Home / ComeDonChisciotte / COME PERMETTERE IL MALE: I VOLONTEROSI CARNEFICI DI BUSH

COME PERMETTERE IL MALE: I VOLONTEROSI CARNEFICI DI BUSH


DI PAUL CRAIG ROBERTS

Nel 1996 Daniel Jonah Goldhagen ha pubblicato un libro dal titolo: “I volonterosi carnefici di Hitler: la gente normale e l’Olocausto.” (Mondadori,1997 ndr) La tesi che sosteneva era che l’assassinio di massa degli ebrei non era stata un’opera condotta in silenzio da pochi fanatici nazisti. Al contrario, secondo Goldhagen, la gente normale con la sua complicità aveva partecipato allo sterminio.

In altre parole, anche il popolo tedesco nel suo insieme era colpevole, perché aveva accettato e permesso lo sterminio di un intero gruppo etnico.

La tesi di Goldhagen ha comunque avuto un viaggio travagliato. I giornali del Terzo Reich non parlavano di quello che accadeva nei campi. Pochi tedeschi avevano la possibilità o la volontà di rischiare d’ascoltare la radio inglese, la quale non aveva inviati che potessero confermare le voci che circolavano a proposito dello sterminio. Quando l’Olocausto era in azione ormai Hitler e la Gestapo avevano messo sotto ferreo controllo sia i cittadini tedeschi che l’esercito. La potente macchina da guerra tedesca era diventata una vittima della follia nazista e con la Russia stava ingoiando un boccone più grosso di lei. L’opposizione a Hitler sorse all’interno della cerchia militare. I vari attentati preparati dai militari fallirono tutti quanti.


L’odierna situazione in America è completamente diversa dalla Germania del tempo di guerra. In America esiste ancora una certa stampa libera anche se si tratta di una stampa aziendale lecchina e senza forza né coraggio. Esiste una forza di opposizione anche se si tratta di una opposizione fasulla. Bush non è un dittatore anche se un Congresso supino gli ha consentito di accumulare potere a favore dell’ esecutivo e a spese sia delle libertà civili che della separazione dei poteri stabilita dalla Costituzione. Agli americani arriva un abbondante flusso di notizie sia per mezzo della stampa straniera sia per mezzo di Internet. Esistono i rapporti degli ispettori dell’ONU sulle armi, la testimonianza degli esperti, e ora anche i documenti segreti del governo inglese trapelati e pubblicati dal Sunday Times di Londra. Questi documenti rivelano che il governo inglese considerava l’invasione premeditata dell’Irak come illegale ed era preoccupato perché il primo ministro Blair e i suoi ministri potevano essere accusati di crimini di guerra partecipando ad una scoperta aggressione. I documenti rivelano che la decisione di Bush di invadere l’Irak non aveva nulla a che fare con le motivazioni che erano state fornite al Congresso e al popolo americano e che le “fonti di spionaggio” citate per giustificare l’invasione erano state aggiustate e falsificate.

Allora, se i tedeschi erano complici, come dice Goldhagen, come faranno gli americani ad evitare l’accusa di complicità per i crimini di Bush in Irak dal momento che siamo a conoscenza di tutti questi dannati fatti e abbiamo il potere di impeachment? Perché gli americani tollerano un bugiardo e un criminale di guerra come loro presidente?

Perché il Congresso ha votato ancora altro denaro per una guerra illegale basata sull’inganno?

Perché l’esercito americano permette che le sue risorse umane e fisiche vengano sperperate in una guerra senza scopo priva di un piano strategico di vittoria e un calendario di ritiro?

Come può l’America essere dominata da un presidente inetto che ha perso ogni senso di sé, del suo onore e del suo scopo?

Gli americani sono complici della morte e delle mutilazioni di migliaia di soldati americani senza una motivo valido. Gli americani sono complici della morte di decine di migliaia di donne e di bambini iracheni, quali “effetti collaterali.” Nessuno conosce il loro numero esatto perché l’amministrazione Bush non ritiene che la vita degli iracheni valga la pena di essere contata.

La guerra ingannevole di Bush ha devastato l’Irak. Le città e i paesi sono in rovina. Le infrastrutture sono distrutte. Metà della popolazione è senza lavoro. L’inquinamento e le malattie fanno strage.

Continuando a difendere le bugie di Bush, i salotti radio di estrema destra, la “News” della Fox, il Weekly Standard, il National Review, il Wall Street Journal, il NY Post, il NY Sun e il resto della organizzazione neo-con diventano i carnefici volontari di Bush. I mezzi di informazione neo-con non sono diversi dalla macchina propagandistica del regime nazista. I loro mezzi diffondono lo stesso odio e la stessa sete di sangue: bisogna uccidere gli iracheni, invadere la Siria, bombardare l’Iran, considerare di usare “bombe nucleari adattabili” per piegare i mussulmani, uccidere i traditori americani che osano criticare il nostro furher, piegare il mondo alla nostra volontà eccezionale.

Quanta vergogna e complicità sono disposti a permettere ancora gli americani prima di dire “Basta!” a Bush a ai suoi neo-con e rimuovere dal suo ufficio questo criminale di guerra che ha infangato il buon nome dell’America?

Paul Craig Roberts can be reached at: [email protected]

Fonte:www.informationclearinghouse.info
Link:http://www.informationclearinghouse.info/article9147.htm

14.06.05

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da VICHI

Pubblicato da Vichi genio

  • eresiarca

    Se uno legge i libri di Kleeves non si stupisce del comportamento della maggioranza degli americani.
    Difatti il titolo del suo ultimo libro è “Un paese pericoloso”, non “Un governo pericoloso”.
    Domanda più che legittima quella posta da Roberts, dunque, con l’unico neo che all’inizio veicola ancora l’equivoco dell’ “Olocausto” con la “O” maiuscola (per ricondurre la questione olocaustica ad una dimensione razionale avevo scritto un articolo, pubblicato su questo sito).

  • frankbach

    http://www.nexusitalia.com/nexus_new/index.php?option=com_content&task=view&id=138&Itemid=100
    MANIPOLAZIONI CLIMATICHE MEDIATICHE di Simone Colzani
    giovedì 17 febbraio 2005
    Il nesso fra scie chimiche e trasformazioni climatiche sembra essere ormai accertato, almeno a livello di coincidenza temporale, da diversi…

    osservatori in tutto il mondo. In Italia, la situazione sembra oltremodo tragicomica, schiacciati fra le ipocrite promesse di presunti alleati americani e le malefatte di detti alleati. Mentre vi scrivo, la neve (copiosa) ha investitola mia zona (la battistiana Brianza velenosa) e mi fa sentire meno (almeno per ora) il problema siccità.

    Tuttavia, non posso dimenticare che, prima di quest’ultima settimana, strani disegni si affacciavano sopra di me, tracciati da aerei che effettuavano la “semina del cielo”. Una cosa talemente evidente che tante persone, sapendomi appassionato di cospirazioni e misteri, mi chiedevano che cosa fossero… Potete immaginare le mie risposte, corredate dalle tante fotografie da me scattate oppure inviatemi da amici; già, ma se il colpevole è noto (in special modo nelle zone di stanza delle sue basi), perchè spendere miliardi di euro per un’operazione così evidente e rischiosa? Evidentemente Bush e il suo gruppo di criminal-politici (la junta tratteggiata da Gore Vidal) si sono imbarcati in una ridefinizione degli assetti geopolitici mondiali, con una serie di progetti dispendiossimi per il contribuente USA.

    A questo proposito, mi sono appena addentrato nella lettura del Terzo Libro Nero, ossia dopo quelli del Comunismo e del Capitalismo, quello degli USA: lì si possono capire appieno i profili degli attori di questa tragicommedia: gli USA (i poteri forti) che distruggono l’Iraq (con le infrastrutture costruite dalla Halliburton di Dick Cheney), per poi lucrarci riedificandolo ex novo. Scie chimiche in tutta Europa come monito per i non allineati: o comprate da noi (le nostre multinazionali) o patite fame e sete come Tantalo all’Inferno… Gli stessi Americani (la gente comune) presi in mezzo dalla contraddizione del Sogno Americano: niente diritti sociali (assicurazione sanitaria), ma MacDonald’s e Viagra per quasi tutti… E questi cattivoni barbuti (Al Qaeda o i Castristi?) vogliono annullare il nostro “Paradiso in Terra”!!!

    Torniamo a noi, alle scie chimiche e alle manipolazioni climatiche, l’unica altra nazione sul globo che dispone della tecnologia per contrastare gli USA è…. rullo di tamburi… il vecchio orso sovietico, pardon la Russia ripulita di Putin, commensale del nostro Cav. On. Silvio Berlusconi! Dubito fortemente, tuttavia, che l’ex agente KGB (no, tranquilli nessuna lista Mitrokhin) possa porsi in diretto scontro frontale con gli USA… Almeno non per ora, almeno con le elezioni alle porte e con la Cecenia spina nel fianco, visti i recenti giochetti capitatigli negli ultimi tempi.

    Un ulteriore guaio (come se non ne avessimo abbastanza) è il pericolo trizio, che, come scrivevo sul penultimo numero di Nexus, è un isotopo radioattivo dell’idrogeno: la manipolazione del clima mediante questo scarto dei processi di fissione nucleare (e le scie, composte presumibilmente di materiale radioattivo), risulta notevolmente più “facile”… A questo punto, come direbbe il dott. Marotta, che di fatto ha scopechiato un bel calderone, “L’opera più grande del Diavolo è aver fatto credere di non esistere”: pensate a quei black-out… e ricordatevi del referendum del 1987 che ha abolito l’energia atomica in Italia… Qualcuno vorrebbe farci riedificare altre bombe ad orologeria nel nostro Paese? I nostri Governanti perseguono interessi diversi da quelli tratteggiati dalla Costituzione? In entrambi i casi la risposta è… pensateci su, e poi fatemi sapere…