Home / ComeDonChisciotte / EURO-CRAC: COME PER LA MAFIA SEGUITE I SOLDI E CAPIRETE TUTTO

EURO-CRAC: COME PER LA MAFIA SEGUITE I SOLDI E CAPIRETE TUTTO

DI COLIN WARD e CRITICAL MESS
dagospia.com

Che senso ha l’interminabile teatrino di summit e dichiarazioni sull’Eurozona da parte dei cosiddetti governanti? Soprattutto, è davvero un teatrino? Ma davvero i famosi mercati, ai quali in passato è stato scioccamente affidato il ruolo di “misura di tutte le cose”, approfittano delle lentezze e delle divisioni politiche per piazzare i loro colpi miliardari?

A guardare anche solo i dati ufficiali dei capitali depositati presso la Bce, si capisce che non c’è nessun teatrino. Come per le indagini di mafia, seguite il movimento dei soldi e capirete tutto.
Oggi ci aiuta molto bene la Repubblica degli Illuminati: “Capitali in fuga verso Berlino. Da Madrid 70 miliardi ogni mese, ma l’Italia frena l’emorragia”. Al di là del titolo (parzialmente) tranquillizzante per l’Italia, nel pezzo di Maurizio Ricci è spiegato benissimo chi vince e chi perde al giochetto delle euro-supposte. “Il rumore, dice qualche operatore, è quello di un gigantesco risucchio. (…) La fuga di capitali riguarda tutti i paesi deboli, Italia compresa, ma nelle ultime settimane ha assunto un ritmo esasperato in Spagna. Secondo alcune stime, fra marzo e oggi, l’emorragia di euro che sta fiaccando Madrid ha raggiunto i 70 miliardi al mese. Gli analisti di una grande banca come Credit Suisse valutano che, se proseguisse per tutto il 2012, raggiungerebbe i 500 milioni di euro” (In realtà 500 miliardi di euro, nota CdC ). Insomma, metà del Pil spagnolo migrerebbe all’estero.

E dove vanno tutti questi denari? A Santo Domingo insieme a quelli di Dell’Utri? Ancora un po’ di pazienza. Il fenomeno spagnolo si replica anche da noi: “Da marzo, 47 miliardi di euro in titoli a medio e lungo termine sono svaniti oltre frontiera. In realtà, nelle ultime settimane, la situazione si è stabilizzata e il deflusso dei capitali, notano gli analisti della banca svizzera, è molto rallentato, mentre si avvitava la crisi spagnola”. Bene, la principale destinazione non sono i paradisi fiscali, ma la Germania. “Dallo scorso autunno la Bundesbank ha accumulato un enorme attivo, a cui fanno da contraltare il boom dei passivi contabili della Banca di Spagna e di quella dI’Italia”.

Seguono le cifre dei rapporti fra le banche dei singoli paesi, con la conferma che “i capitali fuggono dall’Italia e dalla Spagna verso la Germania e lì si fermano, senza più tornare indietro, sotto forma di prestiti bancari”. Le banche italiane hanno 281 miliardi di prestiti e 12 miliardi di depositi presso la Bce. Le banche tedesche hanno preso 80 miliardi di prestiti e hanno accumulato 275 miliardi in deposito.

Ecco il risucchio dei soldi da Nord a Sud. Ecco che succede nei forzieri delle banche mentre la Merkel dice di no a tutto. A questo punto bisognerebbe saperne cogliere le conseguenze politiche. O almeno farsi qualche domanda. I tagli al bilancio pubblico e l’imposizione di sempre nuove tasse sono per caso uno stimolo alla fuga dei capitali? E i vari Draghi e Rigor Montis, insieme alle parole d’ordine come “spread”, “sobrietà” e “spending review”, sono per caso quelli che ti tengono fermo o ti distraggono mentre operano i manolesta?

Se il punto vero è questo, ovvero il risucchio della ricchezza di intere nazioni, non meritava di essere nascosta in un trafiletto nelle pagine economiche questa notizia: “Nel primo semestre del 2012 gli italiani hanno comprato più case all’estero che in Italia” (Corriere, p. 27). A fine anno, gli italiani che avranno preso casa oltrefrontiera saranno 40 mila. Sempre in testa Londra, pur costosa, per le migliori condizioni fiscali.

In attesa dell’agguato finale di agosto, titoloni sulla Spagna, in modo da preparare il campo a nuovi “sacrifici”. La Repubblica degli Illuminati sempre in prima linea nella nobile semina: “Spagna nell’abisso. ‘Finiti i soldi, siamo al crac” (p.1). “Schauble: a rischio altri Paesi. Grilli: noi con le carte in regola” (p. 3).

Sarà, ma intanto abbiamo altro di cui vantarsi: “Tasse, l’Italia prima al mondo. Pressione al 55%. La Confcommercio: battiamo il Nord Europa” (Stampa, p. 1). Protesta a tutta prima perfino il Messaggero di Calta-riccone: “In Italia il record di tasse”. Ancora terrorismo dal Giornale: “L’ultimo regalo della Merkel: è in arrivo una patrimoniale. L’ipotesi tedesca per i Paesi con debito alto è un prelievo forzoso sopra i 250 mila euro” (p. 29).

Colin Ward e Critical Mass
Fonte: http://www.dagospia.com/
Link: http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/1-euro-crac-come-per-la-mafia-seguite-il-movimento-dei-soldi-e-capirete-41791.htm
21.07.2012

Pubblicato da Davide

  • Nauseato

    Grilli: noi con le carte in regola

    A parte qualsiasi altra questione, dove è che ho già sentito questo nastro ?..
    Con la differenza che detto da Tremonti faceva ridere. Detto da uno con la faccia di Grilli non riesce nemmeno a far ridere.

  • consulfin

    quelli che ti tengono fermo o ti distraggono mentre operano i manolesta
    Forse è l’immagine che mancava. Complimenti per la metafora. …Metafora?!