Drone americano entra in collisione con jet russo sul Mar Nero

Non è chiaro quanto vicino alla Russia stesse operando il drone statunitense

 

Dave DeCamp – Antiwar.com – 14 marzo 2023

 

Secondo il Comando europeo degli Stati Uniti, un drone MQ-9 Reaper dell’US Air Force è entrato in collisione con un caccia russo Su-27, in un incidente che rischia di provocare una forte escalation delle tensioni tra Washington e Mosca.

Il Comando europeo ha dichiarato in un comunicato stampa che due caccia russi Su-27 hanno intercettato lo MQ-9. “Alle 7:03 circa (CET), uno dei Su-27 russi ha colpito l’elica dell’MQ-9, costringendo le forze statunitensi ad abbattere lo MQ-9 in acque internazionali“, ha dichiarato il comando.

Non è chiaro in quale punto del Mar Nero si sia verificato l’incidente o quanto vicino al territorio russo l’MQ-9 stesse operando. Il generale James B. Hecker, comandante delle forze aeree statunitensi in Europa e in Africa, ha affermato che l’MQ-9 stava effettuando un volo di “routine” e ha attribuito la colpa della collisione ai piloti russi.

black_sea_map

Il nostro aereo MQ-9 stava conducendo operazioni di routine nello spazio aereo internazionale quando è stato intercettato e colpito da un velivolo russo, con conseguente incidente e perdita completa dell’MQ-9“, ha dichiarato.

In effetti, questo atto non sicuro e non professionale da parte dei russi ha quasi causato la caduta di entrambi gli aerei“, ha aggiunto Hecker.

I funzionari russi non hanno ancora risposto alle affermazioni degli Stati Uniti sull’incidente. Gli Stati Uniti e i loro alleati effettuano frequenti voli di sorveglianza nel Mar Nero, talvolta in prossimità del territorio russo.

Link: https://news.antiwar.com/2023/03/14/us-military-says-mq-9-reaper-drone-collided-with-russian-jet-over-black-sea/

La Russia commenta l’incidente del drone statunitense nel Mar Nero

Pubblicato: 14 Mar 2023 | 18:46 GMT

 

Nessun intercettore ha toccato l’UAV spia americano che si stava avvicinando alla Crimea, ha dichiarato Mosca.

Il Ministero della Difesa russo ha smentito oggi le affermazioni dell’esercito statunitense secondo cui un intercettore russo sarebbe entrato in contatto con il drone americano MQ-9 sopra il Mar Nero, facendolo precipitare.

L’UAV stava volando verso il confine russo senza il transponder attivo, in chiara violazione dell’area ristretta stabilita per la conduzione dell’operazione militare speciale, ha dichiarato il ministero. Due intercettori sono stati inviati per indagare.

A seguito di brusche manovre intorno alle 9:30 ora di Mosca, il veicolo aereo senza pilota MQ-9 è entrato in volo incontrollato, ha perso quota ed è precipitato in mare“. I caccia russi non hanno usato armi, non sono entrati in contatto con l’UAV e sono tornati sani e salvi alla loro base“, ha dichiarato il ministero della Difesa in un comunicato.

Il commento di Mosca è arrivato dopo che il Comando europeo degli Stati Uniti (EUCOM) ha accusato i jet russi di “un’intercettazione non sicura e non professionale” del drone. Gli americani hanno affermato che il loro drone spia stava operando nello spazio aereo internazionale quando una coppia di jet Su-27 è apparsa, lo ha cosparso di carburante e ha “colpito l’elica” dell’UAV, facendolo precipitare in mare. L’EUCOM ha aspettato quasi 12 ore dopo l’incidente per commentarlo.

 

 

Gli Stati Uniti hanno ammesso di fornire all’Ucraina informazioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione nel conflitto contro la Russia, pur ribadendo di non essere parte in causa nelle ostilità. Gli aerei spia degli Stati Uniti e della NATO sorvolano spesso il Mar Nero e si avvicinano alla Crimea, a volte poco prima che le forze ucraine lancino attacchi contro la penisola russa.

La settimana scorsa, un bombardiere strategico statunitense ha effettuato un volo di prova per un attacco missilistico su San Pietroburgo, pur rimanendo nello spazio aereo internazionale e della NATO.

Il Pentagono usa abitualmente l’espressione “non sicuro e non professionale” per descrivere gli incidenti in cui gli intercettori russi scacciano i droni, gli aerei spia o i caccia statunitensi che si avvicinano troppo al confine.

Link: https://swentr.site/russia/572976-us-russia-clash/

 

A questo punto giova ricordare questo articolo di The Moscow Times (non lasciatevi ingannare dal nome, è una testata tutt’altro che filo-russa) che ho rintracciato e che trovate più sotto. Non pensate che i russi possano essere un filo “sensibilizzati” quando vedono mezzi americani in uno spazio aereo internazionale, ma decisamente vicini ai loro confini e, se è per questo, decisamente lontani da quelli statunitensi?  Come commenta un caro amico, che peraltro in questo momento si trova proprio in riva al Mar Nero: “Perché non se li tengono nei loro cieli, invece di rompere i co…ni agli altri paesi?”. Bella domanda, vero?

 

La Russia dice che i droni da attacco in Crimea hanno usato il corridoio di grano come “zona sicura”.

 

The Moscow Times – 31 ottobre 2022

 

La Russia ha dichiarato domenica di aver recuperato i resti dei droni che hanno attaccato la sua flotta a Sebastopoli, sfruttando la “zona sicura” di un corridoio di grano, e che potrebbero essere stati lanciati da una nave civile.

I droni marini si muovevano nella zona di sicurezza del ‘corridoio del grano’“, ha dichiarato il Ministero della Difesa russo, aggiungendo di aver “recuperato” alcuni detriti dei droni dal mare.

Uno dei droni potrebbe essere stato lanciato “da una delle navi civili noleggiate da Kiev o dai suoi padroni occidentali per l’esportazione di prodotti agricoli dai porti marittimi dell’Ucraina“.

Domenica Mosca si è ritirata da un accordo sul grano negoziato dalle Nazioni Unite dopo che la sua flotta del Mar Nero nella Crimea annessa alla Russia è stata presa di mira da un attacco di droni.

La Russia ha anche detto che alcuni dei droni utilizzati in quello che ha definito un “attacco terroristico” avevano parti di fabbricazione canadese.

L’esercito ha dichiarato che i suoi specialisti hanno “condotto un esame dei moduli di navigazione di fabbricazione canadese“.

La Russia ha accusato Kiev di aver pianificato l’attacco a Sebastopoli con l’aiuto di specialisti militari britannici.

Ha detto che i dati di un “ricevitore di navigazione” di uno dei droni mostravano che era stato lanciato “dalla costa vicino alla città di Odessa”.

In una dichiarazione separata, l’esercito ha affermato che un marinaio della Flotta del Mar Nero, in servizio come “radiotelegrafista” e “vedetta”, è stato il primo a individuare un drone marino “sconosciuto” che si muoveva verso la baia di Sebastopoli prima dell’alba di sabato.

Ha detto di aver fatto “immediatamente rapporto” ai suoi superiori, il che “ha permesso alla nave di distruggere il drone“.

Il marinaio, di nome Artyom Zhiltsov della nave “Ladny”, ha ricevuto una decorazione di Stato.

Kiev e l’Occidente hanno condannato la decisione di Mosca di uscire dall’accordo sul grano, che era stato concordato per alleviare una crisi alimentare globale.

 

Link: https://www.themoscowtimes.com/2022/10/30/russia-says-crimea-attack-drones-used-grain-corridor-safe-zone-a79235

 

Scelti e tradotti (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix