofo spagnolo

Fonte: http://ciptagarelli.jimdo.com

Link: http://ciptagarelli.jimdo.com/2014/09/25/fame-e-cannibalismo/

23.09.2014

Traduzione di Daniela Trollio Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”nVia Magenta 88, Sesto S.Giovanni

estratto del libro “Il naufragio dell’uomo

blank
Notifica di
19 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
19
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x