Home / ComeDonChisciotte / CRISTIANO DI PIETRO/BMW E VALORI

CRISTIANO DI PIETRO/BMW E VALORI

DI GIULIO SANSEVERO
La Voce delle voci

Prima di venire coinvolto nello scandalo delle raccomandazioni, Cristiano Di Pietro aveva chiesto ripetutamente l’abolizione delle Province, che considerava enti inutili e troppo costosi. Difficile dargli torto, soprattutto visto quello che lui e gli altri consiglieri della Provincia di Campobasso hanno combinato fino al 31 dicembre 2008.
Dal primo gennaio infatti la legge 133 ha introdotto dei vincoli tassativi nel capitolo rimborsi spese per le trasferte. Prima che Giulio Tremonti chiudesse i rubinetti, i consiglieri di Campobasso hanno goduto pero’ di rimborsi decisamente generosi. A chi di loro doveva recarsi dalla propria citta’ di residenza alla sede della Provincia, il rimborso non veniva calcolato come nella stragrande maggioranza degli altri enti pubblici in base al costo della benzina diviso 5 e moltiplicato per il numero dei chilometri percorsi, bensi’ in base alla cilindrata e ai cavalli dell’auto del consigliere; cosicche’ era venuta a crearsi la perversa situazione che piu’ l’auto era potente, piu’ il fortunato eletto guadagnava e piu’ l’ente pubblico spendeva.

Nella foto: Cristiano Di Pietro

E indovinate con che auto viaggiava il rampollo del leader dell’Italia dei Valori? Con una Bmw 530, una lussuosa quattro ruote 3000 di cilindrata. In famiglia evidentemente piacciono le auto tedesche, al padre le Mercedes, al figlio le Bmw. Perche’ prima della 530, il buon Cristiano aveva scorazzato con un altro modello della casa tedesca, la X5, un Suv anch’esso 3000 di cilindrata. E quando aveva acquistato la prestigiosa macchinona? Proprio in coincidenza dell’elezione in consiglio provinciale, quando si libero’ della piu’ modesta Fiat Ulysse regalatagli dal papa’. L’ha fatto sapendo che avere un’auto molto potente sarebbe stato molto piu’ conveniente? Non lo possiamo dire, ma il sospetto resta.

Il buon Cristiano non e’ il solo ad apprezzare le auto di grande cilindrata. Lo sono molti altri consiglieri. Tra questi il presidente della Provincia, Nicolino D’Ascanio, anche lui di Montenero di Bisaccia, il quale si reca ogni giorno in ufficio a bordo di una lussuosa Bmw 3000. Pur con la casacca del Pd, D’Ascanio alle politiche del 2008 ha fatto votare Italia dei Valori convinto che Di Pietro sarebbe confluito nel suo partito; oggi ha diritto all’auto blu con autista ma se ne e’ avvalso solo per un breve periodo. Vedendolo alla guida della sua auto i concittadini hanno pensato, «che bravo, rinuncia all’auto blu per far risparmiare la Provincia». Ma non e’ cosi’, perche’ in realta’ l’ente ha speso di piu’. Sapete quanto percepivano Di Pietro e l’amico D’Ascanio ogni volta che da Montenero si recavano nel capoluogo molisano? 200 euro. Una cifra niente male se paragonata a quanto avrebbero ricevuto se fosse stato applicato il criterio di rimborso vigente in tutti gli altri enti pubblici: poco piu’ di 40 euro. Insomma, finche’ e’ durata, dal maggio 2006 al dicembre 2008, e’ stata davvero una pacchia. Perche’ quei 200 euro a viaggio andavano moltiplicati ogni mese per 22. Questo era, ed e’, il numero di volte in cui un singolo consigliere si deve recare in Provincia. Accade infatti che se il Consiglio si riunisce non piu’ di due o tre volte al mese, a tenere impegnati i consiglieri sono le preziose riunioni delle sette commissioni che impongono a ciascun eletto di recarsi presso gli uffici di Palazzo Magno non meno di 22 volte al mese. Il massimo possibile, visto che il tetto stabilito per legge e’ di 23 riunioni mensili.
Cristiano partecipava ai lavori di tre commissioni: quella dei capigruppo, (dopo le dimissioni non piu’), quella affari generali e quella statuto e regolamenti. A giudicare dal sito della Provincia di Campobasso la cui pagina “Regolamenti” e’ completamente vuota, il lavoro di quest’ultima commissione (la piu’ affollata, sono in 19) non dev’essere stato tanto. Ma sara’ senz’altro colpa di una disfunzione telematica. Fatto sta che da quando si e’ insediata l’attuale giunta di centrosinistra (che si regge grazie all’Udc) il numero delle riunioni delle commissioni e’ aumentato e Cristiano fino a tutto il dicembre 2008 ha percepito ogni mese 4400 euro di rimborsi spese esentasse. A questi si debbono aggiungere i 35 euro di gettoni di presenza, cifra che va moltiplicata per circa 25 e che fa 875 euro. Insomma fino allo scorso dicembre Cristiano Di Pietro guadagnava, grazie anche alla potente auto di cui si era dotato, oltre 5200 euro al mese. Per un poliziotto in aspettativa niente male. Inutile ricordare che naturalmente e’ tutto in regola e che Di Pietro jr. si e’ limitato ad usufruire di norme che valevano per tutti.
Il problema e’ che anziche’ chiedere l’abolizione delle Province per ridurre i costi della politica, Di Pietro poteva cominciare a viaggiare con un’auto di cilindrata inferiore, ingaggiando magari una battaglia per ridurre il numero delle riunioni di commissione. Ma non l’ha fatto e questo e’ davvero un peccato. Il sospetto che dietro quel numero cosi’ elevato di riunioni di commissione ci sia qualcosa da approfondire e’ venuto, ad esempio, ai giovani del Pd; ma la giunta, in nome della privacy dei consiglieri, ha opposto un divieto alla loro richiesta di accesso agli atti. Perche’ Cristiano non si impegna a rendere pubblici quei verbali?

VENAFRO, ITALIA

Che il Molise non sia mai stato per Antonio Di Pietro un fiore all’occhiello era chiaro da tempo. Anzi, possiamo dire che a casa sua l’ex pm ha sempre dato il peggio di se’. Nel 2001 si e’ servito di Aldo Patriciello per raccogliere le firme per la lista delle regionali; dal 2006 al 2008 ha inciuciato con il governatore forzista Michele Iorio con il quale si e’ spartito le poltrone del CdA dell’Autostrada del Molise; ha omesso di denunciare gli sperperi nella ricostruzione post terremoto; e a Venafro, la quarta cittadina del Molise, sta governando con il centrodestra. Artefice di questa unione contronatura e’ il consigliere regionale dell’IdV Nicandro Ottaviano, originario proprio di Venafro.
Tra i nomi che Cristiano avrebbe raccomandato a Mario Mautone – l’ex provveditore alle opere pubbliche in Campania e al centro dell’inchiesta della procura di Napoli su Global Service e dintorni – uno gli era stato segnalato proprio da Ottaviano: si trattava dell’ingegnere Nicola Carrassi, un professionista legato da sempre a Forza Italia ed ex assessore di una giunta di centrodestra di Venafro. Ottaviano, uno dei 79 membri dell’esecutivo nazionale del partito, e’ il figlio di un ex sindaco Dc che prima di finire in coma irreversibile ha accumulato oltre 20 procedimenti giudiziari.
In quel di Venafro – al cui cospetto il Far West e’ la patria del diritto – gli ultimi due sindaci sono decaduti per incompatibilita’, gli abitanti non pagano l’acqua perche’ il Comune non riscuote le bollette e l’attuale sindaco di Forza Italia vive in una casa di proprieta’ della madre dove non e’ mai stata pagata la tassa per l’allaccio alle fogne e per oltre vent’anni la sorella ha incassato affitti di un capannone completamente abusivo. «Lo sport cittadino preferito, quello dell’abusivismo – commenta qualche dissidente in zona – e lo stesso Ottaviano lo pratica con passione».

La villa dove abita con la moglie Anna Ferreri, gratificata con una consulenza da 40.000 euro dall’allora ministro delle Infrastrutture Di Pietro, e’ sconosciuta al catasto. La particella 403 del foglio 19 appare classificata come un terreno “seminativo”. Si tratta di 5120 metri quadrati acquistati dalla giovane coppia il 17 luglio 2003 nell’ambito di un frazionamento. Su quest’area i coniugi Ottaviano hanno edificato in 18 mesi la loro bella abitazione, dando il via ai lavori non appena Nicandro e’ stato eletto consigliere regionale. «E’ stata costruita su un terreno agricolo grazie ad un espediente molto usato a Venafro. Si chiama asservimento – spiega un tecnico – e consiste nell’acquistare le cubature di altri terreni agricoli magari distanti, trasferendole in quello dove si vuole costruire una casa e dove, per i limiti imposti alle costruzioni rurali, le cubature non sarebbero state sufficienti. Poi si fa un progetto in cui si scrive semenzaio al posto di salotto, stalla al posto della camera da letto e si confida nella complicita’ degli uffici competenti». Complicita’ che puntualmente arriva.
Tutta Venafro e’ stata costruita cosi’, rincarano ancora la dose. In base ad una finzione – viene spiegato – che ha visto trasformare di soppiatto costruzioni agricole destinate a chi lavora i campi in civili abitazioni. Chi dovrebbe verificare abusi di questo tipo e’ il responsabile dell’Ufficio urbanistica che pero’ e’ il suocero di un assessore dell’Italia dei Valori, Adriano Iannaccone. Andra’ a controllare come mai la villa di Ottaviano sorge su un terreno agricolo? Se il consigliere regionale dell’IdV paga la tassa sull’immondizia oppure quella sugli scarichi fognari? E il pupillo di Di Pietro come fara’ a dichiarare nel 740 la sua bella villa fatta passare per casa rurale se essendo sconosciuta al catasto non dispone di una rendita catastale? E’ l’Italia dei Valori sconosciuti. Anche al catasto.

Giulio Sansevero
Fonte: www.lavocedellevoci.it/
Link: http://www.lavocedellevoci.it/inchieste1.php?id=191
05/02/2009

Pubblicato da Davide

  • 2novembre

    secondo me il “bimbone” Cristiano di Pietro fa bene a fottere lo stato italiano e sopratutto i coglioni che seguono suo padre , che si è arricchito alla faccia dei fessi che lo votano .
    Quando e se gli italiani diventeranno meno inclini ai salvatori della patria,che parlan bene e razzolano male,
    allora per il molisano saranno cavoli amari. Ma nel frattempo il furbone si sarà assicurato un tesoretto in case e denaro per tutta la vita,sempre alla faccia dei fessi di cui sopra.

  • voglioscrivere

    Francamente non mi sento un coglione. Il fatto che il “bimbone” abbia lasciato il partito lo reputo giustissimo già solo per quello che aveva fatto. Dopo questo articolo sono ancora più felice che si sia levato di torno.
    Non dico che Di Pietro & Family siano santi, anzi, ma c’è da dire che sono molto meglio del “male minore” che in Italia viene votato da tempo.
    Secondo me i problemi più grossi dell’Italia del Valori sono collegati al familismo, ma c’è da dire che con le ultime modifiche allo statuto il partito si sta evolvendo verso un partito vero, non un partito di papà Di Pietro.
    Se per adesso non riponi le speranze in Di Pietro a chi affidi? A Berlusconi? Veltroni? Vendola? Ferrero? D’Alema?
    Io dopo Di Pietro vedo bene solo la rivoluzione… Sono troppo fiducioso in lui? Spero di no…

  • federasta

    Concordo pienamente con te: o ci si fida o si fa la rivoluzione!

  • virgo_sine_macula

    Articolo che mette benissimo in evidenza quale spessore morale abbia il partito che vuole moralizzare l’italia;noto con piacere che per l’ennesima volta sul sito quando si ricordano le marachelle di gente legata alla sinistra i commenti sono pochi perche’ si fa come gli struzzi e si mette la testa sotto la sabbia.Quando invece si parla delle marachelle o delle presunte marachelle dello psiconano apriti cielo,centinaia di commenti,invettive insulti,insomma il solito sistema sei due pesi e due misure.Comunque ben venga un partito come l’italia dei valori che pesca nel rebatoio elettorale(un po’ asciuttino ultimamente)dei partiti comunisti:dato che non raggiungeranno il 4 per cento e saranno cosi’ fuori sia dal parlamento italiano che da quello europeo come e’ giusto,non posso che ringraziare l’onorevole di pietro che avra’ il merito piu’ grande in assoluto che un politico puo’ avere,quello di far sparire i comunisti.

  • Saysana

    Cosi’, en passant, potresti anche dirci quali sono, per te, le soluzioni (vedi partiti) “politiche” attuali per migliorare sto schifo che si chiama Italia? (non chiedo di piu’, solo un piccolo miglioramento)

    Grazie!!

  • emid

    ti assicuro che chi è di sinistra non si azzarda manco a candidarlo con se uno come Tonino…nn solo x l’incoerenza e la corruzione (da decenni trasversale) ma x l’ideologia politica ed economica (tonino è di destra!) e x la NON ideologia sociale (x lui il problema italiano è la casta con berlusconi…i temi sociali nn sa neanke dove stanno di casa!)

    i valori di DiPietro nn piacciono alla sinistra…ma la sinistra (e il popolo della sinistra) nn cè più quindi nn puoi aspettarti commenti anti-tonino!

    se poi per sinistra intendevi il PD…be quello è il vero partito liberal-cattolico italiano!
    se fossi di destra (liberale e conservatore) voterei senza dubbio il centrodx di walter e non il finto centrodx di Truffolo!

    il PD nn è sinistra: è una DC travestita da socialista (parola che walter bada ben di nn pronunciare)

  • ario

    Perchè adesso Di Pietro è di sinistra? Ah AH Ah!!!!

  • virgo_sine_macula

    Pienamente concorde sul fatto che il pd sia oggi la vecchia dc travestita da socialista con qualche transfuga ex comunista(piu’ democristiani di prodi attualmente non saprei immaginarne) e anche sul fatto che Tonino sia di destra,milita a sinistra solo perche’ il suo unico argomento di conversazione e’ la presunta’ illegalita’ di berlusconi.Ma sono convinta che molti di coloro che votano idv siano persone veramente di sinistra stanche del malgoverno e delle promesse mai mantenute dei due partiti comunisti italiani.

  • virgo_sine_macula

    Infatti non lo e’ ma si candida con la sinistra perche’ il suo unico argomento elettorale e’ parlare male dello psiconano.Molti suoi elettori sono invece veramente di area comunista

  • voglioscrivere

    Lo psiconano si attacca benissimo da solo, non serve Di Pietro. Basta vedere il delirio sul testamento biologico in questi giorni.
    Inoltre mi sembra che non hai letto il programma elettorale dell’IDV… Concordo con te che molti elettori sono comunisti delusi.

  • virgo_sine_macula

    Appunto quello che volevo dire:il serbatoio elettotale dell’idv pesca almeno per il 70 per cento a sinistra tra gli ex comunisti scontenti dei soliti Diliberto,Bertinotti,Ferrero che hanno fatto solo disastri.Di Pietro e’ invece un uomo di destra,reazionario,che sta a sinistra per comodita’.