Home / ComeDonChisciotte / DAVID KELLY E' STATO UCCISO DALL'MI5 ?

DAVID KELLY E' STATO UCCISO DALL'MI5 ?

DI SUE REID
dailymail.co.uk

Un’altra pazzesca teoria di cospirazione tra le ipotesi che abbia scritto un libro che rivelava tutto svanito dopo la sua morte

Il giorno che il dott. David Kelly ha fatto la breve passeggiata verso la sua morte nella campagna dell’Oxfordshire, c’era una lettera non aperta sulla scrivania del suo studio contornato da libri.

Era stata spedita dal cuore del governo britannico, le pagine erano contrassegnate come ‘personali’ e minacciava il licenziamento per il microbiologo di fama mondiale se avesse di nuovo aperto bocca in pubblico.


La lettera è rimasta chiusa per i sette drammatici giorni che hanno portato il dott. Kelly sotto i riflettori e che si sono conclusi con la sua morte a soli 59 anni.

I dubbi: ancora oggi ci sono molte domande senza risposta su come è morto il dott. Kelly

Nessuno ha mai spiegato perché l’eminente scienziato ed ispettore di armi dell’ONU non ha mai aperto la lettera, ma tutti quelli che gli erano vicini sono convinti che ne conoscesse già i contenuti.

Doveva servire a chiudergli la bocca perché i suoi superiori del ministero della difesa britannico avevano scoperto che non solo parlava in segreto ai giornalisti, ma che stava anche preparandosi a scrivere un libro esplosivo sul suo lavoro.

Sono passati sei anni dal 17 luglio 2003, quando il dott. Kelly fu trovato morto sotto un albero a Harrowdown Hill a meno di un chilometro di distanza dalla sua abitazione di Southmoor. Il suo fato è diventato una delle questioni più contenziose della recente storia politica ed ha sollevato seri dubbi sull’integrità morale del nuovo governo laburista.

Il defunto dott. Kelly che era stato allievo di una grammar school, aveva festeggiato il suo trentaseiesimo anniversario di nozze appena qualche giorno prima.

Gli interrogativi sul perché e su come sia morto – e se sia stato ucciso – non sono mai scomparsi.

Il dott. Kelly aveva esaminato il ‘dossier gonfiato’ del governo che dichiarava che Saddam Hussein aveva armi di distruzione di massa che potevano essere attivate in soli 45 minuti. Tale asserzione fu usata da Tony Blair nel 2002 come giustificazione centrale della guerra in Irak.

La dichiarazione: Tony Blair ha usato un ‘dossier gonfiato’ per giustificare la guerra in Irak

Quando Kelly ha rivelato in segreto i suoi dubbi in merito al dossier ai reporter della BBC si è scatenato un inferno.

Dopo essere stato smascherato come la talpa della BBC è stato scortato dinnanzi alle telecamere di un comitato della House of Commons e successivamente, in un luogo segreto per essere intervistato dai servizi di intelligence britannici.

In una delle sue ultime conversazioni telefoniche ha detto alla persona che l’aveva chiamato che non sarebbe stato sorpreso se ‘il mio corpo venisse ritrovato nei boschi’.

E così doveva essere. L’inchiesta ufficiale sulla sua morte ha concluso che avrebbe commesso il suicidio – tagliandosi i polsi e ingerendo un cocktail di analgesici.

Ma questa settimana 13 medici stimati hanno dichiarato che è impossibile dal punto di vista medico che Kelly sia morto in questa maniera. Stanno avviando una battaglia legale per rovesciare il verdetto di suicidio.

Inoltre secondo il nuovo film Anthrax War, che uscirà a Londra questo fine settimana, Kelly avrebbe trascorso ore a scrivere un libro esplosivo che avrebbe violato l’Official Secrets Act, svelando la dubbia autorità della Gran Bretagna di far cadere Saddam Hussein.

Il film diretto dall’autore di documentari Bob Coen, che vive a New York dichiara che il Dott. Kelly, capo del reparto difesa biologica presso la base segreta di ricerca militare del governo di Porton Down, Wiltshire, era il cervello dietro molti dei programmi occidentali di guerra batteriologica. Molto semplicemente, dice il film, il Dott. Kelly ‘sapeva troppo’.

Secondo le altre teorie, senza prove e difficili da credere, il film avanza l’ipotesi che potesse essere stato coinvolto nel “Project Coast” durante l’apartheid per lo sviluppo di un programma etnico di armi batteriologiche per colpire la popolazione nera.

Coen dice inoltre che Kelly era legato ad esperimenti illegali sugli esseri umani condotti sui membri delle forze armate inglesi a Porton Down, che ha dato il via alla più grande inchiesta della polizia del Wiltshire.

Saddam Hussein: si credeva che il dittatore iracheno avesse armi di distruzione di massa che avrebbero potuto colpire la Gran Bretagna in 45 minuti

La polizia ha raccomandato che venissero formulate delle accuse contro alcuni degli scienziati della base di guerra batteriologica – ma hanno abbandonato l’idea solo pochi giorni dopo la morte di Kelly.

Qualunque sia la veridicità di tutto ciò, l’accusa centrale del film – ossia che stesse scrivendo un libro sensazionale – è stato confermato dall’esperto di intelligence britannico Gordon Thomas, che aveva incontrato Kelly.

Thomas mi ha detto: ‘ho fatto visita a Kelly come parte di una ricerca su un libro che stavo scrivendo. Ma mi ha detto che stava scrivendo un libro suo, che avrebbe dimostrato che Tony Blair aveva mentito sulle ragioni per dichiarare guerra all’Irak.

Aveva detto categoricamente al primo ministro che non c’erano armi di distruzione di massa’.

Thomas, nel suo libro afferma: ‘il Dott. Kelly non era un uomo incline all’esagerazione, né che si vantava; era un esperto assoluto in questo campo e se ha detto che non c’erano armi di distruzione di massa, allora non ce n’erano’.

Ho detto a Kelly che non avrebbe mai ottenuto il permesso di pubblicare il suo libro in Gran Bretagna. Gli ho detto che si sarebbe messo in seri guai.

Il suo piano era di dimettersi da Porton Down e di andare negli Stati Uniti con sua moglie, dove avrebbe potuto fare soldi con le sue rivelazioni.’

Può tutto questo essere vero? Certo, Kelly aveva una doppia vita. A casa sua nell’Oxfordshire con sua moglie Janice era un marito perfetto.

I due cenavano insieme in giardino dopo che lui aveva trascorso ore in quello che la moglie chiamava ‘il suo mondo segreto’ – lo studio contornato di libri vicino al corridoio.

Qui i computer lo collegavano ai servizi segreti inglesi MI5 e MI6, al GCHQ, al ministero della difesa (MoD), al Foreign Office e alle agenzie di spionaggio straniere – compreso il famigerato Mossad israeliano (per cui aveva lavorato dal 1995 come consigliere con la benedizione di Whitehall).

Nonostante avesse un ufficio a Londra – la stanza 2/35 nel Proliferation and Arms Control Secretariat del ministero della difesa – oltre ad un altro ufficio situato a Porton Down, Kelly teneva i suoi dati segreti a casa sua, comprese decine di migliaia di documenti e fotografie; alcune mostrano delle vittime umane di avvelenamento da antrace, oltre a ‘cavie animali’ avvelenate con l’antrace e con altri germi in laboratori sparsi in tutto il mondo. Per un uomo che non era una spia, si trattava di una collezione importante.

Veniva consultato da tutto il mondo in merito alle armi biologiche, in particolare sull’uso dell’antrace.

‘Non ci si può suicidare così’

Thomas riprende a raccontare. ‘Ciascuna organizzazione di intelligence aveva installato un proprio computer in modo che Kelly potesse usarlo per conto loro e per scambiare messaggi criptati. Ma Kelly diceva sempre che le informazioni più importanti ce l’aveva archiviate in testa’.

Tuttavia, forse fatalmente per Kelly, il suo libro non ce l’aveva solo in testa. Era nell’hard disk di uno dei suoi computer, che sono stati tutti requisiti da MI5 ed è improbabile che arrivino mai all’attenzione generale.

Ad ogni modo, il libro sarebbe stato estremamente contenzioso. Oltre a Tony Blair e al Governo britannico, ci sono diverse agenzie di intelligence straniere che non vorrebbero mandare in onda le informazioni esplosive che hanno condiviso con Kelly nel corso degli anni.

Il libro doveva anche rivelare un mercato nero dell’antrace che veniva sfruttato, e perciò condonato da molti governi.

Ma adesso è venuto alla luce un altro motivo importante per cui il dott. Kelly sarebbe stato ucciso.

Sorprendentemente negli ultimi dieci anni sono morti altri 12 rinomati microbiologi collegati alla ricerca sulla guerra batteriologica, cinque erano Russi e indagavano sull’ ipotesi che Israele stesse lavorando sui virus per attaccare gli Arabi.

L’aereo russo a bordo del quale volavano da Tel-Aviv alla Siberia è stato abbattuto nell’ottobre del 2001 sul Mar Nero ‘naturalmente’ da un missile terra-aria ucraino.

Kelly conosceva le vittime ed aveva chiesto a MI6 di scoprire più dati. Ma hanno fatto fiasco.

Cinque settimane dopo il dott. Benito Que, un biologo cellulare che Kelly conosceva è stato trovato in coma vicino al suo laboratorio di Miami.

L’esperto di malattie infettive aveva indagato su come un virus come l’HIV potesse essere geneticamente ingegnerizzato per diventare un’arma biologica.

Il dott. Que, un 52enne, è stato trovato privo di sensi nel parcheggio del suo laboratorio ed è morto in ospedale. Ufficialmente, avrebbe avuto un infarto – ma i suoi familiari dicono che era stato colpito alla testa. La polizia si è rifiutata di riaprire il caso.

Dieci giorni dopo la morte di Que, è morto un altro amico di Kelly. Il dott. Don Wiley, 57 anni, uno dei più rinomati microbiologi americani, aveva un contratto con il governo USA per creare un vaccino contro la letale febbre di ebola ed altri germi letali.

La sua auto a noleggio è stata trovata abbandonata su un ponte sul Mississippi. Le chiavi erano nel quadro e il serbatoio era pieno. Non c’era stato un incidente, ma Wiley era scomparso.

L’FBI ha ispezionato il laboratorio di Wiley e ha sequestrato gran parte del suo lavoro. Un mese dopo è stato trovato il corpo a 300 miglia di distanza lungo il fiume, con segni di gravi traumi cranici. Non è stata eseguita l’autopsia e la morte è stata decretata come ‘accidentale’.

Non ci si deve sorprendere allora, che Kelly avesse iniziato a parlare del fatto che il suo corpo ‘sarebbe stato ritrovato nei boschi’.
E c’ è di più. La morte più misteriosa di tutti è stata quella del dott. Vladimir Pasechnik – un disertore sovietico che Kelly conosceva bene.

Il biochimico era partito da una fiera dell’industria farmacologica a Parigi nel 1989, poco prima del crollo del comunismo, dicendo che voleva comprare dei souvenir per la famiglia. Andò invece all’Ambasciata Britannica, dove annunciò ad uno sbalordito receptionist che era uno scienziato russo che voleva disertare.

Pasechnik fu spedito segretamente in Gran Bretagna, e fu chiamato proprio Kelly a verificare le sue affermazioni che i Sovietici stessero adattando i missili da crociera armati di germi per diffondere malattie letali come la peste e il vaiolo.

Come direttore capo dello State Scientific Institute of Ultra-Pure Biological Preparations di S. Pietroburgo, Pasechnik aveva sviluppato dei germi letali. ‘Voglio che l’occidente sappia di questo. Ci deve essere un modo per fermare questa pazzia’, avrebbe detto a Kelly in luogo segreto.

Kelly ha successivamente detto all’autore Gordon Thomas che credeva a Pasechnik. ‘Sapevo che diceva la verità. Non erano montature. Era davvero terrificante’.

I due scienziati sono diventati amici. E ben presto Vladimir aveva fondato il laboratorio Regma Biotechnologies, vicino a Porton Down. Sembrava che stesse bene quando ha finito di lavorare la sera del 21 novembre 2001.

Tornato a casa, il 64enne ha preparato la cena ed è andato a letto. È stato trovato morto nel letto il giorno dopo.

Ufficialmente, la causa sarebbe stata un ictus. Tuttavia la polizia del Wiltshire ha detto successivamente che il suo decesso era ‘inspiegabile’.

È sullo straordinario sfondo di queste morti estremamente sospette che si è verificata la morte dello stesso Kelly.

Come sappiamo, è stata esclusa un’inchiesta sul suo corpo dal coroner, una mossa alquanto inconsueta.

‘Non meravigliatevi se mi trovano morto’

Al contrario Tony Blair ha disposto che venisse fatta un’inchiesta da Lord Hutton. Sono stati ascoltati 74 testimoni ed è stato concluso che il dott. Kelly si era suicidato tagliandosi l’arteria ulnare del polso sinistro con un coltello da giardinaggio dopo aver ingerito degli analgesici – di cui nessuno prescritto dal suo medico di base.

Tuttavia un dettagliato dossier di 13 medici inglesi, rifiuta la conclusione di Hutton per il motivo che un taglio della piccola arteria ulnare non è mortale.

Il dossier è usato dai legali per chiedere un’inchiesta seria e perché venga reso noto il risultato dell’autopsia di Kelly, che non è mai stato rivelato pubblicamente. Le prove saranno inviate per la prossima inchiesta di Sir Chilcot sulla guerra in Irak.

Uno dei medici, David Halpin, che lavorava come traumatologo presso l’ospedale di Torbay, nel Devon, mi ha detto: ‘le arterie del polso sono spesse come un fiammifero e tagliarle non porta ad un’emorragia mortale’.
Insieme ad altri medici dice che: ‘per morire di emorragia, il dott. Kelly avrebbe dovuto perdere circa 2.8 litri di sangue.

È improbabile dai traumi descritti che ne avesse perso più di mezzo litro.’ L’assenza di sangue sul luogo del decesso è stata inoltre confermata dalla squadra di ricerca che ha ritrovato Kelly e dai paramedici che hanno cercato di salvarlo.

Anche uno dei chirurghi vascolari più stimati dell’Inghilterra Martin Birnstingl, dice che sarebbe davvero impossibile che Kelly sia morto tagliandosi l’arteria ulnare del polso dalla parte del dito mignolo.

‘Non ho mai sentito dire, nella mia carriera, del caso di qualcuno che fosse morto per essersi tagliato l’arteria ulnare.

Appena scende la pressione sanguigna, dopo alcuni minuti, quest’arteria cesserebbe di sanguinare. Spruzzerebbe il sangue in giro sporcando tutto, ma smetterebbe presto’.

Crede che se il dott. Kelly avesse davvero voluto suicidarsi si sarebbe tagliato l’arteria dell’inguine.

Kelly era destro – ciò vuol dire che sarebbe stato impacciato nel tagliare il posto opposto da sinistra a destra per poter tagliare in profondità l’arteria ulnare.

E quali pillole? Il pacchetto semivuoto di Co-Proxamol trovato a fianco dello scienziato morto suggerisce che avesse preso 29 pillole.

Ma aveva vomitato e gli era rimasto solo il frammento di una pillola nello stomaco. Il livello di analgesici nel sangue era pari ad un terzo di quello necessario a provocare la morte.

Come ha detto David Halpin: ‘l’idea che un uomo come Kelly scegliesse di togliersi la vita così è assurda. Qui parliamo di uno scienziato, un esperto di farmaci’.

Allora che cosa è successo realmente a Kelly? Il coltello da giardinaggio che secondo Lord Hutton l’avrebbe ucciso non era affilato e –seppure lo scienziato non indossasse i guanti – non c’erano impronte digitali su di esso.

Questo ci riporta alla lettera non aperta trovata sulla scrivania di Kelly, che gli era stata inviata dai capi del ministero della difesa con la firma di Richard Hatfield, capo del personale del ministero.

Un gran numero di esperti sono morti in modo strano

Dall’inchiesta di Hutton sulla morte di Kelly è emerso che [la lettera] conteneva minacce che chiedevano il suo silenzio in futuro.

In quel periodo Kelly aveva ricevuto una serie di telefonate a casa sua dal ministero della difesa che l’avrebbero ammonito sul suo comportamento indiscreto – e non avrebbe avuto dubbi che la lettera ufficiale fosse una conferma scritta di questi ammonimenti.

Ma non ha demorso. Vedeva il libro come la garanzia del suo futuro economico, di cui spesso si preoccupava.

Lo scienziato temeva che con uno stipendio di £58 000 sterline all’anno, la sua pensione (calcolata sulla base dello stipendio finale) non avrebbe garantito una vita decorosa per lui e per sua moglie.

Il giorno in cui è morto, Janice ha confermato che era in preda all’angoscia. Kelly ha pranzato con lei prima di andare a passeggiare su Harrowdown Hill alle 15.30.

Era una passeggiata che faceva regolarmente alla stessa ora – un particolare di cui chiunque avesse controllato i suoi movimenti sarebbe stato bene al corrente.

Quel giorno c’era già qualcosa in moto altrove. Un’ora prima, alle 14.30 un esperto poliziotto sedeva di fronte al suo computer presso i quartier generali della Thames Valley Police nell’Oxfordshire.

Ha iniziato a creare un file di accesso ristretto sul suo computer sicuro. Ha scritto un nome in codice in alto: Operation Mason. Sebbene i contenuti non siano mai stati resi noti, avrebbe fornito i particolari della ricerca del dott. Kelly durante la notte.

Incredibilmente, ha creato questo file un’ora prima che lo scienziato uscisse anche di casa.

Dopo il ritrovamento del corpo di Kelly alle 8.30 di mattino da parte di volontari, il poliziotto ha registrato la sua ultima annotazione di Operation Mason. Dice semplicemente: ‘9.00 am. 18.07.03. corpo ritrovato’.

Ancor più interessante è che alle 8.00 di mattina, mezz’ora prima che venisse ritrovato il corpo di Kelly sotto un albero, a casa sua c’erano tre agenti della Technical Assessment Unit di MI5 vestiti di scuro.

I computer e l’hard disc che conteneva le 40 000 parole del libro esplosivo sono stati portati via. Non sono mai stati più visti.

Inside British Intelligence di Gordon Thomas è pubblicato da JR Books

Sue Reid
Fonte: www.dailymail.co.uk
Link: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1200004/Did-MI5-kill-Dr-David-Kelly-Another-crazy-conspiracy-theory-amid-claims-wrote-tell-book-vanished-death.html
16.07.2009

Scelto e tradotto per www.comedonchisciootte.org da MICAELA MARRI

Pubblicato da Davide

  • Sassicaia

    In effetti non ci sarebbe nulla da stupirsi se tutto cio’ fosse vero:il
    potentissimo e subdolo mi5 e’ spesso piu’ efficiente della cia e del mossad,si sospetta ci sia il suo zampino anche dietro la morte della principessa Diana che dopo qualche mese avrebbe partorito un figlio dando ai due prossimi eredi al trono d’Inghilterra un fratellastro di sangue arabo e di probabile religione musulmana.Davvero imbarazzante per la famiglia reale sempre molto attenta alle questioni formali.Alcuni pensano addirittura che il servizio segreto inglese abbia pilotato la finale di champions league dello scorso anno tra Manchester
    e Chelsea in modo da far vincere i primi perche’ ritenuti una squadra
    piu’ rappresentativa della nazione Inghilterra visto che il Chelsea appartiene al multimiliardario Abramovich il cui sospetto legame con la
    malavita russa e’ molto forte e fonte di grande imbarazzo negli ambienti
    londinesi.In effetti se ripensate al finale di quella partita il Manchester
    vinse ai rigori dopo che un giocatore del Chelsea scivolo’ in maniera
    quantomeno sospetta nel calciare il rigore decisivo per la sua squadra
    fallendolo clamorosamente.Un po’ mi consola devo ammettere il fatto
    di sapere che non siamo gli unici ad avere dei servizi segreti che combinano porcherie e nefandezze di ogni tipo,ma forse gli altri lo fanno con un briciolo di stile(se di stile si puo’ parlare)in piu’.

  • Galileo

    Colpire uno per colpirne tanti…che gli passi la voglia di parlare.

  • redme

    bè anche noi in quanto a stile….ricordo uno alto quasi due metri “suicidato” per impiccaggione ad un termosifone!…

  • adriano_53

    “Il suo fato è diventato una delle questioni più contenziose della recente storia politica ed ha sollevato seri dubbi sull’integrità morale del nuovo governo laburista”.

    sarebbe interessante conoscere in che teste sono nati o potrebbero nascere questi “seri dubbi”; se una guerra illegale non ha sollevato certezze sulla amoralità del governo laburista e di Blair in particolare, ho seri dubbi che un “giallo” possa sollevare “seri dubbi” sul’integrità morale di un governo.

  • marcello1950

    Spero solo che i governati dei paesi occidentali tipo quello italiano non siano sotto ricatto dai serviyi segreti degli alleati.