COME DELLE GITE SCOLASTICHE A HEBRON ASSOMIGLIANO ALLE VISITE AD AUSCHWITZ

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI GIDEON LEVY
haaretz.com


Così come al ritorno dai viaggi sponsorizzati dallo Stato ad Auschwitz, gli studenti ebrei torneranno da Hebron sentendosi più nazionalisti che mai.

Più della metà degli scolari ebraici in Israele hanno visitato Auschwitz; ogni anno più di 10.000 fanno un viaggio in Polonia o alla Marcia della Vita, un pellegrinaggio nei campi di sterminio. Tornano scioccati e nazionalisti. Questi tour inducono in errore gli studenti piangenti per un momento in cui si avvolgono nella bandiera nazionale, prima e dopo aver buttato giù un Vodka Red Bull nelle loro camere.

Questi programmi riportano indietro migliaia di ragazzi che nulla hanno imparato circa il pericolo del fascismo, che non hanno sentito nulla della morale, dell’umanità e della china scivolosa su cui un regime pericoloso potrebbe abbattere una società compiacente. Solo la fede più cieca nella forza, la xenofobia, la paura di altre e infiammate passioni. Quindi, nella loro forma attuale, queste visite sono opportunità perse il cui danno è maggiore della loro utilità.

Nella foto: studente ebreo ad AuschwitzOra il ministro dell’Istruzione Gideon Sa’ar vuole aggiungere una visita alla Tomba dei Patriarchi a Hebron. Migliaia di ragazzi saranno portati in autobus blindati nella zona di pericolo, accompagnati da soldati e guardie del corpo armate. Un safari a Hebron. Durante la visita, il coprifuoco sarà imposto agli ultimi palestinesi lasciati nel quartiere. Gli studenti saranno spinti frettolosamente nell’antico sito che si ritiene essere la grotta di Machpelah – le tombe dei patriarchi e matriarche che non sono probabilmente sepolti là. Nessuno mostrerà loro quello che c’è intorno. Nessuno dirà loro che cosa è accaduto alle migliaia di persone che vivevano vicino alla tomba.

Le loro guide, le più atroci e violente dei coloni nei territori, non diranno loro che cosa hanno fatto. Essi discuteranno la storia del luogo con selettività sionista. Racconteranno loro del massacro di Hebron del 1929, ma non del massacro di Baruch Goldstein del 1994. Gli studenti vedranno un quartiere fantasma intorno a loro e non chiedere perché è abbandonato, e di chi avevano paura gli abitanti quando sono fuggiti.

Anche qui, come ad Auschwitz, li spaventeranno solo sempre di più. Ad Auschwitz saranno atterriti dai polacchi e a Hebron dagli arabi. Tutti vogliono sempre annientarci. Torneranno da Hebron eccitati per aver toccato le pietre antiche e ancora di più accecati dal non aver toccato le persone che vivevano accanto a quelle pietre. Essi non vedranno nulla e non imparareranno nulla. Come ad Auschwitz, torneranno a casa ancora di più nazionalisti: Hebron per sempre, e la forza delle armi.

Dopo tutto, che cosa avranno da raccontare? Quali sono i messaggi nascosti? Che la santità del luogo significa sovranità. Che il luogo è sacro per noi, ma solo a noi. Che vi è Abramo, ma non Ibrahim. Che il fatto che in questo luogo c’è storia ebraica deve “santificarlo”, anche agli occhi degli studenti laici, che si suppone non hanno nulla a che fare con qualcosa di sacro. Una moltitudine mista di invenzioni, propaganda e messaggi diseducativi.

Se il ministro dell’istruzione fosse fedele al suo lavoro e alla sua immagine come ministro relativamente illuminato, avrebbe organizzato un vero tour di Hebron. Un programma “saliamo a Hebron”? In effetti, ma a condizione che sia tutto incluso: la tradizione ebraica e l’ingiustizia ebraica.

Ciò non accadrà, naturalmente. Se Sa’ar erano onesti, avrebbe anche incoraggiato dei tour del patrimonio culturale per i bambini della scuola araba in questo paese. Lasciate che i bambini ebrei vadano ad Auschwitz e Hebron, e quelli arabi a Deir Yassin e Sheikh Munis. Anche loro si meritano di conoscere la storia del loro popolo e del loro paese. Sarebbe meglio se tutti i scolari israeliani, ebrei e arabi, andassero in tutti quei siti del patrimonio culturale, apprendendo la reciproca sorte. Né una né l’altra cosa accadrà, naturalmente. Invece, abbiamo un ministro dell’istruzione che cerca di avere tutto: sedersi come un liberal al Cafe Tamar di Tel Aviv col laburista MK Shelly Yachimovich, e, come un nazionalista, inviare studenti in viaggio alla Tomba dei Patriarchi occupata.

Ma il problema, ovviamente, non è chi è ministro dell’istruzione. Il problema è quello che stiamo istillando nei nostri studenti, dove stiamo portando loro (e noi stessi) e quello che stiamo dicendo loro lì. Gli studenti di ritorno dalla gita annuale a Hebron saranno studenti peggiori. Impareranno a toccare la storia e a nascondersi dalla realtà. Essi credono che Abramo, il patriarca, è stato sepolto per migliaia di anni a Hebron, ma non impareranno nulla di giustizia e di umanità, che vi sono sepolti un migliaio di volte più profondamente.

Gideon Levy
Fonte: www.haaretz.com
Link: http://www.haaretz.com/print-edition/opinion/how-school-trips-to-hebron-resemble-visits-to-auschwitz-1.343873
17.02.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cuar di ETTORE MARIO BERNI

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
29 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
29
0
È il momento di condividere le tue opinionix