Concetti militari chiave americani

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Di Leonid Savin, Geopolitica.ru

Operazioni multidominio

Il primo nella revisione sarà il concetto di operazioni multidominio (cioè in molte aree). È descritto in dettaglio in un documento di cento pagine pubblicato nel dicembre 2018 dall’US Army Training and Doctrine Command [1]. Nella prefazione scritta dal presidente del Joint Chiefs of Staff delle Forze armate statunitensi, Mark Milley, si afferma esplicitamente che:

“Concorrenti strategici come Russia e Cina stanno sintetizzando tecnologie emergenti grazie alla loro analisi della dottrina e delle operazioni militari. Stanno implementando capacità per combattere gli Stati Uniti attraverso più livelli di stallo in tutti i domini: spazio, cyber, aria, mare e terra. Il problema militare che dobbiamo affrontare è sconfiggere più livelli di stallo in tutti i domini al fine di mantenere la coerenza delle nostre operazioni.”

In effetti, il Pentagono ha designato i suoi oppositori: Russia e Cina. Sebbene la Russia stia modernizzando le proprie forze armate a scopo difensivo, gli Stati Uniti guardano ad essa con la propria logica e ritengono che questa sia una preparazione per un conflitto militare del prossimo futuro. Da qui anche le attuali dichiarazioni sull’imminente invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Naturalmente, la Russia non attaccherà nessuno, ma gli Stati Uniti si stanno già preparando a rompere con metodi militari la capacità di difesa del nostro Paese, metodi per i quali, tra l’altro, è stato preparato questo documento. Viene ripetutamente sottolineato che “ai fini di questo documento, la Russia funge da stimolo di minaccia” [2].

Qual è in teoria l’implementazione delle operazioni multidominio?

L’idea centrale è che sia proprio l’esercito americano, in quanto elemento delle Forze Unite, a condurre operazioni multidominio per vincere la competizione; se necessario, le unità dell’esercito penetrano e disabilitano i sistemi nemici anti-accesso/negazione d’area/A2/AD e utilizzano la conseguente libertà di manovra per raggiungere obiettivi strategici (vittoria), dopodiché sono costretti a tornare in competizione a condizioni più favorevoli per sé stessi.

In altre parole, si tratta di condurre operazioni speciali e sabotaggi appunto nelle retrovie dell’avversario o nel territorio da esso controllato. Gli Stati Uniti hanno un comando separato per le operazioni speciali e quindi è alquanto strano vedere il trasferimento delle loro priorità alle unità dell’esercito.

Il documento afferma che i principi delle operazioni multidominio si basano sul fatto che l’esercito risolve i problemi derivanti dalle operazioni cinesi e russe in condizioni di concorrenza e conflitto, applicando tre principi interconnessi: una disposizione verificata delle forze, formazioni multidominio e convergenza.

Una posizione di potere verificata è una combinazione di una posizione e della capacità di manovrare a distanze strategiche. Le formazioni multidominio hanno il potenziale, le capacità e la resistenza necessarie per operare in più domini in spazi contesi contro un avversario quasi uguale.

La convergenza è l’integrazione rapida e continua di capacità in tutte le aree, lo spettro elettromagnetico e l’ambiente informativo, che ottimizza gli effetti di superiorità sul nemico attraverso la sinergia tra i domini e molteplici forme di attacco, il tutto fornito dal comando di missione e dall’iniziativa disciplinata. I tre principi della soluzione sono complementari e comuni a tutte le operazioni multidominio, anche se le modalità di attuazione variano a seconda del livello e della specifica situazione operativa.

Secondo gli autori, le forze combinate dovrebbero sconfiggere gli avversari e raggiungere obiettivi strategici in condizioni di competizione, conflitti armati e durante il ritorno alla competizione. Questo passaggio richiama i vecchi regolamenti sul campo dell’esercito americano secondo cui la guerra non viene condotta solo durante un conflitto armato, ma anche prima, in uno stato di pace e dopo il ritorno in esso. Allo stesso tempo, non solo in relazione ai nemici, ma anche agli alleati e alle forze neutrali. Nel nuovo documento, lo stato del mondo è cambiato in competizione.

Il documento menziona la Russia 159 volte e la Cina (Cinese) 82, cioè due volte meno. Allo stesso tempo, altri Paesi che gli analisti americani amano collegare alla presenza o agli interessi della Russia, come Siria e Georgia, vengono utilizzati una volta e l’Ucraina tre. Taiwan non è affatto menzionata.

Ciò indica indirettamente che la protezione dell’Ucraina o della Georgia (così come di Taiwan) non è di interesse per gli Stati Uniti in quanto partner che hanno bisogno di essere aiutati. Il vero obiettivo è creare forze armate così capaci che saranno in grado di spezzare la difesa della Russia e/o della Cina.

Il documento descrive in dettaglio quali azioni sta conducendo e può condurre la Russia in caso di conflitto armato. Si noti che:

“il centro di gravità operativo per le azioni russe in competizione è la stretta integrazione di guerra dell’informazione, guerra non convenzionale e forze convenzionali. La capacità di impiegare tutti gli elementi in modo coordinato fornisce alla Russia un vantaggio crescente, in cui una qualsiasi reazione amichevole rischia una risposta più potente. All’interno della competizione, l’escalation più estrema è il passaggio al conflitto armato, che favorisce un avversario con la capacità di condurre un attacco compiuto con le proprie forze convenzionali. La capacità dimostrata di realizzare un fatto compiuto fornisce credibilità alle narrazioni informative russe. La combinazione di guerra dell’informazione, guerra non convenzionale e forze convenzionali e nucleari fornisce alla Russia uno stallo politico e militare all’interno del quale può garantire obiettivi strategici a meno di un conflitto armato con gli Stati Uniti. La guerra d’informazione e la guerra non convenzionale contribuiscono alla destabilizzazione della sicurezza regionale, ma di per sé non sono sufficienti per raggiungere tutti gli obiettivi strategici russi. Il vantaggio dell’escalation fornito dalle forze convenzionali integra la guerra dell’informazione e la guerra non convenzionale, consentendo alla Russia di mantenere l’iniziativa in competizione.” [3]

La menzione del fatto compiuto si riferisce chiaramente agli eventi del 2014 e al ritorno della Crimea alla Russia. E l’uso del termine “centro di gravità” indica la continuazione dell’uso del discorso caratteristico del pensiero strategico-militare statunitense degli anni ’90. In generale, ci sono molte pagine dedicate alla Russia, che descrivono le capacità tecniche militari e politiche dal punto di vista dell’esercito americano. Oltre a Russia e Cina, sono citati come minacce anche la Corea del Nord e l’Iran.

Tuttavia, cosa suggeriscono gli sviluppatori di operazioni multidominio per un ipotetico scenario di guerra con Russia e Cina?

In primo luogo, la necessità di condurre una manovra indipendente, pur continuando le operazioni in una situazione controversa nell’ambito di una campagna nel teatro delle operazioni:

“La manovra indipendente allude alla formazione che possiede la capacità, l’abilità e l’iniziativa autorizzata ad operare sotto i vincoli dell’ambiente operativo. Le formazioni multidominio possiedono capacità organiche di sostenersi e proteggersi fino a quando non riprendono il contatto con le unità adiacenti e di supporto. Sono abilitati da capacità come firme visive ed elettromagnetiche ridotte, canali ridondanti per comunicazioni rafforzati contro le interferenze nemiche, ridotta richiesta logistica, supporto medico potenziato, reti di supporto multiple, robuste capacità e abilità di supporto delle manovre e capacità di oscuramento multi-dominio. Brigate, divisioni e corpi, in particolare, richiedono capacità organiche di comando della missione, ISR e supporto per mantenere operazioni offensive per diversi giorni nonostante linee di comunicazione altamente contestate.” [4]

In secondo luogo, è un fuoco di combattimento tra domini:

“La capacità di impiegare scontri tra domini offre opzioni ai comandanti e crea resilienza all’interno delle Forze Congiunte per superare la separazione funzionale temporanea imposta dai sistemi nemici anti-accesso e di negazione d’area. Oltre alla difesa aerea e missilistica modernizzata e alle capacità di fuoco a terra a lungo raggio, le formazioni multidominio forniscono capacità di fuoco interdominio attraverso i sistemi aeronautici; sistemi di protezione avanzati, difesa aerea e ricognizione a strati, dispositivi di guerra elettronica; munizioni multispettrali fuse con sensori e capacità relative al cyberspazio, allo spazio e alle informazioni. Gli scontri tra domini includono le capacità ISR necessarie per impiegarli, che possono comprendere una combinazione di capacità organiche e accesso a risorse esterne. Gli scontri tra domini si combinano con i necessari progressi nella mobilità e nella letalità nelle future piattaforme aeree e terrestri, nelle reti di comunicazione e nell’elaborazione dei dati (velocità e volume) per fornire le capacità di manovra tra domini.” [5]

Nello studio si parla anche di migliorare le qualità del personale. C’è chiaramente un pregiudizio evidente nelle nuove tecnologie e un’enfasi sulla conoscenza necessaria nel personale:

“I sensori biotecnici che monitorano lo stato e i cambiamenti nelle prestazioni umane aumentano la comprensione delle unità da parte dei loro comandanti, informano sulle decisioni che riguardano il tempo e l’intensità delle operazioni e assistono le unità nel sostenere e rigenerare la forza fisica e psicologica. Le interfacce uomo-macchina, abilitate dall’intelligenza artificiale e dall’elaborazione dei dati ad alta velocità, migliorano il processo decisionale umano sia in termini di velocità che di precisione. L’impiego di capacità multi-dominio richiede all’esercito di attrarre, addestrare, trattenere e impiegare leader e soldati che possiedono collettivamente una notevole ampiezza e profondità di competenze tecniche e professionali.” [6]

Il documento [quindi] si concentra sulla convergenza e sulla sinergia tra domini, che riflette le precedenti strategie del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

“Il Joint Operational Access Concept (JOAC) propone di impiegare la sinergia tra domini – il vizio complementare meramente additivo per l’impiego di capacità in domini diversi in modo tale che ciascuno aumenti l’efficacia e compensi le vulnerabilità degli altri – per stabilire la superiorità in alcune combinazioni di domini che garantirà la libertà d’azione richiesta dalla missione.” [7]

Il concetto di accesso per operazioni combinate prevede un maggiore grado di integrazione tra domini e a livelli più bassi che mai.

Sfruttare la sinergia tra domini a livelli sempre più bassi sarà essenziale per creare un ritmo che spesso è cruciale per sfruttare fugaci opportunità locali per distruggere un sistema nemico. JOAC prevede inoltre un’integrazione più ampia e flessibile delle operazioni spaziali e del cyberspazio nello spazio di combattimento aereo, marittimo e terrestre tradizionale.

Questo concetto, a sua volta, si basa sul precedente “Capstone Concept for Joint Operations” (CCJO) [8].

Esso descrive un ambiente operativo futuro caratterizzato da incertezza, complessità e rapidi cambiamenti. Come soluzione a queste condizioni, CCJO offre un processo di adattamento operativo che include una combinazione dinamica di quattro grandi categorie di attività militari: operazioni di combattimento, sicurezza, interazione, soccorso di emergenza e recupero.

Direttamente durante lo svolgimento delle ostilità, si scommette sulla neutralizzazione dei sistemi di combattimento a lungo raggio del nemico (sistemi di difesa aerea, installazioni di missili balistici), tracciando la manovra delle truppe, raccogliendo ed elaborando rapidamente dati da diverse aree, colpendo le capacità di intelligence dall’altra parte e attaccando bersagli provenienti da sfere diverse (cioè l’uso sincrono di vari tipi di truppe e armi).

Il generale dell’esercito in pensione David Perkins, che era il capo del Training and Doctrine Command, ha affermato in un’intervista che il concetto di battaglia multi-dominio era chiamato “vecchio vino in una nuova bottiglia” o “battaglia aria-terra con steroidi”.

Una dottrina abbastanza vicina è il Joint Command and Control of All Domains (JADC2), un concetto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per collegare i sensori di tutti i servizi militari – Aeronautica, Esercito, Corpo dei Marines, Marina e forze spaziali – in un’unica Rete. Tradizionalmente, ciascuno dei servizi militari sviluppava la propria rete tattica, che era incompatibile con le reti di altri servizi (cioè le reti dell’esercito non potevano interagire con le reti della Marina o dell’Aeronautica Militare).

Funzionari del Dipartimento della Difesa hanno affermato che i conflitti futuri potrebbero richiedere che le decisioni vengano prese entro ore, minuti o potenzialmente secondi rispetto all’attuale processo di più giorni di analisi dell’ambiente operativo e di emissione di comandi. Hanno anche affermato che l’attuale gestione e struttura di gestione del Ministero è insufficiente per soddisfare le richieste della Strategia di difesa nazionale.

In uno studio del Congresso degli Stati Uniti su questo argomento, la tecnologia del servizio di condivisione di corse Uber viene fornita come analogia:

“Uber combina due diverse app: una per i passeggeri ed una seconda per i conducenti. Utilizzando le rispettive posizioni degli utenti, l’algoritmo Uber determina la corrispondenza ottimale in base alla distanza, al tempo di viaggio e i passeggeri (tra le altre variabili). L’applicazione fornisce quindi le indicazioni che i conducenti devono seguire per portare i passeggeri a destinazione. Uber si affida alle reti cellulari e Wi-Fi per trasmettere dati in modo da abbinare i passeggeri e fornire istruzioni di guida.” [9]

E le operazioni combinate in tutti i domini (JADO) sono un’evoluzione del concetto di operazioni multidominio (MDO). Si dice che:

“JADO incorpora l’enorme potenziale di una forza veramente integrata (il fulcro di MDO) e ne aggiorna il concetto incorporando alcuni aspetti cruciali di come la NATO aspira a condurre operazioni future. JADO sposta l’attenzione da ‘multidominio’, in cui i singoli servizi operano da decenni e lo rimette ad affrontare le sfide delle operazioni congiunte. Inoltre, considerando l’intreccio di sistemi e capacità interconnesse che abbracciano i domini negli eserciti all’avanguardia di oggi, si può sostenere che la nostra tradizionale strutturazione dei servizi basata sul loro principale dominio operativo potrebbe non essere molto utile in molti scenari futuri. È probabile che il vincitore emergerà come la forza in grado di manovrare facilmente dentro e attraverso tutti i domini in modo sincronizzato a una velocità che l’avversario non può eguagliare. Con queste considerazioni in mente, è facile concludere che dare troppo peso al dominio riduce l’enfasi sulla sfida congiunta di più servizi che lavorano insieme senza problemi in tutti i domini.” [10]

Guerra a mosaico

Nel 2017 negli Stati Uniti è stato annunciato il nuovo concetto di “guerra a mosaico”. Il termine è stato coniato da Thomas J. Burns, ex direttore dell’Office of Strategic Technology della DARPA, e dal suo ex vice, Dan Patt.

Questa teoria è fondamentalmente diversa dal tradizionale modello del “sistema di sistemi”, che Burns e Patt considerano errato, poiché spesso limita intrinsecamente adattabilità, scalabilità e compatibilità.

In un’intervista, Patt ha detto:

“Il termine ‘sistema di sistemi’ è spesso usato per descrivere le capacità, che sono state progettate fin dall’inizio per lavorare insieme e funzionare nel loro insieme, anche se ci sono più parti costituenti, simili al concetto di un puzzle, in cui molti pezzi appositamente progettati si incastrano in modo univoco per formare un’immagine completa. L’applicazione dei processi classici di ingegneria e convalida ad un ‘sistema di sistemi’ può portare all’impossibilità di apportare futuri adattamenti al sistema, poiché ogni parte è progettata e integrata in modo univoco per ricoprire un ruolo specifico, nonché lunghe tempistiche di sviluppo ingegneristico necessarie per affrontare come ogni cambiamento influisca sull’intero sistema. La guerra a mosaico prevede una capacità compositiva dal basso verso l’alto, in cui i singoli elementi (sistemi esistenti o nuovi), come le singole tessere di un mosaico, sono combinati per creare un effetto in modi non contemplati in precedenza, potenzialmente in modo dinamico. Questo concetto ha lo scopo di rivoluzionare i cicli temporali e l’adattabilità delle capacità militari.” [11]

Il punto chiave sarà l’unificazione di unità con equipaggio e senza pilota, la separazione delle capacità e la fornitura di comandanti con la capacità di provocare liberamente azioni dal mare, da terra o dall’aria, a seconda della situazione e indipendentemente da quale delle forze armate fornisce una tale opportunità.

Un esempio nel campo dell’aviazione è una serie di velivoli senza pilota che accompagnano una tipica formazione da combattimento di quattro caccia. Uno dei robot schiavi potrebbe essere lì solo per bloccare i radar o utilizzare altri mezzi di guerra elettronica.

L’altro potrebbe avere un carico utile per l’arma. Il terzo potrebbe avere un pacchetto di sensori e il quarto potrebbe fungere da esca. Invece di quattro punti sul radar, il nemico ne vede otto e non ha idea delle opportunità che ciascuno di essi offre [12].

In un altro esempio, il gruppo di operazioni speciali “A” dietro le linee nemiche scopre un oggetto precedentemente sconosciuto per il lancio di missili terra-aria. Riferisce la sua posizione via radio e il sistema di comando e controllo cerca automaticamente il mezzo migliore per distruggere il bersaglio. Può essere la brigata dell’esercito più vicina, un sottomarino o un combattente di pattuglia. Viene inviato un comando e viene chiamata la piattaforma migliore per completare l’attività per l’attacco.

Il problema è che ciascuna di queste piattaforme è attualmente creata per la propria specifica missione. Un’altra sfida è far lavorare insieme molti elementi diversi e flessibili.

Sembra che il concetto stesso sia nato da problemi con l’incompatibilità di alcune apparecchiature militari negli Stati Uniti. Ad esempio, gli F-22 Raptor e gli F-35 Joint Strike prodotti dalla stessa società Lockheed Martin si sono rivelati avere canali di trasmissione dati incompatibili.

In generale, secondo la sua idea [di Patt], la guerra a mosaico è simile ad altri concetti alla moda sulle operazioni di combattimento, come “sistemi di sistemi” o operazioni congiunte multidominio.

Il corso del confronto

In generale, si vedono modelli abbastanza simili che differiscono in alcuni dettagli. Come affermato in uno studio recente:

“I concetti di guerra futura come Mosaic, Joint All Domain Command and Control (JADC2) e Advanced Battle Management System (ABMS) dell’Air Force si baseranno tutti su reti di informazioni e programmi di integrazione avanzati basati su software come loro fondamento operativo. Il successo nei conflitti di domani dipenderà in gran parte da come i guerreggianti saranno in grado di sfruttare e adattare qualsiasi cosa, dai sistemi di missione sugli aerei ai pacchetti di sensori, alle reti e agli aiuti alle decisioni. Per prevalere in uno spazio di battaglia dinamico e conteso, i combattenti devono essere in grado di riprogrammare e riconfigurare i loro sistemi d’arma, sensori e reti.” [13]

È possibile che nel prossimo futuro queste dottrine e concetti si trasformino in qualcosa di nuovo. I lavori su tutto questo sono già in corso. Lo studio del Consiglio Atlantico (organizzazione dichiarata indesiderabile nella Federazione Russa), preparato come bozza per la futura strategia di difesa nazionale degli Stati Uniti e pubblicato a dicembre 2021, individua quattro punti chiave che, secondo gli autori, dovrebbero essere accolti come un imperativo per gli Stati Uniti e i partner della NATO.

“Il Dipartimento della Difesa deve competere ora e impegnarsi in azioni offensive di guerra ibrida. Gli Stati Uniti devono rispondere laddove la concorrenza con Cina e Russia si sta verificando oggi, principalmente svolgendo un ruolo rafforzato nella competizione in zona grigia. Di conseguenza, il Pentagono deve abbracciare il paradigma della competizione come continuum dalla cooperazione attraverso la competizione al conflitto armato. Ma abbracciare il continuum non è sufficiente: il Dipartimento della Difesa, lavorando ove appropriato con partner interagenzia, deve difendersi in modo più aggressivo e intraprendere azioni offensive in zona grigia, coerenti con i valori americani. Cogliere il vantaggio articola il concetto di un continuum competitivo e avanza raccomandazioni per il DoD per modellare l’ambiente informativo e competere nel cyberspazio. I futuri combattimenti devono essere congiunti, combinati e in tutti i domini. Il conflitto in futuro richiederà una migliore integrazione di tutti i servizi militari statunitensi e si svolgerà a terra, in mare, nell’aria, nello spazio e nel cyberspazio e attraverso lo spettro elettromagnetico. Deve anche essere condotto in stretto coordinamento con alleati e partner, che collettivamente costituiscono uno dei maggiori vantaggi degli Stati Uniti nei confronti delle maggiori potenze concorrenti. È necessario un nuovo concetto operativo che abbracci questo futuro campo di battaglia. Cogliere il vantaggio introduce il “Concetto di combattimento combinato” (CWC), un concetto di combattimento di tutti i domini, congiunto e combinato che abbraccia il ruolo, le capacità e le capacità di alleati e partner sin dall’inizio. Il Dipartimento della Difesa deve costruire la forza per dominare i conflitti armati del futuro. Il futuro campo di battaglia sarà incentrato sui dati, connesso in rete e frenetico. Sia gli Stati Uniti che i suoi concorrenti strategici stanno investendo pesantemente in armi rivoluzionarie, cinetiche e non cinetiche, inclusi veicoli di consegna ipersonici, sistemi di combattimento autonomi, a energia diretta e strumenti informatici. Mentre queste armi renderanno più facile neutralizzare o distruggere bersagli, trovare quei bersagli sarà la sfida più urgente. Pertanto, è probabile che le guerre del futuro vengano vinte dalla parte che può sfruttare al meglio i dati disponibili in tutti i domini e negare all’avversario la possibilità di fare lo stesso. Cogliere il vantaggio articola chiare priorità di investimento per costruire quella forza e priorità di disinvestimento per permettersela. Il Dipartimento della Difesa deve riequilibrare la sua posizione di forza da un modello incentrato sul comando centrale a un modello più orientato a livello globale. Poiché gli Stati Uniti spostano la loro attenzione generale dall’antiterrorismo alla concorrenza strategica, la loro posizione di forza globale deve cambiare di conseguenza. L’era dei numerosi e lunghi schieramenti a rotazione nell’area di responsabilità del comando centrale è finita. In alternativa, cogliere il vantaggio introduce un modello di postura equilibrato, differenziato e “reticolato” che sposterebbe i tipi di risorse necessari nell’Indo-Pacifico e in Europa e si baserebbe su una struttura di difesa più strettamente collegata con alleati e partner, mitigando così il rischio di riequilibrio degli Stati Uniti.” [14]

In generale, se il riequipaggiamento tecnico delle forze armate statunitensi è una questione di routine della capacità di difesa, che dipende da nuovi tipi di armi, allora gli accenti geopolitici su un possibile teatro di operazioni e futuri oppositori sono una scelta politica. E le dottrine attuali indicano che Washington è pronta per il confronto.

Di Leonid Savin, Geopolitica.ru

Traduzione di Costantino Ceoldo, ComeDonChisciotte.org

NOTE

[1] “The U.S. Army in Multi-Domain Operations 2028”. TRADOC Pamphlet 525-3-1. U.S. Army Training and Doctrine Command, 6 dicembre 2018.

[2] Ididem, pag. 6

[3] Ididem, pag. 11

[4] Ididem, pag. 19

[5] Ididem

[6] Ididem, pag. 20.

[7] Joint Operational Access Concept (JOAC). Department of Defence, 17 gennaio 2012.

https://dod.defense.gov/Portals/1/Documents/pubs/JOAC_Jan%202012_Signed.pdf

[8] Department of Defence, Capstone Concept for Joint Operations, v3.0, 15 Jan 2009.

[9] Joint All-Domain Command and Control (JADC2). Congressional Research Service, 1 luglio 2021.

https://sgp.fas.org/crs/natsec/IF11493.pdf

[10] “All-Domain Operations in a Combined Environment”

https://www.japcc.org/portfolio/all-domain-operations-in-a-combined-environment/

[11] Stew Magnuson, “DARPA Pushes ‘Mosaic Warfare’ Concept” // National Defence, 16 novembre 2018.

https://www.nationaldefensemagazine.org/articles/2018/11/16/darpa-pushes-mosaic-warfare-concept

[12] Brad D. Williams, “DARPA’s ‘mosaic warfare’ concept turns complexity into asymmetric advantage” // Fifth Domain, 14 Agosto 2017.

https://www.fifthdomain.com/dod/2017/08/14/darpas-mosaic-warfare-concept-turns-complexity-into-asymmetric-advantage/

[13] David A. Deptula, Heather Penney, “Speed is Life: Accelerating the Air Force’s Ability to Adapt and Win”, Policy Paper, Vol. 28, luglio 2021, pag. 1

[14] Clementine G. Starling, Lt Col Tyson K. Wetzel, and Christian S. Trotti, “SEIZING THE ADVANTAGE: A Vision for the Next US National Defence Strategy”. Washington: Atlantic Council, dicembre 2021, pag. 21

link fonte: https://www.geopolitica.ru/en/article/key-us-military-concepts

14.02.2022

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x