Home / ComeDonChisciotte / EVA GOLINGER: IL VENEZUELA DIMOSTRA CHE ‘IL POPOLO PUO’ PRENDERE IL POTERE E FARE GRANDI COSE'

EVA GOLINGER: IL VENEZUELA DIMOSTRA CHE ‘IL POPOLO PUO’ PRENDERE IL POTERE E FARE GRANDI COSE'


DI JIM MCILROY e CORAL WINTER
Green Left Weekly

Eva Golinger è una avvocatessa venezuelano-statunitense ed autrice di The Chavez Code, che ha rivelato il coinvolgimento del governo Usa nel golpe del 2002, che per breve tempo rovesciò Hugo Chavez, il presidente di sinistra del Venezuela, prima che venisse riportato al potere da una rivolta popolare. Ha parlato con Green Left Weekly alla fine di ottobre. L’ultimo libro della Golinger è Bush vs Chavez: Washington’s War on Venezuela (La prima parte di questa intervista è apparsa in GLW #691)

GLW ha chiesto alla Golinger delle possibili risposte degli USA verso il Venezuela dopo la probabile vittoria di Chavez nelle elezioni presidenziali di dicembre. Lei ha replicato: “Se vinciamo le elezioni – se tutto va bene le vinceremo – una opzione per [il candidato dell’opposizione di destra Manuel] Rosales è di ritirarsi. Gli USA e l’opposizione hanno già cominciato con i loro sondaggi fasulli. Hanno utilizzato la stessa società, collegata al Dipartimento di Stato USA, che venne utilizzata in Nicaragua, nelle Filippine, in Ucraina ed in Georgia, per fabbricare sondaggi con risultati favorevoli al candidato sostenuto dagli USA.“La Sogby International, una rispettata società internazionale di sondaggi, ha presentato delle cifre che mostrano il sostegno per Chavez al 57%, per Rosales al 24%. Una delle strategie del governo USA è di far mostrare alle loro finte società di sondaggi che i numeri sono molto vicini – come in Messico. Questa è un’opzione.

“L’altra possibilità è che Chavez vinca ma di uno stretto margine. Loro sostengono la frode e rifiutano di riconoscere la legittimità delle elezioni. Quindi Rosales ritorna a Zulia [lo stato del quale è governatore] e cercano di separarsi [dal Venezuela], dicendo ‘Non riconosciamo il governo nazionale'”.

A questo punto, probabilmente Rosales non è nella posizione di potersi ritirare dalle elezioni, perché l’opposizione non potrebbe giustificarlo. “Proprio ora, continuano a dire che continueranno con le elezioni. Possono cercare di creare un clima di paura cosicché il popolo non voti, cosicché ciò discrediti il risultato. E, naturalmente, l’altra opzione è un tentativo di assassinare Chavez.

“Assumendo che [Chavez] vinca, l’altra parte della strategia [degli USA] alla quale lavorano da molto tempo è di influenzare, ed infiltrare, i sostenitori di Chavez – per destabilizzarli e dividerli. Questo sta già accadendo”.

Ha dato l’esempio di Barrio Enero 23 a Caracas, “una delle comunità più potenti ed organizzate del paese”. “Vi sono state delle profonde divisioni e delle sparatorie [all’interno di gruppi militanti]. Ho parlato con alcune persone che mi hanno detto che vi sono degli infiltrati, pagati dalla CIA, che penetrano nei gruppi e corrompono la gente — giocando sulle tensioni, creando menzogne e recitando uno contro l’altro”.

Il destino della rivoluzione bolivariana è lontana dall’essere un affare solamente dei venezuelani. La Golinger ha raccontato a GLW che la “rivoluzione venezuelana è una guida nella riforma mondiale. Ha fornito ispirazione, non soltanto all’America Latina, ma ai popoli di tutto il mondo. Essa dimostra che, persino se non si è una nazione così potente, economicamente e militarmente, ciò nonostante si può affrontare la dominazione USA. Si può nondimeno costruire la propria società nel modo che meglio soddisfa i bisogni del proprio popolo …

“Il Venezuela sta fornendo un esempio eccellente di governo negli interessi del popolo, di governo umano. Questo riguarda investire le risorse dello stato in programmi sociali molto efficaci — non solamente limitando quei programmi alla salute ed all’istruzione, ma estendendoli ai bisogni culturali ed alla formazione al lavoro .

“Mission Vuelvan Caras [‘Testa coda’] è una delle missioni più importanti. La questione di sostenere le cooperative, i media delle comunità, queste sono cose che penso in precedenza nessun governo abbia veramente fatto su scala popolare. E vi sono veramente dei cambiamenti radicali che hanno luogo in Venezuela, come negli alloggi e negli alimentari finanziati dal Mercal.

“Anche i Consigli Comunali sono cruciali. Fanno parte di fare diventare legge la costituzione. La costituzione venezuelana è una delle costituzioni più progressiste al mondo, specialmente nel settore dei diritti umani. La costituzione come documento sta in piedi bene, ma non è efficace a meno che non vi sia una legislazione che metta in pratica quei diritti.

“In questo modo, la Legge dei Consigli Comunali è una delle garanzie che quei diritti alla partecipazione socio-politica ed economica vengano attuati. I Consigli Comunali sono un modo incredibilmente innovativo ed efficace per far coinvolgere la gente a tutti i livelli, dai più locali ai più nazionali — per procurare al popolo gli strumenti e la legislazione che assicureranno la supervisione popolare del governo”.

GLW ha chiesto alla Golinger cosa pensava che gli australiani dovessero sapere sull’importanza della solidarietà con il Venezuela. Lei ha spiegato che la solidarietà internazionale è “assolutamente essenziale” perché “il Venezuela è sotto attacco — un attacco molto serio — da parte del governo USA. [Gli USA] a livello internazionale cercano di creare nel pubblico l’opinione che il Venezuela sia uno ‘stato terrorista’ — oppure sulla strada di diventarlo — e che sia una società repressiva.

“Posso affermare con certezza, essendo appena tornata dagli Stati Uniti, che proprio ora gli stessi USA sono uno stato estremamente repressivo. Lo sono veramente. E’ spaventoso. Vi sono sempre più prigionieri politici — persone che vengono incarcerate per attivismo politico. Vi sono crescenti controlli sulla libertà di parola. Persino entrando nel paese, i controlli all’aeroporto sono eccessivi e quindi andare da città a città [è difficile]. E’ del tutto esagerato. Il governo ha violato la costituzione USA in maniera incredibile”.

Il Venezuela ha bisogno di solidarietà contro gli attacchi degli USA, “ma anche di incrementare scambi tra i gruppi che organizzano la base popolare ed i movimenti sociali, perché quello che sta accadendo qui è molto interessante per il cambiamento mondiale. E quando parliamo della caduta dell’impero USA, o di salvare l’umanità, che sono due dei maggiori temi dei quali parla sempre Chavez, non si può salvare l’umanità senza costruire la solidarietà internazionale. I venezuelani non possono farlo da soli, neppure possono [da soli] provocare la caduta dell’impero. Noi parliamo di salvare le nostre diverse nazioni e popoli; può essere fatto solamente con una prospettiva internazionalista.

“La politica estera venezuelana sull’integrazione [internazionale], non solamente in America Latina ma su scala mondiale, è uno dei modi fondamentali con i quali il Venezuela contribuisce a creare questo tipo di solidarietà. E’ tra i governi, ma è anche tra i popoli. Ed è necessario che più gente sappia cosa sta accadendo qui.

“Rifiuta anche questo concetto che l’America Latina sia una parte sottosviluppata del mondo. Abbiamo qui delle politiche sociali che sono più sviluppate che in molte nazioni della comunità mondiale — più che negli USA, per esempio. Più democrazia, ad esempio …

“Una delle cose più importanti per il popolo degli USA — e mi permetterei di dire anche dell’Australia — è di vedere come è cambiata la società in Venezuela e come il popolo, principalmente la gente povera, ha completamente cambiato la struttura del governo qui ad un livello di società locale. E questo è ancora un paese capitalista.

“Era una società molto consumista, e molto apatica, con una popolazione largamente esclusa e marginalizzata. Questo è cambiato … Questo è ora un paese dove la gente è consapevole dei propri diritti. Conoscono la politica, sanno cosa succede tutti i giorni, perché la gente guarda le news. Non si preoccupano tanto di roba frivola alla TV come erano abituati. Sono consapevoli ed attivi — nella loro vita quotidiana e coinvolti nel realizzare il cambiamento. In quel senso è un’ispirazione e dimostra anche che la gente comune può fare cambiamenti veramente in grande.

“Così, la solidarietà internazionale è importante per tutte queste ragioni. Vi sono molti altri paesi che hanno bisogno di fare cambiamenti come questo. E vi sono movimenti di gente che sta cercando [di fare tali cambiamenti], ma non hanno ancora il potere … Ma il Venezuela è un primo esempio, per tutti, che il popolo può prendere il potere, e con questo può fare grandi cose”.

Versione originale:

Jim McIlroy & Coral Wynter
Fonte: http://www.greenleft.org.au/
Link: http://www.greenleft.org.au/2006/692/35922
23.11.2006

Versione Italiana

Fonte: http://freebooter.interfree.it/
Link: http://freebooter.interfree.it/pcp.htm

Pubblicato da Davide