Home / ComeDonChisciotte / DUE CONSIDERAZIONI AL VOLO SULLO SCANDALO CHE STA SCUOTENDO LA LEGA E CHE HA COSTRETTO BOSSI ALLE DIMISSIONI

DUE CONSIDERAZIONI AL VOLO SULLO SCANDALO CHE STA SCUOTENDO LA LEGA E CHE HA COSTRETTO BOSSI ALLE DIMISSIONI

DI MARCELLO FOA
blog.ilgiornale.it

La prima: le cifre in gioco e gli illeciti contestati mi sembrano molto più modesti di altri scandali scoperti, recentemente (pensiamo a quelli di Penati e dell’ex tesoriere della Margherita Lusi, sospettato non di essersi fatto ristrutturarer una casa ma di aver sottratto oltre dieci milioni di euro). Questo ben inteso non assolve nè Bossi , nè la Lega: un partito che urla Roma ladrona e denuncia sprechi e malversazioni non solo non può permettersi di affidarsi a un tesoriere di dubbissima affidabilità come Belsito, ma non deve mai essere nemmeno sfiorato dal sospetto.
Inoltre, ed è la seconda considerazione, mi chiedo: ma la Lega non si è resa conto che presto o tardi sarebbe finita nel mirino? Le avvisaglie c’erano state, inchieste dei giudici, allusioni, polemiche… La Lega è, con l’Idv, l’unico partito in Parlamento che si oppone a Monti ovvero a un establishment che, sebbene non lo dichiari, mira a distruggere o a screditare chiunque rappresenti una minaccia a un sistema di potere che peraltro non viene esercitato solo in Italia. Un partito accorto avrebbe dovuto raddoppiare le precauzioni, e invece la Lega ha di fatto agevolato chi non aspettava altro che farla fuori.

Il problema, ormai evidente, è che Bossi negli ultimi tempi aveva perso il suo proverbiale fiuto. Forse a causa della malattia, forse per invecchiamento, però del leader che intuiva al momento giusto trappole e opportunità non c’è più traccia, anzi si è trasformato in un capo partito familista, sensibile al lusso, prigioniero di un clan che riusciva a orientarlo con facilità ovvero il prototipo di politico che un tempo aborriva. Che triste fine…

Sî fine, perchè il prezzo rischia di essere molto alto: da scandali come questi di solito non ci si riprende. Addio Lega e se si considera il ritiro di Berlusconi, il quadro appare chiaro: l’Italia finirà sempre più ostaggio dell’establishment alla Monti, alla Draghi, alla Amato, con i partiti ridotti al ruolo di vassalli, facilmente tacitabili considerato il loro enorme, ingombrante passato.

Avanti di questo passo e non ci sarà più una vera opposizione in Italia, questa sì è una tragedia…

Marcello Foa
Fonte: http://blog.ilgiornale.it
Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2012/04/05/caro-bossi-proprio-non-capivi/
5.04.2012

Pubblicato da Davide

  • xcalibur

    Ma Foa crede ancora al teatrino della politica? Destra, sinistra, governo, opposizione…
    e si dispiace pure per il triste destino della lega …Ma per favore….

  • Kovacs

    Tranquilli ora che cadrà la seconda repubblica vivremo giorni migliori, verranno messi al posto di comando gente fidata e senza scheletri nell’armadio, persone vicini ai bisogni dei cittadini…….

  • Petrus

    …eddai, lo capisce anche mia nonna che questo scandalo ha il telecomando: se la lega rompe i Maroni con le votazioni e gli emendamenti sulla riforma del lavoro, tutti dentro. Se invece stanno buoni e votano tutti si, allora come accaduto coi processi a Berluschini, tutto si insabbierà come quando il processo Mills è andato prescritto grazie all’appoggio del PDL alla riforma delle pensioni. Li tengono per i Maroni finché non faranno ciò che il Vero Potere comanda….

  • albsorio

    I potenti che governano fanno quello che fece Hernán Cortés bruciando le sue navi per impedire ripensamenti ai suoi militari, ricordo che il prossimo lunedì 9 aprile verrà trasmesso il film Draquila, quindi anche Berlusconi verrà esposto al pubblico ludibrio, chissà perché tante verità in un colpo solo… ma la fiducia in Monti non era “alta”?
    Speriamo che la Lega continui nella sua opera di opposizione, l’IMU e tutte le stangate che gli italiani si prenderanno gonfieranno le vele della Lega e questo sarà un bene per il Paese tutto, ricordiamo quali sono i partiti che ora reggono il sacco a Monti & C. per poi mandarli a casa le prossime elezioni… sempre che ci siano.

  • andyconti

    ecco il conformismo all’italiana, l’unica opposizione e’ data da Lega e Idv e Grillo e io devo difenderli perche’ attaccano Monti. L’opposizione la devono fare i cittadini, e poi che opposizione fa la Lega?

  • Nauseato

    A parte che il predicare bene e razzolare male sia uno dei tratti umani vecchio quanto il mondo e sui quali più fare affidamento, alla frase “finire nel mirino” … non so se e quanto dar ragione o meno all’affermazione. Perché sottintende esplicitamente che il lavoro della magistratura debba necessariamente obbedire a determinate logiche. Che potrebbe anche essere verissimo … Ma darlo così per assodato e incontrovertibile …
    In ogni caso non è certo il primo caso di malaffare in casa leghista. Certo non a tale livello.

    Direi poi che non c’è proprio nulla di nuovo … da tempo la Lega aveva perso la propria allure, era perfettamente inserita nella macchina statale italica, prendeva i soldi di Roma e non solo senza farsi il minimo problema, ha tranquillamente condiviso per anni la compagine di governo da una parte con chi aveva definito a lettere cubitali mafioso (Berlusconi) e dall’altra con chi voleva il sacro suolo patrio unico e indivisibile.
    La Bossi-Fini è stata una legge pessima (perfino a detta di chi non era certo di sinistra…), la legge elettorale Calderoli da lui stesso definita una porcata … mi pare che prima di finire “vittima della magistratura” si sia messa ripetutamente, continuamente, nel mirino da sola.
    Insomma, posso essere sicuramente dispiaciuto, quasi depresso, per le mancanze di opposizioni “all’establishment alla Monti, alla Draghi, alla Amato, …” ma individuare – a questo punto – nella Lega una reale possibile opposizione, be’ ci vuole un bel coraggio …
    Come un bel coraggio far diventare tesoriere uno con una faccia quale quella del signor Belsito. Magari onestissima persona, però dell’aspetto che è tutto un programma.
    E d’altro canto un partito nato e nutrito dal “Basta Tasse !!” cosa altro avrebbe potuto dire ??? E cosa altro aveva da dire se non quel poco e male che – esclusi alcuni lodevoli amministratori locali – ha saputo fare ?..

    Poi per quanto mi riguarda finisco spesso a essere perfino “oltre” la Lega. Scoprendo nostalgie per l’impero Asburgico e auspicando di diventare un protettorato danese (per dire) … Ma i danesi non hanno certamente alcuna voglia di protettorarci.

  • Giancarlo54

    Difficilmente la Lega si risolleverà da questa faccenda. Oserei fare il paragone, Bossi = Craxi, Lega = PSI, i prossimi mesi diranno se è vero, ma mi sento di dire di si. La Lega paga il suo non allineamento a Monti & Co, se fosse stata casta e pura avrebbe anche potuto continuare ad opporsi, ma essendo, come TUTTI i partiti parlamentari, gravemente invischiata in quel autentico verminaio che è la politica italiota, sarà distrutta o quantomeno gravemente ridimensionata.
    Sarà interessante vedere che fine faranno gli elettori del defunto cdx, chi voteranno, in futuro, gli ex elettori di Berlusconi e di Bossi? Questo sarà veramente interessante.

  • simonlester

    e senza grandi disturbi qualcuno sparirà,
    saranno forse i troppo furbi e i cretini di ogni età.

    ;-)))

    Ciao

  • cardisem

    Il problema: una magistratura che da decenni fa politica…, che è una casta non inferiore alle altre, che si fa i cazzi suoi e che ci opprime, magari facendoci credere di essere la Voce di Dio stessa oltre che del Popolo Cazzone…

  • antsr

    Il giornalista Leonardo Facco, che è stato per anni nella lega, ha scritto nel 2010 un libro dal titolo emblematico: “Umberto magno” descrivendo chi era Bossi, cosa aveva fatto i suoi tanti intrallazzi e la continua voracità di denaro personale e familiare al punto di vendersi il simbolo della lega (a Berlusconi il giornalista riporta gli estremi del notaio). Facco concludeva che “il capo” al di là di alcune cosucce fatte avere al suo popolo solo chiacchere era riuscito a portare a casa. Tanto è estremamente documentato nel libro dell’uso del denaro e dall’enorme spreco, soprattutto dei militanti, per operazioni fasulle (aperture supermarket, etc.) di ladrocinio, etc. Allora mi chiedo: Dov’è la novità se tutti dentro e fuori dalla lega (partiti, giornalisti…) sapevano? Un’ipocrisia di fondo è sempre presente in Italia. Ce ne libereremo mai?

  • antsr

    Il giornalista Leonardo Facco, che è stato per anni nella lega, ha scritto nel 2010 un libro dal titolo emblematico: “Umberto magno” descrivendo chi era Bossi, cosa aveva fatto i suoi tanti intrallazzi e la continua voracità di denaro personale e familiare al punto di vendersi il simbolo della lega (a Berlusconi il giornalista riporta gli estremi del notaio). Facco concludeva che “il capo” al di là di alcune cosucce fatte avere al suo popolo solo chiacchere era riuscito a portare a casa. Tanto è estremamente documentato nel libro dell’uso del denaro e dall’enorme spreco, soprattutto dei militanti, per operazioni fasulle (aperture supermarket, etc.) di ladrocinio, etc. Allora mi chiedo: Dov’è la novità se tutti dentro e fuori dalla lega (partiti, giornalisti…) sapevano? Un’ipocrisia di fondo è sempre presente in Italia. Ce ne libereremo mai?
    Ed allora mi chiedo: cosa significa quello che scrivi sulla magistratura, almeno su questo caso? Il tutto era saputo e risaputo da tanti nel mondo politico e dell’informazione, quindi non comprendo le tue affermazioni.

  • terzaposizione

    Da mesi percepisco nei maroniani, Salvini su tutti, una malcelata insofferenza verso il “cerchio Magico” , quindi sono portato a pensare che più di Magistrati telecomandati, lo scandalo Belsito sia un insider job; ricordatevi che tra le intercettazioni c’è ” se Castelli vede i conti sono uccelli per diabetici..”.
    Mi auguro che Maroni ed i maroniti ( suona meglio?) siano i “colpevoli” di aver messo fine ad un politico ormai ridotto ai rutti, agli insulti, in mano a degli avvoltoi che senza di esso sarebbero espulsi anche dai campi Rom.

  • Kiddo

    Mi auguro che tu abbia ragione. Il problema è l’italiota medio elettore della lega. Se è , come penso io, ignorante e di memoria corta, alle prossime elezioni non assisteremo ad un tracollo stile PSI , tutt’al più ad un calo significativo ma non letale. Spero in un bell’aumento di astensionismo.

  • andyconti

    finalmente un commento intelligente.

  • andyconti

    concordo su tutto.

  • Tao

    ..Qualcuno mi chiede se io ritenga che Bossi sia vittima della magistratura. Rispondo: no, è vittima del goffo malaffare di alcuni esponenti del suo partito e dal fatto che non solo non ha fatto nulla per impedirlo ma ne ha beneficiato personalmente. Perlatro mi chiedo: ne valeva la pena per cifre così piccole?

    Aggiungo che Bossi doveva intuire di essere nel mirino della magistratura e non solo dunque avrebbe dovuto essere più cauto.

    Qualche dubbio, invece, è lecito sulla tempistica, che è perfetta per far fuori la Lega in vista del voto del 2013. Amici ce ne sono dappertutto, anche in magistratura…e gli amici si vedono nei momenti che contano. Il dubbio, ne converrette, è plausibile…

    Marcello Foa
    Fonte: http://blog.ilgiornale.it
    6.04.2012

  • Nauseato

    Mai.

  • Viator

    Ottimo articolo. La dittatura europea dell’alta finanza ha fatto fuori Berlusconi e con lui Tremonti minacciando di fargli fallire l’azienda, e adesso taglia le gambe alla Lega.

    Stanno preparandosi in vista dei prossimi, imminenti terremoti finanziari, quando anche lo strapotere dei media e l’ottusità del gregge saranno sfidati dalla macelleria sociale in preparazione.

  • andyconti

    Semplicemente la Lega, partito folcloristico, fa piu’ notizia di Penati o Lusi. Non ha mai fatto opposizione all’alta finanza (Berlusconi dell’alta finanza e’ parte e la Lega ne e’ stata alleata e direi anche proprieta’, venduta con atto notariale), tutti i partiti e tutto il sistema in generale sono parte dell’alta finanza, anche il consumatore che fa la spesa con carta di credito ne fa parte, finche’ daremo priorita’ ai soldi rispetto ai valori (valori anche materiali, ma meritati e non guadagnati come alla roulette) non ne usciamo. Poi ci saranno sempre quelli convinti che Berlusca e’ stato paladino della patria contro la lobby giudo-pluto-massonica assieme al santo Putin, che rimangano con le loro idee. Se B&B sono stati silurati si tratta di giochi interni alla stessa lobby, non perche’ B&B siano cavalieri a difesa dell’italianita’ o della padanita’.