Home / ComeDonChisciotte / E' L'ULTRA DESTRORSO JOSEPH RATZINGER AD ESSERE IL NUOVO PAPA

E' L'ULTRA DESTRORSO JOSEPH RATZINGER AD ESSERE IL NUOVO PAPA

L’ex membro della Gioventù Hitleriana governerà la Chiesa Cattolica con il nome di Benedetto XVI

La elezione del nuovo pontefice è venuta alla quarta votazione, durante la
seconda giornata della conclave. La fumata bianca è fuoriuscita dalla Cappella
Sistina alle 17.50. Pochi minuti dopo, le campane hanno cominciato a suonare in
Piazza San Pietro confermando la attesa notizia.
Non si sono avute sorprese, Govanni Paolo II ha lasciato la sua successione ben
chiusa, molto ben chiusa, visto che la conclave ha eletto colui che era stato
il suo braccio destro durante il suo mandato, il cardinale Joseph Ratzinger,
ideologo della reazione ecclesiastica dopo il Concilio Vaticano II.Ratzinger è nato nel 1927 in seno ad una famiglia bavarese tradizionale. Suo
padre era un poliziotto ed era una persona molto religiosa.

Ratzinger dovette interrompere i suoi studi allo scoppio della Seconda Guerra
Mondiale, durante la quale venne assegnato ad una unità antiaerea a Monaco di
Baviera essendo lui membro della gioventù hitleriana, anche se secondo lui –
a tutto questo venne obbligato.

I suoi simpatizzanti dicono che la sua esperienza sotto il regime nazista lo
convinse che il Vaticano dovesse adottare una forte posizione nei confronti
della verità e della libertà.

Dopo essere stato ordinato sacerdote, Ratzinger appoggiò il Concilio Vaticano II
negli anni 60 e il suo spirito di convertire la chiesa in una istituzione più
aperta.

Più tardi, rivestendo la carica di professore nella città tedesca di Tubinga,
Ratzinger visse a stretto contatto con le proteste studentesche e alcuni dicono
che fu in quel periodo che si andarono definendo la maggior parte delle sue
posizioni successive.

Per esempio, durante una delle sue dissertazioni si verificò un incidente che
finì per segnarlo, questo secondo un testimone: gli studenti si alzarono e
presero il microfono in violazione delle norme universitarie, cosa che irritò
Ratzinger.

Il Panzercardinale, come lo chiamano a Roma, fu uno dei collaboratori più
stretti del Papa e, spesso, considerato come l’autentico numero due della
Chiesa, al di sopra anche del Segretario di Stato, il cardinale Angelo Sodano.
Profondamente associato al pontificato del Papa polacco, la figura di Ratzinger
passerà alla Storia come quella del teologo che lo aiutò a mettere ordine alla
Chiesa e prima a decapitare e poi ad addomesticare la Teologia della
Liberazione.

Nel 1984, le condanne formali della Teologia della Liberazione introdotte dal
Can Cerbero della fede permisero alla destra cattolica di lasciar fuori dal
gioco tutta una corrente innovatrice in campo pastorale, teologico,
catechistico e sociale, distruggendo quasi interamente l’idea di una Chiesa più
popolare e maggiormente fedele al Vangelo dei poveri.

Ratzinger impose una totale rigidità dottrinale a tutta la vita intellettuale
della Chiesa e una dinamica del controllo a oltranza sui teologi. E la paura
andò instaurandosi nelle sue fila. Ammoniti, perseguitati, controllati, in una
istituzione intellettualmente inabitabile, i pensatori della Chiesa optarono
per andarsene (Leonardo Boff), chiudere la bocca (Gustavo Gutiérrez) o spezzare
la catena (Hans Küng).

Il culmine della repressione teologica venne raggiunta con la pubblicazione del
Catechismo della Chiesa Cattolica e soprattutto, con la Dominus Iesus, un
documento di Ratzinger, nel quale si attribuisce in esclusiva alla Chiesa
Cattolica il possesso della verità e della salvezza. Il ritorno dell’assioma
tridentino che fuori dalla Chiesa non c‚è salvezza. Un documento tanto
infelice che contro di esso si levarono le proteste di numerosi cardinali.Impose la tesi del romanocentrismo, tolse sostanza alla collegialità e al potere
delle Conferenze Episcopali, riducendole a mere succursali della Curia, e definì
quasi come dogmatico l’eventuale accesso della donna al sacerdozio. In
definitiva, Ratzinger disattivò il Concilio.

E questo lui che all’epoca del Vaticano II (1962-65) era parte dell’ala
progressista della Chiesa, anche se molto velocemente era poi passato nelle
fila della fazione conservatrice. Nella conclave ha diretto il partito della
Restaurazione, del tradizionalismo legalista, alleato ad una serie di movimenti
neoconservatori (Opus Dei, Comunione e Liberazione, i Legionari di Cristo). Il
wojitilismo senza Wojitila.

A 78 anni il Panzercardinale conserva l’incanto di essere una grande
personalità. Altri, tuttavia, lo descrivono come un Giano bifronte. A Ratzinger
non piace l’ottimismo e neppure la fede nella bontà umana del Vaticano II. La
sua ossessione è per il peccato, e come il suo compatriota Lutero, è
ipnotizzato dal male.

da: El Mundo/BBC/Rebelión

Tradotto da Melektro per www.peacelink.it
Fonte:www.peacelink.it
20.04.05

Pubblicato da Davide