Home / ComeDonChisciotte / DISTINTI SALUMI

DISTINTI SALUMI

DI EUGENIO BENETAZZO
eugeniobenetazzo.com

Se ci fosse un modo per vendere allo scoperto l’Italia, non ci penserei
un attimo. Per chi non è del mestiere con questa terminologia si
denominano le operazioni finanziarie effettuate con l’intento di
ottenere un profitto a seguito di un trend o movimento ribassista delle
quotazioni di un qualsiasi bene quotato in una borsa valori.
Fortunatamente, per voi che leggete, il valore delle vostre case, il
valore della laurea di vostro figlio, il valore del comprensorio
turistico in cui andate a fare le vacanze o il valore del benessere
della città in cui vivete non sono oggetto di quotazione presso nessun
mercato borsistico. Se cosi fosse infatti, avremmo assistito all’arrivo
di migliaia di speculatori
pronti a vendere allo scoperto un paese che
nel suo complesso è destinato progressivamente a perdere di valore.

Vi accorgete di quanto valiamo come paese o come popolazione lavorando o
interagendo con altre nazionalità (Stati Uniti a parte), in cui quello
che è normale o consuetudinario negli altri stati, in Italia è
straordinario oppure eccezionale. Da due anni si continua a parlare
ormai di questa famigerata crisi finanziaria che ora è diventata crisi
planetaria e che ha ripercussioni molto rilevanti anche in Italia: vi
faccio una domanda. Pensate seriamente che le persone al momento al
governo o all’opposizione
, le quali sono state artefici di aver condotto
il paese alla sfida della globalizzazione, senza ipotizzare alcun tipo
di difesa, siano adesso in grado di risolvere i problemi che
quest’ultima ha procurato allo stesso paese. Chi siede a Bruxelles o
Roma a rappresentarci ha un’età media oltre i sessant’anni, lo stesso
premier
è ormai in prossimità degli ottanta anni: tutti loro sono ormai
mentalmente obsoleti, incapaci di astrarsi intellettualmente per
comprendere su cosa e come intervenire, capaci solo di aizzarsi per le
solite beghe di partito. Non me la prendo più di tanto con Berlusconi,
Fini, D’Alema, Bersani, Bossi o Casini, ma con chi li vota. Alla fine
gli italiani hanno la classe politica che si merita e la stessa si
dimostra un fedele specchio del paese.

Quei pochi vanti che avevamo nei confronti di altre nazioni non li
abbiamo mai coltivati a sufficienza, lasciandoli appassire lentamente:
qualcuno mi ricorda come in più occasioni abbia menzionato il mancato
sfruttamento del potenziale turistico ed artistico italiano. Non rinnego
questa mia constatazione, tuttavia soffermiamoci a riflettere su come è
strutturato questo potenziale inespresso
: migliaia di alberghi,
pensioni, residence ormai fatiscenti, la maggior parte a conduzione
familiare, risalenti, assieme all’arredamento, a oltre trent’anni fa.
Per non parlare delle logiche campanilistiche di attrazione ed
accoglienza turistica di enti locali, aziende di soggiorno ed
associazioni di albergatori che competono una con l’altra. Piuttosto che
fare sistema tra di loro preferiscono perdere il cliente: è la logica
dell’orto di casa, quello che è mio non lo condivido con nessuno.
Purtroppo manca un disegno di regia unitaria che dia l’imprimatur ad una
svolta gestionale e direzionale degna del paese che “in teoria” vanta
il maggior appeal turistico ed artistico del mondo. Per questo motivo a
guidare il Ministero del Turismo ci dovrebbe essere un “dream team”
costituito dai migliori marketing manager del mondo, e non una ex
valletta di periferia
dalle discutibili competenze professionali ed
imprenditoriali.

Qualcuno mi scrive confidando molto presto in una rivoluzione, magari in
una rivoluzione culturale per cambiare definitivamente il destino di
lento e progressivo impoverimento del paese, che ormai vive solo grazie
alle montagne di risparmio accantonato e al mercato sommerso
dell’evasione fiscale. Ma chi dovrebbe farla questa rivoluzione ? Le
forze giovanili attuali ? Prima mi viene da piangere e dopo da ridere:
intere generazioni di ragazzi italiani buoni purtroppo a nulla, senza
spirito di sacrificio e con professionalità inesistente, tutto questo
grazie a scuole superiori e laureifici (leggasi università di stato)
attrezzati per elargire una qualche sorta di riconoscimento accademico o
suo surrogato. Le lauree italiane (al pari dei diplomi) non servono
ormai più a nulla in quanto è cessata da quasi vent’anni la funzione
sociale per cui sono state concepite ovvero fare selezione, individuare i
più promettenti, scartare gli inetti e bocciare gli incapaci. Care
mamme evitate di scrivermi
dicendo che vostro figlio è un genio e che
sono esagerato: fate così mandatelo a lavorare all’estero, vediamo chi
ve lo assume per una mansione dirigenziale. La formazione accademica
italiana era tra le migliori (forse la migliore al mondo) fino a 20/25
anni fa, poi lentamente questo primato ci è stato sottratto per
l’incapacità di aggiornare il modello scolastico e soprattutto per la
lentezza di ammodernizzarsi dell’intero paese. Sicuramente qualcuno che
vale esiste (purtroppo sono veramente molto pochi), ma vale per un
qualche dono di natura, non certo per quello che le istituzioni
scolastiche ed accademiche  gli hanno insegnato.

Tra vent’anni in Italia ci scontreremo con un’altra triste realtà,
quella di non essere più a casa nostra: grazie infatti ad un liberismo
sfrenato alle frontiere,  saranno infatti in maggioranza numerica tutte
le altre etnie che abbiamo fatto entrare senza tante riflessioni, con un
aumento della conflittualità sociale che ora non immaginiamo nemmeno. 
Aumentano in continuazione invece i paesi occidentali che stanno facendo
l’impossibile per far rimpatriare le ondate di immigrazione degli anni
precedenti, proponendo addirittura  bonus economici a chi se ne ritorna
da dove è venuto. Ovunque (persino a Malta), tranne in Italia, ci si
rende conto dei disagi e danni economici che hanno provocato gli
extracomunitari (abbassamento dei livelli salariali, criminalità per le
strade, intolleranza nei confronti della cultura ospitante,
prostituzione, disagio e tensione sociale con gli autoctoni). Noi
italiani invece per evitare di offendere la sensibilità di qualche
attivista per l’integrazione razziale stiamo serenamente lasciando che
questa diventi la casa di qualcun’altro. Per le conseguenze che ci
aspettano, la gestione dei flussi migratori dovrebbe essere una priorità
nazionale
. In qualsiasi città italiana andiate vi rendete conto voi
stessi di un dato oggettivo: queste persone non solo non si sono
integrate, ma nemmeno lo vogliono, ogni etnia infatti si è
autoghettizzata per conto proprio (dai cinesi ai nordafricani, ogni
comunità vive con le sue regole, fregandosesene del paese che la ospita.

Datemi retta vendete tutto quello che ha senso vendere e accaparratevi
quel poco di buono che ancora rimane dell’Italia: tra quindici anni ci
chiederemo come sia potuto accadere, come sia stato possibile lasciar
marcire il paese fino a qualche anno fa invidiato da tutti. Se qualcuno
di voi spera in qualcosa, allora deve sperare che arrivi, emerga o si
imponga un nuovo Lorenzo Il Magnifico
, una personalità giovane,
visionaria, intraprendente, scomoda per l’attuale establishment
industriale e politico, che abbia la capacità di rinnovare il paese, e
stravolgere la sua popolazione, proprio come fece allora Lorenzo Dè
Medici riformando completamente tutte le istituzioni statali dell’epoca e
risolvendo le rivalità e le problematiche dei grandi gruppi di potere,
assicurando al tempo stesso un periodo di equilibrio, crescita,
stabilità e slancio per tutta la penisola.  Tuttavia fin tanto che da
quasi vent’anni in Italia continuano ad alternarsi a livello politico e
mediatico sempre gli stessi attori (da Berlusconi a D’Alema, da
Montezemolo a Tatò, da Pippo Baudo a Raffaella Carrà), il problema non
sarà tanto come cambiare il paese, ma come cambiare gli italiani, ormai
assopiti ed addormentati proprio come recitava il poeta Ugo Foscolo: e
mentre io guardo la tua pace, dorme quello spirito guerrier ch’entro mi
rugge.

Eugenio Benetazzo
Fonte: www.eugeniobenetazzo.com
Link: http://www.eugeniobenetazzo.com/event/distinti_salumi.htm
26.08.2010

Pubblicato da Davide

  • brunotto588

    … Boh, sembra una bella macedonia qualunquista ma senza sapore ….. senza una tesi, insomma …. anzi, c’è solo un accenno di una mezza tesi dal sapore “modernista” ed “illuminista”, “svendaiolo” ed “economicista”, il che fa pensare che anche Benettazzo sia ormai stato “assimilato” …. A ciò si aggiunge l’ aggravante che nemmeno lui, ormai, tira più in ballo il signoraggio …. ooppssss …… la tassa sulle ruote ….!!! …… “Così fan tutti”, n’ est-ce pas ??? ….

  • Tetris1917

    Benetazzo dice: “Ovunque (persino a Malta), tranne in Italia, ci si rende conto dei disagi e danni economici che hanno provocato gli extracomunitari (abbassamento dei livelli salariali, criminalità per le strade, intolleranza nei confronti della cultura ospitante, prostituzione, disagio e tensione sociale con gli autoctoni)”
    Io mi chiedo: e’ proprio vero che qua’ sopra il livello di articoli e’ caduto dalle stelle alla stalla? Sinceramente, pensavo che i salari cadevano soprattutto per altri motivi. Chissa’ forse nel lombardo-veneto e’ una sindrome questa dell’immigrato…… Benetazzo ma in America hai visto citta’ abitate solo da Apache e Sioux per caso? Un po’ di “negracci” in giro…..niente vero?

  • brunotto588

    … Ergo, mi pongo la domanda che ( forse ) si starà ponendo anche la Redazione di CDC, di fronte al malcelato e sempre più frequente uso di inchiostro simpatico / cangiante di quelle che erano un po’ le “penne d’ assalto” della controinformazione nostrana: ….. 1) Randazzo che si commercializza ( per non usare un altro termine ) …….. 2) Della Luna che da sottile analista e chirurgico sezionatore diventa un opinionista di parte ( sono stato abbastanza diplomatico ? ) …… 3) Bertani che, forse per esaurimento di argomenti ( da quanto tempo ci propone solo e sempre lo stesso ritornello ? ), o forse per suo stesso esaurimento, si ritira strategicamente in alto mare …… 4) Barnard che parla solo di fica, lasciandoci in attesa di rivelazioni messianiche che non arrivano mai ( stessa tecnica di “Quinto Fabio Massimo” ? ) …… 5) Benettazzo che svende tutto in attesa del “Magnifico” ( certamente un raffinatissimo Anglo innamorato della Toscana ) …… chi pubblicare prossimamente ????? ……. Perchè andando avanti così, caro CDC, non resta altro che far scrivere gli articoli a De Benedetti in persona ….. o forse meglio buttarsi sulla fesse, che mette sempre tutti d’ accordo. Vive la fesse.

  • Zret

    Un’accozzaglia di luoghi comuni e di pregiudizi. Perché non chiedere a Marchionne di scrivere un articolo?

  • Cornelia

    Eugenio, non ti viene il dubbio che “qualcuno” abbia deliberatamente affossato scuola e università italiane, proprio per disarmare un popolo che, date le proprie virtù, era perfettamente in grado di reggere all’assalto neoliberista? Noi eravamo una spina nel fianco dei padroni del vapore, adesso siamo “normalizzati” e si può procedere al nostro smantellamento.

  • Earth

    Si, ma la cosa che non mi torna e’ che se la scuola sfornava gente in grado di pensare fino a 20-25 anni fa, queste persone avranno oggi all’incirca 45-60 anni. Eppure sono soprattutto loro che hanno avuto la possibilita’ di farsi i soldi nell’era dell’oro italiano a tradire questo paese, infatti chi aveva i soldi per prendere una laurea ai tempi, oggi ha i soldi, vota a destra e la difende.
    Quindi queste persone sono state istruite bene?

  • wiki

    Ottima domanda…io penso che il nostro declino provenga da una cultura reazionaria di fondo che non ha mai permesso all’Italia una sviluppo al pari di Francia e Germania pur con sforzi di gran parte dei cittadini comuni italiani anche superiori a quelli dei cittadini dei predetti stati…

  • redme

    …”infatti chi aveva i soldi per prendere una laurea ai tempi, oggi ha i soldi, vota a destra e la difende.”…esatto…e impone i figli, anche cerebrolesi, nelle stesse posizioni, ma la colpa non è loro,del resto siamo sempre il paese del ” familismo amorale”…siamo noi che siamo idioti….torniamo ad una sana coscienza di classe, e ci faremo due risate…

  • lino-rossi

    quella del signoraggio è una balla dimostrata tale mille e mille volte. chi continua a tirarla fuori dimostra solo la propria ignoranza e la propria incapacità ad affrontare e risolvere i problemi intellettuali che incontra, trascinando con sé, ahimè, anche l’ambiente che frequenta.

  • Zret

  • afterglow

    Eugenio Benetazzo si conferma acuto osservatore e commentatore sagace, oltre che lungimirante. Condivido il suo articolo parola per parola, al punto da sposare completamente le sue tesi. Che, d’altra parte, molto più modestamente, sono anche le mie. Ad Eugenio Benetazzo e a chi ne avesse tempo o voglia, rimando ai miei articoli postati sul forum – opinioni “Il Medioevo alle porte” sugli scenari sociopolitici che ci aspettano, e, più recentemente, “L’Autonomia possibile”, sullo stato di paralisi progressiva dei giovani. Complimenti ancora a Benetazzo, ed un invito anche da parte mia a vendere tutto quello che è vendibile in questo momento: tra qualche anno potrebbe essere tardi.

  • sovranidade

    Se non avessi letto prima il nome dell’autore del pessimo articolo di E. Benetazzo, avrei giurato che, mio malgrado, stavo leggendo un “polpettone” di Beppe Grullo…ops, perdon volevo dire Beppe Grillo !

    Eugenio…come ti sei ridotto !?!?

  • ComeDonkeyKong

    Come disse qualcuno… “Levateje er vino!!!”

  • laridream

    Ci sono alcuni che non concordo…ma alla fine di tutto penso che la verità sia sempre un peso da accettare, e questo a creato sempre problemi qui come al trove tutti desideriamo sentirci dire che non va poi cosi male, ma purtroppo questo paese nemmeno io lo vedo messo bene e se qui non si parte ad accettare la realtà come dice Benetazzo ” tra quindici anni ci chiederemo come sia potuto accadere, come sia stato possibile lasciar marcire il paese”

  • perniceblu

    Leggo sempre volentieri gli articoli di Benetazzo, un economista indipendente e fuori dai giochi di potere. Vorrei aggiungere un paio di considerazioni alla sua analisi.
    Credo innanzitutto che il turismo e moltissime altre attività economiche del nostro Paese siano minacciate da un Leviatano che risponde al nome di speculazione edilizia. E’ evidente che il 90% di quanto è stato edificato dal dopoguerra ad oggi ha sfregiato in modo forse irreparabile la bellezza del nostro pesaggio. Ciò sicuramente contribuisce, oltre alla decadenza morale del Paese, alla fuga dei turisti verso località dove si è saputo costruire con garbo e a dimensione d’uomo. Resistono parti della Toscana e poche altre zone salvate dai vincoli delle Sovrintendenze.
    Il mito della seconda casa ha portato allo scempio delle nostre bellissime coste per costruire edifici abitati poche settimane all’anno.
    Oltre alla distruzione del paesaggio c’è il problema, non secondario, della rendita. Conosco persone che hanno dovuto chiudere la propria attività non tanto perché non rendesse, ma perché non potevano più permettersi di pagare l’affitto dei locali in cui operavano. Nella città in cui abito incominciano a vedersi negozi sfitti in aree centrali a causa dell’alto costo dei canoni. La rendita uccide il lavoro. Per non parlare delle migliaia di appartamenti sfitti e dei prezzi delle locazioni che risucchiano almeno il 50% del reddito disponibile, dirottando denaro fresco e disponibile ad entrare in circolo nell’economia, anche del turismo, verso le bramose fauci di piccoli e grandi speculatori che lo investono molto probabilmente in attività finanziarie o in nuova speculazione.
    Inoltre la speculazione edilizia è il principale veicolo della corruzione politica e i piani regolatori dei Comuni veri e propri disegni criminali. Una vera rivoluzione in italia, un nuovo Lorenzo il Magnifico, dovrebbe portare a un piano apocalittico di demolizioni e a un nuovo rinascimento urbano, con milioni di posti di lavoro assicurati per almeno cinquant’anni. Un’opera così gigantesca potrebbe però essere assicurata soltanto dalla sovranità monetaria, senza la quale può esistere solo la sovranità della miseria.
    Per quanto riguarda gli stranieri non condivido il pessimismo del Benetazzo. E’ vero che il loro arrivo è stato provvidenziale al Capitale, che non vuole più pagare il costo della riproduzione della forza lavoro e preferisce importarla da dove abbonda. Tuttavia gli stranieri sono nuova linfa vitale e apportano non solo problemi ma diversità culturale e cambiamento. Non deve sfuggirci che il Rinascimento è venuto dopo le invasioni barbariche, che in realtà sono state poderose migrazioni di popoli.

  • Eli

    Continua la deriva razzista di Benetazzo. Ciò non mi stupisce. Mi stupisce invece che CDC sia ridotto a pubblicare i suoi articoli e quelli di Massimo Fini: spazzatura non riciclabile?

  • gamma5
  • jackalope

    A me Benetazzo piace, pero’ questo articolo mi ha sinceramente deluso. tanti concetti, poco sviluppati, tanti temi, tutto l’articolo scollegato..mah, insomma da lui ci si puo’aspettare molto di piu’.

  • Eli

    jackalope, come economista Benetazzo ha detto cose originali per un certo periodo. Quando vuole scrivere articoli più generali, trovo sia molto carente. Di tutto, comprese grammatica e sintassi. Saluti.

  • Zarco

    Finalmente anche i grandi cominciano a farsi sentire per evidenziare il disastro epocale di questa invasione straniera.
    Chi è di sinistra e antirazzista ma contro questa devastante invasione che sta portando alla scomparsa del popolo italiano, nell’ottusità di una sinistra che fa del buonismo la sua massima espressione intellettuale, e contro la vigliaccheria di definire razzista chi semplicemente e sanamente si ribella a tutto ciò, per favore si iscriva a questo Gruppo:
    http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

  • sheridan

    Ottimo articolo del solito ottimo Benetazzo. Meno ottimi i commenti (a parte un paio) che sono la solita prateria per scorribande di idioti che ripetono le solite fesserie (signoraggio, neoliberisti etc…) come tante foche ammaestrate. Ragazzi, annate a studia’, anche un ragioniere di primo pelo potrebbe dimostrarvi che scrivete solo scemenze. E mi raccomando! Non fate debiti (magari per comprarvi l’iphone) che poi date la colpa alla BCE!!!!

  • Tonguessy

    C’è un magnagati de vicensa che se ne sta comodo comodo a Malta a gestire fondi, ovvero a speculare. Gestire fondi, ovvero speculare, significa travasare soldi dalle tasche dei più poveri a quelle dei più ricchi. Se avete dubbi chiedete ad un precario, ad un cassintegrato quanto abbia investito in qualsiasi fondo che non sia di bottiglia (per dimenticare…). Il divario tra ricchi e poveri si sta allargando sempre più (e la classe media sta conseguentemente sparendo) proprio grazie a quegli intermediari indefessi ed efficienti alla Benettazzo. “Fa solo il suo lavoro, e lo fa pure bene” direte voi. Certo, proprio come Oppenheimer ha fatto un lavoro egregio a progettare e produrre le due atomiche di Nagasaki ed Hiroshima. E tutto questo cosa significa? Solo che chi usa queste indecenti argomentazioni non contestualizza, e non contestualizzare ovvero parcellizzare le coscienze è esattamente ciò che la nostra società basata su superspecialisti alla magnagati de vicensa ci insegna ogni singolo giorno che dio (?!?) manda in terra.
    Ok, Benettazzo è bravissimo nel rendere più poveri i poveri edi ricchi più ricchi. Fin qui tutto normale. Ma accampa pure giustificazioni. Si incazza con chi non investe nei suoi fondi. Chi? Ma gli extracomunitari, of course!
    Mica se la piglia con i Briatore che grazie al noleggio di barche battenti bandiera Cayman riempiono i serbatoi del suo “noleggiato” megayacht a costi superridotti. Quello mica sta affamando l’italia, evadendo anche sulle spese delle vacanze (e figuratevi sulle spese per l’andamento quotidiano delle sue aziende). Quello gli compra i fondi, e pecunia non olet. Sono i puzzoni che non hanno soldi da investire che vanno mazzolati per bene, vero magnagati?
    Il climax orgasmico della demenza senile di questo giovine magnagati arriva quando parla dei
    danni economici che hanno provocato gli extracomunitari
    . Non c’è un italiano disposto a lavorare nelle concerie di Arzignano (in pieno feudo magnagati), ed arrivano gli extracomunitari a salvare la situazione dell’industria del pellame.
    http://www.repubblica.it/2008/10/sezioni/cronaca/immigrati/arzignano-salvato/arzignano-salvato.html
    Avete idea dei danni che questi disgraziati che lavorano con macchinari pericolosi e chimiche d’altri tempi stanno arrecando all’economia italiana? Senza contare che sicuramente non si cibano di felini…..
    “Questo fa di Arzignano un laboratorio: un paese ad alta immigrazione e bassa clandestinità” scrive l’articolista.
    Non basta ancora? Chi di voi, magari con laurea, sarebbe disposto a pulire il culo di un vecchio? Che vogliamo farne degli anziani ITALIANI non autosufficienti? Mandarli tutti in qualche lager di contenimento? Invece no, arrivano loro con tanto di laurea a regalare qualche anno di vita decente ai nostri connazionali in difficoltà. Facendo risparmiare loro un bel po’, se dobbiamo paragonare i costi di una badante con i costi di una casa di riposo.
    Ma non basta ancora, vero? Beh, allora perchè non parliamo dei contributi INPS (quelli allegramente saccheggiati da Tremonti e di cui il magnagati non accenna minimamente, forse perchè cane non mangia cane e gatto non mangia gatto?) che gli extracomunitari mantengono così attivamente? Si tratta di circa 200 MILIONI DI EURO che gli extracomunitari ci (a noi italiani che godremo della pensione) hanno REGALATO visto che se ne andranno da qualche parte (chi nel proprio paese di origine e chi in qualche paese senza magnagati) dopo avere LAVORATO e versato i NOSTRI contributi pensionistici.
    http://www.dirittiglobali.it/component/content/article/23-immigrati-a-rifugiati/804-crisi-20mila-stranieri-potrebbero-tornare-a-casa-i-contributi-restano-allinps.html
    Per i sostenitori della crisi-che-si-risolve-grazie-ai-magnagati: VERGOGNA!

  • Tonguessy

    Cavèghe el vin, in vicentino. Studia, somaro! Donkey….;)

  • Matt-e-Tatty

    Straquoto e aggiungo che tutti quei lavori stranieri in nero (citati nell’articolo) sono fortemente voluti nel nostro paese… non si spiegherebbe come in altri paesi (Norvegia, Danimarca… per citarne alcuni) i lavoratori stranieri sono regolari e assistiti nell’integrazione dal paese. Certo che se vuoi qualcuno che ti raccoglie i pomodori per 2 € all’ora non puoi ne integrarlo, ne regolarizzarlo.

  • brunotto588

    … !!!!!!!!!!

  • brunotto588

    … Quindi, tornando a bomba: col sistema della MONETA-DEBITO è un’ IDEA CHE HANNO PRIVATIZZATO …… esattamente come privatizzare “l’ idea” che ne so, della ruota ……. Hanno detto: “qualcuno nella preistoria ha avuto l’ idea della ruota / moneta …. Bene: raccontiamo a tutti che solo noi possiamo costruire le ruote …. non per venderle, no, saremo mica fessi ….. PRESTIAMOLE …. maggiore è il raggio della ruota, più costerà prenderla a prestito ….. e la gente dovrà pagarci questo prestito dandoci i beni che trasporta con le ruote ….” ECCO: E’ ESATTAMENTE COSI’ ….!!!!!!! ……. E pensare che saremmo liberi di farci da soli tutte le ruote che vogliamo ….. “Ci sarebbe inflazione di ruote”, dite …. MA NON FATE RIDERE ….!!!!! …… Quando ci saranno in giro abbastanza ruote, semplicemente se ne faranno meno ….. Lapalisse, mi fai una pippa …… E toujour vive la fesse.

  • ottavino

    Benettazzo invoca Lorenzo il Magnifico, più invoca la gestione dei flussi migratori, ecc. insomma qualcuno che guidi la barca, perchè la sensazione è che la barca sia senza guida. Ma la barca è guidata dai poteri forti, da bruxelles, dal FMI, dal vaticano, dai media…..dalla globalizzazione…..ci vorrebbe un dittatore, sembra dire Benettazzo!! Ma un dittatore non sarebbe democratico e allora non si può….e quindi? E’ la sagra degli impotenti…..

  • LucaV

    QUOTO. Faglielo leggere a Linuccio!

  • GioCo

    Caro Benettazzo,
    vedo che con il tempo stai diventando sempre più acido, come il vino invecchi male … 😉
    Ti seguo volentieri da tempo, come seguo molte altre realtà e punti di vista. Vi sono aspetti che per ovvi motivi non sono per te evidenti, ma rientrano perfettamente nel quadro che presenti.
    Aspetti storici ad esempio: non sono gli imperi che si sono chiusi ad essere sopravvissuti. In genere il periodo di chiusura è quello che precede la fine dell’impero stesso.
    Il secondo aspetto è sociale. Mia madre amava ricordare che delle guerre alle persone non importa mia un fico secco. In genere la persona è interessata a cose più normali come la propria serenità, creatività e affettività con quanto di minimo occorre per viverle. Perciò l’assetato di potere deve sempre faticare per trascinare un popolo alla guerra, creando prima il vuoto, sotto i piedi del suo popolo, affiché sia poi obbligato ad agire per suo nome e suo conto, per difendere i suoi propri personalissimi e privati diritti.
    Tutto ciò è giustificato poi con nomi altisonanti come “democrazia”, “fratellanza”, “Dio”, “Patria”, “Partito”, ecc. ecc.
    Oggi si chiama “economia” ma il succo rimane uguale anche se una novità c’è e non è in meglio.
    Il potere aveva stabilito con una parte della popolazione mondiale (una parte minima, un 10% c.ca) un patto, che aveva come fulcro la redistribuzione del profitto: il patto dei pirati, il capitano prende il malloppo ma ne promette un po’ anche alla ciurma perché “così si può continuare a scorribandare”. Mica il capitano può condurre da solo la nave, no? E ai pirati in fondo un piccolo gruzzoletto garantito dalla ciurma, pur con le regole della pirateria, è preferibile alla vita da sfigati.
    E’ un po’ quel che accade (psicologicamente) in un ambiente depresso come quello delle aree presidiate dalle mafie o dalla guerriglia urbana (stile latino americano). Si tende a sviluppare per soppravvivenza l’idea che accettare regole sociali distorte in fondo sia meno peggio che combatterle.
    In realtà (la storia lo insegna) pirateria, guerriglia o mafia non hanno futuro, resistono solo in ragione di una pressione esterna esercitata per consentire a queste realtà di sopravvivere al naturale loro auto estinguimento.
    Perché alimetare realtà così deprimenti? Semplicemente perché chi le alimenta non sarebbe in grado di competere (economicamente) con ciò che si creerebbe in caso la pressione venisse a mancare
    Così, in questi territori è possibile creare momenti anche elevati di cultura, economia e crescita sociale, momenti che la storia regala con parsimonia, come all’epoca di Lorenzo, ma solo entro limiti ben precisi, sia di tempo che di spazio. Limiti che sono intesi a evitare alla sopravvivenza per i dominanti.
    Ora, qual’è la novità? La novità essenzialmente è che chi è al potere oggi si è prima convinto di essere in pericolo e poi si è convinto che il pericolo derivasse dal patto sociale e da quel 10% che era stato fino a quel momento (anni ’70) privilegiato. Se ne è convinto semplicemente guardando che “non c’era pane e vino per tutti”. Cioé le risorse del pianeta non sarebbero bastate in caso la Cina avesse prevalso (guerra Vietnam 1960-75). Proprio la mobilitazione pubblica che si oppose alla guerra in Vietman fece reagire il potere, che stracciò quel patto sociale riconoscendovi un errore madornale. La fine della guerra in Vientnam decretò in realtà la dichiarazione di guerra alla middle class. Cioé alla borghesia. Guerra che non è affatto terminata ma che è alla sua conclusione e che vede la borghesia sconfitta e schiacciata a ruolo di servo.
    Ma sbaglia chi pensa che tutto ciò riguardi l’Italia o che l’Italia possa salvarsi con qualche governante illuminato. Nessun governante può alterare questo processo, come nessun uomo può pretendere di fermare un onda anomala facendo scudo con il proprio corpo.
    Accettiamo il cambiamento. L’italia è spacciata? Beh, non è che sia mai stata nemmeno prima nulla di ben riuscito. Ci ha dato molto e ci ha tolto di più. Come ogni realtà creata apposta solo per garantire il potere a pochi uomini ben selezionati.

  • brunotto588

    …. ehhh …. come se servisse a qualcosa parlare con chi non ha nè occhi nè orecchie …!!!

  • maumau1

    lino-rossi e bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    con sta storia che la balla del signoraggio sia stata svelata..
    lo stesso Deusemberg l’ha ammessa e forse qualcosa più di te la sapeva..

    non se ne può più la tua missione(per mestiere )è quella di attaccare il signoraggio intervieni sempre e solo su quello anche quando non era l’argomento dell’articolo solo perchè uno l’ha citata di striscio..
    non esistono altri tuoi interventi e quando esistono sono solo per far vedere che intervieni su altro ed infatti lo fai con svogliatezza del mezzo rigo.
    hai rotto veramente i cohones..basta..
    hai dato il tuo punto di vista a cui nessuno qui dentro ha dato retta
    proprio perchè le tue argomentazioni sono lacunose ed insufficenti
    forse proprio questo il motivo che continui a ripeterlo a manovella..
    ”il signoraggio non esiste” sperando che qualcuno ci creda come atto di fede
    perchè per le tue ridicola argomentazioni nessuno si convincerà mai..

    l’hanno ammessa illustri banchieri ,politici esperti,economisti,uomini di stato..
    quasi tutti finiti male alcuni uccisi altri tolti di mezzo ..
    tu invece sei in un botte di ferro..
    il tuo atteggiamento e le tue posizioni sono ridicole si capisce che ti vorresti sull’argomento ricavare un posticino al sole come altissimo!
    ridicoli entrambi

    falla finita,bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  • maumau1

    grande articolo invece..

    chi dice che non parla di signoraggio ,ma perchè servirebbe a qualcosa..?
    Se gli italiani continuano a votare ed esprimere una classe politica corrotta fino all’osso a ribellarsi solo per il calcio che speranze ci sono che riescano anche solo a capire il signoraggio e ribellarsi per esso..ma scherziamo?
    D’altrone sono questi politici e quelli di tutto il mondo a legittimare il signoraggio e ad avere regalato la sovranità monetaria alle banche..
    ed anzi per buona parte dei cittadini le banche sono intoccabili e le uniche istituzioni serie di cui fidarsi altrimenti non gli affiderebbero ciò che di più importante hanno,i proprii denari,non credete?
    Le banche nonostante tutto ,nonostante la crisi provocata,nonostante le truffe godono di una immagine di affidabilità indiscutibile..
    visto che le banche sono maestre a spostare l’attenzione sulla politica e far credere che siano i politici i responsabili di crisi e sfaceli mentre sono solo loro camerieri..

    in questo trucco ci casca il 90% della popolazione..
    figuriamoci se domattina qualcuno si ribella ed incendia le banche..
    ma non siamo ridicoli

    Tra l’altro Benettazzo è uno dei pochi che ha le palle di parlare di sovranità monetaria (oltre che signoraggio)con i risultati di essere estromesso dai media nazionali e relagato in angolini di tv private..mentre grossi ed inutili ecoomisti come Alesina e Giavazzi stanno sempre in mezzo ai piedi a parlare del nulla del vuoto spinto..con massima attenzione a non dare mai la responsabilità a nulla ed a nessuno..quando finisci di ascoltarli ti rendi conto che non ha detto nulla se non ripetuto quello che i media hanno sparso per mesi-anni,ossia fumo!

    Forse a qualcuno brunotto588 ,Tetris etc.. dà fastidio che si individuino le colpe negli elettori invece che in banche e politici..ma è proprio vero quello..
    banchieri e politici per quante analisi realistiche potremmo fare non se ne andranno mai da soli ,mai taglieranno il ramo su cui sono appollaiati nè faranno rivoluzioni dall’alto..
    le rivoluzioni si fanno dal basso e l’italiano non ne ha mai fatte ha sempre aspettato che le facessero altri,dall’alto per loro,delegano ogni responsabilità,comprese le rivoluzioni(non siamo certo francesi che la loro rivoluzione la fecero nel 1789 ed i potenti ancora oggi li temono perchè sanno che il popolo francese fa saltare le teste coronate dei potenti a noi basta darci un dolcetto ogni tanto per tenerci buoni!) e succede ogni 2000 anni di trovare uno come Lorenzo dè Medici ,un illuminato che dall’alto riforma l’intera società in modo lungimirante ..il resto è solo un susseguirsi di proprii interessi

    ciao

  • Tonguessy

    succede ogni 2000 anni di trovare uno come Lorenzo dè Medici ,un illuminato che dall’alto riforma l’intera società in modo lungimirante

    Oh, certo. Stai parlando dei Medici, la casata di mercanti e banchieri che ha inventato il sistema bancario moderno. Proprio degli Illuminati, hai ragione.

  • maumau1

    poi mi chiedo ma Zret,Brunotto,Tetris ancora volete analisi?
    troppa anlisi conduce alla paralisi.
    Prima c’è l’analisi,la riflessione,l’individuazione di responsabili e poi l’azione.
    Noi siamo mesi forse anni che abbiamo riflettuto trovato i responsabili e capito i meccanismi con cui questi strangolano la patria(caste,lobbie,usurpazione della sovranità monetaria,depenalizzazione di alto tradimento etc..)
    cosa ci trovate a ripetere sempre le stesse cose..

    ora bisognerebbe passare all’azione,non credete?
    E qui mostrate ciò che manca agli italiani,l’agire.

    Non ha più senso che continuiamo a ripetere sempre le stesse cose,ma cazzo non vi siete rotti?
    Che volete sentire ancora?

    Bisogna agire..ma l’italiano qui è incapace e quindi ritorna sempre sulle stesse cose,Benettazzo dice questo ed ha ragione..

    se non siamo in grado di agire ammettialo e basta inutile dare addosso ad articoli come questo che invece individuano la verà natura del problema italico inutile anche pubblicare articoli che continuano a ripetere le stesse cose..

    sarebbero utili invece articoli che consiglino come agire per rovesciare la situazione..
    il fatto che non ve ne siano di simili articoli è piuttosto facile capirne il perchè..perchè la parola è rivoluzione armata e violente e questo oltre che non essere contemplata da nessuno qui dentro che ama scrivere e criticare gli articoli altrui anche quando validi come questo è scomodo perchè implica spostarsi dal sicuro della propria tastiera..ed è anche un reato spingere alla rivoluzione armata..
    mentre non è reato un rivoluzione cosi’ come un colpo di stato non violento come risulta dall’ultima modifica del codice penale fatta da castelli nel 2006
    per cui se con leggi o le tv ci porteranno alla sciavitù totale a parte di banche lobbie caste nessuno potrà arrestarli perchè hanno depenalizzato il reato di golpe non violento!

    abbiate almeno il pudore di tacere quando incapace di agire invece di scagliarvi contro chi ve lo fa notare,semplicemente ed anzi molto velatamente!

    ciao

  • brunotto588

    … Se, “armiamoci e partite” …. e dai, maumau, di solito apprezzo molto i tuoi commenti ( e quelli non sono forse “analisi” ???? ), ma qui mi stupisce molto questa tua veemente ed intollerante invettiva …. Personalmente NON PENSO che una qualsiasi rivolta aperta ( ammesso e non concesso che ci sia chi scenda in campo ) potrebbe portare a qualcosa di buono e duraturo …. e poi farebbe molto male. Ci sono molte altre tattiche attuabili ( una l’ ho accennata più volte ) assolutamente non cruente ed efficaci …. Ma questo è un lungo discorso, come chiedersi chi veramente avrebbe da guadagnarci dallo scoppio di sommosse …..

  • maumau1

    brunotto ma che orecchie vuoi tirare non sei in grado di farlo,prima di tutto intellettualmente ,tirale a tuo nonno.

    Hai la logica di un armadillo..in genere quando ci si sente punti nell’orgoglio!

    Non cercare di fare il furbo spostando il problema..sull’Armiamoci e partite..
    non ti ho detto di agire..ma di smetterla di chiedere analisi su quello che ormai è chiarissimo..come se volessi ritardare all’infinito il momento dell’azione indugiando all’infinito sull’analisi!

    tu critichi chi ha smesso di fare analisi..mentre tu ne vuoi ancora..

    cosa è che non ti è chiaro che chiedi altre analisi sulla crisi..

    ma sei tonto?

    E’ tutto chiaro,perchè chiedi ancora lucide analisi,quando sono già state fatte?

    Il motivo è semplice perchè sei masturbatorio nel tuo voler sentire altre analisi ..che vuoi scoprire ancora?
    E’ tutto chiarissimo..

    Ora bisognerebbe agire..non sentire altre analisi..o aspettare di poter votare il prossimo che si presenta,tanto Lorenzo Dè Medici non si presenterà al massimo un altro Mussolini,Berlusconi,o qualche altro lupo travestito da agnello come Obama…

    Io non ho detto che mi sono dato all’azione dico che chiedere altre analisi sulla crisi è come farsi una sega..
    interventi come i tuoi se ne vedono sempre di più qui dentro,ossia nessun contributo,ma critiche alla ludicidità delle analisi su argomenti straritriti..
    non capendo che sei completamente ricolmo di analisi pieno fino all’orlo nel non riuscire a muoverti quindi ad agire..

    quindi invece di dire basta con le analisi ne vuoi ancora..

    se si continua con le analisi quando inizieremo a nuoversi..
    aveva alla fine ragione Bertani ,quando i forum diventano cosi’ ossia ripetersi addosso continue analisi invece di spingere all’azione ,rimangono masturbazioni..inutili e perniciose..

    è un pò quello che avviene quando a chi accusa le banche di essere l’origine di tutti i mali delle nazioni poi però si accorge che è lui stesso ad alimetarle portandoci i proprii denari,in maniera quasi schizofrenica..
    e se provi a dirgli ora che hai analizzato la questione,perchè non agisci ritirando dalle banche tutti i tuoi denari e liberandoti di bancomat e carte di credito..ti rispondono come hai fatto tu a me..
    oppure che non si può fare,che è impossibile.. scomodo..
    ma allora basta a criticarle..analisi senza azione è masturbazione..
    (a proposito io ne faccio quasi totalmente ammeno delle banche..da tempo ormai nonostante per l’attività che faccio mi rimane veramente scomodo!!)

    ecco il sondaggio a cui puoi rispondere sull’uso delle banche(Senza mentire!)

    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=59776#59776

    come quegli animalisti che però portano le scarpe di pelle…perchè servono sono utili etc..

    ecco mi sembra che ti ho perfettamente inquadrato..cosi’ chi legge può farsi una idea..

  • lino-rossi

    un bel rapporto fra un “libertario anarcocapitalista” ed analfabeta economico. molto più dannosa all’umanità, a mio modo di vedere, la parte virgolettata. i secondi si vede lontano un anno luce che non hanno nulla dentro; i primi bisogna perdere un po’ di tempo per comprendere la loro malattia.

  • wiki

    OTTIMO IL RIFERIMENTO AL FAMILISMO AMORALE…

  • brunotto588

    Un po’ di psicolgia spicciola …. uno strumento di base troppo tralasciato, che invece è fondamentale per capire il nemico, vedere gli ingranaggi del suo comportamento, stornare la sua propaganda, capire dove poterlo colpire con maggior efficacia, ed avere un po’ più di fiducia nelle nostre possibilità ( che non sono poche ! ) ….. Insomma, fare a rovescio quanto Bernays fu chiamato a fare in America ……. “svegliare le coscienze”, invece di “addomesticarle” …… Ecco, per esempio: anche un semplice episodio come questo dimostra quanto il folle disegno globalista sia UNA MERA UTOPIA IRREALIZZABILE, per un errore già insito nel postulato ( un governo di oligarchi ) …. dove lupo mangerà lupo, senza fine, fino all’ autofagìa ….. Troppo lungo sviluppare meglio il discorso, dirò solo che un sistema sociale non potrà basarsi a lungo solo sul sado-masochismo dei suoi membri: non solo sarà un sistema fortemente malato, ma anche destinato all’ autodistruzione …. il concetto sta tutto nella “CRESCITA”, che non deve avvenire PER CONTRAPPOSIZIONE, ma PER ASSIMILAZIONE, come ogni crescita sia individuale che dei sistemi sociali ….. il che comporta un lunghissimo discorso, che qui ho accennato solo per far comprendere la fallacia del sistema che ci prospettano …. Richiamo la “Mayeutica Socratica”: “crescere e far crescere” implica l’ amore e non l’ odio, implica l’ ammirazione e non la paura del superiore, il desiderio di imitazione e non di sopraffazione, l’ amore per la parità e non il desiderio di disparità …. Il “buon maestro” è colui che desidera colmare le distanze, non aumentarle ……. INSOMMA: stanno perversamente facendo tutto l’opposto di quanto la nostra natura umana potrà permettere …. e NON LO PERMETTERA’, a costo di renderci tutti folli, o tornare nella giusta direzione …. ma anticipare i tempi naturali dipenderà da noi, e da quanto sapremo essere “buoni maestri”…. Vive la fesse.

  • brunotto588

    “Armiamoci e partite”, quindi, secondo te …. E contro quale obiettivo ??? Gli extracomunitari, come “velatamente suggerito” da Benetazzo ??? I politici ??? Chi, di grazia ??? ….

    E poi: a chi gioverebbe oggi una rivolta aperta ( forse a chi l’ alimenta ??? ) …. e COSA EFFETTIVAMENTE POTREBBE MAI RISOLVERE ????

    Ancora: come te la immagini ??? … Scendere in strada coi forconi ??? …. Avrebbe qualche chance ? E poi ? Come riorganizzarsi se NON ABBIAMO SAPUTO PREVEDERE E PREVENIRE GLI ERRORI CHE HANNO PORTATO AL DISASTRO ATTUALE ????

    Ed è qui che ti sbagli: SERVE UN SALTO QUALITATIVI DELL’ ANALISI ….

    UN’ ANALISI CHE SI ORIENTI AL FARE E AD UNA DIVERSA “FORMA MENTIS” …. non alla polemica sterile.

    MA IL FATTO E’ CHE I “MOLTI” DEVONO ANCORA CAPIRE DI ESSERE SEMPLICEMENTE PIU’ FORTI DEI “POCHI” …. Tutto qui …. è nell’ ordine naturale delle cose, e non servono “pilotate” rivoluzioni ….. o sei un amico di Soros ??????

  • Luka78

    Mamau1, sono d’accordo con te. E’ incredibile come ci si scagli contro a Benetazzo. Il bello, poi, che chi gli va contro – almeno all’apparenza – sembra una persona dai grandi orizzonti.

    Ma che ne so, boh, forse qualcuno è un falso oppositore che prima vira da una parte e poi dall’altra.

    Benetazzo, sempre a mio avviso, dà della realtà italiana una visione realistica e per nulla campata in aria. Vedo – e lo ripeto – un aumento di attacchi nei suoi confronti, anche contro a Della Luna e simili.
    Ok, non si può condividere tutto, certo, ma dove vuole andare a parare certa gente non l’ho capito. O non lo voglio capire, dato che mi piacerebbe capire di più come funziona il mondo e come poter cambiare, a partire dalla nostre realtà quotidiane, certe piccole cose per titare avanti meglio.

  • dana74

    quello di far entrare persone disposte a lavorare per molto meno della tariffa italiana SI CHIAMA DUMPING SOCIALE.

    Non è difficile da capire visto che è vent’anni che lo si segue

  • dana74

    brunotto pendiamo tutti dalle tue dita NOSTRO NUOVO SALVATORE.

  • dana74

    mi raccomando che i redattori di cdc si facciano dire dai brunotto e chi altri cosa pubblicare, altrimenti si merita brutti epiteti.

    Firmato
    Il pensiero unico

    A chi spaccia sempre la stessa cantilena della deriva razzista che vede anche nel colore dei vestiti scelti dico una costa:
    il buonismo da 4 soldi ha rotto e non attacca più, si sa che volete più soldi per i programmi di integrazione, magari alle molte cooperative ed Arci vari.

    I lupi travestiti da agnelli.

  • Truman

    Dice brunotto588:

    chi pubblicare prossimamente ?????

    Leggiti cobraf e Comidad, ad esempio. Abbiamo ancora molti contributori. E poi ho un articolo mio quasi pronto.

  • alez

    “Se ci fosse un modo per vendere allo scoperto l’Italia, non ci penserei un attimo.”

    c’è, c’è, caro il mio espertone.
    comprati CDS sul debito italiano

  • alez

    l’azione è semplice, efficace, legale e di autotutela
    “corsa agli sportelli”

    se poi ne converti una metà (del liquido che hai levato dal conto)
    in sterline oro, gliel’hai doppiamente messo nel culo ai banchieri
    e ti sei doppiamente tutelato te

  • brunotto588

    Truman, sei abbastanza intelligente per capire che la mia era una domanda retorica, atta a sottolineare altro problema …. intelligenza che invece non riscontro in Dana. State bene.

  • brunotto588

    … Ma pensa …. l’ avrò detto 1000 volte … ma quel furbacchione e troll di Maumau vuol mettermi in bocca ( boh, non ho ancora capito cosa !?! ) ….. mah ….!

  • Eli

    Dana 74, sei formidabile, più divertente di uno spettacolo di Maurizio Crozza! Primo non ho usato brutti epiteti, ho chiesto solo se a CDC avessero problemi a riciclare la spazzatura. Poi non voglio soldi per nessun programma d’integrazione, non è il mio campo. Vorrei solo che i miei connazionali fossero un pochino, ma poco poco, più evoluti. Utopistico forse, ma non irrealizzabile. E soprattutto che non fosse dato spazio, che non si facesse da cassa di risonanza per questi quattro decerebrati razzisti che non sanno essere uomini, ma solo burattini. Vedere nell’altro un proprio simile non è né buonismo (orrendo neologismo), né un concetto cattolico,
    ma solo un comportamento umano. Altri comportamenti sono disumani.
    E’ per commenti acidi ed immotivati come i tuoi che Carlo Bertani è migrato altrove. Saluti.

  • wiki

    oddio quì Benettazzo sembra invocare l’ UOMO DELLA PROVVIDENZA…FORSE LUI CI CREDE ANCORA ALL’UOMO DELLA PROVVIDENZA CHE SALVERÀ TUTTI QUANTI…MOLTO NAIF DIREI…SE LA SOCIETÀ NON DIVENTAAUTO CONSAPEVOLE ED AUTO COSCIENTE HAI VOGLIA AD ASPETTARE GLI UOMINI DELLA PROVVIDENZA…

  • brunotto588

    Fai male, perchè le mie dita non reggerebbero il tuo “spessore”.

  • wiki

    vero…ha ha ha ha haaaa

  • wiki

    l’uomo della provvidenza o il dittatore io auspico che se lo porti nella sua casa privata Benettazzo se ne sente proprio il bisogno e già che c’è potrebbe portarsi a casa sua anche l’attuale capo del governo…magari ne rimarrebbe soddisfatto come rimarrebbero soddisfatti anche gran parte dei cittadini italiani penso io…

  • wiki

    Trovo anch’io che spesso Dana la butti sul personale ed anche in modo immotivato…come nelle ultime volte che che ha commentato gli articoli di Bertani…per non parlare di altri soggetti che hanno commentato i suoi articoli…

  • Mondart

    Ma scusa Maumau1: se dici che gli Italiani non hanno ancora capito il Signoraggio, perchè e contro cosa si dovrebbero ribellare ? Alla “crisi piovuta dal cielo” ?? Davvero, non capisco i tuoi sproloqui …. Mondart.

  • Mondart

    Però il “libertario anarcocapitalista” e l’ analfabeta economico spiegano molto bene le cose, e con parole semplici semplici … Dai tuoi discorsi, invece, non si capisce un cazzo. Mondart, parbleu !

  • Mondart

    Orizzonti tanto ampi che vive a Malta, da dove fa il TRADER ( sai che mestiere è il trader ? ) per gli industrialotti del Triveneto …. perchè Malta, per il mare ??? Anche, ma forse anche perchè è un paradiso fiscale, può essere ? Sveglia !

  • Mondart

    Ah, ma qui siamo ancora alle scaramucce tipo fascisti – comunisti, e quelle cose lì ….. pensavo fossimo più avanti. Mondart

  • Matt-e-Tatty

    Si, l’uomo della provvidenza non c’è in Italia ma in alcuni paesi c’è.
    In un blog leggevo del Venezuela e di Chavez, poi anche il leeder dell’honduras che se non ricordo male ha dichiarato il debito pubblico una truffa e non vuole aerei che rilasciano “sostanze” sul cielo del suo paese. Poi c’è la piccola islanda che a le strette ha dichiarato che non pagherà.
    Non vedo altra soluzione per il nostro paese se non mandare su dei politici che facciano l’interesse del paese.

    Ad oggi non vedo ancora soluzioni se non cercar di divulgare l’argomento e far sì che sempre più persone ne prendano coscienza.
    Bisogna postare gli articoli, parlarne con cui ne è all’oscuro, fare propaganda e forse tra anni si caverà il famoso ragno dal buco.
    Se un domani gli Italiani sapranno, forse qualcuno eleggibile prenderà il posto degli attuali dinosauri, in quel caso saranno certo lacrime per anni, la casta dei banchieri farà sì di metterci in diffilcoltà, sarà di sicuro un problema l’energia e dio solo sà che altro succederà… ma a una flebile speranza all’orrizzonte si potrà intravvedere.
    Poi c’è la soluzione proposta da altri, quella di ritirare tutto e di non farli lavorare… anche in questo caso poca speranza se si è in pochi quindi come sopra… serve fare propaganda, la gente deve sapere, in 4 gatti non si risolve nulla.

  • Mondart

    Stupenda, questa della ruota 🙂

  • brunotto588

    E vivaddio, finalmente uno che ragiona …!!!! ……. Se poi parallelamente chi ha “capito il trucco” si trova nella posizione di poter efficacemente boicottare le banche, embè LO FACCIA !!!! Ritiri i risparmi, si astenga dai prodotti finanziari, non usi nessun media ………. Lo ripeto da una vita ( controllare i commenti, please …. ) …. e continuo a non capire l’ attacco GRATUITO di Maumau, che dovrebbe farsi una bella doccia fredda e una tisana rilassante. Vive la fesse.

  • brunotto588

    E per rispondere “fuori dai denti” ad entrambi: ….. 1) Della Luna ha campato fino a ieri di Signoraggio e Debito Pubblico, ha scritto libri ed articoli …. poi di colpo vede nel solo “malgoverno” la causa di tutti i mali …… 2) Carlo Bertani parlava molto tempo fa di Signoraggio e Debito Pubblico, ed usava tutta la sua perizia per fare i conti in tasca a Bankitalia, e a quanto restava effettivamente nelle mani dell’ INPS ( quota sociale attorno al 5% ) della tassazione versata annualmente …….. e poi di colpo vede il Demonio solo in Berlusconi …….. 3) Benettazzo, che di professione fa il trader, si è “FATTO IL NOME” nell’ ambiente economico parlando di signoraggio e Debito Pubblico, facendo serate, spettacoli ecc. …. un Grillo in miniatura, insomma …. POI DI COLPO va a cercare tutti i mali nel “Malgoverno” e negli “Italiani Pirla” ……. NON VI SEMBRA UNA “DERIVA COLLETTIVA” QUANTOMENO STRANA ????? …….. @Dana: informati sulle ARGOMENTAZIONI di chi attacchi, prima di farlo …. hai già pestato una volta, mi sembra …. Vive la fesse

  • Luka78

    Mondart, secondo te, quindi, uno che vive a Malta sta lì per eludere il fisco, per leccare il culo agli industrialotti del Triveneto e non sa una mazza della realtà della sua nazione.
    Buon per te e per le tue convinzione ( sicuramente in mala fede ).

    Certo, mi sveglierò, puoi starne certo. E’ da un po’ che sto cercando di svegliarmi per tentare di capirci qualche cosa e così, una volta svegliato, saper distinguere la merda dalla cioccolata. Ok?

    Auguri.

  • brunotto588

    NO: sta a Malta perchè è come stare in Svizzera … si sta meglio che qui, e può meglio piazzare gli investimenti dei suoi Clienti …. sa BENISSIMO sia dell’ Italia che del Signoraggio …. argomento che guarda un po’, ha usato per “farsi un nome”, e che adesso non sfiora più neanche di striscio …. ricorda, in miniatura, un certo Grillo Beppe …. Auguri anche a te.

  • Luka78

    Ciao brunotto588,
    speriamo che non diventi come Grillo, sarebbe un peccato. Ma ho fiducia nella sua onestà.
    Non parla più del Signoraggio? Molto probabilmente perchè ormai quello che c’era da dire lo ha detto, quindi sarebbe ripetitivo come argomento. Comunque, non ci faccio caso, non mi sembra un problema da addossargli. Anche perchè, detta così, sembra più una scusante per mettere dubbi sull’onesta di Benetazzo e quindi per allontanarsi da lui.

    Un saluto.

  • brunotto588

    Infatti: quello che io volevo far notare ( e che qui molti HANNO TRAVISATO, seguendo le argomentazioni di Maumau ), non era quello …. o meglio: che “l’ escursus” è lo stesso per ogni “buona penna”: inizia individuando i “veri responsabili” ( Debito Pubblico, finanza Usraeliana, Banche ) e finisce a “tarallucci e vino” tirando in ballo i peccatucci di governo e che siamo un popolo di “sbrodoloni” …… Tutti, quelli citati in alto, nei miei commenti …. Ora, sinceramente: non è un po’ strano questo “percorso collettivo e obbligato” ???? Non sembra rispondere ad un preciso “ordine di scuderia” ??? E’ solo un’ ipotesi, ovviamente ( anche se penso molto probabile ), ….. e non per questo penso sia lecito per qualcuno insultarmi, mettendomi in bocca cose che non ho mai detto ….. Ciao.

  • Luka78

    Che devo dire, brunotto588, che bisognerà vedere come andrà a finire. Fino ad ora non ho avuto le tue sensazioni e quindi, non ho fatto caso a questo. Ripeto: staremo a vedere.
    Io continuerò a seguirlo e a vedere i suoi dvd ( ne ho acquistato uno proprio martedì ). Infatti, salvo qualche cosa qui e là, concordo con molte cose che scrive e che dice nei suoi spettacoli e interventi in tv.

    E speriamo, che almeno lui non debba seguire, così come scrivi tu questo percorso collettivo e obbligato.

    Ciao.

    P.S..
    Certo, nessun insulto, ma solo discussioni e scambio di idee.

  • brunotto588

    Ok, e tienimi informato !

  • Eli

    Come si fa ad essere più avanti se qualcuno ancora non capisce che l’altro è come noi, e che sul pianeta siamo sei miliardi di “diversi”, perché ognuno è unico?

  • sheridan

    E no caro il mio pollastrello. Se compri il CDS e salta tutto per aria non sarai cosi frescone da immaginare che la controparte ti paghi!!! Se invece vendi “ITALIA” allo scoperto INCASSI SUBITO il controvalore. INSOMMA, TUTTI A CRITICARE IL GRANDE EUGENIO, IN REALTA’ TUTTI ASSIEME NON VALETE NEMMENO IL TACCO DELLA SUA SCARPA SINISTRA.

  • sheridan

    Toh, ti faccio un regalo, qui (http://files.meetup.com/206790/bilanciobce.pdf) trovi il bilancio della BCE ho preso il 2006 tanto son tutti uguali. Se sei capace di leggerlo dovresti trvarci dentro anche le tue farneticazioni signoraggistiche. Se non sei capace allora mettiti a studiare, almeno ti resta meno tempo per scrivere cag… Certo, potresti anche affermare che il bilancio e’ falso, in tal caso sei PROPRIO DA RICOVERO. Ciao ragazzi!

  • vic

    Lui: L’odi?
    Lei: L’odo!
    Lui: Sara’ lui?
    Lei: Forse, speriamo!
    Lui (s’alza, va alla finestra, poi torna): E’ lui!
    Lei: Fico, proprio lui!
    Lui: Si’ proprio lui: Lorenzo il Fico!
    Lei: Era ora!
    Lui: Dai che se magna!
    Lei: Gia’ magna?
    Lui: No, sta piantando. Guarda!
    Lei (va alla finestra, contempla e torna): Vero, magna; pianta magnando.
    Lui: Cosa magnera’?
    Lei: Piantala, sei geloso.
    Lui: Quello magna solo fichi.
    Lei: Gran classe.
    Lui: Che c’e’ per la cena?
    Lei: Nulla. Aria amore e fantasia.
    Lui (riva’ alla finestra, ritorna): Kiwi. sta piantando kiwi.
    Lei: Ma vala’, Lorenzo non e’ tipo da kiwi.
    Lui: Ho fame.
    Lei: Sei noioso, cambia frase!
    Lui: Fame ho!
    Lei: Ingordo.
    Lui: Son buoni i kiwi?
    Lei: Son verdi.
    Lui: Aspetto che crescano.
    Lei: Prima aspettavi Lorenzo, adesso aspetti i kiwi.
    Lui: Fame!
    Lei: Morto di fame! (va alla finestra, sospira) Lorenzo si’ che e’ fico.
    Lui: Lorenzo magna, io no.
    Lei: Ti fa bene un po’ di digiuno.
    Lui: Digiuno da giugno.
    Lei: Non e’ vero, in luglio t’ho dato un biscotto.
    Lui: Era secco, l’ho sputato.
    Lei: Non fai che lamentarti. Lorenzo si’ che se ne intende.
    Lui: Lo lodi?
    Lei: L’odo e lo lodo.
    Lui: L’odio, solo perche’ magna lo lodi.
    Lei: Perche’ e’ fico!
    Lui: Io vado.
    Lei: Dove vai?
    Lui: Vado a sedermi accanto al kiwi.
    Lei: Traditore.
    Lui: Vai tu allora.
    Lei (correndo fuori, si sbraccia): Oh Lorenzo, Lorenzo, il mio grande ed unico Fico!
    Lorenzo: Vieni, da Lorenzo sempre se magna.
    Lei: Magnifico, sei magnifico!
    Lui (guardandosi le unghie): Ho fame, fame ho!

    Sipario

  • ottavino

    Congratulazioni vic. Questa è davvero carina!. C’è chi aspetta Lorenzo il Magnifico e chi aspetta ……Gengis Khan! Io appartengo a quelli che aspettano Gengis. E’ più probabile che arrivi Gengis che Lorenzo, opperlomeno prima arriva Gengis e poi Lorenzo……

  • Luka78

    Senti, bello, parlando di cagate, qui, se c’è qualcuno che invece di parlare ( scrivere ) apre la bocca e vomita merda sei tu.
    Ma chi te conosce! Rivolgiti così a qualcun’altro. Intesi?

  • anonimomatremendo

    Adesso peró sei tu che assolutizzi.Quelle all’epoca furono tappe necessarie nell’ evoluzione sociale.É solo nell’epoca contemporanea che le banche, immerse come sono nel mortifero sistema capitalista ormai consolidato da secoli ,non solo non sono per niente necessarie,ma addirittura rappresentano , con tutto il sistema,un ostacolo assoluto all’ulteriore sviluppo.

  • anonimomatremendo

    :)))))))

  • Tonguessy

    Evoluzione sociale? Anche Nietzche diceva che gli europei post-rinascimento erano infinitamente più fregati e allocchi dei loro predecessori. E dove starebbe poi l’eovluzione sociale? Nell’avere creato la casta dei banchieri, la casta dei commercianti (fino a prima disprezzata perchè non produce nulla) che oggi sono diventate il terziario avanzato? Forse fai riferimento alla casta degli scienziati, quelli che sono legati a doppio filo con la casta dei militari e che ci deliziano ogni giorno di nuove innovazioni che significativamente migliorano la nostra esistenza come i droni telecomandati?
    L'”ulteriore sviluppo” di cui parli poi mi mette terrore. Quale ulteriore innovazione oltre all’homo oeconomicus che investe in borsa, non produce nulla e mette sul lastrico intere popolazioni nel nome del “risanamento dei conti pubblici” stanno portando avanti?

  • WILDHOG

    Mi sono già occupato di Benetazzo qualche mese fa: all’epoca se la prendeva con nonni e pensionati rei di fruire di un “modello economico basato su un protezionismo sociale sfrenato” e di aver goduto della “giostra della cuccagna”, naturalmente a discapito delle nuove generazioni. Tali scempiaggini danno l’idea di quale sia il sostrato teorico-culturale del personaggio, che mi pare pronto per una qualche candidatura, non importa su quale sponda, giacché quel modo di ragionare trova estimatori a 360 gradi.
    Questo novello predicatore, quando esce dal seminato (credito-finanza…) finisce per riproporre i luoghi comuni che capita talvolta di sentire fra gli avventori dei bar, sorseggiando un caffé o mentre danno uno sguardo veloce al giornale adagiato sul bancone dei gelati.
    Non sembrerebbero (quelle di Benetazzo), riflessioni su cui impegnare risorse intellettuali , per poi dividersi, aprioristicamente, fra estimatori e detrattori dell’ennesimo presunto “guastatore” prodotto dal WEB.
    Forse , lo dico in maniera del tutto spassionata, CdC dovrebbe valutare con più attenzione l ‘utilità di postare certi scritti che in nulla contribuiscono alla crescita qualitativa del sito. Non si tratterebbe certo di censura: non ci troviamo di fronte al rifiuto di pubblicare un “pezzo ” proposto dall’autore o da un frequentatore del sito, ma di una più ponderata scelta redazionale, per nulla in contrasto con il moto che campeggia sulla Home page di CdC..
    Tutti hanno il diritto di esprimere le proprie idee, Benetazzo compreso, ma ribadisco che “se gli mancasse il tempo per riflettere meglio, stretto come è fra la scrittura di un libro, i giri di conferenze e la gestione dei patrimoni dei suoi particolarissimi pensionati, non deve sentirsi obbligato a comunicarci il frutto poco meditato del suo pensare”.

  • Barambano

    Apprezzo molto queesto articolo perchè Benetazzo dice le cose fuori dai denti in modo incontrovertibile. Bravo Eugenio!

  • anonimomatremendo

    Sto parlando dello sviluppo delle forze produttive senza il quale qualsiasi discorso sulla liberazione dell uomo dalla necessita é pura utopia.Sono daccordissimo che dal punto di vista umano il capitalismo é inferiore a tutte le societá esistite nella storia,tuttavia é stato proprio il capitalismo ad aver maturato quelle che sono le condizioni materiali di tale liberazione.Visto che siamo arrivati sin qui,si tratta ora soltanto di appropriarci di tali forze e indirizzarle verso la soddisfazione dei bisogni umani,abbattendo con la forza tutto ció che si frappone a tale scopo.

  • Ricky

    Un disastro, una merdata razzista e qualunquista, piena di luoghi comuni falsi e di sapore fascistoide. CDC sta proprio cadendo in basso.

  • Marduk1970

    😀 Posto!!!

  • Marduk1970

    Invece tu con i tuoi sproloqui sei proprio da Oxford né???

  • jackalope

    ciao tonguessy….ho appena letto il tuo commento all’articolo di EB….sai che forte, io ci vivo ad Arzignano, ed odio sto posto con tutte le mie forze..e odio gli arzignagnesi, che sono di una stupidita’ piu’ unica che rara..e poi ci chiediamo perche’ l’Italia vada male….

  • alez

    c’è del vero in quel che dici
    è anche vero che NESSUNO strumento finanziario, verrà onorato se salta tutto

    chiunque speculi in borsa lo sa, il giochetto è uscire un po’ prima

    gli hedge fund che stanno movimentando i CDS sui debiti sovrani sono ben lieti di fare una montagna di soldi, cavalcando solo un pezzo dell’onda, ed uscire ben prima che salti tutto

    comunque, facciamo un’esperimento, ti propongo di vendere allo scoperto la fontana di trevi, così “incassi subito il controvalore”.