Commonpass, Il primo passaporto digitale COVID al mondo per i viaggiatori, finanziato dalla Rockefeller Foundation

Davide Donateo

Databaseitalia.it

 

A partire dalla prossima settimana, due importanti compagnie aeree, United e Cathay Pacific, inizieranno le prove a Heathrow, Londra, con un nuovo software per smartphone che funge da passaporto sanitario digitale per i viaggiatori.

“CommonPass”, che attualmente offre ai viaggiatori la possibilità di portare con sé la prova digitale di un recente test COVID-19 negativo, mira a includere la prova della vaccinazione quando questa diventa disponibile, consentendo ai passeggeri semplicemente di attraversare le frontiere e imbarcarsi sui voli commerciali lasciando un codice QR scansionabile sul proprio telefono cellulare personale.

CommonPass, soprannominato il “primo passaporto COVID al mondo” dal London Daily Mail , è stato sviluppato dal “Commons Project”, un “fondo pubblico senza scopo di lucro istituito per costruire piattaforme e servizi per migliorare la vita delle persone in tutto il mondo” e “sbloccare il pieno potenziale della tecnologia e dei dati per il bene comune (?) “. La sua pagina principale rivela che “è stato istituito con il sostegno della Fondazione Rockefeller“.

Il CommonPass stesso è stato sviluppato dal Commons Project con l’aiuto del World Economic Forum (WEF), sotto la cui guida i massimi leader del governo e delle aziende che si riuniscono ogni anno al vertice di Davos in Svizzera per parlare di questioni di governance globale.

Il CommonPass viene pubblicizzato come un’applicazione all’avanguardia che consentirà alle persone di tutto il mondo di riprendere i viaggi aerei in proporzioni “pre-COVID”, fornendo alle autorità di tutti i paesi l’accesso a informazioni sicure e verificate che saranno difficili forgiare, consentendo allo stesso tempo l’identificazione del viaggiatore. I passeggeri stessi, sottolinea (WEF) in un video promozionale , godranno della “privacy” che CommonPass offre loro, poiché condivideranno solo determinate informazioni sulla salute.

La verità della questione suggerita da questa nuova app mondiale è, ovviamente, che le regole con implementazione globale consentiranno il controllo di tutti i potenziali viaggiatori (da paese a paese, da città a città) per quanto riguarda il loro status COVID-19.

Al momento, un test “positivo” vieta efficacemente ai viaggiatori di attraversare determinati confini e di salire a bordo di determinati aeromobili, anche se i risultati sono stati ottenuti dal test PCR notoriamente impreciso (o tampone nasale).

Il World Economic Forum e altri organismi internazionali stanno rendendo sempre più chiaro che quando un vaccino verrà sviluppato, molto probabilmente diventerà un prerequisito per il viaggio.

Questa non è una situazione del tutto senza precedenti: un certo numero di paesi subtropicali richiede un certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per consentire ai viaggiatori di entrare nei loro confini. La novità è che il vaccino COVID-19, se e quando arriverà, porrà molte domande, non solo mediche. Da un lato, sembra improbabile che siano stati completati adeguati test di sicurezza vista la fretta di commercializzare il più rapidamente possibile. Inoltre, la sua efficacia contro un virus mutante è tutt’altro che certa. Inoltre, COVID-19 ha un basso tasso di mortalità rispetto ad altre malattie come la febbre gialla.

Abbiamo parlato più volte di questo cupo ma possibile scenario: “Il vaccino sarà imposto e obbligatorio – in modo che non si possa lavorare, viaggiare, andare a scuola senza di esso, obbligando l’intera popolazione a riceverlo, ma l’unico vaccino sarà quello realizzato con cellule fetali abortive, il che pone anche un quesito morale. Questo è in definitiva un passo decisivo verso la realizzazione del governo mondiale. Dobbiamo opporre tutte le nostre resistenze contro questo, se arriva.

Anche se questo scenario peggiore non dovesse verificarsi, imporre un vaccino potenzialmente pericoloso per fermare la diffusione di un virus non così pericoloso porta con sé la possibilità di una distopia di tipo comunista in tutto il mondo attraverso l’assistenza del moderno monitoraggio e sorveglianza e tecniche di identificazione. La Cina ha già un accordo del genere attraverso il suo sistema di “punteggio sociale”, che dà cattivi voti a cattivi pagatori, persone che screditano la Cina comunista, persone che vanno su siti Internet vietati e altri “disobbedienti” privandoli del diritto di usare aerei, treni veloci, comprare casa, andare in hotel o ristoranti di lusso o iscrivere i propri figli a scuole private.

 

Fonte: https://www.databaseitalia.it/commonpass-al-via-il-primo-passaporto-digitale-covid-al-mondo-per-i-viaggiatori-finanziato-dalla-rockefeller-foundation/