Commento ufficiale del Ministero degli Esteri russo sulle nuove sanzioni

La pressione delle sanzioni non è in grado di intaccare la determinazione della Russia a difendere con fermezza i propri interessi.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Questa mattina è arrivata la risposta ufficiale del Cremlino alle nuove sanzioni anti-russe che gli Stati Uniti hanno varato successivamente al riconoscimento delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk.

Il Ministero degli Esteri russo ha voluto mostrare i muscoli e l’orgoglio nazionale, sottolineando che nonostante questo sia il 101° pacchetto consecutivo di sanzioni made usa – che questa volta colpiscono soprattutto il settore finanziario – la Russia ha sempre dimostrato di essere in grado di poter farne fronte, ed anzi è pronta una risposta forte e misurata a tutto ciò.

“Nonostante l’evidente futilità degli sforzi compiuti negli anni per ostacolare lo sviluppo della nostra economia, gli Stati Uniti tornano ad avvalersi di riflesso di strumenti restrittivi, inefficaci e controproducenti dal punto di vista degli interessi americani.

La Russia ha dimostrato che, con tutti i costi delle sanzioni, è in grado di ridurre al minimo i danni. E ancor di più, la pressione delle sanzioni non è in grado di intaccare la nostra determinazione a difendere fermamente i nostri interessi.
Affermiamo che nell’arsenale della politica estera americana, prigioniera degli stereotipi di un mondo unipolare con la falsa convinzione che gli Stati Uniti abbiano ancora il diritto e possano imporre a tutti le proprie regole dell’ordine mondiale, non ci sono altri mezzi rimasti oltre a ricatti, intimidazioni e minacce. Per quanto riguarda le potenze mondiali, principalmente la Russia e altri attori internazionali chiave, questo non funziona. Che le ‘sgridate’ gli USA le facciano ai loro satelliti e clienti che hanno perso completamente la loro indipendenza. Noi siamo aperti alla diplomazia basata sui principi del rispetto reciproco, dell’uguaglianza e della considerazione dei reciproci interessi.

Non ci dovrebbero essere dubbi che alle sanzioni verrà data una risposta forte, non necessariamente simmetrica, ma misurata e sensibile per la parte americana.”, ha sottolineato il ministero.

Massimo A. Cascone, 23.02.2022

Fonte: https://tass.ru/politika/13820203

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
9 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
9
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x