DIETRO LA DITTATURA DELLA LIBERTA' DI STAMPA

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

blank

DI CLAUDIO LANTI

Le  televisioni attingono ogni sera a piene mani dalla macelleria nazionale. Gli stupri in
convento  appaiono come una variante accettabile agli infanticidi. Non si tratta semplicemente del marchese De Sade divulgato alle
casalinghe. Il bisogno di violenza da parte dei mass media  continua a salire.
Dosi sempre più pesanti di sesso e  sangue per i
telespettatori. I codici di autoregolamentazione, cioè la cosiddetta autocensura,  sono   stati un pretesto per far decadere le vecchie
norme penali che vietavano gli spettacoli disgustosi e raccapriccianti. Il lessico di  giornali e tv si è incrudelito, abbonda di termini tipo:
“sgozzata”, “massacrato”, “fatto a pezzi”.  Non per una  truculenta domanda di mercato, come si vuole far credere, non è la gente che
reclama questa merce: sono i giornali e le tv che la  diffondono.  Dietro la favola del dovere di cronaca, i mass media  portano avanti un
processo di  criminale trasformazione antropologica  che cancella dall’anima umana i codici della sensibilità collettiva.
La libertà di  stampa è solo la libertà autonoma e unilaterale di scegliere cosa divulgare o non divulgare da parte del sistema che
gestisce giornali  e tv.  Sulla qualità e correttezza del prodotto, garantisce il sistema stesso  dei mass media, attraverso i propri
meccanismi interni di scelte, carriere, convenienze.  Quindi questa libertà è in realtà un potere di cui nessuno  controlla l’esercizio. Per
qualsiasi altro potere reale esiste un contropotere. Qui no. Ci sono le autorithy, le associazioni dei consumatori,  il tribunale dei diritti
del malato, ma andate a contrapporre alle corporazioni dei mass media un serio organismo per tutelare i diritti del lettore e verrete
messi al muro con l’accusa di  voler ripristinare la censura.  Certi  forum di studio sui media sono soltanto sedi  per spartizioni di fondi
tra editori e giornalisti.  La stampa, in Italia e in Europa,   non è soggetta ad alcuna regola esterna, neanche alle ordinarie leggi civili e
penali.  Si è stabilito che, qualsiasi cosa faccia, essa è per definizione  brava, buona e giusta.  E chi lo ha stabilito è la stampa stessa. 
E’ facile  prevedere che, prima o poi, qualcuno deciderà di ribellarsi a questa dittatura.

blank

Il progetto per la manipolazione del sesso naturale

L’Espresso viene etichettato semplicemente come una testata scandalistica ma in realtà
è qualcosa di  enormemente più  raffinato.   Da decenni, dividendosi i compiti con il gemello Panorama,  svolge una precisa funzione
in collegamento con una rete similare di giornali europei: modifica profondamente i costumi ordinari della gente,  spinge  sempre più
avanti i confini tra etica e trasgressione. Oggetto di cure particolari lo smantellamento dei costumi tradizionali nel  campo del sesso e
della famiglia.  Basterebbe una galleria delle copertine degli ultimi 30 anni per osservare un percorso coerente, quasi pianificato:
prima la liberalizzazione del sesso uomo-donna, poi la rottura del rapporto di coppia, poi la famiglia allargata.  Sempre con la
copertura dei cosiddetti diritti civili si sta realizzando in questa fase il  riconoscimento  di omosessualità  e transessualità, come 
dimensioni della varietà umana. Sembra quasi la realizzazione di un programma funzionale a certe  profonde strategie sociali. Ci
torneremo sopra, un giorno o l’altro parleremo del lavoro svolto da  un certo istituto Tavistock “per le relazioni umane”.  

Adesso, anche l’Italia sembra diretta alla formalizzazione civile delle coppie omosessuali attraverso pseudo matrimoni e  contratti
civili. Con il traguardo successivo, le adozioni regolari da parte di coppie gay e di single, avremo il superamento della famiglia  basata
sulla procreazione tra uomo e donna. Le campagne su aborti e pillole offrono strumenti per correggere i frutti non voluti nel rapporto di
coppia,  ma a pensarci bene, hanno già affermato il concetto eversivo della eterosessualità come  fonte di errore e insicurezza.  L’altra
faccia delle contraccezioni  e dell’aborto è l’inconscio rifiuto del sesso naturale a favore del sesso-omo. L’aborto è complementare
alla cultura gay.  Così in futuro, dato  via libera alle scienze genetiche, non vi sarà più motivo  di  impedire la fabbrica di  bambini  à la
carte,  con i caratteri fisici e anche psichici secondo il libero capriccio dei genitori committenti,  uno, due, tre o anche un gruppo.   Così
finalmente l’uomo guarderà la faccia di Dio e gli dirà: “Caro collega, vedi, ho imparato anch’io a creare esseri umani, e li creo  come li 
voglio io, senza gli errori che fai tu”.

Dai preti in tv ai frati porno il passo è stato breve

Il frate accusato di stupri non era uno qualsiasi ma il responsabile provinciale 
dell’ordine dei  francescani.   Le tv hanno mostrato le immagini  di  ripetuti e triviali interventi,   urla e risse nei talk show e sceneggiate
negli stadi di calcio.   Nessuno vi fece caso,  nella trafila dei suoi superiori  ecclesiastici. Lo stesso era accaduto  con il prete
condannato in Puglia per violenze contro gli extracomunitari.  Guarda caso,   le deviazioni di  certi religiosi emergono dal  mondo della
cura degli umili,  dal  sommerso delle gestioni di  onlus  ed Ong   dove girano incontrollati flussi di soldi. 

La Chiesa cattolica sconta così  l’errore più grave del ventesimo secolo.  Volendo adattarsi a tutti i costi ai bisogni della società
edonistica,  ha finito con   modificare profondamente se stessa.  Ha avuto paura  di essere minoranza nel mondo che cambiava, di
portare silenziosa e umile la propria croce.  Ha fatto propri gli strumenti di potere, i mass media,   le mode della società laicista. Ha
spettacolarizzato le liturgie, perdendo il mistero della fede. Ha dovuto privilegiare il denaro, lo “sterco di Satana”,  ed ha lasciato
corrompere la  sua struttura interna. Il passaggio dai preti televisivi ai frati porno è stato rapidissimo.  E vedrete che non  sarà
l’ultimo.    

Claudio Lanti

La Velina Azzurra N. 4 del  2.2.2006
Supplemento di  Italian Outlook – Facts and analysis
Reg. Tribunale di Roma N. 514/92 del 17/9/92
Via della Mendola 190 Roma 00135
Tel/fax/segreteria  06.3550.1661
Fax/segreteria 1786004559 (senza prefisso)

==================================

La Velina Azzurra esce con cadenza mediamente settimanale ma non prestabilita,  più lunga o più corta a seconda del nostro
capriccio insindacabile, talvolta intervallata da fulminanti Veline-flash per gli sfizi da consumare espressi. Viene inviata per
e-mail ma in casi speciali anche via fax.  Per riceverla -pagando un ticket- mandare una e-mail anche vuota
[email protected]  Avrete in automatico le indicazioni necessarie.  Invece per contatti,  informazioni e altro scriverci 
[email protected]  o in Via della Mendola 190 – Roma 00135.  Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. La Velina
Azzurra è destinata in  esclusiva  ai suoi abbonati. Perciò può essere parzialmente riprodotta citando la fonte, ma non
ridistribuita integralmente, a meno di preventivi e particolari accordi.  Mandarla in giro per e-mail o fotocopia sarebbe un
abuso davvero poco nobile che, qualora scoperto,  costerebbe salato agli autori.

VEDI ANCHE: L’ITALIA DEI PAPI GAY E DEI FRATI STUPRATORI SI PREPARA AL GOVERNO DRAGHI- con il commento aggiornato di Claudio Lanti

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x