Home / ComeDonChisciotte / CI TOCCHERA' RIMPIANGERLO

CI TOCCHERA' RIMPIANGERLO

DI MASSIMO FINI
ilfattoquotidiano-it

Il regime di Silvio Berlusconi, che sembrava eterno come il suo protagonista, é caduto sulla Carlucci (” Ahi, ahi, signora Longari…”). Una fine nell’avanspettacolo così com’era cominciato. Nessuna Götterdammerung. Un’uscita di scena senza epica, senza grandezza, senza nemmeno quell’aura di dramma che ha segnato la caduta di altri prim’attori della storia politica italiana, recente e passata.

Semplicemente un mesto rientro fra le quinte del copocomico di uno show-spazzatura (in questo la Carlucci assume un valore simbolico) durato diciassette anni in quel perenne Bagaglino che é diventata l’Italia. Diciassette, lunghi, lunghissimi anni. Una vita. La nostra vita. Uscito di scena il capocomico non ci libereremo tanto presto del berlusconismo.Ha infettato profondamente le fibre della nostra società, di coloro che l’hanno sostenuto, di quelli che l’hanno combattuto o hanno fatto finta di farlo e anche di quelli che hanno assistito, attoniti, alla distruzione della dignità nazionale, di ogni cultura che non fosse la subcultura televisiva, all’abbattimento definitivo di quel poco di senso della legalità che era rimasto nel popolo italiano, al capovolgimento di ogni logica, anche la più elementare, quella aristotelica, binaria che usiamo nei nostri computer (é ciò che Marco Travaglio chiama “il mondo alla rovescia”), all’onestà e alla coerenza ridotte a ridicoli tic di pochi, poveri, idioti, alla menzogna sistematica e alla spudoratezza elevate a virtù, politiche e personali, alla volgarità divenuta uno stile di vita collettivo.

Tuttavia sarebbe ingiusto, e anche poco credibile, addebitare tutto questo al solo Silvio Berlusconi. E’ vero che il Cavaliere, detentore per più di tre lustri dell’intero comparto televisivo privato nazionale, ha avuto modo di preparare il terreno per educarci alla sua subcultura, ma é anche vero che gli italiani non aspettavano altro con la fede con cui il credente ingoia l’ostia consacrata. Comunque, tranquilli: non cambierà nulla.

Gli uomini politici si stan già riposizionando per spartirsi al meglio le spoglie dell’impero berlusconiano. E’ tornato all’onor del mondo persino Scajola, vezzeggiato dalla sinistra perché ha contribuito a indebolire il Cavaliere. I partiti continueranno ad occupare arbitrariamente e illegittimamente la Rai, mantenendovi i loro vassalli (i vecchi mascheroni di sempre, alla Vespa) o aggiungendovene dei nuovi che con tutta probabilità saranno, anche se si fa fatica a crederlo, più fedelmente canini dei primi.

Tutto ciò sarà chiamato ‘discontinuità’. Il Presidente Napolitano, vecchio topo di segreterie, continuerà a squittire su un’unità nazionale che non é mai esistita, se non, forse, durante il fascismo, e si arrogherà il merito, sottraendolo alla Carlucci, di aver fermato l’energumeno, mentre avrebbe dovuto farlo molto tempo fa, perlomeno tutte le volte che il premier dichiarava, in Italia e all’estero, come fosse cosa da nulla, una bagatella, che “la Magistratura é peggio della criminalità”.

In quanto agli intellettuali, che sono i veri traditori (‘Le trahison des clercs’ per dirla con Julien Benda) perché il loro compito non é quello di aggiogarsi, come pecore, a questo o a quel partito, ma di cercare, nei limiti del possibile, di chiarire le idee alla gente invece di confondergliele, é già da qualche mese che, fiutato il vento, si stanno smarcando.

Avremo un’Italia berlusconizzata senza Berlusconi. Che almeno, qualche volta, ci faceva divertire. E’ c’é qualcuno, fra i suoi avversari, che lo sta già rimpiangendo.

Massimo Fini
Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
12.11.2011

______________________________________________________

La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori e in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere ritenuto responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi.
La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

– messaggi non concernenti il tema dell’articolo
– messaggi offensivi nei confronti di chiunque
– messaggi con contenuto razzista o sessista
– messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Pubblicato da Davide

  • robybaggio80

    Fini, non è che scrivere per il Fatto Quotidiano le sta dando alla testa?

  • ericvonmaan

    In questo quadro salta particolarmente all’evidenza l’opportunismo di quei tanti personaggi, totali nullità, gente senza titoli, cultura o professione, e anche senza alcun senso dell’onore e del pudore, tutta quella gente che grazie a Silvio ha ottenuto fama, popolarità, posti importanti, soldi a valanghe e stipendio nonchè pensione d’oro assicurati… che al momento opportuno fanno a botte per ripudiare il loro mentore e si dichiarano pronti (e pronte) a cambiare casacca pur di mantenere il loro tenore di vita e un posto nei salottini buoni della capitale. Tutta gente che in un mondo giusto avrebbe fatto fatica a trovare un lavoro come commessa, maestro di sci, assistente dentale, attorucolo di parrocchia, speaker in qualche piccola radio privata di provincia… che corte dei miracoli, che accozzaglia di nullità. Almeno i politicanti di una volta uno straccio di laurea di solito ce l’avevano. Che schifo. Vomito. Insopportabile puzza. Rivoltante.

  • maremosso

    Concordo come l’assalto alla diligenza da parte di questi politicanti (per dirla alla Silvio) che si contenderanno brandelli di potere fa veramente schifo. Voltagabbama opportunisti traditori è la giusta definizione. Solo in Inghilterra, Stati Uniti e Francia la classe dirigente è peggiore, dove occorre aggiungere anche gli aggettivi cinica e criminale.

  • Allarmerosso

    Peccato che per 17 anni ci siamo sentiti dire che li si che le cose vanno bene e non come da noi … !

  • DHANA

    LO RIMPIANGEREMO DI SICURO, VISTO CHE E’ DI GRAM LUNGA IL MIGLIORE NEL PANORAMA POLITICO ITALIANO, SE L’AVESSERO LASCIATO GOVERNARE AVREBBE RIADDRIZZATO L’ITALIA. MA ERA SCOMODO AL CARTELLO BANCARIO INTERNAZIONALE/FED BANCHE CENTRALI / GOLDMAN SACHS INTERESSI PETROLIFERI/GAS ANGLO AMERICANI CHE SONO I VERI BURATTINAI DELLA SINISTRA ITALIANA E DITORNI
    MONTI MEMBRO FEL TRILATERAL, INTERNATIONAL ADVISOR DELLA GOLDMAN SACHS
    RINGRAZIAMO DELLA CADITA DI BERLUSCONI TUTTI GLI UTILI “INGENUI” E QUELLI INVECE IN CATTIVA FEDE CHE HANNO INTERESSE AD UBBIDIRE AI CARTELLI.
    IL PROCURATORE LEPORE ED IL SUO COLLEGA DI BARI SI DICE CHE HANNO ESEGUITO 100.000 INTERCETTAZIONI SU BERLUSCONI SULLE SUE VICENDE PRIVATE QUANTO CI SONO COSTATE ????? MA CHE C’INTERESSE QUANTE DONNE HA AVUTO BERLUSCONI E COME ? HO LETTO CHE IN PROVINCIA DI NAPOLI NEGLI ULTIMI ANNI SONO ARRIVATI DAL NOED ITALIA 28.000 !!!!!!!!! TIR DI RIFIUTI TOSSICI DOVE STAVA IL PROCURATORE LEPORE ? PARDON ERA TROPPO IMPEGNATO AD INTERCETTARE LE DONNE DI BERLUSCONI !!!!

  • Eurasia

    … rimpianti o no la domanda a questo punto è una sola, citando Edoardo Galeano (Le vene aperte dell’America Latina),: “Permetteremo che chi ci ha oppresso rendendoci paralitici ci infligga persino la beffa di venderci le sedie a rotelle?”. Visto l’andazzo la risposta è sì. AMEN!

  • Truman

    Aggiusta la tua tastiera. Stai urlando e qui siamo nervosi.

  • robybaggio80

    Non una parola sui Poteri Forti che lo hanno fatto fuori. La stimavo, Fini.

  • consulfin

    “la magistratura è peggio della criminalità”… a ben guardare ci si potrebbe trovare un fondo di verità, in questa frase.
    In quanto agli intellettuali veri traditori, se dobbiamo credere all’analisi gramsciana, non c’è da stupirsene. Purtroppo, in questo mondo di papalaghi, in cui ci si “specializza” al punto di avere il mestiere dell’intellettuale, si fa di tutto pur di sfuggire al lavoro vero e, per fare questo al meglio, i “poveri” intellettuali devono leccare la mano al padrone di turno (altrimenti… ci sono tante terre incolte)

  • lucamartinelli

    L’articolo non è disprezzabile ma come al solito non considera una verita’ assoluta che non viene mai ricordata a sufficienza: la classe politica di una nazione è SEMPRE lo specchio del grado di civilta’ e cultura di quella nazione. Forse siamo noi come popolo che dobbiamo evolvere e prendere coscienza e consapevolezza. saluti a tutti

  • Mandeville851

    Fini è uno di quei giornalisti finto scomodi alla Montanelli.

  • Nauseato

    Lei lo rimpiangerà di sicuro, non io. E tra i tanti miei dubbi questo non c’è.

  • cardisem

    Andiamo verso il peggio o il meglio?

  • maremosso

    Di osservatori disattenti e prezzolati la società è ricca

  • maremosso

    Rimpiangerlo mi sembra esagerato. Come lato positivo ha tentato di ripercorrere la politica estera andreottiana sviluppando business e relazioni con Russia (South Stream) e Libia (Patto di non aggressione, Sic!), per assicurare stabilità energetica alla nazione. Forse è stato impallinato anche per questi tentativi di smarcamento che tanto infastidivano USA e GB. Non essendo cuor di leone e tenendo famiglia e mediaset, ha preferito patteggiare facendosi da parte. In fondo resta sempre un democristiano.

  • gianni1111

    Siamo al dunque…
    Non sono mai stato berlusconiano. Mi ha sempre schifato questa banderuola di mezze calzette merdose formate da puttanelle pompinare promosse a ministre, nani incompetenti, mediocri arroganti e cialtroni vari, che si ritrovano la casa al colosseo comprata senza che lo sapessero (giusto per citare la prima cosa che mi é venuta in mente), ed altre amenitá simili.
    Ma mai avrei pensato che si poteva arrivare a tanto. Il presidente della casta, il capocosca della repubblica, questa cariatide di 85 anni che sta lí dal 1953, (sí, esatto, da piú di mezzo secolo…) questo napolinano dimmerda, che non si faceva scrupolo a firmare qualsiasi porcata anticostituzionale, ci ha consegnato ufficialmente nelle mani del governo dei banchieri. E banchieri esteri, per giunta. Col giochetto, la furbatina da luridume di circostanza di nominare senatore a vita un emerito cretino solo per il fatto di esser lí a fare gli interessi di banche e gruppi finanziari tedesche e francesi, il colpo di stato dei tempi moderni, in una democrazia che tale non ha mai meritato di essere.
    Non solo ci ha consegnato nelle mani di un traditore della patria imposto DA CAPI DI GOVERNO ESTERI che metterá mano ai pochi soldi rimasti di classi medie e basse, fra patrimoniali, ici, tagli alle pensioni varie (ma naturalmente non quelle superiori ai ventimila euro…).
    Non solo riuscirá a fare tutto questo senza nessuna resistenza od ostruzione da parte di nessun partito o schieramento parlamentare, poiché, illegalmente, ed illegittimamente, non collegato in nessun modo a chi, votandogli la fiducia, lo delegherá a governare senza rischiare le proprie chiappe in caso di fallimento.
    Non solo non incontrerá nessuna opposizione e resistenza da parte del parlamento, perché i signori parlamentari prima devono pensare a portarsi a casina la pensione da deputati e/o a rimanere attaccati allo scranno, altro che rischiare di non venire rieletti, per cui si va avanti a qualsiasi costo.
    Ma oltre a tutto ció, anche la beffa, il danno immane, l’assurditá, di vedersi imporre uno che lavora per chi…?
    Goldman Sachs, Bilderberg, e Commissione Trilaterale. Solo questo, nient’altro. È come dire, mettiamo Totó Riina (per il quale nutro piú stima, sia chiaro) a capo del ministero della giustizia, perché é esperto in materia. Il criterio é lo stesso.
    Mi hanno sempre fatto schifo, questi della casta, per la loro bassezza, viscidezza, falsitá senza ritegno, doppiogiochismo e opportunismo di una mancanza di dignitá umana che ha dell’incredibile. Ma oggi mi sono reso conto che sono anche veramente stupidi. Disinformati, ignoranti e davvero, veramente, stupidi.
    Un capo dello stato che, per ció di cui si é reso complice e partecipe, non meriterebbe meno che la fucilazione per alto tradimento, ed un parlamento, che praticamente in blocco, meriterebbe l’ergastolo ai lavori forzati per l’incompetenza e la bassezza e corruzione morale di cui ha dato prova.
    Ricordatevi questa data, signori italiani. Sino ad oggi non mi avete mai creduto quando vi parlavo di inesistenza della democrazia, iniquitá del sistema e giochi di potenti segretamente e sapientemente gestiti da dietro le quinte. Perché no, a credere certe cose si é complottisti. E si sa, siccome la maggioranza comanda, la maggioranza non puó ingannarsi.
    Ma da oggi i complottatori, quelli che sin’ora avevan soltanto ordito la trama, preparando lo schema della giocata che ha appena avuto inizio, hanno iniziato a giocare scoperto.
    E se non ve ne siete accorti neppure adesso, vuol proprio dire che avranno gioco facile.
    E che forse quello che sta per arrivare ve lo meritavate per davvero. Nonostante gli avvertimenti, nonostante gli strepiti, di chi stava cercando di avvisarvi, scuotendovi come si scuote un addormentate che si cerca di svegliare. Ma voi non ascoltavate.
    Dopotutto eravate impegnati a seguire il grande fratello e l’isola dei famosi, rasserenati dal fatto che il demos non puó sbagliarsi perché ha in mano il potere.
    Per cui adesso vedete di andarvene al diavolo. E non rompetemi i coglioni quando inizieranno a sodomizzarvi.

    http://siamoindemocrazia.blogspot.com/2011/11/siamo-al-dunque.html

  • nuvolenelcielo

    beh, comunque rimpiangerlo NON è esagerato, visto quello che ci ritroviamo adesso, e vista la lobotomizzazione totale dei “progressisti”… Anche oggi nel suo ultimo video messaggio – Berlusconi ha parlato dell’euro come causa della crisi economica e della necessità di una BCE diversa, di una BCE come prestatore di ultima istanza – che bastava che la BCE comprasse i titoli di stato italiani per evitare tutto sto casino dello spread. E poi c’è ovviamente il casino geopolitico che Berlusconi ha creato con le alleanze con la Russia e la Libia e sul gasdotto south stream, che non hanno fatto certo piacere ai banchieri dell’élite, ma erano invece nell’interesse dell’Italia. Ce lo sognamo l’interesse per l’Italia da parte dei Monti, dei Fini-Bersani, e dei Draghi…, anche se non hanno le loro aziende da difendere con leggi ad personam, sono comunque molto peggio.

  • Tonguessy

    Tipico di quando mancano argomenti: o si usano sofismi per divergere l’argomento o si urla. O tutti e due.

  • mendi

    Quel che è certo è che Berlusconi era un disastro e che gli altri, tutti gli altri, sono peggio, molto peggio di lui-