Home / ComeDonChisciotte / COS NO, PER, GIULIETTO

COS NO, PER, GIULIETTO

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Uso questa occasione per dire una cosa fondamentale per chiunque voglia
fare ‘resistenza’, una cosa che ho già detto, ma qui forse passerà meglio. Il
testo è tecnico, ma non importa, importa la conclusione.

Il mio rapporto con Chiesa è sempre stato ostacolato dal fatto che anche se
da una parte apprezzo profondamente la sua svolta, dall’altra siamo su piani
metodologici inconciliabili. Giulietto è sicuramente da ammirare per quanto
segue: era noto, era established, talmente established da essere persino
sospettato di contatti ambigui con ambienti dei servizi USA e dell’Est. In Tv,
una sedia fra i protagonisti gli era garantita. I giovani devono apprezzare che
quando loro non erano neppure nati, questo uomo era un doppiopetto del giornalismo
mainstream assai famoso, che io stesso leggevo quando pubblicavo i miei primi
articoli proprio sulla Stampa di Torino, dove lui era un grosso calibro. Poi ha
fatto una serie di giri politici che io non condivido, ma questo importa
relativamente. Perché c’è stato solo lui in Italia a quel livello di fama, che
io sappia, che si è scrollato di dosso tutto ciò per abbracciare indagini
radicali, rischiose e antagoniste.

Chiesa poteva tranquillamente scalare poltrone di potere mediatico centrali, se fosse stato come tutti gli altri. Invece da anni gira centri sociali, piazze, angusti teatri, si batte con un pubblico avventuroso e di estrtema minoranza. Oggi lo si trova, assieme a un altro
reporter come me, a farsi bastonare e ridicolizzare a Matrix da un fesso
qualsiasi, pur di dire la verità. Do a Chiesa un 10 e lode e tanto di cappello
per tutto questo.

Ma ha un difetto, da correggere, assolutamente. Chiesa intuisce spesso il
filone giusto di un tema scottante, ma poi, mentre ci si fionda con la
freschezza di un trentenne, a volte perde alcuni pezzi cruciali per la strada.
Capisco che il suo pubblico e il movimento che lo vede leader si aspettino da
lui analisi in tempo reale, ma ahimè questo nel nostro mestiere di
investigatori in cose di dimensioni globali non è sempre possibile. Le cose
vanno studiate con una cura incredibile, esattamente come fa il Vero Potere,
che non si fionda su blogs, Facebook o Twitter, ma sta sul pezzo per anni con
una competenza micidiale. E poi, infatti, all’affondo devastano. Se vogliamo
contrastare i colossi del Vero Potere dobbiamo essere tanto chirurgici quanto
loro. Ora vi pongo un esempio.

Chiesa ha impostato un teorema sulla speculazione dei golpisti finanziari
che si basa su assunti come il seguente, che prendo da una sua intervista su Cado in piedi, dal titolo ‘Monti è una
trappola’: “
Ritengo che siano i
grandi gruppi della finanza internazionale, guidati dalle grandi banche di
investimento, tra cui la più famosa, ma non l’unica, si chiama Goldman Sachs ma ce ne sono anche
altre: Citigroup, Bank of America,
Deutsche Bank
etc., tutte le banche che, tra il 2007 e il 2010,
sono tecnicamente fallite ma che hanno recuperato fantasticamente dopo essere
state ricapitalizzate dalla Federal Reserve che ha erogato 16 trilioni di dollari inesistenti,
inventati per tenerle in piedi. Dopodiché queste banche, con questi soldi, si
sono gettate sugli unici asset che ritenevano praticamente invincibili,
immarcescibili, ovvero gli asset dei
bond degli stati europei
che, essendo protetti dall’Euro,
venivano considerati al riparo dal rischio di default, impossibilitati a
azzerarsi o a vanificarsi come invece era accaduto per tutti gli asset dei
cosiddetti mutui facili su cui ha fiorito la finanza americana nel corso di questi
ultimi 8 anni. Queste banche si sono dunque precipitate in Europa e hanno
cominciato a comprare i buoni del tesoro, le emissioni delle banche centrali
europee, andando alla ricerca di
quelli che avevano i più alti tassi di interesse
. Sono andati a
comprare i bond greci in primo luogo, perché erano quelli più esposti che
davano tassi di interesse più alti, poi sono andati a comprare quelli italiani, visto che l’Italia
è considerata tra i Paesi in difficoltà a causa della dimensione del debito
pubblico
”.

Ok. Pezzo per pezzo: Ritengo
che siano i grandi gruppi della finanza internazionale, guidati dalle grandi
banche di investimento, tra cui la più famosa, ma non l’unica, si chiama Goldman Sachs ma ce ne sono anche
altre: Citigroup, Bank of America,
Deutsche Bank
etc., tutte le banche che, tra il 2007 e il 2010,
sono tecnicamente fallite ma che hanno recuperato fantasticamente dopo essere
state ricapitalizzate dalla Federal Reserve che ha erogato 16 trilioni di dollari inesistenti,
inventati per tenerle in piedi. Dopodiché queste banche, con questi soldi, si
sono gettate sugli unici asset che ritenevano praticamente invincibili,
immarcescibili, ovvero gli asset dei
bond degli stati europei…

No Giulietto, impossibile. La FED comprò gli assets tossici
delle banche americane (29 trilioni, non 16) semplicemente accreditando le
riserve di quelle banche che stanno sui propri (della FED) conti elettronici.
Quei soldi stanno lì, non possono essere spesi dalla banche all’esterno. Con
quei soldi non possono correre a comprare bonds europei da chicchessia in
Europa (bonds significa titoli di Stato o di privati) . Possono solo comprare
bonds già detenuti dalla FED. Questo perché la banca centrale opera
esclusivamente muovendo numeri elettronici sui suoi computer che controllano i
conti depositati al suo interno. Che significa? Se Bank of America, per
esempio, vuole comprare un bond con le riserve che gli ha creato la FED (con il
salvataggio che tu citi), prima di tutto la FED deve possedere quel bond. Se lo
possiede, la FED semplicemente sposta i soldi di BoA dal conto di BoA alla FED
al conto del Tesoro che ha emesso quei titoli, e che sta sempre presso la FED.
Li sposta da qui a lì sempre al suo interno. Quindi per rendere possibile lo
scenario che tu descrivi, la FED USA avrebbe dovuto detenere già al suo interno
quantità immense di titoli di Grecia, Portogallo, Italia, Irlanda, Spagna (gli
Stati detti PIIGS). Cosa che non è mai stata. Detto ciò, credo che il tuo
errore sia stato quello di prendere la cifra dell’esposizione bancaria USA coi
PIIGS, cioè 641 miliardi di dollari, e considerarla come acquisti di debito
pubblico PIIGS. Ma non è così, perché le banche USA hanno acquistato immense
quantità di titoli europei di ogni sorta
e tipo
, fra cui anche titoli di Stato, certo, ma lo hanno fatto emettendo propri titoli di debito, non
coi soldi che la FED gli aveva dato col famoso salvataggio. Cosa vuol dire? Che
le banche americane hanno emesso propri bonds, con questi hanno preso in
prestito denaro da chi li ha comprati (privati, non la FED), e con quel denaro
hanno comprato masse di debito europeo di ogni tipo, scommettendo sul fatto che
i tassi che dovevano pagare ai loro creditori fossero più bassi dei tassi che
guadagnavano sul debito europeo che avevano comprato, fra cui anche titoli pubblici
dei PIIGS. La frazione di questo debito europeo da loro comprata e che è solo
titoli PIIGS è bassa, molto bassa. E comunque ripeto: sono titoli PIIGS che le
banche USA hanno comprato emettendo loro stesse del debito, quindi nulla di selvaggio
e pagato dai trilioni della FED.

In realtà ciò che è accaduto è che le mega banche americane
e soprattutto i money market funds USA hanno comprato montagne di debito delle
banche europee (titoli emessi da loro), e queste coi soldi così presi in prestito
hanno a loro volta comprato montagne di bonds dei PIIGS.

Conclusione: non è accaduto ciò che tu dici, e il teorema
della speculazione delle maga banche di Wall Street sui bonds dei PIIGS non
regge. Ma c’è dell’altro.

Hai anche scritto: “Dopodiché
queste banche, con questi soldi, si sono gettate sugli unici asset che
ritenevano praticamente invincibili, immarcescibili, ovvero gli asset dei bond degli stati europei
che, essendo protetti dall’Euro, venivano considerati al riparo dal rischio di
default
”.

No Giulietto. Ho già detto che si sono buttate su altri
assets, cioè i titoli emessi dalle banche europee. Le mega banche americane
sapevano benissimo che l’Euro non protegge proprio nulla, anzi, fa esattamente
il contrario. Essendo una moneta ‘straniera’ per gli Stati dell’Eurozona,
quegli Stati non possono garantire di pagare le scadenze degli interessi o il
rimborso sempre puntuali, e questo è precisamente il motivo per cui tutta
l’Eurozona è sfiduciata da qualsiasi investitore (arrivano anche sui tedeschi, fidatevi, infatti le banche commerciali hanno già in privato declassato i bond tedeschi a doppia A). Le mega banche sanno questo
alla perfezione.

Poi hai scritto: “Queste
banche si sono dunque precipitate in Europa e hanno cominciato a comprare i
buoni del tesoro, le emissioni delle banche centrali europee, andando alla ricerca di quelli che avevano i più
alti tassi di interesse
. Sono andati a comprare i bond greci in
primo luogo, perché erano quelli più esposti che davano tassi di interesse più
alti, poi sono andati a comprare quelli
italiani
, visto che l’Italia è considerata tra i Paesi in
difficoltà a causa della dimensione del debito pubblico

Che significa “le
emissioni delle banche centrali europee
”? Le banche centrali non emettono
bonds di Stato, li comprano quando le banche sono a corto di riserve e devono
vendere i bonds di Stato che possiedono per rifare il pieno. Oppure, le banche
centrali comprano bonds di Stato sul mercato secondario per motivi di politica
monetaria. Ma soprattutto se le mega banche avessero comprato masse di questi
bonds per profittare, come tu scrivi, sui tassi alti, quei tassi sarebbero
crollati. Ho già detto che questi acquisti in massa non sono avvenuti, ma anche
se fossero, si sarebbero ritorti contro le banche, se appunto l’intenzione era
di profittare dei tassi. La speculazione di cui tu probabilmente parli, è stata
architettata da investitori che NON possiedono i bonds dei PIIGS, e che proprio
perché non li possiedono possono scommetterci sopra e vincere. L’ho spiegato
nel mio saggio Il Più Grande Crimine.

Infine, e ancora centrale, i Paesi dell’Eurozona non sono in
difficoltà per via dell’alto debito pubblico. Sono in difficoltà perché quel
debito è denominato nel solito Euro disastroso, per il motivo detto appena sopra.
Il Giappone ha il doppio del nostro debito, e nessuno lo sta attaccando, paga
interessi allo 0,4%, e questo solo perché ha una moneta sovrana.

Il colpo di Stato finanziario che ha terminato la democrazia
in Italia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Grecia, e che la terminerà in Francia
e Germania, è stato condotto in tutt’altro modo, assai più complesso e lungo
del tuo teorema, e che ho descritto nel mio saggio. Ora la conclusione e il
motivo di queste righe.

Non voglio fare qui il ‘maestrino’ che la sa più lunga. Il
punto è che le cose sono complicatissime ed è facile costruire teoremi sbagliati
su una buona traccia, ma sbagliati purtroppo. Tu guidi un movimento,
Alternativa, che rischia ora di usare immense energie su una traccia del tutto
sbagliata, e che vi espone fra l’altro a smentite clamorose. Quello che vi
voglio dire è che la fretta di essere sul pezzo, di uscire sui social network
con grandi statements, gioca scherzi brutti. Per capire e combattere il Vero
Potere, cioè le elite Neoclassiche, Neoliberiste e Neomercantili, dobbiamo
studiare molto, aspettare di più, e poi costruire un fronte di pari competenza.
Ma sai Giulietto, io e te siamo vecchi, i nostri ragazzi invece scalpitano,
vogliono divertirsi ed emozionarsi, devono correre stasera a scrivere su
Facebook che al nemico gli facciamo un mazzo così. Non ci danno il tempo, né la
manodopera, per un lavoro sensato, paziente, competente, capillare, e… sì,
noioso. Ma così facendo, il Vero Potere se la ride di noi, and they laugh all
the way to the bank.

Tu non ti devi prestare a questo. Frena, rielabora, e se ci
abbandoneranno… pazienza.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=270
18.11.2011

______________________________________________________

La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori e in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere ritenuto responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi.
La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

– messaggi non concernenti il tema dell’articolo
– messaggi offensivi nei confronti di chiunque
– messaggi con contenuto razzista o sessista
– messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Pubblicato da Davide

  • nuvolenelcielo

    Beh, credo di avere capito. Molto tecnico quindi non sono in grado di commentare. Comunque il concetto “non paghiamo il debito” espresso da Chiesa a Matrix credo sia valido e fa anche presa sull’opinione pubblica. Perché in America nel bel mezzo della crisi del 2008 le banche hanno comunque ricevuto dei soldi dalle tasse dei cittadini tramite il “bailout”, e con quei soldi (che non sono i triliardi di dollari di cui sopra, ma sono comunque miliardi), si sono fatti i cazzi loro aumentandosi i bonus e facendo affari, e non ne hanno dovuto rendere conto a nessuno. Forse è a questo che si riferiva Chiesa, ma non sono sicuro. Comunque rock’n’roll a Barnard e continua così.

  • AlbertoConti

    Cito: “…le banche USA hanno acquistato immense quantità di titoli europei di ogni sorta e tipo, fra cui anche titoli di Stato, certo, ma lo hanno fatto emettendo propri titoli di debito, non coi soldi che la FED gli aveva dato col famoso salvataggio…” == OK, prendo per buona questa informazione. Significa che (le banche USA) hanno impiegato la loro liquidità in titoli europei ad alto rendimento, rimanendo perciò illiquide, cosa che di questi tempi non è molto salutare per una banca. Perciò la FED gli ha salvato le chiappe prestando dollari fiat a tasso zero, o quasi. E cosa cambia? E’ un giro del fumo (dei soldi) che alla fine significa carry trade. Un tempo in yen, oggi in dollari. E poi Deutsche Bank non è una banca USA, ma ha preso anche lei i dollari della FED, ed aveva anche lei in pancia una bella fetta di bond italiani, di cui si è disfata in fretta e furia al primo sentore di esplosione dei relativi CDS, aggravandone la dinamica (aggressione mirata) speculativa. == Con tutto ciò, che è solo un esempio tra tanti, intendo dire che nelle questioni macro non è sempre necessario inseguire la filiera del riciclaggio, con tutti i dettagli in cronaca. I fatti principali sono comunque facilmente correlabili, senza sbagliare nella sostanza.

  • Onilut

    L’efficacia di questo articolo è pressoché nulla, se non addirittura controproducente. Spiego il motivo: sciorinare nella pubblica piazza mediatica il dissidio intestino che divora due (ce ne sono molte altre) fra le voci che meglio interpretano – sebbene sotto diversi punti di vista – la consapevolezza mal espressa di una larga, e sempre più crescente, fetta di italiani, non fa che screditare quell’unità che – se non fosse scalfita da simili uscite – riuscirebbe a portare dei risultati davvero concreti oltreché evitare di esporre i vari attori di questa controcultura alle varie canzonature dei debunker “attivissimi” (che non vedono l’ora di metterci l’uno contro l’altro). Avrebbe ottenuto molto di più, il signor Barnard, inoltrando privatamente, via mail, questo testo al signor Chiesa. Mettendosi d’accordo, concordando una strategia comune, allora sì che davvero riuscirebbero ad “emulare” quelle forze che si raccomandano di combattere. Certamente mi si potrà replicare che Barnard in questo caso ha voluto “anche” informare i lettori sulla realtà dei fatti dal suo punto di vista. Chiaro, chiarissimo. Ma – dico io – avrebbe potuto farlo ugualmente senza “screditare” il signor Chiesa. Perché mai sviscerare questo “invito ad una maggiore prudenza” pubblicamente? Come ho già proposto, perché non vi incontrate e non vi mettete d’accordo? Signor Barnard (ammesso che legga questo commento) facciamo finta che io faccia parte di quei giovani che lei presume di descrivere con tanto accorato disprezzo. Eccomi: mi redimo. Voglio ascoltare voialtri “vecchietti noiosi”. Voglio aspettare l’esito della vostra ricerca mentre io, dal canto mio, ne faccio delle altre. Poi le mettiamo a confronto. Io la rispetto, signor Barnard. Leggo quel che sostiene, e lo faccio puntualmente – come certamente fanno moltissimi fra i lettori di questo portale. E quel che dico, in ultima istanza – parlando da giovane intellettuale a Lei, stimabilissimo intellettuale – quel che dico è: organizziamo un fronte comune. Diamo soluzioni. Non c’è tempo. Non sta per scadere. E’ già scaduto. Un caro saluto a tutti. Roberto

  • nuvolenelcielo

    molto condivisibile direi.

  • ale_b47

    Pienamente d’accordo con te. Dobbiamo unirci non dividerci. Ci sono tanti piccoli movimenti più o meno validi ma tutti con lo stesso minimo comun denominatore, il nemico è lì, sopra di noi…non TRA di noi!
    Alternativa, draghi ribelli, indignados etc.: non uniscono i propri sforzi per quisquilie, mentre negli stati uniti sono riusciti a trovare quel catalizzatore che riunisce tutti da nord a sud, dall’atlantico al pacifico, dalla metropoli al paesino, dalla famigliola allo studente!
    Forza barnard, chiesa e altri…proprio voi dovreste cominciare, sono sicuro che tanta gente stia solo cercando le giuste coordinate!

  • Tonguessy

    Standing ovation. Il Barnard sputtana pubblicamente Chiesa per le pagliuzze dimenticando la trave della divisione delle forze antagoniste e di chi è attivo (anzi Attivissimo) nel divide et impera. In questo si conferma facente funzione.

  • illupodeicieli

    Se il senso dell’articolo è quello di unire le forze per migliorare la qualità della vita dei cittadini, per evitare di diventare e rimanere schiavi delle banche (giusto per citare un libro famoso), allora ok. Non credo ci sia disprezzo al più ironia verso i più giovani che, proprio in virtù della loro fresca o più fresca energia, e per l’educazione e i modelli e stili di vita che ritrovano nei media e da cui vengono quotidianamente raggiunti, è logico che scalpitino e abbiano voglia di “entrare in azione”. Aggiungo che non mi ritrovo completamente d’accordo con Paolo Barnard quando,in altro testo, invitava in pratica a incontrare de visu le persone e a non trincerarsi dietro una tastiera. Oggi si possono conciliare le due cose , una cosa non esclude l’altra.

  • sidellaccio

    Anch’io, vecchio avventuriero e scrittore, concordo pienamente con Onilut. Chiesa e Barnard ci regalano tante notizie e pareri, spesso illuminanti, che non sempre condivido, ma che rispetto o critico garbatamente (anche perché cerco sempre di ricordarmi che potrei essere io, a sbagliarmi).
    Invece Barnard insulta spesso chi (secondo lui) sta sbagliando (che è il modo più inefficace per far vedere agli altri, i loro errori). E anche se qui con Chiesa, Barnard ha evitato gli insulti (ma ci è andato vicino) è stato comunque controproducente. Anche per me Barnard avrebbe dovuto scrivere privatamente a Chiesa, per discuterne, evitando gli atteggiamenti polemici, che ostacolano la ricerca della verità e potrebbero provocare una dannosa competizione pubblica, che screditerebbe i partecipanti e sconcerterebbe chi vi assiste. http://www.silviodellaccio.it

  • radisol

    Chiesa si pone, indubbiamente con qualche faciloneria d’analisi – ma largamente meno di altri – il problema politico di costruire consenso e mobilitazione, in tempi brevi o al massimo medio-brevi, per cambiare o comunque combattere “lo stato di cose presenti” …. è da tempo un totale “battitore libero” ma è anche inguaribilmente, e meno male, marxista e comunista … sia pure a tratti con un atteggiamento un pò “d’antan” …. Barnard è il contrario, è un bravo blogger ma inguaribilmente autoreferenziale, tecnicistico, esibizionista, certamente individualista e quindi nè marxista nè comunista ma al massimo “anarchico nel senso “nicciano” del termine … non si pone minimamente il problema di allargare il consenso alle sue tesi… anzi gli piace proprio poter poi dire “l’avevo detto solo io” … e soprattutto non vuole cambiare o comunque combattere lo stato di cose presenti …. vuole solo stupire gli interlocutori e farsi dire che è bravo …. per cui, anche quando dicono cose molto simili, hanno comunque un atteggiamento opposto nella pratica … da qui l’insanabile contraddizione …

  • Jor-el

    I like the crazy girls that I screw/
    Hey, hey I know them well/
    And whwn I run out of bread I laugh/
    All the way to the bank/

    La citazione era da Im’ A Conservative di Iiggy Pop, giusto?

  • Jor-el

    Giustissimo. Bisogna finirla di storcere il naso di fronte al mondo dei blogger e affini, anche perché il vero potere se ne guarda bene. Uno dei grandi terreni di scontro è proprio l’Internet, bisogna accettarlo. Non il solo, naturalmente, ma è d’importanza cruciale.

  • MATITA

    insomma la soluzione è che tutti escano dall’euro,che ognuno torni alla sua moneta…..ci si unisca sotto questo progetto e si mettano da parte òle differenze tecniche e ideologiche delle quali torneremo a discutere quandio ci saremo riappropiati della sovranita’ monetaria,e avremo posto sotto controllo banche e finanza

  • illupodeicieli

    Infatti anche a me ha dato e dà fastidio essere sfotticchiato come blogger, sopratutto quando a farlo sono i media tradizionali con i loro pseudo giornalisti intrattenitori: che poi ,per altri versi, si vantano (in genere lo fanno i tg con suffisso .it) di riportare nelle home page notizie rubacchiate dalle note agenzie di informazione. Detto ciò è una questione di programma che, come detto più volte almeno anche da me, e non da oggi, ma dal 2005, il punto chiave è che anche coloro che potrebbero essere della partita, non sempre sono in condizioni economiche (e aggiungo anche psico fisiche) di partecipare: e preciso che chi è senza lavoro e denaro, chi deve impiegare il proprio tempo per racimolare quattrini per far fronte al pagamento di utenze (e si spera non di altro, come cartelle pazze o spese per cure mediche), è assai difficile che voglia dedicarsi a bloggare: non avrebbe la testa per essere propositivo. Al più potrebbe manifestare il proprio incazzo con interventi da troll. Con ciò non dico che deve essere un elite a guidare o tracciare le linee guida di un piano o programma di azione, anzi occorre davvero la partecipazione di chi crede che cambiare lo stato delle cose (creato non importa da chi: ma con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti) è non solo possibile ma necessario,indispensabile. Ma rispetto a Barnard dico che non è possibile aspettare e andare con calma. Certo sappiamo bene che ci sono spie, persone che monitorano blog e siti, che girano nei forum, che possono attirare blogger (che poi sono persone) in trappole (ricordiamoci dei mitici israeliani che sarebbero stati ingaggiati per visitare blog e siti antisemiti e invitati ad agire di conseguenza). Penso si tratti di organizzarsi e per farlo occorrono cervelli, idee, competenze, conoscenza di come funziona l’apparato statale… insomma un sacco di cose. Se uno presenta un programma convincente, troverà persone disponibili a collaborare: certo che se vuole fare a tutti i costi la primadonna, troverà anche chi non gli fornirà aiuto e competenze, idee ed esperienza che invece servono.

  • Tetris1917

    la grafica aiuta a volte piu’ di ogni fiume di parole.

    debito in tempo reale americano

    [www.usdebtclock.org]
    PIIGS debt [www.nytimes.com]

    deadlock globale [www.nytimes.com]

  • Hamelin

    Il meccanismo di salvataggio è piu’ semplice di quanto viene descritto.Buona parte dei soldi all’ incirca un 30 – 40% dei soldi emessi dalla FED con il QE e QE2 sono stati utilizzati per ricapitalizzare le banche Europee ,in primis Deutsche Bank e BNP Paribas.La FED non ha fatto altro che acquistare Asset Tossici ( ovvero di valore 0 o poco piu’ ) al valore nominale di emissione decurtato di alcune scale percentuali ( avevo letto una tabella che riportava i calcoli precisi ma le cifre non le ricordo ) . Quindi la FED comprava a 90(Cifra ipotetica non precisa ) cio’ che valeva 0 . Come han fatto i soldi a finire belle banche Europee?Semplice …Le Banche Europee erano piene anch’esse di monnezza tossica ( e lo sono tutto’ora nonostante i 2 QE ) .Le Banche Yankee hanno lucrato alla grande facendo un gioco veramente easy…Proponevano di alle Europee di comprare a 70 ( cifra ipotetica non precisa utilizzata come indicatore solo per capire il meccanismo ) i loro titoli tossici che valevano 0 o poco piu’ perchè tanto sapevano che la FED li avrebbe pagati loro 90 . Con questo meccanismo i soldi dei QE Americani sono finiti in Europa e non solo…Piu’ o meno in tutte le Banche del Mondo…

  • Polipol

    Nonostante le parole obiettive di Barnard, io non sarei così convinto sulla buona fede di Giulietto…

  • warewar

    Se Barnard dice il vero qualcuno mi può spiegare come è possibile che al 31 dicembre 2008 l’esposizione delle banche USA verso il G10-Svizzera era di $1.2 trillioni e il 31 dicembre 2010 era a $2.3 trillioni ?

    Come hanno fatto le banche USA in 2 anni a comprare $1.1 trillioni di “qualcosa” dalle banche del G10?

    Questo $1.1 trillione è stato comprato dall FED sul mercato primario e ricomprato dalle banche USA nel mercato secondario ?
    Grazie

  • warewar

    il sito dove ho preso i dati dell’esposizione USA è:

    http://www.ffiec.gov/E16.htm

    cliccare sulla colonna a sinistra “Report Date”.

  • ws

    Non si puo seguire nelle fattispecie l’ andamento dei flussi capitalistici REALI perche’ non abbiamo dati precisi e quelli che ci vengono dati dalle banche possono essere palesemente falsi .
    Per capire dobbiamo quindi restare ai dati generali macropolitici che sono
    1) l’ america importa a credito da 20 anni beni contro sua moneta-debito
    2) il cambio del dollaro non e’ caduto perche’ i suoi fornitori ( cina -europa-giappone )hanno sottoscritto quel debito, Risultato ci sono in giro diciamo 10 trilioni di dollari di debito USA illiquidabile perche gli USA non li pagheranno mai
    3) quando la giostra ha raggiunto la saturazione gli usa hanno semplicemente imposto alla colonia europa tramite gli stati e le istituzioni europee di estrarre piu ricchezza dalle loro economie e trasferirla in USA attraverso altri giri di capitali ad esempio pagare interessi crescenti sul debito pubblico EUROPEO
    4) questo avviene perche’ la BCE impedisce agli stati di sottrarsi al salasso svalutando moneta essendo questa banca stata creata apposta per questo
    5) la consequente spirale deflazionistica e i correlato disordine sociale e’ usato come una onda di paura per effetture un colpo di stato autocratico . I ” tecnocrati ” saranno per noi come i generali sudamericani nelle cola’ republiche ” delle banane”
    6)Come appunto in sudamerica ci portano verso una disperata “societa’ coloniale” processo che come in sudamerica potra’ essere interrotta SOLO da una reazione populista( castrismo , chavismo, ketchnerismo ect.. )
    7)proprio per evitare questa iattura il ” vero potere ” ha cominciato per tempo una capillare distruzione di ogni identita’ popolare e di ogni regola sociale .Non e’ un caso infatti questo questo nuovo governo dei banchieri insieme ad una fraccata di tasse voglia dare “cittadinanza” piena ed incondizionata a milioni di gente venuta fuori . .. il ” potere” non e’ razzista , per lui bianchi o neri gli schiavi sono tutti uguali 🙂

  • RicBo

    Va bene Paolo ma la vostra comparsata a matrix ha fatto più danni che altro soprattutto al movimento di protesta.

  • gnorans

    E’ vero che le cose sono complicate e si rischia di sbagliare, però tante complicazioni stanno a valle di fatti semplicissimi:
    – la ricchezza privata non ha un limite, come qualunque altra cosa (limiti più severi di velocità per i camion, limite di potere in democrazia, limiti sulla quantità di funghi che si possono raccogliere ecc.)
    – nella società umana, come in quella animale, è ancora il più stronzo ad emergere (vedi anche l’articolo precedente su CDC) e quindi a maggior ragione devono essere limitati e monitorati potere e ricchezza.
    Stare appresso alle complicazioni in argomento è come osservare i complicatissimi movimenti dell’acqua usando la teoria del caos, senza fare caso alla mano che butta i sassi.
    I tempi potrebbero essere maturi per questa presa di coscienza.
    Gli indignados americani sono sulla buona strada quando forniscono una semplice spiegazione: “99%”.

  • azul

    Molto bene, dopo aver assistito ai graffi del gatto soriano Freda al gatto siamese Barnard, ci godiamo adesso le unghiate del siamese Barnard al gatto coi baffi storti Chiesa, nel contempo il micio Massimo Fini continua a giocare imperterrito col suo gomitolo di lana e i sorci danzano felici.

    Il problema è che le radiazioni di Fukushima nel frattempo sono arrivate anche da noi contribuendo a modificare geneticamente i nostri quattro gatti, trasformandoli definitivamente in polli di manzoniana memoria.
    Continuiamo pure così a farci del male. Da inutile lettore mi permetto di dare alcuni consigli ai nostri felini mutanti, in primis Barnard, e al resto degli inutili lettori: 1) Iscrivetevi al movimento Alternativa di Chiesa. Il programma ha molte lacune e qualche ingenuità, ma nelle sue grandi linee è ampiamente condivisibile e può e deve essere migliorato. E’ una base di partenza.
    2) Articoli come questi devono essere inviati in private mail (concordo con Onilut).
    3) Evitate di comparire in trasmissioni trash come Matrix per essere screditati e presi a badilate in faccia.
    4) Mettete da parte l’orgoglio ferito e accettate gli inviti di Minoli e Santoro, è nelle loro trasmissioni che vale la pena andare per azzannare, scannare e soprattutto per raggiungere il grande pubblico.

  • Giancarlo54

    Questo no. Sulla buona fede di Chiesa ci metto la mano sul fuoco, però errori politici li ha fatti anche lui, come quando nel 2008 invitava a votare la Sinistra Arcobaleno anzichè, ad esempio, un movimento realmente alternativo come il Movimento per il Bene Comune di Nando Rossi. Chiesa non l’ha mai spiegata bene questa “incongruenza”, però tutti sbagliamo, ci mancherebbe altro.

  • rocks

    Secondo me se chiesa sbaglia fa bene Barnard a dirglielo. Altrimenti arriverà un Bocconiano e dirà:”ma chiesa spara cazzate, le cose non stanno così perché… etc.” è già successo. E’ sempre meglio essere inattaccabili piuttosto che disuniti. Tutto sta ad essere umili, riconoscere i propri sbagli e riconoscere che ci si sta battendo per la stessa cosa, che è poi il motivo per cui ci si unisce.

  • mikaela

    Le informazioni di Barnard sono incontestabili e nuociono al grande potere, quelle di Chiesa centrate ma forse inconsapevolmente al servizio del grande potere (lui non ha mai parlato d’uscire dall’Euro )

    Questa differenza l’ho notata ieri sera alla trasmissione della 7.

    Si notava la differenza degli argomenti degli studenti in sala( + altri che se ne sono aggiunti che in seguito hanno avuto tutto il tempo di parlare ) i loro discorsi non hanno portato a nessuna conclusione efficace per combattere il grande potere.

    Al contrario ci sono stati gli studenti di Bologna (Nel collegamento esterno in diretta) che con il loro portavoce hanno posto delle domande alla quale nessuno ha saputo o voluto rispondere perche’ la risposta non si allineava ai dogmi televisi al servizio del potere.

    I lor Buuhhh erano un vero segno di contestazione alle risposte vaghe di quelli in sala.

    Sono stati messi a tacere.

    No gli hanno ridato piu’ il collegamento sorvolando e andando avanti con la trasmissione, avrebbero potuto chiedere il perche’ dei loro Buuhh,ridargli la parola, invece niente

    Da questo comportamento da parte delle varie TV, e solo in questo comportamento si vede chi allinea i ragazzi alla propaganda sterile e li manda in sua rappresentanza in TV, e chi l’informa per una vera lotta contro il vero potere e viene messo a tacere.(togliendogli letteralmente la voce togliendogli il mirofono perche’ fonte di vera informazione per il pubblico a casa quindi pericolosi)

    Questa e’ la differenza fra l’informazione con documenti incontestabile e quella all’acqua di rose del quale tutti possono inprofumarsi ma che porta solo ad apparizioni televisive e creare nuovi leader nello star system – che vanifica la lotta al potere.

    Gli studenti di Bologna hanno recepito il messaggio tecnico di Barnard, tu con il tuo inutile commento diffamatorio oltre ad insultate Barnard insulti tutti gli studenti e i lettori che lo stanno seguendo in questa sua comunicazione basata su dati concreti.

    Chiesa potrebbe studiare anche un po’ di piu’ prima di vanificare tutto il suo lavoro facendo la fine degli studenti seduti in studio alla 7 Giovedi’ sera.

  • baubau36

    Barnard, secondo me invece la trasmissione Matrix è stato un grande successo. Molta della gente tuttora inconsapevole che ha visto il programma comincerà ad avere dei dubbi. Questa è una piccola crepa nello scudo mediatico che protegge questi loschi personaggi. La diga di Pian di Gleno è crollata per una crepa di tre dita… In questo momento non è importante avere paura di essere screditati. Non esiste solo la razionalità e il duello tra le tesi: “Io ho ragione, tu hai torto”. Ora è più importante coinvolgere mobilitare emotivamente tutte quelle persone che: 1) guardano solo i telegiornali televisivi; 2) se cercano informazioni in internet frequentano solo i siti di Corriere, Repubblica, Il Giornale, ecc.. Sono loro i bersagli, non certo i lettori di CDC o di Conflitti e Strategie, ecc., i quali, più o meno tutti, SANNO che cosa sta accadendo anche se spesso non sono daccordo sul PERCHÈ (e dunque sul COSA FARE). Non si può pretendere di costruire dall’oggi al domani un esercito di sofisti capace di demolire le tesi altrui durante un duello verbale. Un passo alla volta, please. Le oligarchie c’hanno impiegato cinquant’anni per realizzare il loro piano. Secondo me in questo momento – per rallentare il loro folle progetto – bisogna soprattutto usare un po’ di demagogia alla Umberto Bossi dei primi anni ’90 cercando di colpire la pancia di chi ancora non sa che cosa sta accadendo realmente. Non tutti hanno lo stesso grado di consapevolezza del problema. Molta gente: 1) intuisce che c’è qualcosa che non va; 2) si vede costretta a fidarsi delle autorità ufficiali malgrado intuisca di essere presa per il culo sistematicamente dalle autorità stesse. Questo gruppo dall’oggi al domani da passivo si può trasformare in capitale attivo.

  • pippo74

    molto condivisibile quello che scrivi.

  • nuvolenelcielo

    Il movimento Alternativa ho visto che non menziona neanche l’euro nella sua pagina di presentazione. Pur essendo una proposta condivisibile per tante cose, non mi sembra possibile una confluenza come punto di partenza per affrontare la crisi economica… se non magari a lungo termine.

  • AmonAmarth

    Grazie mille è utilissimo!

  • ventosa

    No, ragazzi.
    Qui siamo in una pubblica piazza e fa bene Barnard ad esporre quanto sopra se, a suo modo di vedere, le informazioni veicolate da Giulietto contengono errori importanti, dato che quest’ultimo le notizie le ha pubblicate, ovvero rese pubbliche.E farà benissimo Chiesa a rispondere pubblicamente, argomentando, se ritiene di non aver commesso errori.
    Non è a questo lo spirito della rete? Non è il modo migliore per correggere il tiro o, al limite(non è il caso di Chiesa) smascherare i debunkers? Che facciamo, censuriamo la rete?
    P.S.
    Fanculo gli intellettuali da salotto.

  • Eshin

    Per capire e combattere il Vero Potere, cioè le elite Neoclassiche, Neoliberiste e Neomercantili, dobbiamo studiare molto, aspettare di più(qualche volta) , e poi costruire un fronte di pari competenza…

    Verissimo, mi pare che Paolo abbia espresso una critica sincera e costruttiva ma anche stima e e rispetto in questo post … e Chiesa saprà apprezzare. …..
    Fare errori diventa fare sbagli se non si impara, dice qualcuno…e non si impara senza fare errori………

    Se vogliamo contrastare i colossi del Vero Potere dobbiamo essere tanto chirurgici quanto loro….
    Iess.Molto precisi,attenti ma anche distaccati…..

  • Onilut

    D’accordo con te sul PS… fanculo gli intellettuali da salotto…

  • ranxerox

    Avrei un consiglio per te, WS: vai per gradi, non sei su C&S e troppa carne al fuoco rischia di essere poco assimilabile per chi, come me, non possiede abbastanza fondamentali. Ti prego , rallenta, che sono in apnea.

  • alecale

    non bisogna aver fretta di finire un’opera d’arte perchè per essere funzionale deve essere incompiuta.

  • Polipol

    Ciao, rispetto la tua posizione.
    Giulietto è uno che ha avuto a che fare col Potere. E il Potere ha diverse sfaccettature.
    Mi sembra che dietro molte cose che dica e scriva ci siano delle impronte ideologiche.
    Ad esempio la cosa che lo fa passare maggiormente per uomo anti-sistema è la sua lotta per l’11/9. Ebbene anni fa avevo visto un video come questo (quello che avevo visto io è stato rimosso e questo è meno completo):
    http://www.youtube.com/watch?v=AbZCeI03tpI
    In cui nel solito salotto avveniva il solito teatrino tragicomico. A partecipare dalla parte dei “complottisti” vi erano Giulietto e M. Blondet. Ad un certo punto Blondet ha detto una parolina magica e tra l’assolutamente indescrivibile stupore generale praticamente il primo a prendere le distanze da Blondet è stato Chiesa. Bada bene che erano gli unici 2 a sostenere le teorie “cospirazioniste”, ma il fronte del complotto si è così diviso in diretta nazionale. Se non sbaglio i giorni successivi alla trasmissione Chiesa sul suo sito si era impegnato per lo più a criticare Blondet piuttosto che i soliti negazionisti… infatti secondo lui la trasmissione era stata un “deliberato tentativo di Mentana di mettermi accanto un personaggio squalificato con l’obiettivo di indebolire i miei argomenti.”
    inoltre
    “Credo che sia giunto il momento di bandire Blondet da tutte le discussioni tra persone civili che si occupano dell’11 settembre.
    Vada con i suoi pari.
    Non è un compagno di strada, non abbiamo nulla a che fare con lui.
    E’ un avversario di tutte le nostre idee e motivazioni.
    Voglio rendere pubblica questa mia posizione in modo che non ci siano più equivoci di sorta. ”

    Blondet si limitava semplicemente a parlare di un fatto che è facilmente riscontrabile e di cui ha parlato anche Fox News in America, magari non probante, magari da circoscrivere, magari magari, ma tant’è.

  • Faulken

    Ciao Paolo

    una curiosità magari non così importante.
    Hai scriitto sul tuo blog “Mi hanno invitato a Matrix senza sapere chi sono, credeteci. Mi dispiace per quella povera autrice del programma che mi ha proposto a Vinci, non oso immaginare la lavata di testa che le è arrivata dopo. Vinci non sapeva neppure chi sono, credeva che fossi un blogger, tipo il Messori.”
    Perdonami ma questo è quantomeno incredibile. Hai fondato Report, scritto per numerose testate e libri, nessuno della redazione del programma ha visto su wiki ?
    Non ti sembra difficile a credersi ? Tu come ti spieghi una cosa del genere ?

  • mikaela

    Barnard ha fatto una critica molto costruttiva.

    L’onesta’ intellettuale di Barnard e le sue profonde conoscenze della materia hanno completamente ridicolizzato quella testa di legno utile al potere Costamagna(dammi del lei [abbiamo fatto noi l’Euro]) che non sa’ neanche chi e’ Krugman o “Goldlin”(non so se si scrive cosi’ quindi non sono riuscita a trovare un link)

    schiaccia qui Paul Krugman [krugman.blogs.nytimes.com]

    Mentre Giulietto che nel suo efficacissimo intervento si e’ fatto trovare impreparato proprio su questi dettagli ed e’ stato messo in ridicolo da questo incompetente ignorante di Costamagna (che e’ stato capo della Goldman Sachs investment Bank in Italia e che ora ha una sua azienda di consulenza finanziaria ed e’ riuscito ha metterlo in quel posto a tanta gente ).

    Forse non si e’ ancora capito chi e’ Costamagna ridicolizzato da Barnard, possiede azioni in societa’ d’investimenti e non ,- fa il consulente finanziario quindi e’ li solo per difendere la sua parrocchia e quella di Monti e i suoi interessi per gli ulteriori vantaggi che ne potra’ usufruire ora che la Goldman Sachs e’ diventata impresentabile agli investitori italiani.

    Riguardatevi la trasmissione con calma e seguite l’efficacia e le reazioni dopo il Barnard discorso dell’ignorante Cosmagna.

    qui la trasmissione Matrix visto che hanno tolto i video per diritti [www.video.mediaset.it]

    Qui invece scoprite chi e’ Costamagnamagna.-E se si esce dall’Euro perdera’ di credibilita’e tanti clienti.

    http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/claudio-costamagna/

    http://www.itforum.it/rimini-2011/programma.html?mode=relatori&id_relatore=583&data=all

  • giosby

    Mikaela che vergogna!
    Sei talmente presa dal tuo idolo Barnard che non sai neanche leggere quello che scrive LUI !!!

    Wynne Godley

    Wynne Godley | The Economist [www.google.com]

    Sei messa peggio di LUI [www.giosby.it]

  • Ulrich

    Scriverò ovvietà, ma forse è arrivato il momento di ribadire concetti elementari.
    Il messaggio contenuto in una lettera aperta, quale quella che Barnard ha inviato a Chiesa, è solo in parte – minimamente – indirizzato al destinatario.
    Quest’artificio retorico e dialogico, prima che letterario, ha piuttosto lo scopo di coinvolgere coloro che, a vario modo, attorno all’uno o all’altro polo del testo agglomerano il proprio pensiero.
    Non è quindi il caso di insorgere in difesa di Chiesa (che non ha mai avuto l’ambizione di emulare Vysotsky) o di urlare allo scissionismo, poiché la riflessione che Barnard propone è soprattutto rivolta alla nutrita platea di “pensatori da birretta” e di “economisti da vaffanculo” che troppo spesso si lasciano abbacinare da interpretazioni della realtà troppo semplicistiche.
    Semplicistiche e quindi riduttive.
    Perché se è vero che – abbandonato ogni ideologismo politico – il genere umano sta progressivamente disvelando a se stesso la struttura eminentemenete finanziario-speculatorio-debitoria del mondo che ha generato, è altrettanto vero che il nemico da combattere (se c’è) si annida proprio nei meandri di questa struttura.
    Gli edge funds e i future, gli swap e i cds, l’euro, la riserva frazionaria, il moltiplicatore monetario e chi più ne ha più ne metta, non sono gli strumenti di un’abietta ed oscura oligarchia di “signori del mondo”, ma il giogo al quale anche coloro che vorrebbero definirsi tali devono inchinarsi.
    La Commissione Trilaterale o il gruppo Bilderberg, gli apparati istituzionali quali la Banca Mondiale , la Fed,il Fondo monetario internazionale, la BCE, NON SONO TUTTI LA STESSA COSA, ma operano a livelli diversi, secondo obiettivi distinti (spesso in contrasto gli uni con gli altri), e seguendo progetti parziali e sovente fallaci, perché concepiti in virtù dei più svariati modelli interpretativi, parziali e fallaci anch’essi.
    Si aggiunga che ognuno di questi “consessi di umane genti”, come sempre avviene e come è facile indovinare, sarà al suo interno diviso in fazioni e correnti, ciascuna delle quali tenterà di soddisfare priorità diverse, contingenti, mutevoli.
    Ci saranno i monetaristi e i keynesiani, i pazzi e gli imbroglioni, i guerrafondai e quelli che alla guerra si rassegnano, ci saranno i relativisti e i moralisti, quelli in buona e mala fede.
    E’ evidente quanto arduo risulti ridurre un simile scenario ad un “disegno generale”, se non univoco, quantomeno coerente.
    Proprio per questo è assolutamente necessario ripudiare ogni “faciloneria”, essere puntigliosi e precisi, pedanti addirittura, nel ricostruire i meccanismi che generano e regolano l’immensa quantità dei flussi di denaro nel mondo.
    Raccogliere informazioni, certo, non può bastare. Bisogna analizzarle.
    Ed è, quello dell’analisi, un lavoro faticoso, noioso e non privo di rischi.
    Il rischio incombente è quello del cosiddetto effetto Rosenthal, quel fenomeno per il quale un’analisi rischia di essere falsata dalle aspettative dell’analizzatore.
    Lo scrivente è decisamente ascrivibile al novero dei complottisti, ma ritiene francamente troppo naif (seppur invitante e in qualche modo consolatorio) indulgere in quelle ipotesi che vedono quattro loschi figuri tiranneggiare il mondo.
    Bisogna immaginare moltepilci attori, innumerevoli linee di condotta ed inestricabili rapporti causali (economici, sociali, religiosi, geopolitici).
    Le alchimie della finanza hanno generato un Golem, sulla cui fronte è stata impressa la parola “guadagna” ed esso – proprio come nella leggenda – è sfuggito al controllo dei suoi creatori.
    A poco serve, dunque, scendere in piazza contro la Goldman Sachs o sotto Wall Street, perché l’ordigno innescato è sordo e implacabile, refrattario a qualsiasi coazione, inumano – non umano -, amorale, privo di vertice.
    Semmai le piazze – oggi come mai – marcano l’ipocrisia di chi, convinto di manifestare per cambiare il mondo, altro non fa che spendersi in sterili lamentazioni perché il mondo sta cambiando sotto il suo naso in un modo che non capisce e non condivide.
    A poco, poi, serve tracciare arbitrariamente linee sulla lavagna a dividere i buoni dai cattivi, perché – con buona pace delle anime belle – in questo mondo chiunque non sia l’ultima delle vittime è, per definizione, carnefice.
    E nessun laureato disoccupato, nessun cassaintegrato con famiglia, nessun avanzo di galera di Scampìa, potrà mai essere più vittima di un bambino indio ucciso dalle esalazioni tossiche di qualche oleodotto occidentale.
    Bisogna studiare e documentarsi pedissequamente.
    Bisogna resistere alla tentazione di ridurre la complessità degli eventi in schematizzazioni funzionali alle proprie convinzioni.
    Se per divulgare è ovviamente necessario generalizzare, bisogna però generalizzare senza sparare cazzate.
    E questo non solo per evitare figuracce in caso di contraddittorio televisivo, ma – soprattutto – perché si rischia altrimenti di barattare la comprensione con le opinioni e lo sdegno con l’odio più ottuso.
    Quanto ai miei sodali complottisti: per carità rigore e prudenza.
    Lo “stato di minorità” che si imputa ai succubi dell’informazione main-stream non è più triste del un cieco e compiaciuto delirio cospiratorio.
    Ed è quest’utlimo rispetto al primo altrettanto manovrabile, in quanto sostanzialmente acritico.

  • mikaela

    Accipicchia io devo vergognarmi se non ho capito chi e’ Godley?

    Guarda che io non faccio il consulente finanziario come quella testa di legno di Costamagna, era lui che doveva saperlo mica io, e tu prima di fare lo spocchioso avresti dovuto leggera l’articolo e avresti scoperto che non c’e’ scritto da nessuna parte.
    Barnard l’ha detto in trasmissione e non ho capito bene.

    Guardati il video, e’ Costamagna l’ignorante, e’ a lui che devi dire di vergognarsi non a me,uno che parla e sparla di finanza e non sa chi e’ Godley e’ grave.

    Te lo ripeto cosi’ ti si imprime nel cervello, qui’ in questo articolo Barnard non l’ha scritto da nessuna Parte quindi non mi devo vergognare di niente.

    Leggi gli articoli prima di mettere i commenti.

    L’ l’unica cosa che hai capito di questo articolo e’ che mikaela non e’ riuscita a capire chi e’ Godley.

    Bella scperta che hai fatto, se l’ho scritto e’ propio perche’volevo che qualcuno mi mettesse il link..

  • Georgejefferson

    complimenti ulrich…per i motivi da te citati cerco di studiare…mi rendo conto della giungla…quando un collega…amico…conoscente nota una mia se pur minimissima competenza mi fa una domanda…devo per forza generalizzare con parole semplici(come il spiego alla nonna)bastano 2 termini tecnici per creare incomprensione e noia..ma almeno cerco di non dire niente di errato(riguardo a dinamiche…fatti,non le mie opinioni generali)e’difficile..un lavoro enorme..il nemico delle elite..siano loro 10,100 o un milione…e’l’acrescimento culturale dei popoli..con la macchina costruita ad hoc,visibilita,vip,gossip,consumismo..tutti noi siamo perennemente distratti e coccolati come bambini…il loro nemico non e’barnard,o chi altri…ma l’acrescimento culturale che se ci sara speranza…crescera solo per generazioni e noi non vedremo miglioramenti importanti nella brevita della nostra vita..a meno che non capiti un evento di straordinaria importanza che dia una scossa di accelerazione al processo..e temo che tale evento possa passare per lacrime e sangue..ti saluto

  • giosby

    Maikaela, aggiungi figura di merda su figura di merda.

    Tu non sai leggere Barnard, quello è il fatto.

    Lo cito, scritto il 16/11/2011 [www.paolobarnard.info](non una vita fa…)

    “Un vezzo: il momento di gloria della serata è stato il tizio di Goldman Sachs che non sapeva chi era Wynne Godley, che sta a un economista come non sapere chi era Brecht sta a un intellettuale”

    E’ proprio vero che la presunzione rende ciechi…

    Ciao

  • baubau36

    Ciò che dici è condivisibile a seconda dell’obiettivo al quale si dovrebbe tendere. Quello che tu dici va bene se il problema fosse più importante che urgente. Però il problema adesso è urgentemente importante. Bisogna scegliere. O ci mettiamo prima a formare la classe dirigente del futuro sperando poi che si formi la consapevolezza popolare, oppure ci dedichiamo a creare la consapevolezza popolare sperando che si formi nel frattempo una classe dirigente. La complessità è enorme. I rapporti causa-effetto sono inestricabili. Pertanto, soprattutto in economia, è facile cadere nella fallacie post hoc ergo propter hoc. Tu dici (scusa la semplificazione): “Se mettiamo tutti gli attori della crisi nello stesso sacco della supercospirazione globale offriremo a molti di essi l’occasione di dimostrare la loro non colpevolezza, dunque, trasformiamoci tutti in provetti sciabolatori per duellare con ognuno di essi volta per volta (Barnard)”. Questo obiettivo è possibile solo nel lunghissimo periodo. Se la cospirazione esiste davvero, l’obiettivo sarà raggiunto quando sarà ormai troppo tardi: avranno chiuso la cella e buttato via la chiave. Se la cospirazione globale non esiste, allora sarà utile averlo raggiunto perchè comincerà una vera fase di rinnovamento.
    Secondo me l’obiettivo ADESSO non è dimostrare “Tesi Vera vs. Tesi Falsa”, ma coinvolgere, trascinare emotivamente la TROPPA gente inconsapevole. Gli obiettivi devono essere realistici, accessibili e tempestivi. Un po’ di sano populismo e sana demagogia non guasta (Grillo e Bossi docet)

  • mikaela

    Sicuramente ti da fastidio il fatto che Barnard con questa sua interessantissima lettera a Chiesa abbia dato un ottimo messaggio ai suoi lettori che da oggi ,io in primis anziche’ guardare Chiesa con gli occhi di chi legge solo da Wikipedia possa avere un giudizio differente su questo (leggo ora) “vecchio” e famoso giornalista che e’ stato allontanato dalle TV perche’ scomodo.

    Avere Chiesa che inizia a dire d’uscire dall’Ero e’ una voce in piu’ nel mondo della controinformazione e Grillo non potra’ piu’ tacere.

    Sicuramente non mi sono ricordata nei dettagli quello che ha scritto Barnard nel suo precedente articolo,ma non scordo chi sei tu, sono 3 anni che ti conosco e sei qui qui solo per provocare e distrarre gli utenti che si avvicinano a questo forum per la prima volta dal commentare i contenuti dell’articolo di Barnard o di chiunque non faccia tifo per Grillo.

  • mikaela

    PENSA ALLA FIGURA DI MERDA CHE FA IL TUO AMICO GRILLO CON IL POPOLO VIOLA CHE LO HA SEGUITO FIDUCIOSO SPERANDO IN UN CAMBIAMENTO CON PIU’ LAVORO, STABILITA,’ EDUCAZIONE, ED IVECE LI HA PORTATI A FARE UN INUTILE BATTAGLIA CONTRO UN FALSO POTERE SOLO PERCHE’ FA COMODO A LUI NON PENSARE ALLA MI DI FIGURA PENSA A QUELLA DEL TUO AMICO GRILLO.ciao

  • giosby

    Mikaela, ma che figure dai …
    Una peggio dell’altra …

    L’idea che io sia “amico di Grillo” è così assurda e ridicola che dimostra soltanto che non sai proprio leggere!

    Ho scritto un intero libro CONTRO GRILLO [www.giosby.it] e se apri il mio blog, con tag Beppe Grillo, [www.giosby.it] ti renderai conto di quanto io sia amico dello squallido ragionier Grillo.

    Il tuo modo di agire è una prova lampante di come si possano diffondere notizie false e tendenziose!

  • nuvolenelcielo

    visto cha la raccolta degli interventi di Barnard a Matrix non si trova più su youtube, l’ho caricata qui:
    http://www.nuvolenelcielo.net/36/post/2011/11/tutti-gli-interventi-di-paolo-barnard-a-matrix-il-golpe-e-leuro.html

  • nuvolenelcielo

    visto che non si trova più su youtube, ho caricato qui la raccolta degli interventi di Barnard a Matrix: http://www.nuvolenelcielo.net/36/post/2011/11/tutti-gli-interventi-di-paolo-barnard-a-matrix-il-golpe-e-leuro.html

  • mikaela

    So solo che sei presente sotto gli scritti di Barnard e quando non riesci a screditare lui perche’ non reggi il confronto devi prendertela con me che ho sempre difeso Barnard dai tuoi dileggiamenti.Io di fare le mie figure di M—-a come le chiami tu non me ne importa proprio niente perche’ non ho pretese d’insegnare niente a nessuno tranne un ottima educazione ai miei figli il resto sono solo suggerimenti cercati negli archivi di Google e per 2 volte che non ho trovato un nome ne e’ successo una tragedia.

    Tu sei solo qui per allontanare la gente da Barnard – le 15. mila letture in 12 ore significano che e’ molto seguito perche’ con la sua onesta’ intellettuale sta’ cercando di aprire gli occhi alle persone facendole allontanare dalle varie parrocchie.

    Non e’ Un Guru come lo chiami tu, non si e’ inventato nulla e non ha la palla di vetro.

    Il suo lavoro e’ preciso, dettagliato con un gran supporto tecnico dovuto alle sue ricerche fatte con sacrifici a sue spese, gli altri lo ricopiano,si riempiono la bocca con i suoi scritti e le sue ricerche senza mai citarne la fonte e tu, ripeto, lo hai sempre dileggiato per difendere la tua parrocchia qualsiasi essa sia, altrimenti non avrebbero senso i tuoi attacchi a Barnard.

  • giosby

    Mikaela, a me danno fastidio le incoerenze.

    Quando mi ci imbatto le segnalo.

    Che siano tue, di Barnard o di Grillo me ne frego.

    D’altra parte sulle mie osservazioni non hai niente da ribattere.

    Ben vengano 1 milione di lettori di Barnard, purché abbiano anche uno spirito critico, e non si bevano tutto come oro colato, cosa che tu invece fai bevendo a più non posso.

    A mia memoria MAI e poi MAI ho letto una sia pur piccola critica da parte tua verso Barnard.

    Con questa premessa, se vedo che adori, ma manco lo leggi attentamente, la cosa mi salta proprio all’occhio …

    Non mi sembra di aver mai scritto che Barnard sia un Guru, probabilmente sei tu che lo vedi così…

  • mikaela

    Vedi , tu per guardare le mie incoerenze hai perso completamente di vista quello che ha scritto Barnard, io invece in questo articolo c’ho trovato tanta coerenza e l’ho scritto ma tu siccome devi sempre screditare Barnard e non trovando niente di incoerente in quello che dice non sei riuscito neanche a scrivere un commento e ti sei attaccato a Godley.

    Io ho letto e riletto letto questo articolo di Barnard piu’ di una volta per capire i vari passaggi che fanno i Bonds e le Banche e i salvataggi della FED con i soldi e di Godley non me ne importava niente(mi fido di quello che scrive Barnard) ma che comunque avrei messo volentieri il link visto che lo avevo menzionato se me ne fossi ricordata il nome.

    Sapevo benissimo che non c’era in questo articolo tu mi hai screditata senza motivo e senza ragione giocato sulla mia memoria e dando per scontato che io avessi letto l’articolo precedente di Barnard che fra l’altro non e’ stato pubblicato qui su CDC,quindi non potendo screditare Barnard preciso puntuale nelle sue analisi sono due volte che ti attanchi ad un link.

    Leggi meglio quello che scrive Barnard vedrai che non ci sono incoerenze e non guardare quello che scrivo io.

  • lav

    Penso che la critica di Barnard non sia affatto sterile, ha ragione, i soldi delle banche usa non sono finiti sui titoli dei paesi Piigs e qualsiasi analista finanziario con un bloomberg in ufficio ti smentisce e ti sputtana… e siccome coloro che portano avanti teorie di tipo “golpista ” ecc. vengono spesso derisi (basta considerare il servizio che ha presentato Barnard e l’altro blogger, il senso del servizio..era va bene pure il Bildemberg basta che qualcuno decida per noi… perfetto potevamo allora anche noi restare alla vecchia P2) chi porta avanti queste teorie deve essere preparato e tanto. I soldi delle Banche Usa sono rimasti in grande parte presso la fed. I depositi delle banche presso la Fed sono aumentati di 36 volte dal dopo Lehman , la moneta non ha circolato a parte quel poco che ha fatto salire i mercati da marzo 2009 e marzo 2011(S&P da 700 a 1400 punti) il resto è rimasto li, e quello che hanno portato in Europa è finito nelle banche europee ( non le italiane parlo dei colossi europei francesi e tedeschi) . Le banche usa hanno speculato contro di noi con i Cds e si sono quasi tutte liberate dei nostri titoli. Per quello che riguarda l’italia detengono solo 50 bilion di dollari contro i 3100 bilion totali… poca roba . Le banche usa si sono ripulite, hanno scaricato le perdite sullo stato ora lavorano ad una media di leva finanziaria 10 (Deutche lavora a 50 Bnp a 30…in pratica degli hedge Found ) Se proprio qualcuno ha guadagnato sui paesi più deboli dell’euro sono stati già in passato i giganti europei, le banche francesi e tedesche sono piene di nostri titoli (come lo erano di titoli della grecia) questo perché per anni abbiamo garantito un rendimento leggermente superiore a quello del loro stato con la copertura che eravamo tutti Europa. La grecia senza l’europa non si sarebbe mai potuta indebitare a questi livelli , ma faceva comodo a tutti…(specialmente a francia e germania) perché lasciare fuori dall’euro un paese che spende il 4 % del Pil in armi ? Che la grecia avesse dovuto barare per entrare in europa lo sapevano tutti , la dimostrazione è l’elezione del nuovo primo ministro greco…non ti fidi di uno che quando era a capo della banca centrale del suo paese ha “barato ” almeno che non eri pienamente a conoscenza del baro .

  • lav

    Non sono informata ma non credo che Santoro inviti Barnard..credo che per matrix sia vero quello che ha raccontato , l’hanno inviatato senza sapere chi era visto il livello medio della gente che lavora in televisione. Santoro sa benissimo chi è Barnard e non lo invita… è troppo preparato per invitarlo, va bene Travaglio che continua a parlare di auto blu, l’assicurazione sulla salute dei parlamentari ecc… forse non ci siamo accorti ma il mondo sta già molto oltre .

  • giosby

    Mikaela, se permetti io leggo quello che mi pare e critico quello che mi va.

    Quello che io capisco di Barnard, in questo contesto, c’entra poco e niente.

    Tu sei chiaramente una grande tifosa di Barnard e fa meraviglia che tu lo legga solo se esce su CDC.

    “Leggi meglio quello che scrive Barnard” detto da te, dopo questa tiritela, è un consiglio che fa sorridere…

    Grazie comunque, non mancherò!

    Buona Domenica!

  • Ulrich

    Comprendo quanto scrivi, baubau, ma dissento perché diverso è il mio assunto di partenza.
    Se tu vedi avvicinarsi il baratro io, semplicemente, aspetto lo schianto.
    Il sistema debito-speculazione-arbitraggio-debito non può essere corretto o invertito, il punto di non ritorno è stato superato.
    L’intera macchina finanziaria mondiale è destinata a collassare – per l’esattezza sta già collassando – e con essa andranno in malora le generazioni di lavoratori, gli stati sovrani, le costituzioni, i diritti inviolabili dell’uomo. Andremo in malora tutti.
    Che debbano passare due o vent’anni, che il mondo esploda o marcisca, la sostanza non cambia: stiamo valicando la cuspide tra il declino di questa civiltà e la fase di stagnazione germinale che precede il fiorire della prossima.
    Dunque, a mio modo di vedere, se la questione è importante, non è però urgente.
    Ne consegue che il mio impegno non è volto a fugare un pericolo imminente, quanto piuttosto all’elaborazione di strategie che portino la più ampia parte dei miei consimili – e in prospettiva la società – a sviluppare strumenti culturali, etici e legislativi tali da concretizzare un giorno la chimera di un mondo più giusto.
    Perciò non ritengo prioritario far leva sul disagio esistenziale del prossimo mio con qualche boutade priva di rigore, tanto per chiamarlo dalla parte del “pensiero antagonista”.
    Anzi lo trovo scorretto, è populismo, appunto, e il populismo non è mai sano.
    E “trascinare emotivamente la gente inconsapevole” è propaganda.
    E chi decide entro quali limiti la propaganda è legittima, passato quale segno le approssimazioni populistiche divengono menzogne?
    Il consenso ottenuto usando tali mezzi non può aggregare una collettività di individui consapevoli, ma tutt’al più una folla di paranoici pronta al tumulto e inesorabilmente destinata ad essere ignaro strumento di un qualche manovratore.
    Più che fare massa, ribadisco, serve fare chiarezza sul progetto da perseguire e il modo di attuarlo.
    Più che alla ragione nei bisticci mediatici bisogna aspirare alla reale comprensione della struttura del mondo.
    E più che dal dileggio dei “pensatori di regime”, occorre guardarsi dalla ormai trita retorica della “contro-cultura”.

  • lav

    MI trovo perfettamente d’accordo… siamo già oltre… non succederà tra 1 anno ne tra 5 ma succederà (e non credo che arriveremo a 20 anni) . Si dice che la casta pensa alla prossima elezione , mentre un politico dovrebbe pensare alla prossima generazione… Be la finanza che ormai ci governa pensa a quanti soldi vengono fatti a fine giornata… non pensa a quello che succede tra 15 giorni e quindi il sistema in questo modo può solo schiantare. Quindi per informare le persone lo devi fare con rigore e non raccontando mezze verità .

  • mikaela

    La ciliegina sulla torta e’ sentirmi dire” Buona Domenica” sapendo che sto’ letteralmente morendo per causa della tua ipocrisia tutta rivolta a protteggere il grande potere con il tuo finto buonismo e la tua falsa ricerca nella verita’ nell’informazione.

    A te di tutto quello che scrive Barnard e che sta’ succedendo non te ne frega piu’ di tanto, le tue domeniche sono con la tavola imbandita mentre la mia e quella di tantissime persone che conosco sono sempre piu’ povere per colta degli ipocriti come te che fanno di tutto per distrarre chi legge dalla verita’ che li sta’ schiavizzando.

    Arrivera’ prima o poi anche per te la stessa Domenica e il resto dei giorni dalla settimana che sta’ travolgendo i piu’ deboli.

    Godi ora perche’ Arrivera’ per te e a tutta la tua generazione di ipocriti schierati asserviti al Gnde.

    Prima o poi morirete di fame anche voi e se non morirete di fame , arrivera’ qualcuno che prima o poi ve la faranno pagare.

    Goditi le tue Domeniche fino a quanto potrai, la tua insistenza dimostra che sei solo un grande Ipocrita.

  • giosby

    Bene la metti così?

    Allora diciamolo pure: ipocrita lo dici a tua sorella!

    E io ti dico: vaffanculo, deficiente!

    Quando ce vo’ ce vo’ !!!

  • mikaela

    @Giosby

    E io ti dico: vaffanculo, deficiente!

    Quando ce vo’ ce vo’ !!!

    Ti capisco Josby.
    Anch’io, in diverse occasioni, avrei voluto salutarti in questi termini. Ma non l’ ho mai fatto, ne con te ne con nessuno.

    Diversa da te sono anche quando cerco la veritá nei concetti e nei fatti rilevanti, e non nei dettagli inutili, con un atteggiamento un pó da primo della classe.
    Hai perso un giorno intero per fare un attacco personale su una stupidaggine. Io non sarei tanto soddisfatto.

    Torniamo al tema.

    Non si puó negare che quello che dice Barnard, oltre ad essere avvallato da economisti riconosciuti, si é anche avverato da anni a questa parte.

    Chi cerca la veritá non puó ignorarlo.

    Bisogna guardare piú in la di un palmo del propio naso

    Oggi, non ci sei riuscito e come antagonista hai definitivamente perso un’ occasione per difendere il tuo punto di vista.

    La tua maleducazione invece ha brillato.

  • walterkurtz

    Giobsy, a te va tutta la mi solidarietà. Questa Mikaela è un personaggio assolutamente patetico: incapace di ragionare con la propria testa ha fatto di Barnard un vate (quando questi chiedeva di essere solo una garzantina, ma lei non ha proprio capito evidentemente) che non può essere messo in discussione, pena i suoi commenti tra il sarcastico e il provocatorio.
    Non è interessata a nessun articolo postato da quelli su cdc eccezion fatta per quelli di B appunto. Vuole sempre avere l’ultima parola (o meglio l’ultimo commento) nel corso di queste “dispute” dimostrando così il suo atteggiamento infantile. Tanto più in questo caso dove ha inanellato una serie di figuracce e nonostante ciò continua a postare commenti col risultato di rendersi ridicola,come in quell’ultimo post fuori luogo che ha suscitato l’unica contro replica possibile da parte di Giobsy. Gente tanto volgare che lancia accuse tanto puerili (penoso poi il tentativo di portare la discussione su altri binari), merita solo volgarità.
    Ora fingendo di sbagliare ha proseguito “la discussione” su un altro articolo (sempre di B of course) forse temendo che i suoi commenti brillanti non potessero essere più letti in questa sede, forse per aumentare il numero dei commenti al nuovo articolo di B al momento davvero poco numerosi.

  • walterkurtz

    Sei ridicola. Vedendo la cronologia dei messaggi, l’unica che ha perso un giorno intero qui sei tu, visto che con un atteggiamento infantile hai sempre cercato di avere l’ultima parola. Spero che ciò ti abbia dato grande soddisfazione, del resto ognuno ottiene le soddisfazioni che si merita.

  • luciosergio

    Sottoscrivo tutto, ma in particolare l’ultima parte del commento di Onilut, relativamente a fare fronte COMUNE.
    E aggiungo: basta accapigliarsi istericamente fra di noi, facciamo solo il gioco di chi “divide e impera”, una volta di più. Bisogna guardare quello che ci unisce più che quello che ci divide e avere il coraggio di spezzare il circolo vizioso della polemica. Cerco di farlo io per primo, evitando “rimproveri” a PB e GC (…. anche se ne avrei voglia eh..!).

    Stiamo uniti, anche se non è sempre facile.