Home / ComeDonChisciotte / EMERGENZA CALIFORNIA: LA POLVERIERA CHE PUO' FAR SALTARE GLI USA

EMERGENZA CALIFORNIA: LA POLVERIERA CHE PUO' FAR SALTARE GLI USA

Arnold Schwarzenegger, governatore della California e i dati del deficit.

DI MANUEL FREYTAS

iarnoticias.com

La crisi con la recessione e la disoccupazione di massa che si espande attraverso la maggior parte delle regioni del primo potere imperiale, colpisce duramente in California, il più grande stato dell’Unione, l’equivalente della settima economia mondiale già di fronte ad un potenziale quadro di scioperi e proteste sociali. In questo scenario, in California (per l’importanza strategica della sua economia), comprende un primo modulo sperimentale di “adeguamento selvaggio”, che minaccia di estendersi ad altri Stati membri, con il crollo delle loro economie, i numeri in rosso.

Quello che sembrava impensabile fino ad ora, sta già avvenendo: gli “aggiustamenti strutturali”, che storicamente sono stati esportati dal FMI (il poliziotto finanziario globale) ai paesi sottosviluppati di Asia, Africa e America latina, è emerso come uno strano paradosso della storia, alla prima potenza imperiale.
Mentre l’amministrazione di Obama, e le agenzie finanziare degli USA divulgano ogni tipo di teoria e di pronostici “speranzosi” su un ipotetico e pronto “recupero”, i veri numeri mostrano che (mentre fiorisce la speculazione finanziaria a Wall Street), la prima economia imperiale è entrata in un collasso generale di tutte le sue variabili.

È interessante, costretto dalla debacle economica e uno storico deficit di bilancio, l’Impero è costretto ad attuare le proprie ricette a casa per affrontare una crisi che ha già portato una crisi sociale della disoccupazione e licenziamenti di massa che si verificano in tutto il territorio statunitense.

Così come la crisi finanziaria ha costretto a rompere con il “libero mercato” (da parte dello Stato che interviene nel salvataggio di capitali privati), la caduta recessiva e lo scoppio del deficit fiscale impone alla prima potenza di attuare i tagli nella spesa sociale della propria popolazione, che paga sulla propria pelle il costo sociale del crollo dell’economia.
Lo stesso impero che ha messo 4mila miliardi di $ di fondi statali (imposte pagate da tutta la società) per il salvataggio di banche ed imprese private fallite con la crisi, ora in California il primo modulo sperimentale, si appresta a ridurre la spesa per i più poveri e più vulnerabili della popolazione statunitense.

Insensibile alla conseguente crisi sociale, l’attuale amministrazione prevede di “ridurre” la spesa dello Stato in programmi e piani vitali per la sopravvivenza della maggioranza di coloro che soffrono di più, in modo più cruento l’impatto del collasso economico.
In questo scenario, in California, con un livello record di disoccupazione per l’intero paese, si configura come il primo laboratorio sperimentale di un “adeguamento selvaggio” in puro stile di quelli applicati nella periferia sottosviluppata di Asia, Africa e America Latina.

Il Congresso della California ha approvato venerdì, dopo quasi 20 ore di votazioni, un piano di bilancio che prevede tagli drastici nei programmi sociali volti a combattere un disavanzo stimato a più di 26.000 milioni di $ nei prossimi due anni.

I problemi fiscali del rosso fiscale della California, che ha un tasso di disoccupazione del 11,6% (record Usa), si è approfondito quest’anno per gli effetti della recessione che ha colpito Stati Uniti, lasciando ai margini del fallimento uno Stato dell’Unione che è l’equivalente della settima economia del mondo.
L’importanza strategica della California nella prima economia imperiale, che è lo Stato con la maggiore popolazione (38 milioni) e del PIL (1,84 trilioni di dollari, che rappresenta il 13,3% di tutti gli Stati Uniti Secondo i dati dal 2008). Se si trattasse di un paese indipendente sarebbe tra le prime sette potenze del mondo.

La California (una regione del Messico rubata nel 1848 e annessa al nascente Impero USA), ha una popolazione di 38 milioni di abitanti e si estende su una superficie di 410.000 km², ed è diventato il più popoloso stato degli Stati Uniti e il terzo più grande (dopo l’Alaska e Texas).
Del totale della popolazione della California, il 42,8% sono bianchi non-ispanici, 35,9% sono ispanici o Latini di qualsiasi razza, il 12,3% sono asiatici, e il 6,2% sono neri o Afro-Americani.
Questo dettaglio assume un significato particolare alla luce di un altro fatto: più di 4 milioni di Californiani vivono al di sotto della soglia di povertà.

I dati presentati dalla California Budget Project (CBP), un’ organizzazione no-profit specializzata in analisi per la formulazione di politiche, mostrano che il numero dei Californiani il cui reddito è al di sotto della povertà a livello federale, è aumentato di quasi 4,6 milioni nel 2007 (12,7 per cento della popolazione).
Altri dati ufficiali mostrano che la tendenza a ribassare i redditi ed aumentare gli indici di povertà continua durante il 2009, e mostrano come il livello di disoccupazione degli ultimi 20 mesi è aumentato fino a raggiungere un record in comparazione agli altri Stati Federali.

Il direttore del Centro Homeless Bakersfield (per persone senza fissa dimora), in California, ha indicato che vi è stato un aumento di famiglie senzatetto che arrivano e bussano alle loro porte a causa della crisi economica-recessiva… “L’anno scorso abbiamo avuto un incremento del 34% del numero di famiglie senza tetto e un aumento del 24% dei bambini in strada”, ha detto.
Il pacchetto di adeguamenti selvaggi approvato dal Congresso il Venerdì in California, come descrive la stampa americana, si compone di 31 leggi che impongono profondi tagli di spesa e l’utilizzo di fondi per consentire alle amministrazioni locali per bilanciare i libri del primo Stato dell’Unione.

A Sacramento, la capitale dello stato della California, un campo per i senzatetto.
Una prima proiezione dei drastici tagli della spesa sociale approvati prevede licenziamenti e tagli salariali per i dipendenti pubblici, licenziamenti, un congedo non retribuito, sistemi di pensionamento anticipato, la riduzione dei fondi per i pensionati, l’istruzione e la sanità pubblica, e la riduzione dei programmi per alleviare la fame e la povertà, e in California, è stato registrato il tasso più elevato negli Stati Uniti.

Tra i tagli programmati dall’ “adeguamento selvaggio” si evidenziano 1.300 milioni di $ in meno per il programma di salute per le famiglie povere, e circa 124 milioni di $ in meno per l’assicurazione sulla malattia di più di 900.000 bambini in famiglie con basso reddito.

I legislatori argomentano le misure estrema perché lo stato della California ha registrato un tasso di disoccupazione a due cifre che ha ridotto il gettito delle imposte sul reddito delle persone fisiche, la principale fonte di denaro per quanto riguarda il sistema fiscale.
Il tasso di disoccupazione in California è stato l’ 11,6% nel mese di giugno, con un aumento del 7,1% rispetto allo stesso periodo del 2008.

Il New York Times ha detto il mercoledì che in California e in molti altri Stati membri, “a una su cinque persone piacerebbe lavorare giornate complete, ma non può.”
Il tasso ufficiale di disoccupazione in tutti gli Stati Uniti è pari a circa il 9,5%, ma secondo il Times, non comprende coloro che hanno smesso di cercare lavoro e di coloro che sono stati costretti a ridurre il loro orario di lavoro.
Secondo questo scenario, se disoccupati e sotto-impiegati fossero inclusi nelle statistiche ufficiali, il tasso di disoccupazione reale in California, dice il Times, salirebbe al 20,3%.

Secondo l’influente quotidiano di New York, nello Stato dell’ Oregon, il tasso è di circa il 23,5% nel Michigan e Rhode Island, 21,5% e nel Sud Carolina, del 20,5%. La cifra nel Tennessee sarebbe un po’ meno del 20%, come in Nevada e altri Stati che hanno fatto affidamento sulla produzione e il settore degli alloggi”.

Da parte sua, il Centro per lo studio del mercato del lavoro (Labour Market Studies) presso la Northeastern University di Boston pone l’attuale tasso di disoccupazione al 18,2%, al di sopra delle cifre ufficiali.
John Williams dell’ organizzazione Shadow Government Statistics mette il tasso di disoccupazione alternativa” al 20,6%. Altri analisti stimano il tasso di disoccupazione reale degli Stati Uniti è al 18,7% attuale.

Secondo David Rosenberg, ex capo di economia degli Stati Uniti presso Merrill Lynch: “Le cifre ufficiali relative ai disoccupati durante la recessione sono raddoppiate per raggiungere 14 milioni, tenendo conto di tutta la fragilità che esiste sul mercato lavoro, le cifre ufficiose raggiungono quasi 30 milioni, il che significa un altro record.”
Nello stato del Texas, che ha la più alta percentuale di persone senza assicurazione, circa 866.000 persone hanno perduto la copertura assicurativa sanitaria.
In Florida, oltre 3.500 persone alla settimana stanno perdendo la copertura sanitaria a New York, 2500, in Illinois e Georgia, 1600, 1200 nel New Jersey e nel Michigan, poco più di 1.000 persone a settimana.

In questo scenario, la California, con un livello record di disoccupazione per l’intero paese, si presenta come una polveriera sociale che sta per esplodere sulla scena della crisi recessiva degli Stati Uniti.

L’organizzazione sociale Famiglie Stati Uniti d’America ha stimato che nel periodo da gennaio 2008 a dicembre 2010, 995.000 persone nello stato della California, perderanno la loro assicurazione sanitaria.

La California non poteva sfuggire allo scoppio della bolla immobiliare degli Stati Uniti che ha avuto inizio nel 2006 e, dalla vetta più alta, nel marzo 2009, i prezzi sono scesi del 27,4%, in base alle relazioni ufficiali, che indicano che questo declino è il più pronunciato in tutto il paese. La debacle di costruzione (sia residenziale e terziario) ha elevato la California alla maggiore recessione dopo la Grande Depressione.

Le tensioni sociali generate dalla crescente disoccupazione, il degrado dei salari e la riduzione della capacità di consumo, alimenta e aggrava la condizione di frustrazione collettiva, con la conseguente perdita di fiducia nei funzionari incoraggia gli scioperi e le proteste sociali già si profilano come una minaccia nel primo Stato dell’Unione.
Il nuovo bilancio approvato Venerdì prevede di ridurre le spese per l’istruzione, la sicurezza, le carceri, i parchi, la sanità e altri servizi, e crea disagio dei cittadini, dice un articolo del quotidiano USA Today.

Secondo la stampa di questo fine settimana, nelle città e contee dello stato nordamericano più popoloso, crescono le proteste contro i tagli programmati per compensare il deficit di bilancio che affliggono l’economia, con estrema durezza.
Secondo il quotidiano USA Today, espressioni di rifiuto all’ “adeguamento selvaggio” raggiungono diversi sindaci né approvato l’abolizione dei fondi comunali, al fine di affrontare con più di 26 miliardi di dollari il disavanzo.
Antonio Villaraigosa, sindaco della città di Los Angeles, avverte che la sua comunità lotterà per i tagli, mentre accompagnava centinaia di poliziotti per protestare contro i tagli delle risorse per la sicurezza pubblica.
Da parte sua, il sindaco di Santa Ana Miguel Pulido, ha qualificato un furto di alto livello il compromesso tra il Parlamento e il governatore Arnold Schwarzenegger.

Il quotidiano La Opinión dice che, data l’ampiezza e la portata dei tagli sociali, si preparano manifestazioni e raduni di organizzazioni sindacali rispetto al Congresso della California, situato a Sacramento.

I segnali sono chiari: la crisi finanziaria è diventata recessione e minaccia (a causa della massiccia disoccupazione) di diventare una crisi sociale di difficile prognosi negli Stati Uniti .
La crisi sociale (il risultato di un calo dei consumi e aumento di licenziamenti) è emersa come frutto di una crisi recessiva del lavoro esplosa su scala a seguito della crisi finanziaria negli Stati Uniti.
“Il mercato del lavoro degli Stati Uniti ha la peggiore performance dell’economia nel suo complesso, il che causa timori all’interno e al di fuori del governo, che potrebbe essere il risultato di un recupero senza posti di lavoro anche quando finirà la recessione”, ha detto La scorsa settimana The Wall Street Journal.

Salvare i ricchi e sommergere i poveri.

Senzatetto: famiglia ispanica di classe media che ha perso la sua casa a causa della crisi dei mutui.
In cambio degli “aggiustamenti strutturali” (con inizio sperimentale in California) che si avvicinano, gli Stati Uniti (con il denaro da imposte pagate da tutta la società) hanno utilizzato 4 miliardi di $ per il salvataggio delle banche e non banche dalla crisi finanziaria recessione.

Nel mese di aprile, la Commissione di Supervisione del Congresso Usa, incaricata di valutare i progressi del piano di riscatto finanziario approvato ad ottobre del 2008, stabiliì che il totale degli “aiuti”, prestiti e garanzie date fino a quella data alle banche e aziende fallite superavano i 4 miliardi di dollari (circa tre miliardi di euro)
L’Unione Europea (il complemento dell’Impero USA) da parte sua nel mese di aprile ha pubblicato un rapporto secondo il quale dal settembre 2008 più di 50 misure nazionali per stabilizzare il sistema finanziario per un valore totale di 4mila miliardi (circa 3mila miliardi di euro)

A questa somma siderale combinata di 8mila miliardi di dollari ( circa il 30% del PIL degli Stati Uniti e dell’ UE messi insieme) si dovrebbero aggiungere altri 3mila miliardi che, a quanto dicono gli esperti di Wall Street, dovranno sborsare a breve termine per rafforzare l’acquisto di “attivi tossici” (titoli finanziari falliti) la cui cifra finale a prezzo di mercato potrebbe superare il PIL degli USA e UE insieme.
Alcuni studiosi suggeriscono che il ritorno dei fondi mancanti per ripristinare la normalità per il sistema finanziario imperiale privato Usa-UE e la somma che deve essere utilizzata per salvare dal default le aziende del settore industriale e commerciale potrebbero superare i 45mila miliardi di dollari
Per avere un’idea di questa cifra, si deve rilevare che il PIL mondiale è di circa 65mila miliardi di $.

Tuttavia, nonostante il fatto che si tratta di un esborso senza precedenti nella storia moderna di fondi pubblici per salvare il sistema capitalista privato dal fallimento, i “riscatti” USA-UE finora non hanno avuto alcun risultato per risolvere la crisi finanziaria che, come effetto più immediato, contrae il credito, rallenta l’economia e il consumo, impatto sull’economia reale con fallimenti delle imprese e licenziamenti di massa dei lavoratori.
Si tratta, in breve, di una “socializzazione delle perdite” per sovvenzionare un nuovo ciclo di profitti privati, con lo Stato come uno strumento di esecuzione, il quale come megaconsorzio più forte (i vincitori della crisi) si fanno ingoiare ai più deboli, generando un nuovo processo di ristrutturazione e concentrazione del sistema capitalista.

Ma questo uso dei fondi pubblici per salvare il capitale privato da imposte pagate da tutta la società, è riuscito solo ad aggravare la crisi parallela che si è scatenata nel l’economia reale sia negli Stati Uniti che in Europa, e che si diffonde come un virus dalla periferia del mondo emergente o sottosviluppato.
E la crisi, come è storica del sistema capitalista, cadrà sulle spalle dei settori più vulnerabili della società, tanto nei paesi centrali delle nazioni sottosviluppate o emergenti che lo sovvenzioneranno con le imposte dei loro stipendi e dei prodotti che consumano.

Mentre lo stato imperiale USA-UE finanzia con denaro pubblico il riscatto del suo sistema capitalistico di sfruttamento, la crisi ha colpito in primo luogo l’anello più debole della società globale: i 3 miliardi di poveri (compresi 963 milioni di persone che soffrono la fame) e 190 milioni di disoccupati, registrato in situazione precaria prima del collasso finanziario nelle metropoli imperialiste.

Senzatetto a Sacramento
Come sta già avvenendo in California, e nei paesi centrali, mentre i loro Stati “salvano” il capitalismo privato, le principali vittime sono i segmenti più vulnerabili della società, che pagano le imposte attraverso i loro salari, e la massa dei lavoratori licenziati che vanno ad alimentare la base della crisi sociale che si profila per i paesi più poveri nella periferia europea.

Secondo l’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro), nel 2009 circa 50 milioni di persone in tutto il mondo potrebbero perdere il posto di lavoro a causa della crisi economica.

Secondo l’organizzazione nel mese di aprile, ha lasciato solo in Usa 3.600.000 lavoratori in strada, mentre si stima che entro la fine del 2009 si perderanno 50 milioni di posti di lavoro nel mondo a causa del collasso e della recessione globale.

Ma questa immagine della conseguente crisi sociale, non sembra influenzare la volontà dei leader e governanti del potere imperiale USA-UE che, invece di rilanciare la produzione e l’occupazione, ha già utilizzato 8 miliardi di $ per salvare il sistema finanziario sionista che ha depredato e spezzato l’ economia mondiale, con la “bolla finanziaria”.

Insensibile alle conseguente della crisi sociale (oltre la povertà e la disoccupazione su vasta scala che coinvolge i settori più vulnerabili della società globale), il sistema capitalista-sionista che egemonizza il controllo della coppia imperiale USA-UE è interessato solo a “salvare se stesso” indifferente agli sconvolgimenti sociali che ci attendono.

E in questo scenario, la California forma il primo modulo sperimentale di quello che attende alle maggioranze abbienti, sia dei paesi centrali come della periferia sottosviluppata ed emergente dell’Asia, Africa e America Latina.

Versione originale

Manuel Freytas
Fonte: www.iarnoticias.com
Link: http://www.iarnoticias.com/2009/secciones/norteamerica/0062_california_emergencia_27jul09.html
28.07.2009

Versione italiana

Fonte: http://www.vocidallastrada.com/
Link: http://www.vocidallastrada.com/2009/07/emergenza-california-la-polveriera-che.html
30.07.2009

Revisione della traduzione a cura di Comedonchisciotte

VEDI ANCHE: USA A RISCHIO DI ESPLOSIONI SOCIALI

Pubblicato da Davide

  • edoxxx

    Ma come?

    Che Obama apri il borsellino, che tiri fuori qualche miliardo di miliardo per salvare la California.

    Per le banche han fatto così.

    E qui si tirano indietro? Come mai?

    E’ così semplice, scrivono la cifra sul computer e il problema è risolto!

    Perchè non lo fanno?!?

  • AlbaKan

    [www.gamesprays.com]

  • rosacroce

    Fondi di disoccupazione della condizione che si esauriscono

    26 luglio 2009 (LPAC) – mentre la disoccupazione sale alle stelle e la base imponibile ristringe, i fondi di assicurazione contro la disoccupazione della condizione stanno trovandolo sempre più difficile soddisfare le esigenze dei disoccupati.
    Non solo le condizioni stanno funzionando dai fondi, ma l’elaborazione delle applicazioni della compensazione di disoccupazione sta ritardando drammaticamente. Il New York Times ha segnalato il 24 luglio che 16 stati, sfibranti i loro fondi, ora stanno pagando i benefici con soldi presi in prestito e che il numero potrebbe raddoppiarsi dall’estremità dell’anno.
    Circa 9.5 milione di persone ora stanno raccogliendo i benefici, su da soltanto 2.5 milione di persone in 2007 e la spesa della condizione si pensa che raggiunga quasi $100 miliardo, circa il triplo il livello di due anni fa.

    Tuttavia, l’aumento nella disoccupazione e nel calo nei benefici è soltanto una funzione di più grande, crollo accelerato dell’economia.
    In una discussione con i soci ieri, Lyndon LaRouche ha fissato il contesto:

    “Ora, appena indicare chiaramente: A partire da ora, l’esercizio fiscale degli Stati Uniti termina all’inizio ottobre.
    Quale significa che fra il dodicesimo ed il quindicesimo ottobre, che è dieci-giorno-più permesso per monkeying intorno,
    gli interi Stati Uniti, a partire da ora, stanno andando interrompere!
    Poiché, per esempio, un terzo dei disoccupati reali realmente sta ricevendo la compensazione. Coloro che sta ricevendolo, stanno ricevendolo in ritardo, due – tre settimane.
    I termini per assicurazione contro la disoccupazione sono svaniti. L’intera economia sta sprofondando.

    Siamo in una crisi di ripartizione, dove dobbiamo presupporre entro il decimo o il 15 ottobre, che il mondo sta andando interrompere.

    Le nazioni stanno andando cessare di funzionare, almeno molti di loro

    . Una delle nazioni, che, attualmente, sta circa per cessare di funzionare, in circa 60 giorni da oggi, o per avvicinarsi ai 60 giorni da oggi, sta andando essere gli Stati Uniti
    , in ogni divisorio. Abbiamo 48 condizioni, quella neppure nominalmente non stiamo funzionando, come governi. Abbiamo un presidente insano. Abbiamo pazzia…

    “Se non cambiamo la politica della presidenza degli Stati Uniti, nei 60 giorni prossimi, non sarete da nessuna parte!„

  • vainart

    MA CHI LO HA SCRITTO (O TRADOTTO) QUESTO ARTICOLO??
    65 MILIARDI DI $ IL PIL MONDIALE??? MA VAAAAAA!!!

  • duca

    Rosacroce, va bene usare il traduttore di google o simili, ma un minimo di editing e la citazione della fonte, magari…

    Saluti

  • duca

    Nell’uso di billion, trillion, in inglese, spagnolo etc. c’è una grande confusione: qui c’è il riferimento alle unità di Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Bilione

    Probabilmente si deve sostituire al termine “bilione” il termine “migliaia di miliardi” e così FORSE il testo comincia a “fare senso” ;o)

  • ROE

    La cosa più incredibile (apparentemente) è che il Governatore della California rifiuta di ricevere finanziamenti dall’estero per coprie il default. E lo ha fatto per due volte nel giro di 15 giorni. Ci sono le prove.

  • duca

    Terminator si ribella ai banchieri internazionali?

  • nessuno

    CRISI: OBAMA, USA STANNO PER VEDERE LA FINE DELLA RECESSIONE

    (ASCA-AFP) – Raleigh, 29 lug – Gli Stati Uniti stanno per uscire dalla recessione. Il messaggio di fiducia viene dal presidente Barack Obama, che ha parlato della crisi economica e finanziaria durante un discorso tenuto a Raleigh, nella Carolina del Nord. ”E’ vero che abbiamo arrestato la caduta libera. Il mercato si e’ ripreso e il sistema finanziario non e’ piu’ sull’orlo del collasso. Cosi’ potremo vedere presto l’inizio della fine della recessione”, ha detto il presidente.

    Obama assomiglia molto a berluscaz stessi annunci
    Si saranno messi d’accordo?

  • Eli

    Ah, è un traduttore! Ed io che pensavo fosse il fratello di myone!

  • nuunciaafamo

    una traduzione non realistica sulle cifre tende a rendere poco realistici anche i contenuti di fondo….

  • AlbaKan

    Nel sistema di numerazione decimale, equivale a un milione di milioni, cioè a mille miliardi (in Francia e USA, invece, bilion equivale a mille milioni, ovvero a un miliardo).
    …basta leggere il dizionario….non è difficile…
    😉

  • Truman

    Ho dato una sistemata. Adesso dovrebbe essere a posto.

  • Truman

    Prego segnalare eventuali errori residui. Ho rivisto tutte le cifre.

  • illupodeicieli

    E’ evidente che Obama è un pupazzo: illusi coloro che pensavano al miracolo se non muove un dito per dare una mano alla California.Conferma Obama, se non interviene, di non essere quella cima che tutti ,dopo le elezioni, indicavano.

  • LonanHista

    le cifre sono relative……sballate o reali che siano!!!!IL DATO DI FATTO è CHE IL PEGGIO DEVE VENIRE E SI AVRà PROPRIO QUANDO QUESTA FRANA, QUESTA DISCESA, QUESTA CRISI E RIDIMENSIONAMENTO DELLA RICCHEZZA(anche i capitalisti hanno visto ridursi i loro capitali)avpà toccato il fondo——e le masse povere e disoccupate NON RITROVERANNO NE IL LAVORO NE QUELLO CHE HANNO PERSO……ancora non c’è una percezione precisa DELLA SVOLTA EPOCALE IN ATTO….E FORSE NON CI SARà(LA PANDEMIA SUINA…DISTOGLIERà L’ATTENZIONE…E TRA l’altro sono stato il primo a scrivere nel forum di come don lo scorso aprile della “maiala” e della sua vera funzione..titolo ARRIVA LA MAIALA!!!!)…………..SVEJAAAA PECORONI….CHE VOLENDO-in Italia- POTREMMO EVITARE IL PEGGIO!!!!!……………………… ps. mettendoci di mezzo i sionisti si finisce per sminuire la vera natura del problema, DOVE ALLA FINE GLI EBREI SONO SOLO UN PRETESTO, come accadde con l’olocausto!..cioè tutti a dare addosso agli ebrei, mentre i veri figli di puttana hanno poco a che fare con i veri ebrei di Israele(e del resto del mondo)…

  • myone

    Obama ha detto che la crisi e’ quasi finita, un benzinaio sentodolo alla tv, scrollava la testa dicendo… ne parleremo a settembre.
    Un altro diceva che berlusca ha stanziato 4-miliardi di euro per la zona terremotati, ( o il sud? ) , e replicava: Ma dove sono? Dove li va a trovare?
    Ora io non so’, perche’ sono gia’ in bamba e ho il cervello sciolto.
    Dove siamo? di qui o di la?

  • myone

    …… ah ah ah ah , (4), si vede che sei una donna …smak

  • myone

    Io no so’, ma presumo, che la california, sia un colosso economico, di quelli che navigano sopra le righe, nei bisnes, nei lucri, e si appoggiano come multinazionali, dove i soldi girano, e non si producono,…… nel reale.

  • Tonguessy

    “Ora, appena indicare chiaramente:Quale significa che fra il dodicesimo ed il quindicesimo ottobre, che è dieci-giorno-più permesso per monkeying intorno,…”
    Cos’è che non capisci?

  • Tonguessy

    forse biglioni di $? Biliardi di €?

  • AlbaKan

    Ho dato una sistemata anche da me…grazie. 😉

  • rosacroce

    la fonte sono le notizie in inglese del sito di la rouche ,il discorso è di la rouche,credevo si capisse chiaramente.
    i dati sono confermati anche da altri studi.

  • Tonguessy

    Se mi posso permettere un consiglio: o posti la versione originale in inglese oppure sistemi la traduzione di Babylon (o qualsiasi altro interprete automatico). Così non si capisce molto…..
    Ciao

  • Pausania

    Cosa vuoi che faccia? Che faccia debiti per pagare debiti che ha contratto per fare fronte ai debiti?

    Un articolo per dire che la California è in bancarotta a causa dei debiti, e tu ti meravigli che il suo governatore non voglia fare debiti.

  • obender71

    Ma non era meglio in inglese?
    Non solo le condizioni stanno funzionando dai fondi, ma l’elaborazione delle applicazioni della compensazione di disoccupazione sta ritardando drammaticamente.
    Chiaro.

    As unemployment skyrockets and the tax base shrinks, state unemployment insurance funds are finding it increasingly difficult to meet the needs of the unemployed. Not only are states running out of funds, but the processing of unemployment compensation applications are slowing dramatically. The New York Times reported on July 24 that 16 states, having exhausted their funds, are now paying benefits with borrowed money, and that number could double by year’s end. About 9.5 million people are now collecting benefits, up from only 2.5 million people in 2007 and state spending is expected to reach nearly $100 billion, about triple the level of two years ago.

    However, the rise in unemployment, and drop in benefits is only one aspect of the larger, accelerated collapse of the economy. In a discussion with associates yesterday, Lyndon LaRouche set the context:

    “Now, just to make it clear: As of now, the fiscal year of the United States comes to an end at the beginning of October. Which means that between the 12th and the 15th of October, which is the ten-day-plus allowance for monkeying around, the entire U.S., as of now, is going to shut down! Because, for example, one-third of the actual unemployed are actually receiving compensation. Those who are receiving it, are receiving it, two to three weeks late in starting. The conditions for unemployment insurance are vanishing. The whole economy is collapsing. We’re in a breakdown crisis, where we have to assume by the 10th or 15th October, that the world is going to shut down. Nations are going to cease functioning, at least many of them. One of the nations, which, presently, is about to cease functioning, in about 60 days from now, or near 60 days from now, is going to be the United States, in every part. We have 48 states, that are not even nominally functioning, as governments. We have an insane President. We have lunacy…

    “If we do not change the policy of the Presidency of the United States, within the next 60 days, you won’t be anywhere!”

  • glomer

    ma perchè non si propone mai nulla di concretto e solo, la crisi deve ancora venire, moriremo tutti e bla bla bla…. FACCIAMO QUALCOSA CAZZO!!!????

  • portoBF

    LONANHISTA. cit. mettendoci di mezzo i sionisti si finisce per sminuire la vera natura del problema, DOVE ALLA FINE GLI EBREI SONO SOLO UN PRETESTO, come accadde con l’olocausto!..cioè tutti a dare addosso agli ebrei, mentre i veri figli di puttana hanno poco a che fare con i veri ebrei di Israele(e del resto del mondo)…………………….
    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
    La grande maggioranza degli ebrei di israele, sono di religione ebraica ma non di etnia semita (europei, americani, russi etc.),
    a parte questo “insignificante” dettaglio, i banchieri e gli speculatori che hanno creato questo popò di casino sono ebrei e sono anche gli stessi che hanno creato quel buco di culo che si chiama israele.

  • Bloody_mary

    L’ennesimo articolo ipercatastrofista che prevede una guerra civile negli
    Stati Uniti di cui finora non vi e’ il minimo accenno:tra poco piu’ di sei
    mesi gli States saranno fuori dal tunnell perche’ la loro industria e’ solidissima e molto produttiva nonostante le marachelle di qualche pirata
    di Wall Street:si rassegnino coloro che vogliono un nuovo ordine mondiale
    che abbia come nazioni leader magari la Cina,patria dei diritti umani negati,
    o l’India dove quasi un miliardo di persone vive nella piu’ totale sporcizia e
    indigenza,gli Stati Uniti nonostante la crisi sono ancora di gran lunga la
    potenza economica numero uno al mondo e lo saranno ancora a lungo.

  • Truman

    Al di là di polveroni mediatici e chiacchiere da barbiere, proviamo a guardarci un po’ intorno e troveremo militari sparsi in tutti i posti chiave delle principali città. Avviene in Italia, ma non penso che sia molto diverso in altre nazioni occidentali.

    Il significato è univoco: qualcuno che sa ciò che potrebbe succedere a causa della crisi economica ha una paura fottuta di rivolte popolari. Io non ho i mezzi per fare estrapolazioni realistiche su ciò che potrebbe succedere, ma loro (i nostri governanti) si. E hanno una strizza fottuta.

  • Bloody_mary

    Pensi davvero che si possa combattere una rivolta popolare con due militari
    in piazza Duomo?Suvvia,se ci fosse il timore di una rivolta popolare,di una
    sommossa il numero di militari sarebbe molto diverso e la loro presenza ben
    piu’ massiccia ed inquietante.Dai tempi della famigerata operazione vespri
    siciliani i militari sono stati utilizzati in Italia per combattere la criminalita’
    organizzata e semplice e,devo dire,con risultati soddisfacenti.
    Ti ricordo comunque che l’articolo parlava degli States che mi sembrano
    sempre piu’ preoccupati,invece,di inviare truppe all’estero,vedi il raddoppiamento dei militari in Afghanistan,piuttosto che di tenerle sul
    territorio nazionale per fronteggiare una rivolta che non ci sara’ se non nei
    sogni e nei desideri di qualche improvvisato economista e sociologo del
    terzo mondo o dell’america latina.Tempo un anno al massimo e la locomotiva
    americana riprendera’ a viaggiare a velocita’ sostenuta e saremo noi europei
    a non starle dietro purtroppo.

  • Truman

    Cara Virgo, la devi smettere di mettere in bocca agli altri parole mai dette. Io ho detto che i nostri governanti (italiani ed USA) predispongono le truppe in piazza contro la popolazione. La motivazione può essere una sola. Se hai spiegazioni alternative dalle pure, ma attenta, qui i lettori hanno un acuto senso del ridicolo.
    Sull’operazione Vespri siciliani si potrebbe anche parlare, ma non mi risulta la mafia sia sparita. La mia sensazione è che l’operazione abbia avuto un discreto successo (nel senso che ha dato fastidio alla mafia) e proprio per questo è stata soppressa. E’ ormai di dominio pubblico l’informazione che lo stato i patti con la mafia li ha fatti regolarmente.

    Poi va notato che gli States in Afghanistan vogliono le nostre truppe, proprio perchè le loro servono sul posto per domare eventuali rivolte (negli States sono probabili più che eventuali).
    In quanto alla ripresa è dal 2001 che sento parlare della ripresa che verrà. Mi ricorda molto Aspettando Godot.

  • Bloody_mary

    ?