ENTRO IL 2030 LA DOMANDA DI TERRE RARE ALL’INTERNO DELL’UNIONE EUROPEA AUMENTERÀ DI SEI VOLTE E DI SETTE VOLTE ENTRO IL 2050

Le prossime guerre potrebbero essere scatenate dall’ambizione di possedere le cosiddette terre rare, e potrebbero essere soprattutto guerre ambientali (devastazione di aree attraverso catastrofi indotte dall’ambiente), per eliminare altri interessi nella zona. La ricerca di cobalto, argento, nichel e rame sta partendo in Piemonte che ha rinnovato la licenza di esplorazione all’australiana Altamin Limited. Il progetto riguarda l’area di Punta Corna, nel comune di Usseglio e quella di Balme. Un sito attivo nella metà del 1700 e definito “la più grossa miniera di cobalto d’Europa”. Altamin si iscrive anche alla corsa al litio nel sottosuolo laziale. Ha presentato alla regione Lazio ben quattro istanze di permesso di ricerca mineraria, denominate “Campagnano”, “Galeria”, “Latera” e “Ferento”. Assieme coprono oltre 10mila ettari, circa 14500 campi da calcio.  La caccia alle terre rare è iniziata, e la regione Lazio affida il suo litio alla multinazionale australiana. 

L’Italia riapre le miniere: ecco dove si trovano

Nel nostro Paese è caccia su tutto il territorio alle materie prime critiche come il litio, essenziali per non dipendere dalla Cina nella transizione ecologica.

 Entro il 2030 la domanda di terre rare all’interno dell’Unione europea aumenterà di sei volte e di sette volte entro il 2050, ma nel mercato di questi metalli, essenziali per lo sviluppo della tecnologia che potrà permettere la transizione energetica, la posizione dell’Europa è di dipendenza da altri Paesi, soprattutto la Cina, che ha il predominio su quasi tutta la filiera dall’estrazione all’esportazione. Per questo Bruxelles ha predisposto un piano per l’estrazione di quelle che chiama “materie prime critiche” e l’Italia sta riaprendo giacimenti mai sfruttati in passato, ma che oggi acquisiscono tutto un altro valore.

L’Italia scava in cerca di terre rare: quali sono

La Commissione europea considera “materie prime critiche” una trentina di elementi tra i quali litio, cobalto, gallio, germanio, tungsteno, antimonio, berillio, grafite e vanadio (qui il nostro approfondimento sulla strategia dell’Unione europea in merito alle “materie prime critiche”). Si tratta di materiali fondamentali per la tecnologia applicata in maniera particolare alla transizione ecologica, verso la quale si sta dirigendo il futuro di diversi settori dell’industria, dall’energia alle automobili (qui avevamo spiegato cosa sono le terre rare dopo la scoperta del maxi giacimento in Svezia).

Questo tipo di metalli hanno in comune di trovarsi sulla Terra in quantità limitate e di avere però delle proprietà necessarie per la produzione, ad esempio, di componenti per turbine eoliche, pannelli fotovoltaici e batterie. Per questo sono diventati materiali ormai sempre più ricercati, specialmente il litio la cui domanda crescerà a livello mondiale di dodici volte entro il 2030 e di venti volte entro il 2050.

La scommessa dell’Unione europea di mettere al bando la vendita delle automobili con motori a benzina e diesel entro dal 2035 si scontra con la scarsità di questo elemento, fondamentale per la realizzazione delle batterie per i veicoli elettrici.

Rispetto alle batterie tradizionali, quelle agli ioni di litio, infatti, nonostante un ingombro e un peso ridotto, garantiscono una maggior durata, affidabilità e minor tempo di ricarica (qui abbiamo spiegato le contraddizioni delle terre rare tra inquinamento per la loro estrazione e l’importanza nella transizione ecologica).

Nel mondo i maggiori produttori di questa materia prima sono l’Australia, che da sola rappresenta il 52% della produzione di litio, il Cile (25%) e la Cina (15%). Senza una filiera interna di questo metallo le case automobilistiche europee sono destinate a soccombere di fronte ai concorrenti cinesi che possono contare sul controllo del 60% della lavorazione di questa materia su scala globale.

Nella corsa per il dominio della produzione di batterie per lo sviluppo tecnologico, il Dragone può contare anche su oltre il 70% dei diritti di estrazione del cobalto in Congo, Paese dal quale derivano circa la metà di tutte le forniture di questa materia prima ancora più preziosa del litio in quanto necessaria per il funzionamento degli smartphone, computer e tanti altri dispositivi, usati anche nell’industria delle auto elettriche.

L’Italia scava in cerca di terre rare: la mappatura

Eppure questi elementi così richiesti, almeno 15 sui 34 elencati dall’Unione europea, sarebbero presenti in grande quantità anche in Italia, in giacimenti già individuati in passato ma mai sfruttati.

Secondo una prima rilevazione dell’Ispra, che sta portando avanti la mappatura delle miniere più ricercate anche per conto di Bruxelles, nel nostro territorio ci sarebbero oltre 3mila siti di questi materiali: il litio, ad esempio, si trova soprattutto nell’Alto Lazio, nelle aree vulcaniche come quella del Lago di Bracciano, fino ad arrivare alla Campania, ai Campi Flegrei.

Il cobalto, oltre che nel Lazio, veniva invece estratto un tempo in Piemonte, a Punta Corna (in provincia di Torino) e utilizzato nel settore della ceramica.

L’obiettivo del Governo, tramite l’istituzione del “Tavolo Tecnico delle materie prime critiche” coordinato dal ministero delle Imprese e da quello dell’Ambiente, è quello di recuperare queste risorse per affrancare l’Italia dalla dipendenza di colossi come la Cina nella rincorsa alla transizione ecologica.

https://quifinanza.it/economia/video/litalia-riapre-miniere-ecco-dove-si-trovano/701902/

Possono scavare quanto vogliono e distruggere le aree in questione, ma non sarà sufficiente per i loro folli piani di una Agenda Verde che è verde scuro, molto scuro. 

L’analisi dettagliata presentata qui di seguito – stranamente questo calcolo necessario è urgente ma non sembra essere ancora stato effettuato, sebbene sia essenziale in un programma di trasformazione globale massiccio come quello in corso – è stata condotta da F. William Engdahl, consulente e docente di rischio strategico, laureato in politica all’Università di Princeton e autore di best-seller sul petrolio e sulla geopolitica. I risultati dell’ indagine sono da far rizzare i capelli. 

IL WEF DI DAVOS PROPUGNA UN’AGENDA VERDE A ZERO CO2 IMPOSSIBILE DA REALIZZARE


FONTE: https://www.nogeoingegneria.com/motivazioni/risorse/entro-il-2030-la-domanda-di-terre-rare-allinterno-dellunione-europea-aumentera-di-sei-volte-e-di-sette-volte-entro-il-2050/

13.06.2023

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix