Home / ComeDonChisciotte / DUE NEL MIRINO

DUE NEL MIRINO

DI EUGENIO BENETAZZO
eugeniobenetazzo.com

Non posso fare a meno di esprimermi in questo momento su un argomento che ho affrontato e approfondito con i miei corrispondenti dagli States relativamente alla crisi libica ed al nauseante volume di gossip politico italiano a sfondo sessuale. Da mesi ormai si sta facendo il possibile per aizzare il più possibile l’opinione pubblica contro Berlusconi, non tanto per ragioni legate alla sua discutibile politica di governo, quanto piuttosto per l’attività libertina a sfondo sessuale di cui i media nazionali ci hanno raccontato e descritto minuziosamente. Non entro nel giudizio di questi comportamenti, il giudizio infatti è inutile in un paese  in cui la metà della popolazione si dichiara addirittura indifferente ai fatti di Arcore e Palazzo Grazioli (secondo l’indagine di un noto quotidiano italiano).

E non pensate che dalla parte opposta (il centro sinistra) ci sia differenza, episodi di gossip a sfondo sessuale se ne sono già sentiti anche in passato, tuttavia con un fragore mediatico molto più modesto e contenuto. La verità è che in questo momento l’attenzione è catturata dal chi, come, cosa e quando, piuttosto che sul perché. Perché il premier italiano sta diventando sempre più oggetto di attacco mediatico volto a distruggerne il più possibile la reputazione nei confronti dell’elettorato ? Semplice: perché è diventato un soggetto troppo scomodo, ingestibile e fuori da ogni controllo per le forze di establishment politico internazionale.
 

Non dimentichiamo infatti che Silvio Berlusconi, nel bene o nel male, ha messo in essere per il nostro paese un partneriato strategico con Russia e Libia, due storici paesi nemici degli Stati Uniti. L’idea infatti che il 52esimo stato (l’Italia) si sia affrancato dal punto di vista energetico senza sottostare ai giochi di potere delle potenti lobby petrolifere statunitensi, potete stare certi che infastidisce alquanto lo Zio Sam a Washington. Ragion per cui è molto plausibile aspettarsi che forze a noi sconosciute stiano operando nel nostro paese al fine di distruggere Berlusconi agli occhi dell’elettorato italiano con il fine di sostituirlo quanto prima con un nuovo primo ministro molto più compiacente.  Allo stesso trattamento sembra sia stato destinato anche l’amico del premier italiano, il Colonello Gheddafi, il quale recentemente ha acquisito una quota di partecipazione azionaria rilevante in Finmeccanica

Per chi non lo sapesse quest’ultima è una società leader al mondo nella produzione di sistemi di difesa aerospaziale ed al tempo stesso principale fornitore della difesa statunitense. Pertanto Gheddafi, a meno che non venga quanto prima destituito o spazzato via, ha tranquillamente accesso alla consistenza degli approvvigionamenti militari statunitensi. Questo è più che sufficiente per istigare una finta rivoluzione con sommosse sociali pilotate al fine di ottenere la solita scusante per l’intervento militare con il nobile scopo di esportare la democrazia. Dubito infatti che quanto stia accadendo in Libia, un paese la cui popolazione godeva di un tenore di vita considerevolmente migliore rispetto alle popolazioni di paesi confinanti, non sia affatto casuale quanto piuttosto una classica operazione di false flag.

Eugenio Benetazzo
Fonte: www.eugeniobenetazzo.com
Link: http://www.eugeniobenetazzo.com/crisi-libia-finmeccanica.htm
3.03.2011

Pubblicato da Davide

  • AlbaKan

    Sicuramente Benetazzo ha scritto di meglio. Ha fatto un’analisi “spicciola” e sbrigativa (aveva un altro impegno improrogabile?). Non c’è nulla che non sia condivisibile, però in 2 righe ha riassunto cose già dette e ridette.

  • amensa

    tra le motivazioni che Benetazzo adduce non escluderei i ritorni PERSONALI che Berlusconi avrà avuto da due personaggi che di democratico hanno assai poco.
    tanto per ricordare le belle cose fatte dal cavaliere , includiamo tutti i soldi spesi per il ponte sullo stretto ( finanziamenti alla mafia), i soldi buttati per alitalia ( dove allo scadere dei 5 anni la compagnia fnirà ad airfrace senza ch esborsi un centesimo) tutto cosa non fatto per dare un indirizzo economico all’Italia, occupato solo di impedire ch egli si facciano i processi.
    Benetazzo dovrebbe forse capire che agli italiani di cosa fa lui con le sue prostitute se ne fregano abbastanza, basta che non si metta a pontificare di morale e di famiglia. importerebbe anche che smettesse di arricchirsi con le sue aziende continuamente foraggiate dagli aiuti legislativi, e che cominciasse, almeno a tempo perso, ad occuparsi dei problemi degli Italiani.
    forse Benetazzo non sa che Berlusconi, solo per non far “parlare” una minorenne ( la legge che punisce l’abuso minorile è sua, tanto per cambiare e mostrare la sua profonda incoerenza mentale) che le si è prostituita ha commesso una serie di reati, REATI signor Benetazzo, ha capito ? REATI, che con le sue scopate c’entrano solo per la motivazione per cui li ha commessi, ma sono li, nero su bianco.
    inoltre è vergognoso ormai vedere come usi il governo di leccaculi e un parlamento di maggiordomi al suo servizio e comando, per cercare di evitare non di farsi condannare, ma di essere giudicato, come dovrebbe avvenire in un paese che non fosse una caricatura di democrazia.
    ci mancava proprio la dietrologia di Benetazzo per capire quanti sono al suo servizio (di Berlusconi).
    Berlusconi , ormai, in un paese che avesse ancora una parvenza di dignità , non dovrebbe essere processato, ma internato alla neurodeliri.

  • vainart

    Cose sapute e risapute …

  • vraie

    cose risapute
    da chi legge cd
    ma non da tutti gli italiani
    quindi fa bene a ripeterle

  • vraie

    cose risapute da chi legge cd ….ma non da decine di milioni di italiani quindi fa bene a ripeterle

  • nettuno

    Quello che non sapete è quello che succederà dopo la caduta del duo Berlusconi-Lega. Riassumo: la sinistra-liberista che che ha sposato in pieno le dottrine atlantiste del libero mercato,dopo la caduta del MURO, metterà in programma il piano di svendita di tutto quello che rimane ancora di strategico dell’Italia, mascherato da ripresa economica. Inoltre la moneta a debito, che è l’euro, appena la Bce alzerà i tassi , ci porterà al collasso.. Mentre con la prima repubblica democristiana, un pò si rubava e un pò si campava, con la seconda Repubblica (colà dove Berlusconi è stato messo da coloro che ora lo vogliono cacciare), si continua a rubare lo stesso e si campa con un terzo de patrimonio pubblico in meno, venduto per il debito, per cui metà degli italiani ora tira a campare. La gente pensa che si può migliorare da questa condizione grazie alla campagna mediatica di George Soros, e il popolo viola ci crede; purtroppo con la terza ed ultima repubblica, a cui siamo diretti, si arriverà alla scomparsa della cara nostra repubblica ed a causa del debito programmato si svenderà il patrimonio pubblico a dei prestanome delle banche Centrali; nascerà uno stato centrale autoritario, che si rafforzerà con il trattato di Lisbona, noi perderemo pure la Costituzione.
    I gasdotti progettati con la Russia verrano interrotti , mentre quelli con la Libia saranno dimezzati , perchè andranno ai vincitori esportatori della democrazia. I pirla italioti, che vedono solo le piccole ruberie del PD e il bunga bunga del Berlusca e che sognano il riscatto, si preparino a leggere il nuovo libro edito dalla banca centrale dal titolo: Sodoma … altro che quello di Saviano..

  • ario

    Cit:”L’idea infatti che il 52esimo stato (l’Italia) si sia affrancato dal punto di vista energetico senza sottostare ai giochi di potere delle potenti lobby petrolifere statunitensi,…” Affrancato? Oggi, il governo di questo omuncolo ha decretato la morte delle rinnovabili in Italia, le uniche energie (se fosse stato dato loro il tempo di crescere) in grado di affrancare questa nazione dalla dipendenza energetica, o credete che mettersi nelle mani dei Gheddafi e dei Putin abbia garantito un futuro energetico a 60.000.000 di coglioni italioti. Speriamo che questo governo venga spazzato via dalla storia, poichè non ha nessuna visione di sviluppo per il paese. Non che ci siano molte speranze nelle opposizioni ma oggi più che mai questo personaggio e la sua corte di pagliacci va fermata.

  • ario

    quello che fino a poche ore fa temevamo si è concretizzato: ancora peggio delle più nefaste previsioni .

    Questa mattina il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legislativo che sancisce per sempre la fine delle rinnovabili.

    E’ una scure che taglia gli investimenti in corso portando al FALLIMENTO tutti gli operatori del settore.

    Stiamo assistendo in queste ore dai media alla mistificazione della realtà, manipolano i dati economici sulle rinnovabili e stanno creando un clima avverso alle energie verdi.

    Dicono solo delle RINNOVABILI che sono causa del caro bolletta, di truffe e che sono in mano alle mafie.

    Peccato che nessuno dei media dica che il 98% della nostra bolletta è determinata dal carbone, petrolio, gas e nucleare ( per il quale ancora paghiamo i costi dello smantellamento delle centrali ).

    Oggi in un comunicato l’on. Torazzi (lega ) ha dichiarato che il prezzo della bolletta diventerà insopportabile per le acciaierie, peccato da decenni 120 acciaieri si dividono una torta di circa 150 milioni di euro all’anno come bonus per l’interrompibilità della fornitura elettrica ( non si è mai verificato – forse 3 volte in trent’anni ) , percepiscono 150 euro per MWh CONSUMATO ( i buona sostanza guadagnano consumando energia ) a sapete chi li paga questi soldi ???? NOI sulla Bolletta !!!!!!!!!!!!!

    tra i punti devastanti del decreto approvato : l’esclusione dalle tariffe del 3’conto energia per tutti gli impianti che entro il 31 MAGGIO 2011 non entreranno in esercizio, per tutti gli altri
    ( quindi per tutti -anche quelli in costruzione o addirittura ultimati che la nostra concorrente Enel non farà entrare in esercizio – ) nulla , anzi dice il decreto che i ministeri competenti MSE e Ambiente ( che ringraziamo tantissimo per il contributo che ci ha dato !!!) faranno un nuovo conto energia ( quindi il 4′ ) entro Maggio del 2011 ( teniamo presente che per quello in vigore fino a ieri “il travaglio” è durato quasi due anni )

    IN PRATICA CI HANNO TOLTO IL TETTO (degli 8.000 MW) MA ANCHE LA CASA e LE FONDAMENTA —— COMPLIMENTI A TUTTI —— hanno tolto il lavoro a centinaia di migliaia di persone per decreto !

    MA NOI NON DEMORDIAMO !!!!!!!!

    FAREMO APPELLO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AFFINCHE’ NON FIRMI QUESTA CONDANNA A MORTE ——– (TRA L’ALTRO INCOSTITUZIONALE DALL’INIZIO ALLA FINE – IN ECCESSO DI DELEGA RISPETTO A CIO’ CHE IL GOVERNO AVREBBE POTUTO FARE – ED IN ASSOLUTO CONTRASTO CON LA DIRETTIVA DA ATTUARE ,- NON POTEVANO FARE PEGGIO – )

    CONTINUIAMO A DIFFONDERE QUESTA EMAIL A TUTTI I NOSTRI AMICI METTENDO IN COPIA [email protected] abbiamo bisogno che si sappia la verità su questo settore , i giornali dei potenti ci denigrano ,

    non è strano che nessun esponente dell’opposizione ( anche quelli che delle rinnovabili hanno fatto il loro cavallo di battaglia elettorale ) non stia protestando per questa ingiustizia ???

    diffondiamo la nostra voce , la rete è l’unico mezzo che abbiamo

    A PRESTO SOS RINNOVABILI

  • Kazonga

    “gossip a sfondo sessuale”??? Qui si tratta piuttosto di reati a sfondo penale, caro Benettazzo. Concussione e fruizione di prostituzione minorile. Altro che gossip…

  • Longoni

    “L’idea infatti che il 52esimo stato (l’Italia) si sia affrancato dal punto di vista energetico…” Rubbia nel 2005 ipotizzò che l’Italia aveva/ha la possibilità di diventare l’Arabia Saudita dell’energia solare con il solare termodinamico ma dovette sviluppare e realizzare la nuova tecnologia in Spagna. Lo stesso Rubbia “fantasticò” anche sulle centrali nucleari al torio che risolvono alla radice il problema dei rifiuti nucleari, nonché quello della sicurezza delle stesse.
    Investendo su queste due reali tecnologie del futuro, l’Italia avrebbe potuto veramente affrancarsi dal punto di vista energetico. Il Vecchio Berlusconi col suo ospizio intorno, è lontano anni luce da una visione del genere. Benetazzo farebbe bene a informarsi prima di scrivere certe simili verità.

  • federasta

    @vraie: pienamente d’accordo con te!

  • Tonguessy

    Inutile sgolarsi su questi temi: l’intellighenzia non intende riflettere sul penale ma su esauste e capziose questioni morali. Di un sol tipo di moralità, s’intende: quella da osservare dal di qua del vetro di una camera di contenimento, come giustamente annoti. Certo che quando lì dentro sono in svariati milioni qualche dubbio sorge….:(
    O tempora o mores

  • attiliohollige

    Come si fa a credere alle indagini dei noto quotidiani italiani?
    E’ ovviamente tutto il contrario.
    L’unico effetto sortito da quest’orgia mediatica contro Berlusconi è stato semplicemente rendere il nostro caro nano un martire!
    Le mamme lo amano perchè “ce l’hanno tutti con lui poveretto”.
    L’italiano medio lo ama invece perchè Silvio incarna l’uomo di successo: soldi, donne, potere etc.
    Quelli che stanno nel mirino siamo sempre e solo noi.

  • maristaurru

    Addirittura stracciarsi le vesti per le rinnovabili, roba da chiodi!! Un Paese di Padroni, Padrini e servi, cittadini non ne vedo molti

    Da un intervento dell’on. Sonia Alfano :

    ..la delibera CIP6 fa riferimento ad una legge preparata ad hoc per fregare gli italiani a favore di industriali e affaristi che si spacciano per grandi imprenditori ma che costruiscono i loro profitti distraendo in maniera inopportuna risorse pubbliche.Con l’espressione “rinnovabili e assimilate”, infatti, sono state finanziate per decenni forme di energia che nulla hanno a che fare con la definizione di rinnovabili fornita dalla Direttiva 2001/77/CE. Un caso su tutti, gli inceneritori, costruiti in Italia non perché, come vogliono farci credere, sono la soluzione al problema dei rifiuti ma per il semplice fatto che costruirli e gestirli rappresenta un grosso affare per pochi, pagato dai contribuenti.Nel 2004 la Commissione Europea apre a tal proposito ben due procedure di infrazione contro l’Italia, giudicando inammissibile il finanziamento pubblico per l’incenerimento come fonte di energia rinnovabile.L’Italia, messa all’angolo, rimedia con una serie di iniziative legislative con le quali formalmente, riesce a chiudere le procedure della Commissione. In sostanza, però, tra proroghe e deroghe ancora oggi decine di impianti di incenerimento usufruiscono degli incentivi CIP 6. Emblematico è il caso del celeberrimo decreto col quale il Governo italiano ha provato a risolvere la crisi dei rifiuti in Campania nel 2008. L’art. 9 della Legge 210/2008 prevede infatti gli incentivi per gli inceneritori che sono entrati in esercizio entro il dicembre 2009 e pone una deroga completa (e assolutamente incompatibile con la legislazione UE) per tutti gli impianti di incenerimento relativi a situazioni di emergenza quale quella campana.Ed è per questo che, per risolvere la questione dei rifiuti, piuttosto che attivare seriamente la raccolta differenziata e incentivare la costruzione di moderni impianti di riciclo, si parla solo di quanti inceneritori costruire e di dove metterli. ”

    E questo per brevità. In realtà siamo un Paese di malavitosi tanto che non sappiamo e non vogliamo nemmeno capire che cacchio ci stanno facendo, gli uni e gli altri, non è che per me cambia chi mi frega i soldi, a meno che io non sia implicata o peggio creda di esser implicata con questo o con quelli. Il cip 6 è una truffa enorme, il 7% in bolletta, miliardi e miliardi che vanno dove e a chi non dovrebbero, non avete nemmeno la idea dei dannio che stiamo subendo con simili giochi e delle multe che prenderemo, e non solo per colpa di questo governo, ma per la incapacità generale di chi ci governa e di chi è governato, di capire una mazza di niente, solo opportunismi imbecilli e giochini di piccolo cabotaggio che fanno danni enormi. Un paese di padroni, padrini e servi, cittadini ne vedo pochi, facile per i politici fregarci pure l’anima

  • nuvolenelcielo

    Sono molto d’accordo. E oltre all’aspetto energetico aggingerei che ci sono anche altri fastidi non trascurabili che Berlusconi e Tremonti stanno dando ai grandi dell’occidente, facendo proposte, seppur non rivoluzionarie, piuttosto esplicite e severe nei confronti del sistema bancario e della speculazione finanziaria. Che sono abbastanza una rarità nel panorama politico contemporaneo, internazionale e anche italiano, dove per dirne una la sinistra italiana sogna un governo tecnico con alla guida un ex-governatore della banca d’italia…
    Questa grande ondata di sputtanamento del Berlusconi, con la sinistra e gli Usa e gli intellettuali… tutti insieme…, non è certo perché ha violato la legge, non scherziamo su…, l’ha già violata un sacco di volte Berlusconi e l’ha sempre fatta franca, è stato semplicemente un tentativo di far cadere il governo sotto il peso di uno scandalo, e ormai è fallito.

  • ramoncastro

    Benetazzo ha perfettamente ragione per quanto riguarda Berlusconi solo che quello che lui chiama establishment politico internazionale io lo chiamerei Club Bilderberg e’ piu’ esplicito ed identificabile.Per quanto riguarda L’insurrezione in Libia ci sono ancora molti punti oscuri sulla sua origine quindi aspetterei a sbilanciarmi chiamando in causa “complotti esterni”anche se,chiaramente,gli USA e la comunita’ internazionale hanno messo gli occhi sul petrolio libico e difficilmente molleranno l’osso.Purtroppo in alcuni commenti vedo come molti italiani siano ancora “fermi” al teatrino politico popolar-nazionale dei viva Berlusconi abbasso Berlusconi senza minimamente intravedere le trame che stanno ben nascoste dietro a questo show mediatico e che porteranno gli italiani in un dopo’Berlusconi descritto perfettamente da Benetazzo.

  • ario

    Per rinnovabili io non intendo inceneritori ed assimilati, che di rinnovabile non hanno nulla. Non credi ci sia una piccola diferenza tra il realizzare un inceneritore, dove girano milioni di euro, tangenti e quant’altro e che hanno anche il marginale difetto di essere particolarmente deleteri per la salute umana (vedi nanoparticelle) e la realizzazione di un impianto fotovoltaico (che con i CIP6 non c’entra una beata fava) sopra il tetto di casa?
    Sai con il decreto di ieri quanti posti di lavoro si perderanno? Quante tasse (anche sottoforma di iva) NON entreranno più nelle casse dello stato? Quanto gas e petrolio (che chiaramente ci vengono regalati dagli amici del plasticone) saremo costretti ad importare in più? sai che la struttura degli incentivi italiana era invidiata da tutti perchè a differenza per esempio di quella spagnola premiava maggiormente le piccole istallazioni e che con le tariffe a scalare aveva innescato una discesa dei prezzi degli impianti e che avrebbe portato in breve alla cosiddetta parity grid? Sai… ma quante cose non sai? Forse se ti informassi prima invece di ripetrci le parole dell’ (on.) alfano, non faresti, come si dice dalle mie parti un soldo di danno.Saluti.

  • Giancarlo54

    Hai colto esattamente il problema che dovrebbe essere chiaro a tutti, italioti del “popolo viola” in primis. Purtroppo questi “ingenui”, chiamiamoli così, anche se i capoccioni sono convinto siano in malafede, non riescono ad andare aldilà del proprio naso. Hanno la mente cloroformizzata dal “belusconismo di sinistra”, dai Saviano, dai Travaglio, dai Sant’Oro, dai Grillo, dai Flores d’Arcais. Convinti che “via Berlusconi, ritornerà il paradiso”. “Via Berlusconi” mi trova d’accordo, però se non si riesce, o non si vuole, capire, chi sta dietro alla campagna mediatica contro il cav. si innesterà una catastrofe al cui confronto Silviuccio, le sue zoccole, i suoi legami con la mafia, il suo malgoverno, ci apparirà, questi so, il paradiso perduto.

  • maristaurru

    A me sembra che questo decreto sia la solita soluzione di compromesso , senza nè arte nè parte, e comunque era necessario intervenire sulla materia, il tetto adottato e che resta, è alto, più alto di quello adottato dall Germania, per esempio. Il fotovoltaico ed i suoi incentivi ricadono sulla bolletta, che è, a detta della stessa Europa, eccessivamente onerosa e i governi debbono andare necessariamente verso una riduzione . Ogni settore pensa a se, al cittadino che paga le sue tasse e le sue bollette senza scappatoie e che quindi soffre sulla sua pelle la crisi, non ci pensa nessuno. Ma alla fine delle festa, senza badare al tutto va bene, che è una balla, la economia reale si blocca, poi vedrai quanti posti di lavoro si perdono!! e’ tutto il sistema degli incentivi che è stato pensato male dietro spinte corporative e politiche, solo che a pagare è il cittadino, quindi il Paese nel suo complesso e sarebbe ora di cominciare a capirlo. Se poi il problema è che si voleva continuare a rubare terra, quella poca rimasta per riempire di pannelli solari ettari ed ettari, allora il decreto va nella via giusta. Miopia, è il male di chi opera in questo Paese, e non voler capire che siamo tutti uniti in un sistema che sviluppa i suoi effetti nel lungo periodo, una catena deve esser rispettosa di tutti i suoi nelli e l’utente finale e le sue sostanze, sono il PRIMO anello da tener presente, perchè è lui che da da mangiare a tutti, non certo i monetaristi p il politicuzzi. Se vi crepa il sopmaro, voglio vede che fate. Posti di lavoro: non mi scaldo più di tanto e sai perchè? Nel silenzio e nella indifferenza più totale in questo paese di cretini si è distrutto tanto di quel lavoro, senza che nessuna emanasse un soffio. I pannelli solari sono ormai un business, in cui pescano molte mani , e che profitta di una regolamentazione frallocca rispetto a quelle del resto d’europa, proprio per questa italica caratteristica, solo che sta festa la pagano sempre gli stessi, il decreto grazie alla Prestigiacomo, incide poco, speriamo per il futuro in una regolamentazione più onesta. Si dice che è facile fare i grandi col sedere degli altri.. volgare, ma vero, si fa i grandi con i sodli delgi utenti/contribuenti. Ci sono tanti tanti lavori da fare in questo Paese, faranno come i milioni di artigiani e piccoli imprendtori, volutamente schiacciati per fare interessi “altri”, ebbene si rimboccheranno le maniche , altro che SOS, qua SOS sono altri a doverlo URLARE!

  • AlbertoConti

    Al Capone è stato “pizzicato” per evasione fiscale. E allora? Qualcuno si è allora stracciato le vesti per questo? Quanto a Finmeccanica ed ENI (oltre a ENEL, banche varie, ecc. ecc.) sono aziende da riformare tanto quanto questo marcio paese, basti vedere chi sono i delinquenti che le guidano. Certo che l’attuale “opposizione” è inadeguata, essendo l’altra faccia (più presentabile quanto più pericolosa e subdola) della stessa medaglia “neoliberista”, meglio detta dei camerieri dei banchieri internazionali. Quello che Benettazzo non coglie, essendone immerso per motivi professionali, è la presenza onnipervasiva della cricca della finanza, il vero cancro del XXI secolo.

  • AlbaKan

    Appunto…a chi non sa queste cose non bastano 4 righe per capire. Benetazzo ha sempre fatto analisi molto dettagliare e approfondite, un’infarinata sommaria non è da lui.