NEWS – CGIA Mestre: A fine anno a rischio 3,6 milioni di posti di lavoro

L’ultimo rapporto dell’associazione artigiani e piccole imprese di Mestre mostra numeri terrificanti per l’economia italiana, che crescono quanto più si avvicina la fine delle casse integrazione e dello stop ai licenziamenti.

controlacrisi.org

La crisi determinata dall’emergenza sanitaria potrebbe far “esplodere” l’esercito degli abusivi e dei lavoratori in nero presenti in Italia. Stando alle previsioni dell’Istat, infatti, entro la fine di quest’anno circa 3,6 milioni di addetti rischiano di perdere il posto di lavoro.
Così la Cgia di Mestre che ricorda come “dal momento in cui verranno meno la Cassa integrazione introdotta nel periodo Covid e il blocco dei licenziamenti il tasso di disoccupazione assumerà dimensioni molto preoccupanti”.

Ad “ammortizzare” la perdita di posti di lavoro ci penserà l’economia sommersa. Gli ultimi dati disponibili ci dicono che in Italia ci sono oltre 3,3 milioni di occupati in nero e il 38 per cento del totale è presente nelle regioni del Sud. Questo esercito di “invisibili” ogni giorno si reca nei campi, nei cantieri edili, nelle fabbriche o nelle case degli italiani per prestare la propria attività lavorativa. Pur essendo sconosciuti all’Inps, all’Inail e al fisco, gli effetti economici negativi che originano questi soggetti sono “devastanti”. Essi, infatti, producono 78,7 miliardi di euro di valore aggiunto sommerso. Uno scenario, prosegue la Cgia, che “sembra non essere avvertita dalle forze politiche e in generale dall’opinione pubblica”.

 

Fonte: http://www.controlacrisi.org/notizia/Lavoro/2020/9/28/53765-la-crisi-covid-fara-esplodere-la-precarieta-e-il-lavoro/ 

0 0 voti
Valuta l'articolo
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
giovanni
giovanni
28 Settembre 2020 , 18:54 18:54

effetti economici devastanti in capo a chi per sopravvivere fa qualche lavoro dove recuperare pochi euro!
non credo che nessuno di questi soggetti, o quasi nessuno, viva bene la situazione; garantitegli una decina di migliaia di euro/anno da versare in balzelli vari oltre la miseria che intascano ad oggi e vedrete come emergeranno….
dimenticavo, dopo siano tutti disposti a pagare 40 euro/ora ogni artigiano affinché possa soddisfare la sete monetaria dello stato, cosa che certo non tocca i vertici dei sindacati, con stipendi pari ai nostri cari parlamentari.