Home / ComeDonChisciotte / DENUNCIA AVV. PAOLA MUSU

DENUNCIA AVV. PAOLA MUSU

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Mi sento di appoggiare la denuncia inoltrata dall’Avv. Paola Musu che trovate QUI

Non conosco la Musu, il mio sostegno non implica approvazione della sua persona, solo dell’iniziativa. Inoltre, la Musu ha forse distrattamente omesso di specificare l’effetto coercitivo golpista dell’asse Euro (sistema di emissione), mercati dei capitali, tassi sui titoli e spread, sullo spazio di manovra del Parlamento (ex) sovrano, di fatto così annullato.
Rimane tuttavia il mio appoggio alla sua coraggiosa iniziativa. Ho più volte scritto e detto che Giorgio Napolitano, Mario Monti e Mario Draghi sono golpisti da arrestare e processare. Ora sembra che esista anche una base giuridica per pretendere ciò. Bene.

Paolo Barnard
Fonte: http://paolobarnard.info
Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=360
5.04.2012

Pubblicato da Davide

  • Giancarlo54

    Certamente che ce n’è di gente che ha tempo da perdere in carte bollate………Arrestare Napolitano, Monti e Draghi? Si, come no! E’ più plausibile andare sulla Luna in groppa ad un asino volante.

  • MrZimmy84

    Questi sono gli ultimi della catena ma quella che ci vorrebbe in Italia è una vera e propria Norimberga.
    Spiegateci perchè non dovrebbe trattarsi di alto tradimento della repubblica…

  • Vocenellanotte

    Come se al momento dell’invasione della Polonia nel ’39, i cittadini si fossero rivolti al Tribunale delle dispute inernazionali dell’Aia che esisteva, mi semba già dal 1906.
    A conferma che la storia la fanno sempre i vincitori, non delle carte bollate, ma delle azioni concrete.
    Tutta la mia simpatia per qusta folcloristica iniziativa, magari serve ad aprire gli occhi per qualcuno, non certo ad armare la rivoluzione.

  • nuvolenelcielo

    Complimenti all’avvocato Paola Musu per a denuncia, e il coraggio. E’ un avvocato, e la sua parte la fa piuttosto bene (poco importa la risposta della scellerata magistratura). Ognuno nel proprio campo dovrebbe seguire il suo esempio. Dal magazziniere al prete.

  • SentieroIndiano

    Sarebbe bello vedere dietro le sbarre la banda Monti e i politici che ci hanno trascinato nell’inferno dell’euro.
    Probabilmente la denuncia non arriverà molto lontano ma fate circolare il più possibile la notizia: non è certo onorevole per l’arrogante Monti essere denunciato per associazioni sovversive, attentato alla Cosituzione e altri gravi capi di accusa …..

  • Hamelin

    Concordo in toto.
    Questa iniziativa è una pura pippa folcoristica di avan spettacolo.
    Chi comanda se ne frega di certe fesserie .
    La gente che si avvicina veramente a mettere i bastoni tra le ruote di certi personaggi poi in generale segue questo iter :

    1) Discredito Pubblico

    2) Gogna sociale

    3) Cure per instabilità mentale

    4) Prigione

    5) Misteriosi incidenti…

    6) Morte.

    Se questa iniziativa è veramente di qualche utilità , lo vedremo da questi steps…

  • viks83

    e perché sarebbe alto tradimento?

  • siletti86

    Le carte bollate, caro amico, sono come quei candidi fiocchetti di neve che arrivano prima della bufere. Conosci il famoso detto della “valanga”?

  • MrZimmy84

    “attentato contro l’integrità, l’indipendenza… dello stato”…. basterebbe gia questa non credi?

  • xcalibur

    Grande Paola Musu.

  • Ultor

    “..Rimane tuttavia il mio appoggio alla sua coraggiosa iniziativa.”
    cioè?
    CHIUNQUE può aiutare l’avvocato Musu lo faccia contattandola e fornendo dati, documenti, prove, tesi accusatorie..forse è l’unica possibilità che ci è rimasta; la sua stringata approvazione sembra voler dire: armiamoci e andate
    le confesso che a me piacerebbe rivedere il Barnard di report, adesso invece a me sembra abbaiare molto, gonfiare il petto ma non mordere affatto. la mia domanda è: cosa la distingue da santoro?

  • Petrus

    Perché le loro “politiche” offendono i Padri Costituenti, che all’articolo 1 della nostra Costituzione scrissero: “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”, e all’articolo 36 “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”, ed all’articolo 38 “Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e
    vecchiaia, disoccupazione involontaria”… Continuo?

  • pippo74

    continuo io; alto tradimento per la palese violazione dell’art. 3 della Carta Fondamentale, che al primo comma recita: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.” con la brutalità della controriforma pensionistica tale principio viene letteralmente calpestato, addirittura per decreto legge e sotto ricatto di organi non democratici ed esterni al nostro ordinamento giuridico.

    invito altri utenti a ricercare ed esporre altre violazioni della Costituzione, di cui possono essere accusate le attuali figure istituzionali che hanno in mano il potere politico e giudiziario della Repubblica Italiana. chissà, potrebbe venir fuori un piccolo vademecum dal basso.
  • gramscixxi

    Suggerisco di far circolare il più possibile la denuncia dell’avv. Paola Masu alla quale vanno i miei complimenti per la lucidità con cui ha ricostruito la sequanza di eventi che stanno distruggendo l’Italia e con cui ha individuato i responsabili.
    I trattati che ha firmato Napolitano sono più pesanti di quelli che normalmente i vincitori di un conflitto fanno firmare ai capi di una Nazione sconfitta.
    Con la complicità dei media, dei partiti politici e dei sindacati, tutti indistintamente “drogati” da rivoli e rivoletti di denaro artatamente creati, le firme di quei trattati-capestro sono passate quasi del tutto inosservate.

  • Simulacres

    Sottoscrivo!

    inoltre, credo, far circolare questa coraggiosa denuncia formale presentata da un legale (categoria, a mio avviso tutt’altro che onorevole) rappresentante di un ordine costituito, possa, paradossalmente, raccogliere più consensi di cento altre denunce fatte da studiosi, filosofi, intellettuali e quant’altro, poiché questi ultimi, nell’immaginario collettivo – specie quando si tratta di quella schiera “perversa” della contro-informazione – vengono vissuti come il fumo negli occhi.

    “Ognuno nel proprio campo dovrebbe seguire il suo esempio. Dal magazziniere al prete.”

    Io. nel mio piccolo, l’ho fatto ma ho perso tutto. Tutto ciò che m’è rimasto è la mia Dignità ma, ahimè, la dignità è una brutta bestia capace di sprofondarti in un sol colpo nel baratro dell’indigenza, come un sciocco, ridicolo Socrate postmoderno non ancora deciso a morire ma che non ha ancora imparato l’arte di vivere senza mangiare.

  • andyconti

    Non si risolve niente denunciando Monti, bisognerebbe denunciare chi vota i partiti che lo sostengono. Se Monti se ne va, con chi ve la prendete? Rassegnatevi, la maggioranza degli italiani vi fara’ sempre soffrire, siamo in minoranza perenne.

  • Firenze137

    non sono un avvocato ma ho capito da tempo che le citazioni, le cause le liti alla fine sono “un gioco” basato in teoria su delle regole scritte – il diritto – che il giudice interpreta di volta in volta a seconda di come gli gira la luna ( nella migliore delle ipotesi) o più spesso secondo una “convenienza” interpretativa costituita dalla sommatoria di piccole “convenienze” fra le quali ultimamente sempre di più quella politica/comitato d’affari. Cio’ come al solito non ciò che è giusto, ma ciò che mi “conviene”. E questo conviene può essere anche ” che se non faccio così mi fanno fuori..”

    Ci sono sentenze del TAR della Toscana che fanno ridere a crepapelle per come sono dichiaratamente a favore delle Istituzioni …

    Di denunce a Monti Napolitano e Draghi ne ho lette diverse fra le quali una di quelle a mio vedere più circostanziate è quella dell’ Avv. Marra.. già si quello che “lavora” con Sara Tommasi ..

    Siccome ormai gli intrecci del malaffare sono così estesi e ramificati che se anche leggendo la sua denuncia questa mi farebbe – e uso il condizionale – ben sperare, però mentre lo penso, penso anche il contrario e cioè vattelappesca chi è “davvero” l’Avv. MArra e cosa fa e per chi si muove l’Avv. Marra.

    Se poi si da un’occhiata alla esposizione su youtube del magistrato Paolo Ferraro http://youtu.be/SGU56gQ2vm0 e degli strumenti ( coercizione mentale .. esoterismo e chi più ne ha più ne metta) ad uso degli ambienti militari ed endorsati da psicologi compiacenti ed alcuni magistrati di Magistratura Democratica allora .. davvero davvero siamo alla frutta.

    Ecco perchè o diamo retta a Monicelli e non ci rimane .. che piangere. Purtroppo.

  • Tao

    Puntare dritti verso Monti e Napolitano? Metterli di fronte alle responsabilità dello stravolgimento delle istituzioni? Una dentro l’altra, vediamo esplodere la grande crisi sistemica e la crisi acuta dei vecchi equilibri costituzionali. Quest’ultima possiamo chiamarla anche crisi della democrazia. Nella sua versione più facile, la crisi sta già offrendo alla pubblica indignazione più di un bocconcino succulento, Lusi il margherito vorace, Trota il bosso incapace, la casta dei partiti che spiace. Siamo così tutti distratti dalla polpa vera. Ci ha pensato, con un impeto kamikaze, un avvocato di Cagliari, Paola Musu.

    Altro che Trota. La Musu punta direttamente a Napolitano e Monti, ma anche a ministri e parlamentari, ipotizzando il reato di attentato alla Costituzione. La denuncia, depositata il 2 aprile 2012, potete leggerla qui:

    http://www.scribd.com/doc/87677876/Denuncia-in-Procura-Del-2-Aprile-2012#fullscreen

    Il documento sta già facendo il giro del web, e non potrebbe essere altrimenti. Accusa un’intera classe di rappresentanti delle istituzioni di aver consentito – a partire dal trattato di Maastricht, e più ancora con i trattati europei più recenti – uno svuotamento della sovranità popolare in favore di un sistema pienamente oligarchico.

    Apparentemente le argomentazioni giuridiche sollevate non hanno chances immediate per essere accolte da un tribunale, poiché sono sovrastate da una costituzione materiale che non si fa disapplicare nelle corti ordinarie.

    La decapitazione di un sistema politico non può che essere azione pienamente politica.

    E questo è tanto più vero oggi, quando il sistema dei partiti sta cercando di blindarsi, figuriamoci se si farà portatore di un’incriminazione a carico dei vertici dello Stato. Napolitano e Monti condividono la stessa camerata dei partiti. Gli scandaletti in dimensione Trota possono perfino aiutare a castigare i recalcitranti, padani e non.

    Tuttavia qualsiasi battaglia politica, pienamente e totalmente politica, non può fare a meno di un quadro giuridico coerente, alternativo alla rivoluzione oligarchica in atto, che ha costruito esattamente il quadro giuridico denunciato. Questa denuncia lo descrive bene, e propone un sentiero preciso, quello della Costituzione italiana. Divulghiamo perciò la denuncia, facciamone magari un terreno di lotta politica.

    Se una strada può essere percorsa nei palazzi di giustizia, essa può essere, semmai, a mio modesto avviso, quella penale. Se i contorni del sistema finanziario ombra, con i suoi volumi capaci di piegare i governi e le costituzioni, sono i contorni di una gigantesca “economia della truffa”, coerentemente andrebbero ravvisate le ipotesi di reato. Se fra i tanti danneggiati, e direi che lo siamo tutti, si producessero dossier in grado di muovere tutte le procure d’Italia (e di altri paesi), l’aria per i maneggiatori di derivati e per i raggiratori del rating potrebbe diventare penalmente irrespirabile. E anche per i loro complici istituzionali. Avvocati, se ci siete, battete un colpo.

    Può essere l’occasione per un audit che sveli l’illegalità del sistema che ha creato il debito. Di rimando sarà un audit per scoprire e smontare le cause di quel sistema.

    Pino Cabras
    Fonte: http://www.megachip.info
    6.04.2012

  • pingus

    Ci vorrebbe almeno un referendum per approvare esplicitamente il trasferimento di queste sovranita’

  • wld

    Per l’iniziativa di Paolo e dell’avvocato, la trovo una iniziativa coraggiosa, nessuna critica, ma difronte a dei pescecani di tale portata bisogna essere bene informati; voglio solo portare un piccolo esempio di quello che sancisce la nostra costituzione: “Il Consiglio Superiore della Magistratura è presieduto dal Presidente della Repubblica che vi partecipa di diritto.” come si legge …se l a cantano e se la suonano. Un’altra cosa, ho sentito parlare di referendum, la nostra costituzione prevede solo quello abrogativo, e non il propositivo, pertanto per intraprendere iniziative utili per il popolo bisogna metter mano alla costituzione.
    E’ una pia illusione che venga presa sul serio una si fatta denuncia, dalla Magistratura italiana, abbiamo un esempio lampante di come vanno le cose, lo “stimato” cavaliere ha dovuto cedere il passo al golpe, non per le sue presunte malefatte, giammai! Ma solo perché sotto ricatto, le azioni delle sue aziende sarebbero andate a picco e mandato lui sul lastrico, il processo per corruzione lo avrebbe inchiodato, e via dicendo, ma … si è comportato bene e l’ha passata liscia, passando ingiudicato, con tutte le sue aziende ancora intatte.

    Scusate ma non credo al proseguo di questa denuncia, con il massimo rispetto per il buon giornalista Paolo Barnard, dell’avvocato Paola Musu, è come andare contro un muro di gomma.

    C’è un buon dibattito anche qui: http://www.stampalibera.com/?p=43355&cpage=1#comments Questo argomento sembra aver avuto risonanza, solo sulla rete nei vari blog, pertanto (visto il che siamo in Italia) scordiamoci il cartaceo ed il televisivo, così come succede per tutti i temi sensibili come la “biogeoingegneria (scie chimiche), HAARP, OGM, vaccinazioni ecc.

    wlady

  • bstrnt

    Non credo possibile abbattere una dittatura a carte bollate!
    I quisling non farebbero quello che fanno se non fossero più che certi della loro impunità.
    L’impunità è garantita infarcendo ogni ganglio dello stato con ulteriori quisling e prezzolati di varia natura (il parlamento ne è pieno!).
    Comunque, non è solo una pregogativa italica (vedi Grecia, Portogallo …), ma di tutta questa fetida Europa che sta scivolando verso una dittatura al confronto della quale il III Reich apparirà come una dittatura da scolaretti!

  • bstrnt

    A mio avviso Monti non è solo arrogante, ma pure un supponente quisling!

  • Jor-el

    Trattasi di iniziativa di propaganda civica. Non priva di qualche risvolto demagogico. Per esempio, dire che il precedente governo è stato esautorato e sostituito da uno non eletto dal popolo costituisce un golpe, non è esatto. “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro in cui la sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”, dice l’Art. 1, ma questa sovranità, dice più avanti la stessa Costituzione, il popolo la delega al Parlamento. Difatti l’Italia è una repubblica PARLAMENTARE. Quindi NON E’ il popolo che elegge i governi, bensì il Parlamento, che dal popolo ha ricevuto la delega per farlo. Monti & C hanno ricevuto la fiducia del Parlamento esattamente come tutti quelli precedenti e quindi governano legittimamente. Nelle elezioni degli ultimi 20 anni circa si era introdotta, attraverso la legge elettorale, la consuetudine di indicare sulla scheda la coalizione e il candidato premier, ma si trattava di una FORZATURA della nostra costituzione in senso PRESIDENZIALE. Il Gov Monti TECNICAMENTE e FORMALMENTE non è illegittimo, si può parlare, al massimo, di “golpe bianco”. Le elite economiche neoliberiste, in Italia, hanno preso il potere legalmente, esattamente come fece Hitler in Germania nel 1933. E che, non ci avevano pensato?

  • Skorpio_B3

    ci aggiungerei anche Giuliano Amato, Carlo Azzeglio Ciampi e Romano Prodi