Home / ComeDonChisciotte / EURO GLOBALISTI: CHIUNQUE RESISTA ALLA UE E' UN TERRORISTA

EURO GLOBALISTI: CHIUNQUE RESISTA ALLA UE E' UN TERRORISTA

DI STEVE WATSON
Prison Planet

Grandi manovre per rinforzare il potere della UE programmata per questa settimana

Le manovre per demolire la sovranità nazionale ed amplificare il potere della UE molte, molte volte di più attualmente sono in pieno fervore mentre coloro che mettono persino in dubbio la centralizzazione sono stati bollati come ‘terroristi’.

Come riportato ieri dal Sunday Express, (1) ad una conferenza stampa a Siena il presidente italiano Giorgio Napolitano ha detto che “coloro che sono anti-UE sono dei terroristi’.

Ha attaccato gli euroscettici che avvertono che il promesso nuovo trattato europeo oltrepasserà i limiti nell’erodere i poteri degli stati membri, dicendo: “Prospettare lo spettro di un superstato europeo è terrorismo psicologico “.

Era presente con Napolitano anche il presidente tedesco Horst Kohler che ha accennato in accordo con i commenti del capo di stato italiano.Il presidente Kohler ha pure descritto le tattiche degli euroscettici come “campagne populiste e demagogiche”.

Le parole dei due uomini sono state viste da molti in Germania ed Italia come un tentativo sottilmente velato di collegare l’euroscetticismo alla demagogia ed al populismo dei regimi fascisti di Adolf Hitler e Benito Mussolini.

In realtà la manovra verso un superstato centralizzato in Europa che sostituisce funzionari eletti nazionalmente su praticamente tutti gli aspetti di governo rispecchia esattamente la visione di Hitler per l’Europa negli anni ’30.

Così ora sei un fascista se tenti di resistere al fascismo.

I ministri degli esteri della UE si sono riuniti in Lussemburgo prima del summit della UE di giovedì per negoziare di nascosto il compimento di aree della costituzione della UE a dispetto del suo generale rifiuto da parte degli elettori nel 2005. Ci si aspetta che Tony Blair, nel suo ultimo atto come primo ministro britannico, firmi il trattato che risusciterà settori chiave della costituzione respinta.

Sebbene il trattato, programmato per essere attuato prima del 2009, (2) venga propagandato come una “carta dei diritti fondamentali”, in realtà i diritti di voto della Gran Bretagna sarebbero ridotti di un terzo in base allo schema ed il veto conquistato con fatica sulle direttive europee sarebbe strappato, sopprimendo la facoltà di decidere di non partecipare alle leggi UE. La Gran Bretagna perderebbe anche il diritto di imporre quote sull’immigrazione. La maggioranza delle altre nazioni della UE non hanno neppure mai avuto tali privilegi dall’inizio.

Nel frattempo, il primo ministro subentrante Gordon Brown (3) viene acclamato come un eroe perché ha detto che intende dare al popolo britannico voce nella materia! Il popolo britannico praticamente ora supplica che Brown prenda il posto di Blair completamente ignaro del fatto che i due siano piselli dello stesso baccello globalista. (4)

Delle autorevoli fonti governative britanniche hanno avvisato (5) che il nuovo trattato premerà forte perché a Bruxelles sia dato un presidente non eletto a tempo pieno, che servirebbe in carica per cinque anni e parlerebbe come la voce dell’Europa sulla scena mondiale.

Secondo quanto riferito, Tony Blair è il candidato di successo per tale ruolo dopo che è intervenuto a degli incontri (6) che sono stati tenuti segreti per negoziare la manovra. Non sarà perciò una sorpresa vedere cedere con la firma la sovranità nazionale all’ente dove viene spinto perché ne prenda il controllo permanente.

Il nuovo trattato rende chiaro che la UE acquisirebbe ancora una “personalità giuridica singola” – un tentativo di dare collettivamente alla UE più peso sulla scena mondiale e permettere ad essa persino di rappresentare in gruppo gli stati membri all’ONU.

Chiunque dubiti che l’autorità sulla legge e la giustizia penale non venga ceduta firmando un documento dovrebbe notare che la scorsa settimana la Gran Bretagna ha ratificato l’impegno al database del DNA della polizia UE, (7) consegnando a Bruxelles l’accesso ai dati sul DNA e le impronte digitali ed i dettagli sul registro dei veicoli e delle licenze di guida.

Da molto tempo la UE viene utilizzata come uno strumento della globalizzazione e ha ora raggiunto il punto al quale è diventata un governo federale sopranazionale per l’Europa. Negli anni, quello che veniva originariamente venduto come un semplice trattato di libero commercio è lentamente stato costruito dalla base alla cima in una autorità monolitica onnicomprensiva sull’intera regione.

I settori che ora cerca di dominare includono anche la sanità, la politica sociale, i trasporti, la giustizia, l’agricoltura, la pesca, l’energia, la coesione economica e sociale, l’ambiente, il commercio interno ed esterno e la difesa dei consumatori.

Con una manovra radicale che ha in modo sorprendente raccolto poca attenzione, lo scorso mese gli Stati Uniti e la UE hanno firmato una nuova associazione economica transatlantica (8) che vedrà “armonizzati” gli standard regolatori e che getterà le basi per la fusione degli USA e della UE in un singolo mercato, un enorme passo sulla rotta di un nuovo ordine mondiale globalizzato.

In modo simile alla UE, le misure per una Unione Nord Americana come la NAFTA ed il GATT al principio sono stati venduti come accordi di libero commercio. Mentre il tempo passava siamo stati testimoni della nascita della “Associazione per la sicurezza e la prosperità”, (9)un trattato, che rappresenta molto più di un semplice accordo economico, tra i leader di USA, Messico e Canada che è stato pattuito senza la supervisione del Congresso.

Documenti ottenuti in base al FOIA (10) dimostrano che una ampia gamma di leggi amministrative USA vengono riscritte di nascosto in base a questo programma per “integrarsi” ed “armonizzarsi” con le leggi amministrative del Messico e del Canada, proprio come è diventato normale nella UE.

I proponenti e gli architetti di un unico ordine mondiale hanno lavorato a lungo e duramente dietro le scene per un lungo tempo premendo per una graduale erosione della sovranità nazionale tramite una armonizzazione di tutti i settori della vita, economica, sociale, culturale ed ambientale.

Tale armonizzazione ed eliminazione della diversità (11) è l’unico modo per massimizzare il profitto di pochi a spese di molti, mantenendo intanto stretti controlli sulla società nel suo complesso per un lungo perdurare di quello status quo.

Le elite corporative globali sono le uniche che beneficeranno da ciò che è essenzialmente sbarazzarsi del libero mercato ed eliminare la concorrenza economica tra le nazioni.

Note:

1) http://www.prisonplanet.com/articles/june2007/180607Opponents.htm
2) http://www.eupolitix.com/

3) http://www.prisonplanet.com/articles/june2007/180607Brown.htm
4) http://infowars.net/articles/may2007/170507_Gordon_Brown.htm
5) http://infowars.net/articles/february2007/260207Blair.htm
6) http://infowars.net/articles/june2007/170607meeting.htm
7) http://www.infowars.net/articles/june2007/120607_b_database.htm
8) http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/europe/6607757.stm
9) http://www.spp.gov/
10) http://www.worldnetdaily.com/news/article.asp?ARTICLE_ID=52164
11) http://www.worldaffairsbrief.com/keytopics/EU.shtml

Versione originale:

Steve Watson
Fonte: http://www.prisonplanet.com
Link: http://www.prisonplanet.com/articles/june2007/180607terrorists.htm
18.06.2007

Versione italiana:

Fonte: http://freebooter.interfree.it/
Link: http://freebooter.interfree.it/eugit.htm

Traduzione a cura di Freebooter

Pubblicato da Davide