Home / ComeDonChisciotte / ECONOMIA ISRAELIANA PER PRINCIPIANTI

ECONOMIA ISRAELIANA PER PRINCIPIANTI

DI GILAD ATZMON
gilad.co.uk

Veniamo a sapere dalla stampa e dagli esperti di analisi politica che contro ogni probabilità e a dispetto della la globale turbolenza finanziaria, l’economia israeliana è in pieno boom. Alcuni addirittura sostengono che quella israeliana sia una delle economie più forti al momento.

“E come mai?”, qualcuno potrebbe chiedersi; oltre agli avocado, alle arance e ad alcuni prodotti cosmetici del Mar Morto, praticamente nessuno di noi ha mai visto un prodotto israeliano in commercio. In Israele non si realizzano automobili, né apparecchi elettronici, e a mala pena vengono prodotti beni di consumo. Israele dal canto suo rivendica il proprio avanzamento in dispositivi hi-tech, ma in un modo o nell’altro gli unici software israeliani avanzati che si possono trovare installati nei nostri computer sono i Sabra Trojan Horses (virus, Cavallo di Troia). Inoltre nella terra che hanno sottratto con la forza ad i nativi Palestinesi, gli Israeliani non hanno ancora trovato alcun minerale prezioso né ombra di petrolio.

Dunque di cosa si tratta? Come mai Israele non è affatto scalfito dal disastro finanziario che ha investito il pianeta? Da dove viene la sua ricchezza?

Stando a quanto riporta The Guardian , Israele potrebbe essere ricco perchè: “Dei sette oligarchi che controllavano il 50 % dell’economia russa negli anni 90, sei erano ebrei”.

Durante gli ultimi vent’anni, molti oligarchi russi hanno acquisito la cittadinanza israeliana; essi hanno inoltre messo al sicuro il proprio denaro sporco investendolo nel paradiso finanziario del cibo kosher; ultimamente Wikileaks ha rivelato che “fonti nella polizia (israeliana) ritengono che la malavita organizzata russa (Mafia russa), abbia riciclato fino a 10 miliardi di dollari americani tramite le holding israeliane”.

L’ economia israeliana è in fortissima espansione perché truffatori del calibro di Bernie Madoff riciclano il proprio denaro tramite
di i Sionisti e le istituzioni israeliane da decenni.

Israele “non se la passa male” perché è il principale venditore di diamanti insanguinati. Lungi dal coglierci di sorpresa, esso è anche il quarto maggiore venditore di armi del pianeta.

Comprensibilmente, diamanti insanguinati e armi si rivelano essere un’accoppiata vincente.

Come se non bastasse, Israele è così prospero perchè, di quando in quando, lo si scopre coinvolto nella raccolta e nel traffico di organi.

Insomma, per farla breve, Israele sta meglio di altri stati perché gestisce una delle più sporche e immorali economie del mondo. Nonostante l’iniziale promessa sionista di costituire “una civiltà ebraica etica”, Israele è piuttosto riuscito a realizzare una sistematica violazione del diritto internazionale e dei valori universali che non ha precedenti. Esso svolge il ruolo di sicuro paradiso fiscale per denaro proveniente da spregevoli attività criminali condotte su scala internazionale e si serve di uno degli eserciti più forti al mondo per difendere la ricchezza di pochi tra gli ebrei più ricchi al mondo.

Sempre di più, Israele assume le fattezze di un’enorme luogo di riciclaggio di denaro sporco da parte di oligarchi, truffatori, trafficanti d’armi e d’organi, criminalità organizzata e commercianti di diamanti insanguinati.

Tale politica economica può certamente dar conto del perché questo stato sia completamente indifferente all’uguaglianza sociale all’interno dei propri confini.

Poveri Israeliani

Poiché Israele si definisce stato ebraico, ci si aspetterebbe che la sua gente sia la prima a godere della crescita economica della nazione. Tuttavia non è affatto così: nonostante la forza dell’economia, il resoconto sulla giustizia sociale in Israele è terrificante. Nello stato ebraico 18 famiglie controllano il 60% dell’equity value di tutte le compagnie del territorio. Lo stato ebraico è scandalosamente crudele verso le fasce più povere della propria popolazione. Per quel che riguarda il gap tra ricchi e poveri, Israele è certamente tra i primi della lista.

Il significato di tutto questo è sconvolgente: nonostante si comporti come un’organizzazione tribale etnocentrica e razzialmente definita, Israele si rivela completamente noncurante verso i membri della sua stessa tribù – in effetti, nello stato ebraico, pochi milioni di ebrei sono al servizio dei più abietti interessi, il cui frutto sarà goduto da una manciata di ricchi criminali.

Fumo negli occhi

Ma c’è in tutto questo un significato implicito ancora più profondo e sconvolgente. Se la mia lettura dell’economia israeliana è corretta ed Israele è di fatti un luogo di riciclaggio del denaro proveniente dai traffici più loschi, allora il conflitto israelo-palestinese, dal punto di vista dell’elite israeliana, altro non è che fumo negli occhi.

Spero che i miei lettori ed amici mi perdoneranno per ciò che sto per scrivere, anzi spero di perdonare me stesso; ma mi sembra che il conflitto israelo-palestinese e gli orrendi crimini di cui questo paese si sta macchiando contro il popolo palestinese, in realtà servano a distogliere l’attenzione dalla sua connivenza in colossali crimini commessi a danno di moltissime popolazioni del mondo.

Invece di concentrarci sullo sfrenato ed avido tentativo israeliano di guadagnare ricchezza a spese del resto dell’umanità, ci stiamo concentrando su di un unico conflitto territoriale che in realtà è solo la punta dell’iceberg e nasconde la vera entità del progetto nazionale ebraico.

È più che probabile che la vasta maggioranza degli Israeliani non riesca a capire la strategia fuorviante che sottende il conflitto israelo-palestinese.

Gli Israeliani sono indottrinati a considerare ogni possibile questione dal punto di vista della sicurezza nazionale, essi non sono riusciti a capire che, di pari passo con l’intensa militarizzazione della loro società, il loro stato ebraico sia diventato un punto di riciclaggio del denaro sporco e un luogo di asilo per criminali di ogni angolo del mondo.

Ma la brutta notizia per Israele e la sua elite corrotta è che è solo questione di tempo prima che i Russi, gli Americani, gli Africani, gli Europei, tutta l’umanità si renda conto di tutto questo – e qui saremmo tutti Palestinesi ed avremmo in comune un unico nemico.

E potrei anche andare oltre, dicendo della possibilità che, a breve, ebrei ed Israeliani di classi sociali svantaggiate inizino a capire quanto ingannevoli e sinistri siano in realtà Israele ed il Sionismo.

Gilad Atzmon
Fonte: www.gilad.co.uk/
Link: http://www.gilad.co.uk/writings/gilad-atzmon-israeli-economy-for-beginners.html
7.02.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura DI CARMEN URSELLI

[1] Per altre informazioni sulle connessioni del crimine organizzato con il Likud e gli altri maggiori partiti politici israeliani vai a questo link: http://cosmos.ucc.ie

[2] Si dice anche che prima di fallire, la Lehman Brothers ha trasferito circa 400 mliardi di dollari a banche israeliane www.haaretz.com . Io non sono nella posizione di sostenere nessuna di queste teorie — ma credo che sia molto importante e urgente scoprire quanto queste accuse siano veritiere.

Pubblicato da Davide

  • Lestaat

    Adoro quest’uomo.

  • keypaxy

    Grande Gilad.

  • TN

    Solo un ebreo può dire la verità su Israele senza essere tacciato di antisemitismo.
    Grande Atzmon.

    p.s.: e non ha neanche accennato al traffico di schiavi e alla tratta delle bianche che dalle regioni delle ex repubbliche sovietiche finiscono nei bordelli di lusso (kosher) di Tel Aviv.
    Sembra proprio che Israele sia riuscito a concentrare tutto il peggio dell’umanità, complimenti.

  • diotima

    No, scusate…ma le “arance” e le “luci di tel aviv tanto care a Saviano?? 🙂

  • ComeDonkeyKong

    “Invece di concentrarci sullo sfrenato ed avido tentativo israeliano di guadagnare ricchezza a spese del resto dell’umanità, ci stiamo concentrando su di un unico conflitto territoriale che in realtà è solo la punta dell’iceberg e nasconde la vera entità del progetto nazionale ebraico”

    Sono anni che ripeto alle persone che conosco che il problema delle sofferenze del popolo palestinese è il nostro problema, ed è il problema-simbolo dell’ingiustizia e della violenza che domina il mondo contemporaneo (o postmoderno, se preferite): nella pulizia etnica e nell’occupazione della Palestina, nel Sionismo reale, troviamo tutta la ferocia del colonialismo, dell’imperialismo liberista, del capitalismo sfrenato, del razzismo, delle economie della morte e del sopruso, delle devastazioni ambientali, della finanza globale che affama interi popoli. La Palestina è la rappresentazione reale, la spietata messa in scena di tutto ciò in un’unità di spazio che può essere facilmente percepita e misurata da ciascuno di noi. E’ per questo che rappresenta il grande tabu del mondo capitalista, l’unico tema che non si tollera venga toccato, e la cui censura è abilmente difesa con le accuse, insensate anche etimologicamente, di “antisemitismo”.
    Per il resto, è molto facile per chiunque parlare di stragi di stato in Italia o negli USA, di camorra, rapporti tra mafia e politica, deportazioni nell’URSS, Regime Cinese, Regime Pakistano, Regime Ugandese, Regime Bulgaro. Tutto può essere ricondotto a qualche altro luogo indefinito, a persone altre da noi (e, in quanto tali, indefinite e non-umane), a distorsioni del sistema o sistemi che non hanno nulla a che vedere con i nostri (intendendo con “i nostri” quelli che la propaganda ci propina come essenziali e inevitabili fondamenti del nostro ordinamento politico-economico e sociale) etc.
    Quando ci viene mostrata l’immagine di un intellettuale, del presente o del passato, il suo pensiero sulla Palestina ci dà la misura della sua serietà e della sua libertà. Non che gli intellettuali debbano avere tutti la stessa idea in merito, ma parlare del sionismo in termini elogiativi, e difendere lo stato sionista anche a costo di praticare censure e sostenere l’interdizione della critica sul tema sono tratti tipici dei cialtroni che vorrebbero spacciarsi per intellettuali o bandiere del “pacifismo”. Saviano, A. Oz, D. Grossman, A. Yeoshua… sono solo alcuni di questi numerosissimi cialtroni da strapazzo.

  • terzaposizione

    Ebrei che odiano se stessi, cosi vengono definiti dai sionisti quelli come Gilad ed esiste una black list che li scheda, W.Allen è tra i primi della lista.

  • backtime

    ONORE a quest’uomo che merita di essere veramente un GRANDE UOMO.

    OT:

    Capito Fini com’è fatto un uomo? c’ha le palle, non come te che racconti balle da sempre.

  • wld

    Siamo
    nella Trieste del primo Novecento, dove vive una numerosa comunità
    ebraica.
    Simon,
    un giovane garzone, è stupito dall’ambiguità della gente: a parole tutti
    desiderano pace e fratellanza, mentre nei fatti finiscono per seguire soltanto i
    propri interessi. Decide di parlarne con il Rabbino e va a
    trovarlo.
    “Rabbi,
    perché la gente afferma sempre fratellanza, generosità e disinteresse personale
    mentre, nei fatti, si comporta proprio all’opposto?”
    “Vieni
    qui, Simon: avvicinati alla finestra e dimmi cosa vedi.”
    “Mah, le
    solite cose: c’è il garzone del fornaio che spinge il carretto con i sacchi
    di farina…una signora che attraversa la strada con il figlio in braccio…il
    carro del vinaio che passa…”
    “Basta
    così, Simon: adesso guarda in questo grande specchio e dimmi cosa
    vedi.”
    “Mah,
    Rabbi…mi prendi in giro?”
    “No,dimmi cosa
    vedi.”
    “Rabbi,
    cosa vuoi che veda: vedo solo me stesso!”
    “Giusto,
    Simon. Vedi, il vetro della finestra e quello dello specchio sono fatti con lo
    stesso materiale, ma per rendere riflettente lo specchio viene steso un
    sottilissimo strato d’argento. Basta un sottilissimo velo d’argento, Simon, e
    non riusciamo più a vedere null’altro che noi stessi!”

  • giorgiolx

    beh,
    nell’informatica , elettronica ad altra tecnologia e sicurezza israele è uno dei paesi più importanti al mondo…

  • Eracle

    Saviano è ebreo sionista.
    Molto semplice 😀

  • Eracle

    Accidenti, se i Protocolli dei Savi di Sion non fossero un falso… hem…
    si potrebbe dire che i sionisti lo seguano alla lettera.

    Ma naturalmente è falso… hem…

  • rasna-zal

    Argh… che discorso da decerebrato, che immagini idiote, l’emigrato che tira fuori dalla tasca un’arancia incartata…

    Acc! Dannazz! Malediz!

    Perchè m’hai ricordato questo schifo di sensazione di ipocrita mistificazione che ho provato guardando quel “fottuto” Saviano!
  • Fabriizio

    questa non la sapevo. Bella.

  • vimana2

    Quando una balla viene fuori poi vengono fuori tutte….
    Fra cavolate come antisemitismo, ” israele ” come nazione….arriva la cagata dell’olocausto.
    Ma è solo la punta dell’iceberg….ora si comincia a capire da dove arrivano i soldi per manetenere la nazione + militarizzata del mondo.
    Cosa si scopre? Che israele svolge i lavori + vecchi del mondo ( dopo la prostituzione ): quello del ladro, del falsario….del mercenario, del killer….etc…

  • cloroalclero
  • Rossa_primavera

    Gilad Atzmon non e’ noto diciamo per le sue posizioni moderate,ebbe
    persino a dichiarare:”Non si puo’ fare un confronoto tra Israele e
    nazismo,in quanto Israele e’ il male assoluto,la Germania nazista no”.
    Dire che la Germania nazista non fu il male assoluto tuttora insuperabile e’ francamente risibile.Ricordiamo anche che quando il musicista fu
    invitato ad un convegno sul marxismo invitato dal partito socialista
    inglese dei lavoratori i gruppi marxisti si dissociarono completamente
    da tale scelta.Come musicista resta insuperabile.

  • io

    In realta’ io credo che la frase da te citata (estrapolata da Wikipedia?) non sia affatto risibile.
    Senza fare un confronto dettagliato tra Nazismo e Sionismo a dimostrazione che cio’ che Gilad Atzmon afferma e’ vero (sarebbe troppo lungo), basta ricordare che l’olocausto del popolo palestinese e’ cominciato decine di anni fa ed ancora non accenna a fermarsi.
    Basta pensare agli immani traffici di organi, al business dell’utero in affitto (vera e propria nuova forma di schiavismo), al controllo dell’ economia e della politica di buona parte del globo, all’ impunita’ assoluta di cui gode Israele…e mi fermo qui (come ho detto non ho voglia ne’ tempo per dilungarmi).
    La Germania nazista avrebbe avuto da invidiare parecchio al regime sionista.

  • Rossa_primavera

    Ammesso e non concesso che sia tutto vero,come vogliamo considerare
    gli esperimenti genetici del Reich e le decine di stati invasi dai nazisti
    senza preavviso,piu’ i milioni di morti della seconda guerra mondiale?
    Israele e’ stata finora coinvolta in due guerre in cui,non dimentacare,
    fu aggredita e non aggressore,il Reich in soli dodici anni ha causato piu’
    morti e distruzione di chiunque altro.E considera il fatto che russi e americano gli hanno impedito di continuare altrimenti………..

  • lanzo

    Anche l’essere il maggiore – in assoluto – recipiente degli aiuti USA, non e’ che guasti…

  • geopardy

    Sinceramente, ho letto molte volte Gilad Atzmon, ma questa volta è un po’ leggerino nel descrivere l’economia israeliana.
    In Israele, oltre all’agricoltura, ci sono anche svariati settori tecnologici abbastanza sviluppati, magari c’è senz’altro anche quello che lui sostiene, ma una forma di economia ben strutturata c’è e non dimentichiamo l’assistenzialismo americano e non solo.
    Ci sono le rimesse di tutti gli abitanti con doppia cittadinanza, compartecipazioni nell’industria bellica americana, oltre che propria, c’è un’industria chimica ed elettronica, c’è una fiorente industria dei diamanti ci sono banche sviluppate e se lì c’è riciclaggio sporco, figuriamoci alle Cayman oppure in Svizzera.
    Ci sono grossi appalti sulla sicurezza negli Usa ed in altri paesi occidentali
    Non ultimo c’è il continuo business del’edilizia coloniale.
    In fin dei conti hanno molti meno abitanti di Parigi e Londra e un po’ più di Roma.
    Vero è anche che diversi ex oligarchi russi, tutti ebrei, hanno trovato rifugio lì.
    Ciao
    Geo

  • Miky

    ….altrimenti l’Europa sarebbe stata una super-potenza con gli attributi teutonici.

  • Rossa_primavera

    Questa e’ in effetti una possibilita’ da non trascurare

  • jinlong

    cheap uggs clearence [www.uggsclearance.org],http://www.uggsclearance.org louis vuitton speedy 35 [www.louisvuittonspeedy35.us.com],http://www.louisvuittonspeedy35.us.com Chanel Diaper Bags Sale [www.chanel-diaper-bag.com],http://www.chanel-diaper-bag.com gucci clutch purse [www.gucciclutch.us],http://www.gucciclutch.us ugg snow boots for women [www.uggsnowboots.org],http://www.uggsnowboots.org louis vuitton damier [www.louisvuittondamier.org.in],http://www.louisvuittondamier.org.in louis vuitton wallet for women [www.louisvuittonwalletforwomen.net],http://www.louisvuittonwalletforwomen.net Coach Sunglasses Outlet [www.coach-sunglasses.co],http://www.coach-sunglasses.co burberry belts [www.burberrybelts.us],http://www.burberrybelts.us discount michael kors satchel [www.michaelkorssatchel.us],http://www.michaelkorssatchel.us prada loafers women [www.prada-loafers.us],http://www.prada-loafers.us free ugg [www.freeshoes.us],http://www.freeshoes.us louis vuitton shoes [www.louisvuittonshoesmen.net.in],http://www.louisvuittonshoesmen.net.in Chanel Bag Prices 2014 [www.chanel-bags-prices.co],http://www.chanel-bags-prices.co cheap louis vuitton belts [www.cheaplouisvuittonbelts.us.com],http://www.cheaplouisvuittonbelts.us.com discount louis vuitton purses outlet [www.cheaplouisvuittonpurses.us.com],http://www.cheaplouisvuittonpurses.us.com cheap gucci belts [www.cheapguccibelts.co],http://www.cheapguccibelts.co uggs clearence [www.uggsclearance.org],http://www.uggsclearance.org cheap louis vuitton purses [www.cheaplouisvuittonpurses.us.com],http://www.cheaplouisvuittonpurses.us.com MCM Handbags [www.mcm-backpack.us],http://www.mcm-backpack.us michael kors bags on sale [www.michaelkorsbagsonsale.biz],http://www.michaelkorsbagsonsale.biz prada backpack purse [www.prada-backpack.us],http://www.prada-backpack.us chanel bags outlet [www.chanel-bags-outlet.us.com],http://www.chanel-bags-outlet.us.com free ugg boots [www.freeshoes.us],http://www.freeshoes.us MCM Factory Outlet [www.mcm-tote.us],http://www.mcm-tote.us cheap coach purses [www.cheap-coach-purses.us.com],http://www.cheap-coach-purses.us.com burberry for men [www.burberryformen.us],http://www.burberryformen.us Coach Outlet [www.coachhobobag.us],http://www.coachhobobag.us michael kors on sale [www.michaelkorshobobag.us],http://www.michaelkorshobobag.us mcm tote bag under 100 [www.mcm-tote-bag.us],http://www.mcm-tote-bag.us