DI PIETRO DIFENDE LA COSTITUZIONE, E HA FIRMATO PER ABOLIRLA

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Non è uno scherzo, al contrario, è la misura della colossale farsa cui voi, sì proprio voi, continuate a sottoporvi. Di Pietro, e il suo codazzo dei soliti noti, si riempie la bocca ogni santo giorno di proclami disperati in difesa della Costituzione italiana, della quale il 23 e il 31 luglio del 2008 lui e i suoi senatori e deputati hanno firmato l’abolizione. Avete capito bene: Di Pietro ha firmato l’abolizione della Costituzione italiana. In quelle date un’Italia politica di ignoranti e/o in malafede, IDV compresa, ha ratificato il Trattato di Lisbona (depositato poi l’8 agosto), che di fatto cancella per sempre la nostra Costituzione del 1948. E hanno pure applaudito gli IDV, in una standing ovation a braccetto con gli odiati berluscones. Da Repubblica del 31 luglio 2008: “Un lungo applauso bipartisan ha accompagnato il sì della Camera che, come il Senato, ha approvato all’unanimità il Trattato.”

A seguito, “Preciso su Di Pietro e miei toni” (Paolo Barnard, paolobarnard.info/);Come ho spiegato nei dettagli qui http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=139, il Trattato di Lisbona ha creato un nuovo super Stato d’Europa di cui siamo tutti cittadini, che ha un governo non eletto più potente di qualsiasi governo europeo e le cui regole sono più potenti di qualsiasi legge europea, e il tutto di nascosto dagli elettori, in un vero e proprio colpo di Stato continentale. Il Trattato, infine, è a tutti gli effetti una Costituzione d’Europa più potente di qualsiasi Costituzione nazionale. Anche della nostra, ovviamente. Ripeto: la Costituzione italiana è stata di fatto abolita dal Trattato di Lisbona, poiché quest’ultimo comanda a noi italiani, e a tutti gli europei, una maggiore obbedienza. In caso di conflitto fra le regole della prima e quelle del secondo, vince sempre il secondo. Ma le regole costituzionali del Trattato di Lisbona sono anch’esse state scritte in segreto da burocrati che nessuno di noi ha mai eletto né mai eleggerà. Capito bene? Ok, ora: Antonio di Pietro ha firmato entusiasticamente questo colpo di Stato che ammanetta tutta la nostra Costituzione, non solo alcuni articoli, i Padri Costituenti italiani si sono rivoltati nella tomba. Altro che Lodo Alfano.

I casi sono due: o Tonino è ignorante come una scarpa e firma fogli di carta esattamente come i contadini medievali firmavano ignari le loro condanne a una vita di stenti, oppure è in malafede. In entrambi i casi, che quell’uomo sia il vostro faro, ovvero “l’unica opposizione in Italia” (Travaglio) è disperante. Ma mai quanto il fatto che voi ci state cascando, altrettanto entusiasticamente.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=148
9.10.2009

200 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
deadbeef
deadbeef
8 Ottobre 2009 22:37

ma non ce l’eravamo levato dalle palle, sto pezzente puttaniere di barnard?

stefanodandrea
stefanodandrea
8 Ottobre 2009 22:41

Non sono poi molti coloro che ci stanno cascando. Soltanto che i più, a differenza di Paolo Barnard, sanno esprimere anche i giudizi relativi, oltre che quelli assoluti. Può darsi che Paolo Barnard non abbia frequentato le elementari, dove, per esempio, insegnavano che esistevano i superlativi relativi oltre che quelli assoluti. Non è un problema di intelligenza (Barnard dimostra di averne) e nemmeno, di aver frequentato le elementari (in realtà suppongo che le abbia frequentate); tutto dipende dal carattere e dalla serenità. E’ l’assenza di quest’ultima, probabilmente, che impedisce a Barnard di comprendere che dire “l’unica opposizione in Italia” è logicamente, lessicalmente e grammaticamente compatibile con la convinzione che quella opposizione sia mediocre, lungamente insufficiente e priva di idee nuove. Anche a me, che non ho certo l’ammirazione per Di Pietro che ha Travaglio, è capitato di dire che l’Italia dei valori è l’unica opposizione in italia. Parliamo di opposizione politica, naturalmente, non di opposizione mentale. Perché né Barnard, con i suoi cinquemila lettori, né io con i miei cento (invito Barnard a diventare il centounesimo, così scoprirà che sono radicale almeno quanto lui:http://www.appelloalpopolo.it/?p=472), né CDC che pure svolge un ruolo estremamente importante, siamo l’opposizione (politica). Per costruirla, l’opposizione (che… Leggi tutto »

Gabbiano
Gabbiano
9 Ottobre 2009 0:30

Gentile Professore(associato di diritto privato nella Facoltà di Economia dell’Università degli Studi della Tuscia) non che Avvocato in Avezzano, sono passato al volo sul suo sito, però vedo che ne Lei ne i suoi colleghi associati non che gestori del sito avete spiegato ai vostri lettori cosa nasconde il trattato di Lisbona.
E’ una mia svista o una vosta?

marcop
marcop
9 Ottobre 2009 1:59

tu e la stragrande maggioranza siete proprio una manica di goym, Barnard ha perfettamente ragione e parla di una cosa che è solo la punta dell’iceberg rispetto all’enorme problema della stupidità umana, inoltre è incredibile come i goym lottino disperatamente per farsi a tutti i costi sodomizzare dalle elite

operaiomantici
operaiomantici
9 Ottobre 2009 2:30

Oggi concordo pienamente con Barnard.

AlbaKan
AlbaKan
9 Ottobre 2009 2:37

span style=”font-weight: bold; color: rgb(51, 0, 153);”>Non sono d’accordo, il fatto che Di Pietro sia l’unica opposizione politica attualmente, non è un motivo per non criticarlo. Quello che scrive Barnard in questo articolo (sono pochi i suoi articoli che condivido) è quello che ho sempre detto in ogni occasione e in ogni blog, primo tra tutti quello di Grillo, dove essendo frequentato da “tesserati IDV” appena nomini il Trattato di Lisbona….partono i turpiloqui… ho grande esperienza in questo… “unica opposizione”, “il meno peggio”….sono d’accordo…ma dobbiamo davvero accontentarci di questo? E’ davvero angosciante! Anche perchè adesso a Di Pietro, bisogna aggiungere De Magistris (io l’ho votato…nonostante le mie riserve verso l’IDV), ma sentendo le sue ultime dichiarazioni sul Trattato di Lisbona, e sapendo che lui è un magistrato, che ha giurato di difendere ed essere fedele alla Costituzione Italiana….mi sono veramente cascate le braccia! L’opposizione al “sistema” di cui tu spesso parli nei tuoi aticoli (mi permetto di darti del tu, sono una dei 100…), non può venire dall’attuale politica, nemmeno il meno peggio può in parte colmare questo vuoto, il meno peggio ha già dimostrato di non conoscere il nemico (“il sistema”), l’opposizione deve venire al di fuori dei palazzi….nelle… Leggi tutto »

AlbaKan
AlbaKan
9 Ottobre 2009 2:38

Rimando il commento il precedente è quasi illegibile… Non sono d’accordo, il fatto che Di Pietro sia l’unica opposizione politica attualmente, non è un motivo per non criticarlo. Quello che scrive Barnard in questo articolo (sono pochi i suoi articoli che condivido) è quello che ho sempre detto in ogni occasione e in ogni blog, primo tra tutti quello di Grillo, dove essendo frequentato da “tesserati IDV” appena nomini il Trattato di Lisbona….partono i turpiloqui… ho grande esperienza in questo… “unica opposizione”, “il meno peggio”….sono d’accordo…ma dobbiamo davvero accontentarci di questo? E’ davvero angosciante! Anche perchè adesso a Di Pietro, bisogna aggiungere De Magistris (io l’ho votato…nonostante le mie riserve verso l’IDV), ma sentendo le sue ultime dichiarazioni sul Trattato di Lisbona, e sapendo che lui è un magistrato, che ha giurato di difendere ed essere fedele alla Costituzione Italiana….mi sono veramente cascate le braccia! L’opposizione al “sistema” di cui tu spesso parli nei tuoi aticoli (mi permetto di darti del tu, sono una dei 100…), non può venire dall’attuale politica, nemmeno il meno peggio può in parte colmare questo vuoto, il meno peggio ha già dimostrato di non conoscere il nemico (“il sistema”), l’opposizione deve venire al di fuori… Leggi tutto »

FeraLupus
FeraLupus
9 Ottobre 2009 2:39

Quanto è facile criticare… però a fare nessuno si cimenta.
Caro Barnard si proponga lei e crei quest’opposizione che a quanto pare in Italia (ma non solo) è latitante ed ignorante.

stefanodandrea
stefanodandrea
9 Ottobre 2009 2:45

Sul sito Lei trova l’articolo di Gianni Ferrara a favore del ricorso della Linke contro il Trattato di Lisbona. Un articolo sull’antieuropeismo in Frncia (altri due sull’antieuropeismo in germania e in spagna sono in preparazione). Poi nella “Nostra valutazione delle elezioni europee” trova scritto che la sinistra radicale è giustamente morta, perché non è stata antieuropeista e perché, comunque, avrebbe dovuto proporre almeno una modifica costituzionale che prevedesse il referendum sul trattato di lisbona. Il mio articolo “contro i diritti umani…” si conclude con l’esortazione a riaffermare la prevalenza delle Costituzione sui trattati europei (quind anche il Trattato di Lisbona). E potrei continuare. Quindi è passato molto al volo. Non ho letto le 2800 pagine che “compongono” il Trattato di Lisbona perché reputo che sia inutile. Sono antieuropeista e basta. Approfitto per chiederle. Se, raggiunti i sessanta o settanta anni, suo figlio, tanto più se libertario e intelligente, piagnucolasse sistematicamente in ogni articolo che scrive o accusasse altri di non essere antisistema o i lettori di seguire pretesi oppositori che oppositori non sono gli darebbe due scapacioni (in alternativa a condurlo forzatamente dallo psichiatra) accusandolo di dare il cattivo esempio? L’eroe muore combattendo, non piangendo e accusando istericamente. Io condivido… Leggi tutto »

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 2:46

Dopo Travaglio, Grillo, la Gabbanelli, Santoro ora tocca a Di Pietro, che tocca fare a qualcuno per saltare al di là. La sfortuna di questo sventurato è che si è deciso tardi, vista la bocciatura del lodo Alfano. Mi sa che la campagna acquisti del fronte Mediaset segnerà il passo ed il nostro dovrà attendere tempi migliori. Ed allora per il momento è più utile di qua a fare la quinta colonna. Anche qui con il risultato di aver solo la Mikaela come seguace . Quando uno nasce mediocre tale resta. Stendiamo un velo pietoso. Della serie “l’insuccesso gli ha dato alla testa”

RobertoG
RobertoG
9 Ottobre 2009 2:48

Sulla sostanza sono d’accordo, sul tono predicatorio ovviamente no. Ma si sa quello ormai è il tuo marchio di fabbrica.

In particolare questa tua crociata contro gli anti-sistema non dovresti farla in questo sito frequentato per lo più da persone estremamente informate e disincantate.

Valla a fare nei siti di Travaglio o Di Pietro e finiscila di rompere i coglioni a noi.

stefanodandrea
stefanodandrea
9 Ottobre 2009 2:53

Cara Alba, forse non ci siamo capiti. Io spero che entro due o tre anni, al massimo quattro o cinque si formi un nuovo partito che riesca ad entrarei parlamento e seguendo un itinerario simile a quello percorso dalla lega, riesca ad incidere sulla politica italiana e possibilmente “cacci i mercanti dal trempio”. D’altra parte non voto da parecchi anni. Quindi Di Pietro non mi ispira alcuna fiducia. Ciò che non comprendo è perché Barnard abbia assunto questo atteggiamento isterico contro tutti. Non lo reputo utile. Trattandosi di un personaggio pubblico no lo reputo educativo. Credo che sarebbe uno di quelli che se un giorno si organizzasse il primo incontro per dare vita al nuovo partito (dunque in un momento di costruzione) prenderebbe la parola e inizierebbe a criticare. Sarebbe giusto dargli una lezione (tanto più che dentro il nuovo ipotizzato e desiderato partito sarebbe utile)? Tutto qua.

IVANOE
IVANOE
9 Ottobre 2009 2:55

Ricordate che di pietro ha avuto dentro il suo partito uno come de gregorio… e poi il figlio è stato beccato mentre faceva favoritismi vari ai palazzinari… e poi strilla strilla ma non combina mai niente… ha trovato la rendita sicura dentro il parlamento… prima di apparire in televisione concorda quello che deve dire con ghedini, bondi e qualche volta con belusconi…. a napoli dicono che è o bambiniello e succhero…

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 2:59

@operaio romantico. Non ne avevo alcun dubbio. Anche perchè lei intervien solo per fare da coro a Barnard. Interviene solo pe questo. Ciò non sarebbe del tutto negativo, c’è chi va alla partita non perchè è interessato al calcio ma per fare il tifo per dei colori e magari passa tutto il tempo con le spalle rivolte al campo per incitare i cori e quindi della partita non vede niente nè gli inteessa. Lei mi da aquesta impressione. Ora vista la svolta PDL filofeltri di Barnard fare il tifo significa avere un bello stomaco. Complimenti, in questa gara tra lei e Mikaela le confesso sono in imbarazzo, non saprei al mommento a chi assegnare il premio “Emilio Fede del giorno”. Mi raccomando nel rispondermi non si confonda con i vari nick assunti di volta in volta per irrobustire la claque a Barnard. Ancora complimenti lei riesce ad intervenire spesso anche con l’attuale nick senza dire assolutamente niente altro che “Viva Barnard”

Tonguessy
Tonguessy
9 Ottobre 2009 3:06

Quoto

AlbaKan
AlbaKan
9 Ottobre 2009 3:07

Barbard è stato spesso definito “una zitella isterica”… credo il termine sia abbastanza appropriato, però io preferisco dargli addosso quando dice cose che non condivido, ci sono alcuni che anche qui lo criticano sempre e comunque, penso che la vera critica deve essere sempre obiettiva e libera da preconcetti. Riguardo al discorso politico, penso che tu sia troppo ottimista, nell’auspicare un movimento politico, io vedo meglio qualcosa tipo “presa della bastiglia”….”piazzale Loreto”…. 😉

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 3:08

Concordo pienamente. Ma il nostro si sta guadagnando il pane per il futuro. Io credo inutilmente perchè il siparietto dell’antisistema che deluso passa dall’altra parte ha fatto il suo tempo, apparteneva alla prima casa delle libertà, adesso dopo la bocciatura del lodo Alfano le porte si sono chiuse. E’ mediocre anche nel vendersi.

operaiomantici
operaiomantici
9 Ottobre 2009 3:08

Sono contrario al trattato di lisbona, e mi tengo alla larga di chi lo ha approvato. Il resto sono tue invenzioni.

Cagliostr0
Cagliostr0
9 Ottobre 2009 3:16

nessuno ti obbliga a leggerlo, e se non l’hai fatto, evita di lasciare commenti inutili

maika18
maika18
9 Ottobre 2009 3:16

Beh, l’ha firmato come quasi tutta l’Europa ha fatto, certo questo non lo giustifica. Penso sia difficile prendere decisioni del genere, mi spiego: essere unica opposizione in Italia è un conto (e già è dura), ma essere unica opposizione in Europa si paga eccome se si paga! Per fare l’esempio pratico basta guardare alla ex florente Irlanda (unica opposizione europea) per capire la portata della cosa. Ora, l’Irlanda partiva con una base economica forte ed è stata portata quasi al default nel giro di un anno, l’Italia partendo con una base economica, ahimè, devastata, vi lascio immaginare in quanto tempo verrebbe portata a livelli argentini……….siamo capaci già da soli, figuriamoci! Anche questo, lo so, non giustifica l’accettazione di tale trattato, ma sicuramente rende la dicisione molto critica. Detto questo penso che in qualcuno bisogna credere anche se ha dei difetti (e chi non ne ha), e siccome di personaggi credibili attualmente ce ne sono ben pochi, Di Pietro rimane l’unico -appena- credibile (o preferite Montezemolo?) Se appena uno si presenta sulla scena politica gli viene tirata mer-da senza dargli la possibilità di provare, è finita, chiudiamo le saracinesche sull’Italia e non se ne parla più! Insomma le critiche vanno bene,… Leggi tutto »

maika18
maika18
9 Ottobre 2009 3:20

Che si metta daccordo con ghedini ho dei seri dubbi!! ahahh

Cagliostr0
Cagliostr0
9 Ottobre 2009 3:22

a forza di non criticare da 60+ anni a questa parte guarda dove siamo arrivati… da una parte un premier che si para il culo in tutti i modi dall’altra un magistrato che approva il trattato di lisbona (fosse uno poi….)

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 3:23

@cagliostro. Forse sei nuovo e non hai letto l’intestazione del forum. Eppoi i commenti inutili sono quelli di chi si limita a dire evviva e basta senza portare nessun argommento. Tu caro amico fai solo il tifo senza dire perchè e critichi chi invece dice abbasso. Ma per me puoi intervenire ed anzi farei le barricate se tu ne fossi impedito. E se tu provassi anche a motivare? Anche usando non solo questo nick ma uno degli altri che usi per irrobustire il coro a Barnard. Magari spiegando svolta filo PDL e feltriano del Barnard

ericvonmaan
ericvonmaan
9 Ottobre 2009 3:24

Preferisco un lacchè dichiarato del sistema a un ipocrita (incolto e rozzo) che strilla a vuoto ai quattro venti e poi, in pratica, si riempie la pancia alla stessa mangiatoia degli altri, distribuendo favori ai propri famigliari e sodali…
non c’è NESSUNO che meriti mezzo grammo di rispetto, l’unica via è quella di SMETTERE DI VOTARE e di partecipare al loto teatrino, sperando che un giorno qualcuno incazzato DAVVERO riesca a sollevarsi contro lo strapotere delle elites internazionali (Banche centrali, signoraggio, privatizzazioni, guerre ecc ecc).

Wolosk
Wolosk
9 Ottobre 2009 3:25

Ha ragione Barnard, ovviamente prende le cose con la sua conosciuta veemenza. Ma è assolutamente vero che con il Trattato di Lisbona si è fatta cosa mille volte pià grave che con i vari lodi schifanoalfano. Documentatevi, leggete, e vedrete che è così!

Nellibus1985
Nellibus1985
9 Ottobre 2009 3:26

Mi trovo in piena sintonia con la tesi espressa in questo articolo. Purtroppo all’Unione Europea viene accreditato costantemente, e acriticamente, un elevatissimo tasso di autorevolezza, quando si sa bene che essa altro non è che un’istituzione sovranazionale volta a promuovere il più sfrenato liberismo, che prevede privatizzazioni a raffica, a discapito del cosiddetto “bene collettivo” di cui oggi tutti si riempiono a sproposito la bocca. Ovviamente la cosa non riguarda soltanto L’UE, ma anche tutti gli altri organismi quali il FMI, la Banca Mondiale ed Europea. Barnard punta il dito contro l’atteggiamento di totale sottomissione dei singoli stati nei confronti dei diktat imposti da questo gigantesco e dannoso carrozzone, e mostra di che pasta sono fatti i leaders di partiti che fanno della “vera opposizione” al collasso berlusconiano il loro punto di forza. Tutti a barcamenarsi nel ristretto ambito concesso dal “pensiero unico” e nessuno che metta in discussione i presupposti stessi della squallida politica che viene data ormai per definitiva e incontrovertibile, per la felicità di tutti i Francis Fukuyama del pianeta. Questo è quanto. Saluti.

operaiomantici
operaiomantici
9 Ottobre 2009 3:28

A me sembra una finta opposizione per imbrigliare gli insoddisfatti.

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 3:29

@operaiomantici. Bene, perlomeno non ci provi nemmeno a negare il tifo precostituio con più nick inventati ed usati solo per irrobustire il coro probarnard. E neanche ci provi a smentire la svolta filo PDL e profeltriana di chi attacca solo l’opposizione. Ne prendo atto, evviva la sincerità

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 3:33

Invece chi va con Feltri ed attacca l’opposizione, l’unica opposizione sul campo ed offre argomenti alla Bel Pietro quello si che fa l’opposizione.

maika18
maika18
9 Ottobre 2009 3:37

Purtroppo è così come dici,lo è stato e lo sarà ancora per tanto tempo.
Forse le generazioni future vedranno un po di luce, ma non senza lacrime e sangue.

maika18
maika18
9 Ottobre 2009 3:41

A parte che a me non sembra un lacchè all’ennesima potenza come dici tu, ma per ottenere quello che tu auspichi non basta una sola nazione e neanche un unica generazione, si parla di secoli se mai si avvererà!

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 3:44

Lei ha completamente ragione. Basta con il pensiero unico di chi ha il monopolio dell’informazione, oltre Mediaset controlla anche le reti pubbliche. Diciamolo forte e chiaro: basta con i padroni del vapore cioè: i Travaglio, Santoro, Gabbanelli, Di Pietro, Grillo e compagnia cantando che stravolgono l’opinione pubblica con la proprietà totale dei mezzi di informazione. Naturalmente i Berlusconi non c’entrano niente ed infatti lei non cade nella facile strumentalizzazione che i veri responsabili del lavaggio del cervello degli italiani fanno volendo attribuire al PDL le loro responsabilità. Lei ha infatti riconosciuto subito e ce li addita i veri responsabili della nostra disinformazione cioè: i Travaglio, Santoro, Gabbanelli, Grillo e soprattutto Di Pietro . Complimenti per la sagacia.

TizianoS
TizianoS
9 Ottobre 2009 3:44

Già così per così la Costituzione del 1948, anche senza tirar fuori gli accordi segreti di Cassibile, era una costituzione di uno stato a sovranità limitata.

Con la firma del trattato di Lisbona si dà il suggello ufficiale alla sovranità limitata dell’Italia. Quello che è più grave è che viene di fatto abolito l’art. 11 “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali;…”

Ma la ratifica effettuata dal Parlamento non può essere equiparata ad una legge, e quindi non si potrebbe fare un bel referendum per abrogarla ? Oppure non si potrebbe modificare la legge sui referendum ed includervi anche le ratifiche ?

maika18
maika18
9 Ottobre 2009 3:44

Hai detto un nuovo partito?
Quindi un nuovo partito su cui tirare mer-da!
Avanti il prossimo allora, i badili ce li hanno sempre pronti!

operaiomantici
operaiomantici
9 Ottobre 2009 3:47

Sono solo tue invenzioni.

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 3:51

Va bene. L’importante è capirsi. Come si dice? “Ca nisciuno è fesso”

operaiomantici
operaiomantici
9 Ottobre 2009 3:53

DiPietro ha un nutrito numero di ascoltatori, se parlasse in modo chiaro ed esplicito dell’europa dei banchieri e di signoraggio potrebbe dare un contributo sensibile. Ma evidentemente non ci tiene.

marco76
marco76
9 Ottobre 2009 3:57

mamma mia cesare…
sei proprio fissato con Barnard…
Qui si parla di Di Pietro che ha ratificato con entusiasmo il Trattato di Lisbona…Stop…
Impariamo a ragionare con la nostra testa e analizzare i fatti senza farci condizionare dalle nostre appartenenze a ideologie politiche…
Barnard puo essere di destra, di sinistra, di centro, di dove vuole…si legge il suo articolo e poi si lascia un commento favorevole o meno al riguardo…In Italia non si andrà mai da nessuna parte fino a quando le persone non usciranno fuori dal seminato…
Di Pietro ha fatto una cazzata, nonostante sia all’opposizione. STOP…
Poi, piu attaccate Berlusconi, piu lo fortificate…
Nel nostro Paese ci sono problemi peggiori dei processi o delle escort del Berlusca… E se vuoi te ne posso parlare…

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 4:12

@marcop. sono d’accordo davvero con te. In Italia ci sono problemi più importanti della vendetta di Barnard. per quanto riguarda Berlusconi ho scritto qualcosa tipo questa: Dentro i nostri confini e soprattutto al di fuori, c’è qualcuno molto in alto che apprezza molto la recente abbronzatura, anche se non naturale, di Fini. Il pezzo l’ho intitolato: PROVE TECNICHE DI SUCCESSIONE- Bocciatura Lodo Alfano e lampade abbronzanti UVA. Non mi pare che sia un commento codino. Per il resto non mi piacciono i voltagabbana che si fingono Savonarola. Ed utilizzano l’indignazione sacrosanta per preparasi al triplo salto mortale dall’altra parte. Ho avuto il piacere in passato di dirlo asd un ultra purista in faccia, un tal Capezzone che non perdeva occasione per insegnarci la vera opposizione. Ora è portavoce di Berlusconi. Ma lui ha fatto in tempo ora pr Barnard mi pare più difficile. Tutto qui

IVANOE
IVANOE
9 Ottobre 2009 4:15

Ci si mette, ci si mette pure con ghedini che addirittura come si fa al bar o al circolo dei cacciatori ad anno zero ha fatto una scommessa di una cena con ghedini invece di dargli un calcio dove si sentiva meglio… e allora ma di cosa stiamo parlando… me li vedo tutti e due profumati, pettinati e leccati a lucido mentre sorseggiano nelle comode camere del parlamento un cappuccino caldo e parlano amabilmente dei ca…i loro mentre fuori piove e gli operai sotto l’acqua si spaccano le mani…
comunque… meglio ghedini di di pietro e devo dire che ghedini pur essendo antipatico sicuramente è uno che il fatto suo lo sà molto bene e penso che sia un’attimo avvocato… fortunato berlusconi ad averlo.

Sal
Sal
9 Ottobre 2009 4:19

“Ma aiz a merd” Ma alza la merda! Togliti tu dalle palle con i tuoi commenti inutili e sanza senso!

stefanodandrea
stefanodandrea
9 Ottobre 2009 4:20

Uno (o una) che vuole cambiare il sistema di vita occidentale o almeno l’assetto politico istituzionale italiano e che sia contrario/a alla formazione di un nuovo partito, il quale partecipi alle elezioni o prenda diversamente il potere (ma alora coma la mettiamo con la difesa della Costituzione?) parla senza sapere quello che dice. Dovrebbe, infatti, spiegare in forza di quale diverso ipotetico itinerario i suoi desideri potrebbero trasformarsi in realtà. Provaci a spiegarmelo, se ci riesci.

maristaurru
maristaurru
9 Ottobre 2009 4:26

Cesare , non sono d’accordo con te sulla svolta di Barnard.Non sono tanto sicura abbia avuto una svolta pro pdl e feltriana.
Lisbona per esempio è stata, dissennatamente secondo me, firmata da tutto il Parlamento.

Da pochissimo leggo Barnard, ho però l’impressione che il fastidio oggettivo e per parte mia condiviso, verso certi clamori beoti, si nutra piuttosto di quel senso critico che ci siamo lasciati rubare e soffocare.

Se mentre c’è in ballo la firma di un Trattato Internazionale discusso e discutibile, del quale non si rende partecipe la popolazione, ma anzi la si tiene distratta con vicende di gossip e trasmissioni tv santoriane di scarso o nullo contenuto, ma di grande attesa e presa per i bocca-buona, io mi convinco che siamo solo di fronte ad una enorme operazione di DISINFORMAZIONE del popolo bue, cioè di tutti noi. Risultato, se ora diciamo che teniamo alla nostra Costituzione, parliamo per dare aria alla bocca, ma volere difendere ora la Costituzione equivale a fare come i libertini, che rimpiangono una donna solo quando la hanno perduta.

Pensi che io sbagli di molto?

maumau1
maumau1
9 Ottobre 2009 4:35

questa volta sono d’accordo nel senso che anche lui ha taciuto al popolo l firma del trattato di Lisbona…. nel 2008 cosi’ come ha taciuto altri atti eversivi che erano necessari senza di cui chi firmava il trattato di Lisbona commetteva reato di altro tradimento (art 241)ed attentato alla costituzione(art. 283) firmò Ciampi punibile con l’ergastolo… (ma nessuno lo chimò vile) la legge fu proposta da Castelli 24 febbraio 2006 Legge n.85 l’art 283 e l’art 241 modificati nella sostanza ad hoc e depenalizzati: con la modifica all’art. 283(attentato alla costituzione) si passa da 12 a 5anni ma soprattutto deve essere un attentato violento per essere sanzionato,ma la firma di una legge non è atto violento ,quindi di fatto non è più reato.. ex Art. 283 (fino al 2006) – Attentato contro la costituzione dello Stato – Chiunque commette un fatto diretto a mutare la costituzione dello Stato, o la forma del Governo, con mezzi non consentiti dall’ordinamento costituzionale dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a 5 anni. Art 283(modificato ed attualmente in vigore) -Chiunque, con atti violenti, commette un fatto diretto e idoneo a mutare la Costituzione dello Stato o la forma di Governo, è punito… Leggi tutto »

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 4:36

@Maria Stella. “Il ceto politico è nudo e pazzo” Si diceva una volta ed io oggi aggiungerei “Tutto il ceto politico”. Ora prendersela con il 5% è chiaro a tutti stumentale. E furbetto. Una volta si diceva ” Quando il dito indica la luna c’è sempre l’imbecille che guarda il dito” poi è anche vero che il dito ha le unghie nere, ma prendersela con il dito significa in questo caso nascondere la Luna. L’opposizione nel nostro Paese non c’è, ma occultare i veri centri di potere, la classe dirigent e prendersela con l’opposizione è quello che fa giornalmente Belpietro e Feltri. uesto è un fatto. Poi il tempo è galantuomo è, sono facile profeta, secondo me qualcuno è già dall’altra parte. Mica per convinzione, per vendetta.

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 4:43

@Sal. Per uno che ha scritto solo tre post, e tutti recenti e solo probranard, ti distingui per l’eleganza dell’argomentare. Evidentemente non sai che dire. Neanche lo straccio di un mezzo argomento. Confessa quanti nick hai? E credi di fare qualcosa di utile alla causa? Se i miei commenti sono senza senso perchè te la prendi così tanto? E soprattutto io ho una tesi precisa che non viene nemmeno sfiorata dalla tua maleducazione, e sì se fossi Barnard ti leveri il gettone presenza. Comunque se tu avessi un qualce argomento, povera anima, io sono qui. Curioso.

stefanodandrea
stefanodandrea
9 Ottobre 2009 4:44

La Corte Costituzionale tedesca, già nella precedente sentenza (mi sembra che fosse del 1998) era stata chiara: La Germania è uno dei signori dei trattati europei” (i “signori” sono gli Stati europei): come ha dato il consenso così può revocarlo. Ora nella seconda sentenza (sulla quale puoi vedere l’articolo di Gianni Ferrara, tratto da Il Manifesto e pubblicato sul nostro sito: http://www.appelloalpopolo.it/?p=347), la Corte Costituzionale tedesca ha messo alcuni palettti al poteri del Parlamento, a causa del carattere non democratico del Trattao di Lisbona (scusa ma sto semplificando). Le coste stavano nello stesso modo anche in Italia, anche se la nostra Corte Costituzionale non aveva mai affermato, anche soltanto incidentalmente, che l’Italia era uno dei “signori dei trattati”. Purtroppo nel 2001 il malefico centrosinistra (non ricordo se con il concorso o meno anche di Di Pietro ma credo di si) ha approvato (mi sembra per tre voti: il diavolo è anche fortunato) la riforma costitituzionale “federalista” e ha così modificato l’art. 117, 1° co.: “La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali”. In realtà le cose non sono cambiate (questa è la mia tesi… Leggi tutto »

maika18
maika18
9 Ottobre 2009 4:45

A parte che è una battuta e come tale resta.
Hai delle prove concrete? articoli, foto, ecc?
Su ghedini devo dirti che ammiro la sua bravura, non per niente fa l’avvocato di berlusca (uno dei suoi pregi è di essersi sempre circondato di persone brave nel proprio sapere, se no non sarebbe lì dovè neanche con l’aiuto della sinistra).
Comunque, mi sembra che l’unico che da del mafioso e del delinquente a berlusca sia proprio Di Pietro e viene spesso querelato, saranno questi gli accordi che prendono al bar! e sarà per questo che tutti (pd-pdl-udc-ecc) ce l’hanno con lui e cercano di ignorarlo, fa parte degli accordi……..intelligenti questi politici! così non se ne accorge nessuno e prende sempre più voti, una strategia luminare.
Ciò non toglie che c’è una forte possibilità che “l’Italia dei valori” se dovesse diventare più importante diventi come la lega che si è venduta “totalmente” per la poltrona.
Ma questo è un rischio per tutti i nuovi partiti che si propongono sulla scena.

maumau1
maumau1
9 Ottobre 2009 4:49

pardon ho scritto ”viola quei due reati” volevo ovviamente dire ”viola quei due articoli” certo che la ratifica di un parlamento è una cosa senza troppa validità basterebbe l’intervento della corte costituzionale… la quale però non interverrà per vari motivi uno dei quali è che risponde a fini politici essendo stati eletti da presidenti della repubblica tra cui ci sono i massimi rappresentanti della finanza internazionale e delle elite globalizzatrici come Ciampi,Napolitano ma soprattutto di quella sinistra che negli ultimi 15anni (dopo Berlinguer )si è venduta alle banche nazionali ed internazionali Chi dovrebbe quindi intervenire per retrocedere dal trattato di Lisbona o per indire un referendum… D’altronde sul nucleare c’era un referendum che è stato ignorato ed hanno fatto finta che gli italiani hanno cambiato idea… e siccome anche il PD è d’accordo ecco che come su Lisbona anche sul nucleare si è ignorato di fatto il volere del popolo!! Anche se da solo un referendum non basta ci vuole anche una corretta informazione che di fatto non potrà mai raggiungere tutta la popolazione..che invece avrebbe una informazione viziata e falsa… ecco perchè da solo il suffraggio universale non porta mai alla soluzione migliore… ecco perchè dovrebbe votare solo parte… Leggi tutto »

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 4:52

@stefanodandrea Sono d’accordo

cesare52
cesare52
9 Ottobre 2009 4:54

@stefanodandrea. Preciso e puntuale è un piacere leggerla. Complimenti per i post che aggiungono dati alla riflessione di tutti.

marco76
marco76
9 Ottobre 2009 5:01

Ma non mi sembra che Barnard possa essere definito voltagabbana…Credo poi che se fosse cosi “amico” del Berlusca in questo momento godrebbe di migliori posizioni…E semplicemente stufo, come dovrebbero essere tutti, di vedere un opposizione e l’esercito dei nuovi eroi attaccare il premier e basta, coprendosi gli occhi di fronte a nefandezze peggiori…
pensate se Berlusconi viene condannato nei due processi in corso…Travaglio su chi lo scriverà il suo prossimo libro?
ahahahahahah

hammurabi
hammurabi
9 Ottobre 2009 5:05

Come al solito Barnard parla di delicati temi costituzionali già dibattuti allo stremo nelle sedi adeguate, senza avere la preparazione adeguata. Nessun riferimento all’art. 11 della Costituzione Italiana, che oltre al ripudio della guerra “consente alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”. La Costituzione italiana non ne viene abolita, ma semplicemente il trattato di Lisbona è giuridicamente possibile, e vincolante per l’Italia, perché già la Costituzione italiana lo rende possibile.

Che poi il trattato piaccia o non piaccia è un altro discorso, così come non si può negare che i rapporti fra le varie forze in gioco rappresentino un ginepraio giuridico, ma non si può semplificare sempre tutto, facendo finta di aver scoperto l’acqua calda e denunciare il complotto che ce la tiene nascosta. Dire che la Costituzione italiana ne viene abolita è semplicemente una falsità. Bisogna studiare (sui libri).

marco76
marco76
9 Ottobre 2009 5:11

Faccio un appello a Di Pietro e affini affinche inizino a lavorare per la comunità, per chi gli ha concesso la fiducia con il voto… Basta parlare di puttane puttanieri, basta con la libertà di stampa e i suoi miliardi di appelli…Che i quotidiani inizino a rinunciare ai contributi statali, facciano vero giornalismo, e solo dopo se è il caso, protestino per la libertà di stampa. Si adoperino opposizione e non per organizzare un referendum sul Trattato di Lisbona, noi cittadini dobbiamo decidere se vogliamo o no far parte di una grande impresa. Si adoperino opposizione e non al fine di interrompere i continui regali elargiti al ricattatore Marchionne Si adoperino opposizione e non per risolvere i problemi economici che ci attanagliano…Siamo l’unico paese in europa dove nel settore terziario, metalmeccanico, edile…i pagamenti partono da minimo 120gg data fattura…Le banche non aiutano piu nessuno…Gli enti pubbluci appaltano i lavori e poi non pagano facendo fallire le imprese e di conseguenza gli operai che ci lavorano Si adoperino opposizione e non per risolvere il problema sanità…e mai possibile che se qualche italiano vnecessiti di visite specialistiche, la prenotazione via SSN abbia liste di attesa dai 6 mesi in su, con l’obbligo… Leggi tutto »

Sokratico
Sokratico
9 Ottobre 2009 5:13

quando Barnard dice qualcosa, magari anche condivisibile, aggiunge sempre questa nota di disprezzo che lo rende tanto primo della classe…senza esserlo, peraltro…

Non penserà che sia stato solo lui ad aver parlato del Trattato di Lisbona? Certo che Di Pietro è ignorante, almeno sul medio periodo, ma almeno è onesto…. Può essere sufficiente per votarlo, in Italia, o dobbiamo rivotare Berlusconi / D’Alema?

E poi Barnard chi vota ? Nessuno? Sta chiuso in casa a rimirarsi l’ombelico della sua purezza ? bah…

stefanodandrea
stefanodandrea
9 Ottobre 2009 5:20

Grazie. Ho risposto al tuo commento di ieri.

valis
valis
9 Ottobre 2009 5:24

Quoto. Purtoroppo però un analisi veramente obbiettiva sul trattato di Lisbona non mi è ancora capitato di leggerla. Queste benedette 2800 pagine sembra che nessuna abbia realmente voglia di leggerle. Mi piacerebbe leggere il parere di un giurista a riguardo, anche di un burocrate, purchè sia veramente obbiettivo e non solo schierato pro o contro.

PIEROROLLA
PIEROROLLA
9 Ottobre 2009 5:28

VIDEO APERTO A DI PIETRO

maristaurru
maristaurru
9 Ottobre 2009 5:30

xCesare, giusto , tutto il ceto politico è nudo e pazzo, ma criticare chi ha armato la disinformazione contro la gente comune, fregandola una volta ancora per poi firmare, una volta ancora in combutta con i centri di potere è doveroso, e il tifo non cii deve fare velo, e nemmeno la passione se è per questo, dobbiamo restare freddi e cercare di capire quanto più possibile. E se chi per decenni mandava in piazza giovani ed operai per protestare contro il potere, magari anche a rischiare le manganellate e peggio, per poi in separata sede dividersi potere e danari con quelli che fingevano di osteggiare, perchè questo è successo innegabilmente, inutile tenersi sugli occhi fette di prosciutto il cui fetore è ormai evidente. Dicevo se queste persone continuano ancora indisturbate nel vecchio giochino che tanti danni, tanti morti ha procurato, e tante vite ha spezzato , è obbligo che chiunque non voglia sentirsi sia pure idealmante colluso con certi furboni o forse peggio, nel gregge di certi italioti, ormai non più scusabili, HA IL DOVERE DI SUONARE LA SVEGLIA. Che senso ha aggiungere righe ed invettive contro Berlusconi e Feltri se i GIOCHI CHE CONTANO si svolgono altrove? Questa… Leggi tutto »

Matt-e-Tatty
Matt-e-Tatty
9 Ottobre 2009 5:35

Lei ed altri date dell’ignorante a Di Pietro… secondo mè non è ignorante per niente, è un giudice laureato che parla spesso un discutibile italiano… Credete davvero che non sappia parlare? Secondo mè Di Pietro è furbo…molto furbo…. mi sbaglierò….

Sal
Sal
9 Ottobre 2009 6:31

Sono nuovo hai ragione. Ho conosciuto questo portale proprio grazie a ciò che scrive Barnard sul suo sito. Grazie a lui ho rivalutato travaglio e grillo (che ero un loro forte sostenitore) Ora non sono proBarnard voglio solo capire come funzionano realmente le cose e Baranard per quello che ha scritto è stato molto più chiaro e completo di tanti altri. Ho risposto in quel modo dato che c’è poco da argomentare con chi non argomenta a sua volta. Questo è il mio primo e unico nick.

TizianoS
TizianoS
9 Ottobre 2009 6:43

@stefanodandrea. Ringrazio anch’io per la puntualizzazione e la precisazione. Purtroppo l’Italia da Badoglio in poi è un paese venduto, e c’è poca speranza che ci sia qualche reazione alla vergognosa deriva di Lisbona.

maristaurru
maristaurru
9 Ottobre 2009 7:04

Permettimi di farti notare che tra quattro o cinque anni, non ci sarà movimento o partito che possa nulla, se non saremo economicamente sovrani, e non lo siamo, la Casta politica si è messa al sicuro, noi saremo sudditi e dispiace che non lo abbiate capito ancora ,e soprattutto se le leggi che faremo varranno carta straccia perchè varranno di più quelle varate dai burocrati e dal potere economico ai quali ci stanno cedendo…

DAVVERO NON VE NE SIETE ANCORA ACCORTI? Alla salute!

myone
myone
9 Ottobre 2009 7:12

E’ inutile che togliete qualche dovuto VFC a articoli e post vari
di gente che scrive come WCizza. Capito CDC????

Questo personaggio, e’ uno che vorrebbe demolire tutto, e non sa’ costruire nulla.
Vorrebbe essere lui la costituzione….. di che non si sa’.

Se le persone si trovano personaggi a questo modo,
partendo da questo e finendo a tutti gli altri
rispettando, nei confronti e paragoni, a quelli che ci sono ora che governano,
e’ perche’ se li meritano, e si denota che testa hanno seppur in minoranza,
ma la stra grande percentuale degli italiani.

Fra TV, servizi, programmi, e consistenza vera dell’ efficacia del nulla,
scorre in giro un senso di vomito e di anticappati, da far paura.

stefanodandrea
stefanodandrea
9 Ottobre 2009 7:13

Il tuo pessimismo ha certamente un fondamento ragionevole e anche razionale. E tuttavia sono io a chiederti: che percorso, per quanto ipotetico e poco reaizzabile, proponi o comunque riesci a ipotizzare?

myone
myone
9 Ottobre 2009 7:20

Allora la cosi detta sinistra – mancina, perhe’ non si fa portavoce di fatto
di un referendum per scelgiere Lisbona, facendo comprendere i punti cruciali e anticostituzionali?

L’ unica cosa che mi da’ soddisfazione, e’ che si sono tolti dalle palle
quel rinco di freschetti, uomo da tortellini in brodo. Almeno l’ eletto, qualcosa sa’ dire
e qualche punto da considerare l’ha, nel suo bagaglio comunicativo…..
poi, nel reale governare, pure lui come tanti e tutti, andra’ nell’ intrallazzo-andazzo.

Sono stufo di sentire commenti o di sentire gente che parla a bocca aperta,
di fine del capitalismo, e bla bla bla bla.
Senza questo sistema, vi dovrete coltivare le piante per salire sulle liane,
perche’ di alberi siamo a zero dove si vive, e senza un programma o una visione di soluzione,
di ottimizzazione della societa’ e di come deve vivere ecc ecc, si va’ alla fame. Garantito. Non c’e’ bisogno di aver fatto le scuole medie per capirlo.

A_M_Z
A_M_Z
9 Ottobre 2009 7:44

ma lei, Cesare 52 e spero che 52 non sia nè l’età nè l’anno di nascita, chi è?

Ce lo spieghi visto che sembra detenere il sapere del conosciuto e del non conosciuto; mi riferisco alla ridondante insinuazione dei pluri nickname pro-barnard.

Ma anche se fosse?
Anche se i sostenitori di Barnard fossero nick name fasulli a cosa giovano i suoi interventi alla discussione?

Ha appena difeso chi ha commentato l’articolo con un insulto.
Difendiamo il diritto alla parola scurrile e magari, in seguito, il diritto di venire alle mani durante una discussione.

Difendiamo il diritto di parola ma ognuno si chieda prima di scrivere o di parlare se quello che scriverà interesserà a qualcuno.

marco08
marco08
9 Ottobre 2009 7:51

Meglio ignoranti come una scarpa che saccenti e arroganti? Dopo aver risposto a un mio commento ero convinto che comunque il tuo strillare era giustificato da quella grande ingiustizia che avevi subito professionalmente e dall’ omertà dei i tuoi colleghi che snobbandoti ti avevano sottovalutato.Ora che continui a sputare veleno su una persona che ha rischiato la vita da magistrato e che anche se tra mille difficoltà e ostacoli sta cercando di creare un partito e un opposizione mi indispettisce nuovamente e crea in me nuove domande da porti:Se io commettessi un reato contro lo stato dovrò rispondere ad esso o a una corte Europea? In materia di lavoro dovrò fare riferimento alla mia costituzione o a quella Europea? Quante persone in Italia credi che sappiano cosa sia il trattato di Lisbona? Quanto tempo credi abbia un privato cittadino per occuparsi di tutto ciò? Informarsi è un dovere però ci sono anche altri criteri per scegliere, quali ad esempio la fiducia.Vorrei ricordarti che come magistrato è stato minacciato di morte per cercare di scardinare quel sistema politico affaristico sui quali l’ Italia ha costruito il sistema di debito pubblico (oltre che al Signoraggio)ed ora come politico sta cercando di fare… Leggi tutto »

Sal
Sal
9 Ottobre 2009 7:58

chi è andato con feltri?

ventosa
ventosa
9 Ottobre 2009 8:01

A Myo’, quando riesco a capire tutto quel che scrivi, mi trovo spesso daccordo con te…

ventosa
ventosa
9 Ottobre 2009 8:06

Leggo sempre con interesse gli articoli di PB, però sapete chi mi ricorda?
Mio nonno, quando c’era puzza, era bravissimo a trovare dove l’aveva fatta il gatto. Poi, rivolto a mia nonna, gridava:”Aoh, c’è da anna’ a pulì la mmerda!!”

sara4d
sara4d
9 Ottobre 2009 8:13

Aspetto una replica di Di Pietro. Non mi piace ascoltare una sola campana e prendere per oro colato solo la dichiarazione dell’uno o dell’altro.
Mi piacerebbe un dialogo ogni tanto.
Quello che sicuramente non mi piace di questo articolo è il tono, ma è praticamente quello che non mi piace mai del tono di Barnard ed è purtroppo il motivo per cui tanti non lo stanno neanche a sentire. (Chi è causa del suo mal pianga se stesso).
Resto in attesa.

Galileo
Galileo
9 Ottobre 2009 8:14

Bravo cesare52. Bloccagli i piedi a stì Sal….

mariosoldati
mariosoldati
9 Ottobre 2009 8:16

Carissimi, penso che possiamo continuare all’infinito a dire che ci stanno rubando letteralmente la vita, ma questo haimè non cambierà nulla…. il popolo si trova in uno stato di catalessi collettiva, vorrei relamente scappare non solo dall’Italia ma dal pianeta terra, infatti…l’ultima di oggi è che la baracca umana ha preso il Nobel per la pace….basta voglio andare su un altro pianeta ……… sono dell’idea che il popolo merita i governanti che si ritrovano…… ultimo esempio la povera terra di calabria lasciata allo sbando con rifiuti tossici disseminati dappertutto, acque, mari, fiumi, terre, sanità sconvolta, strutture fatiscienti, clientelismo, nipotismo, parentismo, ndrangheta, massoneria, corruzzione e il popolo cosa fa …dorme…dorme ……… ha ragione Silvio stanno troppo bene gli italiani. Qualcuno vuol farci credere che dal 2012 ci sarà il risveglio delle coscienze, quindi tutto cambierà! Sono tutte balle per tenere inebetiti i pochi dissidenti mentali dello statu quo, fanno come hanno fatto con i cristiani, …questo sistema malvagio finirà e poi arriverà il regno di dio a sistemare tutto… bhè sono 2000 anni che quei cristiani aspettano, visto che l’attesa è stata lunga ora gli hanno detto che il regno è dentro di loro, per forza perchè non arriverà mai…. quindi… Leggi tutto »

IVANOE
IVANOE
9 Ottobre 2009 8:18

Non c’è bisogno di prove.Non sò tu come percepisci il mondo ed in genere il mondo politco ma forse avrai capito che non ci sono partiti ma comitati di affari a volte anzi spesso trasversali. Se così non fosse e per un’attimo riscissimo ad immaginare il tuo mondo pernso che probabilmente vivremo in un mondo diverso magari pieno di conflittualità e di contrati ma comunque sano e vero.Purtroppo la nostra natura mafiosa che ogni italiano ha dentro di se fa il resto ovviamente nei rispettivi dosaggi. Come ti immagini tu il parlamento o un parlamentare ? Io sono un ingenuo e penso sempre che i parlamentari siano un pò come i tifosi di calcio appassionati alla loro maglia ai loro colori alle gesta del loro partito… invece la realtà ce l’hanno fatta scoprire i vari bertinotti, d’alema, giordano, veltroni, rutelli ecc. ecc. e cioè di giani bi-fronte dove danno un’immagine pubblica alla di pietro ad esempio e invece privatamente sono ipocriti, cinici e menefreghisti. Sò di autisti di alcune personalità politiche di sinistra che hanno raccontato che davanti alla tv questi politici di sinistra difendevano i lavoratori i deboli, poi appena saliti in macchina al telefonino proferifano contro i stessi… Leggi tutto »

Bubba
Bubba
9 Ottobre 2009 8:22

Irish people: “Yeah!”

Galileo
Galileo
9 Ottobre 2009 8:27

La paura?

La paura di rimanere fuori dal “gioco mediatico” (o è meglio chiamarlo circo?). Barnard, anche se dice la cosa giusta, non SA DIRLA, perchè sbaglia la maniera e questo lo rovina giorno dopo giorno. Mi dispiace per lui, ho cercato di dirglielo decine di volte, ma niente.

Sal
Sal
9 Ottobre 2009 8:38

me li ha bloccati?

Lucadamico83
Lucadamico83
9 Ottobre 2009 8:39

Un’articolo patetico per un giornalista bravo ma che sta diventando patetico a sua volta……
Caro Barnard hai scoperto la’acqua calda…..
le cose stavano cosi anche nel PCI dei tempi di Berlinguer…..

Ah dimenticavo, complimenti per l’intervista al Giornale di Feltri….
“dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”.
E non tirare fuori la menata che ti han cercato loro perchè non conta comunque.

Truman
Truman (@truman)
Staff CDC
9 Ottobre 2009 8:40

Quello che dice Hammurabi è sostanzialmente errato. Leggendo la Costituzione è visibile una organizzazione in Principi fondamentali, Diritti e doveri dei cittadini e Ordinamento della Repubblica.

Esiste notevole giurisprudenza costituzionale che evidenzia come i diritti fondamentali siano inderogabili.
Quindi i trattati internazionali possono essere considerati accettabili solo se non ledono i diritti fondamentali. Nel caso del Trattato di Lisbona è pensabile l’idea di sollevare eccezione di incostituzionalità e la competenza in tale caso è della Corte Costituzionale italiana. La situazione è esattamente analoga a quella tedesca.

Sal
Sal
9 Ottobre 2009 8:42

caro cesare52 i tuoi commenti mi stanno interessando..

Tu invece… perchè sei anti-Barnard? Perchè racconti sta fesseria del suo cambiamento filofeltriano?

Santos-Dumont
Santos-Dumont
9 Ottobre 2009 8:56

Perché non levi tu le tende e possibilmente ti lavi la bocca col sapone?

maristaurru
maristaurru
9 Ottobre 2009 8:59

Irrealisti per irrealisti, sarebbe meglio tentare un bell’aggregamento trasversale agli schieramenti, di ITALIANI finalmente liberi dalla brodaglia pseudopolitica e capaci di analizzare le proprie convenienze.

una cosa diversa dalle solite pecore rosse, nere o azzurre che penosamente si sbattono nei cortei “contro” condotte dai soliti ben pagati pifferai, pronti a defilarsi al momento giusto.

Certo che non ce le vedo le pecorelle italiche nemmeno a prendere in considerazione una simile cosa senza che il solito furbetto non immagini come usarle o venderle. Sono più di 50 anni che ci facciamo tutti a vario titolo prendere per il didietro, ed oora siamo arrivati, e che vuoi fare più? I cervelli son stati lavati, la volontà distrutta insieme alla capacità critica.

Ma certo fare un partito che fra 4 anni spapereggi in parlamento, mentre i Padroni stanno altrove, mi sembra una presa in giro, e non è pessimismo, è realismo

Santos-Dumont
Santos-Dumont
9 Ottobre 2009 9:02

Anch’io, e anche sulla base di quanto avvenuto pochi giorni fa in Irlanda, condividendo i timori di Barnard sto seriamente pensando di rinunciare alla cittadinanza italiana. Sto per chiedere la naturalizzazione brasiliana, posso tranquillamente rimanere solo con quella.
Io con un Europa basata su questi presupposti, non ci voglio avere nulla a che fare.

2novembre
2novembre
9 Ottobre 2009 9:04

caro Barnard,
alcune volte ,i tuoi post, sono come orsi inseguiti i da una selva di cani latranti pronti ad azzannarti; comunque,nonostante ciò, hai ragione.

maristaurru
maristaurru
9 Ottobre 2009 9:09

@ Valis

Leggiti che ne scrive (censurato al massimo) il prof Guarino titolare di in, ordinario di diritto amministrativo all’Università di Roma, un giurista di fama internazionale che ha diffidato dal ratificare il trattato così com’è, perché esso codificherebbe un sistema di “governo di un organo” o “organocrazia”.

Inoltre il Trattato aumenta sensibilmente i poteri della Commissione Europea.
Ad esempio, nel caso della procedura di infrazione del Patto di Stabilità, stabilita dall’Art. 104, la Commissione finora aveva solo il potere di notificare l’avvenuta infrazione al Consiglio dei Ministri dell’EU, che poi decideva se avviare la procedura o meno. Nella nuova versione, sono stati introdotti tre piccoli cambiamenti che spostano quei poteri in seno alla Commissione. Non sarebbe saggio approvare il trattato, riproponendosi di cambiare in seguito le sue parti sbagliate, ha osservato il prof. Guarino. Ciò sarebbe di fatto impossibile, dato che occorre l’unanimità. fonte : disinformazione.it

dana74
dana74
9 Ottobre 2009 9:20

sono d’accordo Barnard e per chi scrive che ha scoperto l’acqua calda non si direbbe a leggere i giornali di chi si sente unica opposizione…non mi pare di aver letto qualcosa contro il trattato di Lisbona, anzi quando fu accennato alla richiesta di un referendum solo perché lo disse uno della Lega e che facciamo?
Cogliamo la palla al balzo per proporlo tutti insieme un referendum?
SIA MAI, la proposta vien da destra e va cassata.
Si saranno pure inventati che proporre un referendum sul Trattato di Lisbona ovvero chiedere il parere agli italiani era roba da “fascisti”.

In ogni caso, il referendum sulla Costituzione (quello si rese necessario per introdurre la devolution) del 2006 tanto ostacolato dai difensori della costituzione, dagli stessi che hanno fatto la riforma del titolo V detta Bassanini
http://www.tecnostruttura.it/portal/alias__tecnostruttura/lang__it/tabID__3420/DesktopDefault.aspx

Alexis
Alexis
9 Ottobre 2009 9:23

Grande deadbeaf!!! Mi hai tolto le parole di bocca!!!

Alexis
Alexis
9 Ottobre 2009 9:24

Di Pietro grazie di esitere!!!

Santos-Dumont
Santos-Dumont
9 Ottobre 2009 9:31

Condivido totalmente la preoccupazione di PB, e al limite anche i toni accesi. Solo che arrivati a questo punto vorrei capire le implicazioni pratiche del ragionamento. Preso atto che: non esiste un’opposizione, né sostanziale né di facciata; se sia frutto di incompetenza o malafede, è questione accademica; l’Italia si trova in una situazione sempre più evidente di dittatura bipartisan, dove i diritti sanciti dalla costituzione vengono sgretolati costantemente; l’opinione del popolo o non vale una cippa, o esiste una gran massa di conniventi silenziosi ai quali aggrada l’andazzo attuale, o entrambe le cose; l’analisi e l’informazione servono sì, ma se non accompagnati da qualche misura ben più radicale fanno venire in mente quell’adagio orientale che suggerisce di dare un ampio pascolo alle vacche, per mantenerle sotto controllo in senso lato; La domanda, Barnard, è: cosa fare? Voglio dire, a parte patetici cortei per le strade, girotondi et similia. Messe da parte tutte le discussioni ormai sterili, come cittadini siamo ancora vincolati al rispetto delle leggi? Se viene tradito il fondamento del patto sociale, non esiste ragione per cui ci si debba sentire obbligati a obbedire alle regole. Una volta Franklin scrisse che i veri patrioti sono quelli che più mettono… Leggi tutto »

Xeno
Xeno
9 Ottobre 2009 9:32

Beh se lui è furbo molto furbo allora ci ha preso per scemi. (viene da sè)

hammurabi
hammurabi
9 Ottobre 2009 9:33

Appunto esiste una notevole giurisprudenza costituzionale, scritta anche nei vari pronunciamenti della Corte, e riguardante i rapporti fra la Repubblica e i vari organismi internazionali, la quale ha stabilito che la ratifica di certi trattati che limitano di fatto la sovranità italiana non abbisogna di passare attraverso il processo di una revisione costituzionale, in quanto già prevista dall’art. 11.
Non sto entrando nel merito del Trattato di Lisbona, che conosco poco. Se effettivamente violasse i diritti umani ci sarebbe motivo di eccepirne la costituzionalità. Quello che contesto è l’argomentazione di Barnard in base al quale il trattato è illegittimo perché abolirebbe, tout court, la Costituzione (molto diverso dal dire che in alcuni punti potrebbe essere in contrasto con essa). Ciò è semplicemente falso.

valis
valis
9 Ottobre 2009 9:42

@maristarru Ti ringrazio per la segnalazione, cercherò di procurarmi il libro.

Intanto leggo che pur non essendo ancora stato ratificato, il trattato già presenta differenze tra i vari stati: http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE5980AN20091009

Partiamo male.

Santos-Dumont
Santos-Dumont
9 Ottobre 2009 9:52

E se per ventura quello che uscì dalla porta rientrasse dalla finestra, nella fattispecie la pena di morte in caso di sommossa?
Rientreremmo nel caso delle “limitazioni di sovranità necessarie, etc”?
Qui stiamo parlando dei fondamentali. Magari aiuterebbe, oltre allo studio delle leggi, anche una conoscenza sommaria di certe conquiste recenti della logica matematica, tipo il teorema di Gödel sull’incompletezza.
L’incongruenza della situazione sarebbe ancora più evidente.

ventosa
ventosa
9 Ottobre 2009 9:53

Torno a ripetere il concetto gia espresso altre volte. Barnard fornisce informazioni, analisi (Che spesso condivido), talvolta propone azioni e chiarisce gli obiettivi, ma tra l’analisi e gli obiettivi non c’è mai uno straccio di strategia, un piano attuabile. Secondo me, forse è per questo che molti lo definiscono un piagnone, perchè parla, si incazza e batte i piedi, ma non realizza. Io è un po’ che non resto deluso da PB. Ho semplicemente smesso di aspettarmi da lui cose di cui non è capace.
E continuo a ringraziarlo per le informazioni che fornisce.
Saluti.

stefanodandrea
stefanodandrea
9 Ottobre 2009 10:07

Io credo che quell’aggregazione trasfersale di cui parli debba essere un fronte popolare. Convengo anche sul fatto di superare antiche distinzioni, ormai in gran parte obsolete (restano alcuni paletti naturalmente). Ma questa aggragazione, che chiamerei Fronte Popolare Italiano, che dovrebbe fare? Candidarsi al parlamento entrarvi e tentare di ottenere l’egemonia, ossia il consenso del popolo (tu dici pecorelle e ci sta tutto), magari approfittando di una situazione di grave crisi (che è da sperare, perché rappresenta una occasione). Non vedo altre soluzioni. Salvo la presa della Bastiglia.

ventosa
ventosa
9 Ottobre 2009 10:14

Dimenticavo.
Caro Paolo, come mai, con centinaia di personaggi responsabili in prima persona delle situazioni che tu denunci, da destra a sinistra, banchieri e collusi, capitani e teste di legno, stai picchiando duro su persone che, non nascondendo il proprio pensiero e le proprie posizioni, stanno rompendo le uova nel paniere dei soliti noti? Comincio a sentire, dalle tue parti, un odorino di bruciato…
Saluti.

TitusI
TitusI
9 Ottobre 2009 10:34

Si, bravo Barnard, ma guarda che quanto scrivi lo sappiamo, un simile articolo, con qui toni, va bene se pubblicato su Libero, Repubblica o “rotoloni” simili, qui quel tono che senso ha?
Mi viene il dubbio che sia l’unico modo in cui ti sai esprimere, il che potrebbe avere dei preoccupanti risvolti psicologici.
E’ assurdo quanto io riesca a trovare quanto scrivi sempre giusto, ma la lettura sempre urtante, capisco che quanto scrivi non vuole essere intrattenimento, ma mettiti nei panni di chi non la pensa come te (noi) perche’ semplicemente e’ ignorante (o la sa piu’ lunga di noi) ti sembra una buona strategia comunicativa inserire ad ogni capoverso:

“Ricordati che sei solo un povero coglione, a differenza di me…” ?

Boh non so, continua pure come credi, ma almeno la prossima volta fai come fai di norma, “insultaci”, ma dicci qualcosa che non sappiamo.

Saluti.

g10rdan0
g10rdan0
9 Ottobre 2009 10:50

Basterebbe quanto scritto proprio poco sotto il titolo di questo blog, per rispondere alle offese di molti di voi nei confronti delle Randazzo, dei Barnard, dei Massimo Fini e dei tanti altri non conformati a priori all’antiberlusconismo militante, ma non confido in una tale capacità critica delle persone. Quindi spiego la mia posizione meglio. Certo che se ce la si prende con chi ci invita a riflettere, solo perchè lo fa a scapito di chi, ancora una volta, ci da’ in pasto opinioni già pensate, scritte, firmate e controfirmate, la vedo davvero dura per tutto. Prendiamo il Trattato di Lisbona, si può scaricare. Liberamente. Leggiamolo e se ne si ha il tempo, confrontiamolo con le leggi a cui si riferisce, soprattutto nei punti focali dello stesso. Poi andiamo sul sito della camera e scarichiamoci la legge con cui il parlamento italiano ha ratificato il suddetto; controlliamo da chi è stata votata e confrontiamolo con quanto alcuni di loro vanno dicendo. Prescindendo dal Barnard e da chi come lui ci può stare sui coglioni. Poi riprendiamo articoli, editoriali e commenti di quanti ci avevano avvertito (Per il Bene Comune, Paolo Franceschetti, La voce del Ribelle, lo stesso Filippo Facci -rivalutato ad… Leggi tutto »

g10rdan0
g10rdan0
9 Ottobre 2009 10:52

Sì dai, prendiamoci a cazzotti virtuali e accusiamoci di avere tanti nick, di fare spam, bim bum bam, cic e ciac e ratatatatat!
Che mestizia…