Home / ComeDonChisciotte / CASO NORVEGIA: LA DISINFORMAZIONE TRA DIFFUSIONE DI NOTIZIE FALSE

CASO NORVEGIA: LA DISINFORMAZIONE TRA DIFFUSIONE DI NOTIZIE FALSE

E OCCULTAMENTO DI NOTIZIE VERE

DI CLAUDIO MOFFA
moffa.it

Nessun ottimismo è possibile, anzi: siamo comunque solo in rete e siamo pochi, sotto avvisaglie terroristiche che inducono spesso ciascuno a prendere le distanze dal “vicino di interpretazione”. E’ un fatto comunque che Moffa, Blondet, Atzmon, Megachip, Infopal e adesso anche Gabellini, hanno messo insieme i tasselli certi della strage di Oslo e hanno offerto ai rispettivi lettori l’interpretazione più plausibile per spiegare l’attentato del “folle solitario”: primo, comunque, Breivik è un sionista, ammiratore e sostenitore nero su bianco nel suo dossier sulla cosiddetta “indipendenza europea”, di Israele. Secondo, tante voci della Norvegia, dai giovani assassinati alle alte sfere governative, avevano espresso nei giorni precedenti il massacro di Utoya e le bombe di Oslo delle posizioni duramente ostili a Israele, annunciando – dopo iniziative radicali datate come il boicottaggio di due ditte israeliane interessate allo sfruttamento dei giacimenti petroliferi: gesto inaudito per un paese europeo – due drastiche misure in sfida allo Stato ebraico: il riconoscimento dello Stato palestinese e un embargo economico contro quella che i paesi arabi chiamano talvolta, ancora, l’“entità sionista”. Dire che queste misure non rappresentano un pericolo per Israele vuol dire semplicemente ignorare la storia del conflitto israelo-palestinese, marcata sempre dall’ossessione sionista di imporre la propria legge della giungla non solo ai paesi arabi, ma a tutto il mondo.Opporre alla posizione coraggiosa e determinata della Norvegia vs. Israele che essa non è credibile perché la Norvegia è nella NATO, vuol dire fare della NATO un feticcio e azzerare la positività delle posizioni della Turchia dal 2009 in poi – fermo restando che lo stallo oggi di Ankara è analogo a quello di paesi che non fanno parte della NATO, ad es. l’Iran e la Russia – e azzerare anche la rilevanza del caso Mattei di mezzo secolo fa. La NATO non è un monolite senza possibilità di contraddizioni interne, anche se non soprattutto sulla questione sionismo.

La situazione è fluida. Vedremo come

andranno le indagini – il vertice europeo dell’altro ieri è stato

probabilmente luogo di pressioni anche per “ben” indirizzare la

polizia di Oslo, ma non è detto che l’imbavagliamento riesca. Vedremo

se a settembre ci sarà o no uno scatto di dignità-reazione non solo

della Norvegia ma di tutta l’Assemblea generale dell’ONU, che dovrebbe

votare sì o no sul riconoscimento dello Stato palestinese. Vedremo

anche se oltre a Megachip anche Giulietto Chiesa e altri commentatori

esprimeranno la loro posizione sulla vicenda norvegese, e quale, tenuto

conto del terrorismo psicologico in fieri contro chi osa ragionare e far circolare

dati di fatto indubitabili

tra i suoi lettori.

Vedremo tutte queste cose, e però

un dato è certo: i grandi mass media e i “grandi” opinionisti

non hanno solo offerto

interpretazioni diverse sull’attentato

da quelle sopra citate, rincorrendo tutte le piste immaginabili altre

che quella israeliana,

ma – attenzione, questo è il punto chiave

– hanno celato a milioni di lettori, telespettatori, ascoltatori

le stesse unità di notizia,

base per qualsiasi commento, impedendo

così ai non addetti ai lavori di farsi una propria opinione su quanto

accaduto.

Occorre considerare in effetti due

diverse tecniche di disinformazione:

I°) Quella più

nota e ovvia à la disinformazione consistente nella

diffusione di notizie false, come

nel caso delle armi di distruzione di massa di Saddam, dei 10.000 morti

ad opera di Gheddafi nei primi giorni della ribellione bengasina, dei

morti di Timisoara, o anche dell’attribuzione della strage di Oslo,

nelle prime ore, con tanto di barbuto islamico sugli schermi televisivi,

alla solita “Al Qaeda”. Questo tipo di disinformazione potrebbe

essere contestualizzata in una logica, come dire, di breve durata, perché

finalizzata alla svolta politico-militare – sempre o quasi segnata

da violenza – perseguita: la guerra del 2003 contro l’Iraq, la guerra

NATO contro la Libia, la fucilazione di Ceausescu, l’impatto mediatico

della tragedia norvegese. I falsi vengono alla fine scoperti, ma quasi

sempre a obbiettivo

politico raggiunto.

II°) Ma c’è

anche una seconda tecnica di disinformazione, collocabile in una prospettiva

di lungo periodo, più profonda, e che consiste nell’

omissione di notizie vere, di

dati di fatto indubitabili

e utili a farsi un’opinione diversa da quella/e dominante/i. Nel caso

di Israele e del sionismo questo tipo di disinformazione è molto più

diffuso di quanto si creda. Ecco alcuni esempi:

1)

Il 20 marzo 2003 (o forse il giorno dopo) Saddam Hussein in video conferenza

commenta l’attacco anglo-americano con le seguenti parole, trasmesse

in traduzione simultanea dal TG1: “gli americani, gli inglesi e dietro

di loro il maledetto sionismo …”.

Quest’ultima unità di notizia (non dell’interpretazione di Saddam

della guerra, ma del fatto che aveva pronunciato quelle parole) sfugge

alla censura perché la traduzione dell’interprete arabo è in simultanea,

ma nessun

organo di informazione il giorno dopo

– nonostante la sua utilità a fini di demonizzazione ulteriore di

Saddam, l’ “antisemita”, il “folle” etc.

– l’ha pubblicata. Giammai

che qualcuno potesse sospettare che Saddam aveva ragione, o che potesse

spiegarsi perché nel 1991, di fronte al primo intervento anglo-americano,

Saddam – fosse giusta o sbagliata la sua percezione del potere del

sionismo sulle politiche estere di Washington e Londra – avesse lanciato

dei missili contro lo Stato ebraico. Tutti zitti: ed è impensabile

che nelle ore drammatiche dell’avvio della guerra, non ci fossero

all’ascolto del discorso teletrasmesso dal TG1 almeno uno delle centinaia

di giornalisti di qualche testata grande o piccola esistente in Italia.

2) Pochi

giorni prima lo scoppio della guerra del 2003, anche il congressista

americano Jim Moran aveva espresso un’opinione simile a quella di

Saddam: “perché, presidente Bush, dai il via a una guerra che fa

gli interessi non degli Stati Uniti ma di Israele?” era stata più o meno la domanda. Ma questa unità di notizia

viene censurata dalla rete mediatica, almeno in Italia. Moran, subito accusato di “antisemitismo”

dalla lobby israeliana, avrebbe poi prontamente ritrattato le sue parole

e più tardi sarebbe finito tra i nomi dei politici, attori, etc. USA

pronti a denunciare l’inesistente “genocidio” del Darfur, campagna

mediatica poi dilagata anche in Europa e che avrebbe costituito la premessa

del mandato di cattura internazionale della CPI contro il presidente

sudanese Al Bashir del 2009, per fortuna andato a vuoto per la reazione

pronta del Sudafrica e di altri paesi africani. Si ricordi che Elie

Wiesel, intervenendo all’ONU nel 2005, aveva citato come più grave

“genocidio” della nostra epoca, proprio il Darfur. Con buona pace

degli americocentristi, era ed è Israele il principale nemico del Sudan,

secondo tradizione storica che risale alla guerriglia Anya-Nya degli

anni Sessanta, e secondo le notizie rintracciabili anche sulla stampa

israeliana, relative al sostegno aperto di Israele alla guerriglia del

Darfur, e ai sudanesi vittime della repressione governativa.

3) Ma andiamo a

leggere due intere pagine del Corriere della Sera

sul Darfur appunto (Corriere della Sera

). La firma è Bernard Henry

Levy, uno di quegli intellettuali ebrei e proisraeliani attivissimo

ogni volta che bisogna colpire e demonizzare i veri o presunti nemici

dello Stato ebraico: ebbene, Lévy non cita le notizie di cui sopra

– né cita il fatto che la campagna sul “genocidio” del Darfur

è stata attivamente lanciata e sostenuta dal sito del Museo dell’Olocausto

ancor prima il discorso citato di Elie Wiesel.

Tace semplicemente l’unità di notizia. E’

un conflitto, quello tra Khartoum e i guerriglieri, tra il cattivo arabo

e i suoi crimini, e i purissimi guerriglieri aiutati da nessuno se non

dalle campagne di solidarietà della grande stampa (ovviamente neutra

quanto a indirizzi, e molto sensibile ai “diritti umani”, almeno

in Sudan) e della rete mediatica mondiale.

4) Proseguiamo con la Libia. All’inizio

della crisi libica – quella trasformatasi poi in guerra – mentre

alcuni mass media israeliani diffondevano la notizia che Gheddafi sarebbe

di origine ebraica –

nessuno dei grandi media in Italia ha ripreso la notizia del durissimo

attacco a Israele e alla CPI di Gheddafi nel 2009,

notizia riportata all’epoca dalla stessa

Repubblica con tanto di replica

di Tel Aviv (“Gheddafi è un bulletto da circo”). In tal modo, il

segno sionista o quanto meno anche sionista della guerra di aggressione

alla Libia – ben simboleggiato dai due falchi dell’aggressione:

Cameron e soprattutto Sarkozy – è rimasto occultato.

5) Le

foto di Sarkozy “l’israeliano”

– sono in questa pagina FB, alla sezione foto

– circondato da rabbini, o da striscioni dell’AIPAC

emblema di una carriera

politica del presidente francese fatta

tutta, dal 1983 ad oggi, col

supporto attivo della lobby prima solo francese poi anche americana

– non sono mai state pubblicate da nessun importante organo di informazione

italiano. In tal modo, non solo alcuni commentatori hanno potuto liberamente

paragonare nel 2007 l’elezione di Sarkozy a quella del pro-arabo De

Gaulle, ma, di nuovo, la guerra di Libia è stata espunta di un dato

di fatto atto a darne una interpretazione corretta, o quanto meno altamente

probabile;

6) A proposito di

foto: la foto dello striscione BR dietro il volto impaurito dell’ingegnere

dell’Alfa Romeo Michele Mincuzzi di

un sequestro lampo da parte di Mario Moretti, foto che comparve all’epoca

sulla stampa italiana e che suscitò le ire di Franceschini e Curcio

all’epoca in carcere, perché – questa l’accusa dei due leaders

storici delle BR al neo-capo – la stella raffigurata nello striscione

aveva 6 punte e non 5, non compare oggi su internet: digitate “michele

mincuzzi” su “Google immagini” e troverete centinaia di

immagini, alcune delle quali riferite alle BR, ma non appunto quella

del sequestro Mincuzzi. Diversi i rapiti, tra cui Sossi di Genova, e

molte le stelle sempre a cinque punte. Potrebbe essere un tassello minimale,

ma

il problema è che poter vedere e far circolare quella foto vuol dire

aprire una finestra di dubbio sul caso Moro: se cioè non avesse ragione

il Presidente della Commissione Stragi Giovanni Pellegrino a sostenere pubblicamente nel 1999, durante

la guerra di Jugoslavia, la possibilità-legittimità della pista Mossad

nel rapimento dello statista pro-arabo e nemico di Henry Kissinger,

Aldo Moro appunto.

7) Caso Moro bis: nel gennaio 2002,

tra l’altro in coincidenza delle prime interpretazioni cosiddette

“complottiste” sull’11 settembre, Paolo Mieli, che allora curava

la pagina delle

Lettere al Corriere della sera,

pubblica in apertura una domanda di un lettore che gli chiede lumi sul

caso Moro: chi lo ha ucciso? E’ vero che si è trattato di un complotto

internazionale? Mieli risponde citando uno storico americano collaboratore

della rivista di Perfetti, del quale riprende la teoria che la tesi

complottista era infondata, ed era stata divulgata dagli ex comunisti

pro-BR che all’epoca avevano inneggiato all’assassinio di Moro,

e che poi, pentiti e rinsavitisi dal punto di vista etico, si erano

rifugiati nell’idea di un complotto esterno che li salvasse.

Attenzione, non

è da entrare qui nel merito di questa teoria pseudopsicologica abbastanza

strampalata: il fatto da sottolineare è invece che il giornalista e

storico Mieli, elenca sì le piste complottiste più note di cui si

era parlato a proposito del Caso Moro – CIA, KGB e P2 di Licio Gelli

– ma omette di citare (dicesi semplicemente citare) il termine Mossad: la pista cioè di cui avevano riferito in decine

di articoli per diverse settimane – su input come già detto, dell’on.

Pellegrino – i giornali e i media italiani nel non lontano 1999.

Come dire: il complottismo è

comunque sbagliato, ma vada per parlare a destra di KGB e a sinistra

di CIA e P2: giammai invece parlare, anzi citare, l’ipotesi Mossad.

Proibito, come da “lezione” data all’on. Pellegrino – parlamentare

italiano eletto dal popolo – da Galli Della Loggia a “sinistra”

e da Ferrara a destra sul

Corriere e su

Il Foglio. Un attacco violentissimo

e contestuale, che indusse il Presidente della Commissione Stragi a

ritirarsi e a tacere per sempre sulla questione.

8) Caso Spatuzza:

nel dicembre 2009 il pentito Spatuzza accusa Berlusconi delle bombe

del 2003 a Roma, Firenze e Milano. Si sviluppa un dibattito politico-giornalistico

che dura mesi, assurdo non

solo per il credito che a sinistra riceve il pluriassassino “testimone”,

pur di dare addosso a Berlusconi, ma anche perché nessuna ricorda,

pare, una notiziola interessante diffusa dall’allora ministro Mancino

in parlamento, in risposta da alcune interrogazioni parlamentari appunto

sugli attentati di quell’anno: “la rivendicazione – disse più

o meno il futuro relatore e promotore della famigerata legge Mancino

– è stata fatta da una organizzazione islamica, attraverso un cellulare di un cittadino

israeliano”. La notizia era

stata riferita, con serietà professionale, proprio da Paolo Mieli,

e se io cito questo suo merito è anche per far capire che la questione

che sto sollevando, non è ad personam, ma comunque è tale e va posta

all’attenzione di tutti.

Tutti zitti comunque, nelle controrepliche

e nei successivi interventi, i parlamentari di destra, di centro e di

sinistra. Tutti zitti i giornalisti. Ovviamente, quella rivelazione in atto pubblico non sembra aver interessato minimamente nemmeno

la magistratura: chissà se è mai stato aperto un fascicolo sul caso,

e chissà se qualcuno ha pensato di interrogare il proprietario del

cellulare del cui nome evidentemente Mancino era venuto a conoscenza.

Si potrebbe continuare con numerosi

altri esempi.

Quello che va sottolineato, di nuovo, non è la questione dell’interpretazione

di fatti: uno può essere d’accordo o no sulla pista Mossad in questo

o quel caso, può essere o

no un negatore assoluto dell’esistenza di complotti e di servizi segreti

che complottano. Il problema è a monte, sul terreno dell’informazione

secca, della notizia che viene nascosta o che finisce comunque occultata,

magari anche solo per pigrizia mentale, una “pigrizia” che a sua

volta però indotta dal clima terroristico che regna ogni volta che

si parla di Israele in modo negativo.

Riflettiamo ancora:

abbiamo parlato di eventi di cronaca sì, ma di valenza sicuramente

storica. La questione dell’occultamento scivola in effetti anche sul

terreno storiografico, e investe altri aspetti inquietanti: per fare un primo esempio, prima di concludere

qui questo articolo, nel suo libro “Mossad base italia”, il giornalista

e storico Eric Salerno – uno dei partecipanti al convegno del Master

Enrico Mattei sul terrorismo del giugno 2010 – non solo ha disvelato un incredibile

attivismo e una fortissima e diffusa presenza del Mossad nell’Italia

negli anni Cinquanta – all’epoca del pro-arabo e pro-nasseriano

Mattei – ma inoltre cita episodi e dichiarazioni che dovrebbero far

riflettere tutti, a cominciare dagli storici

interessati a difendere l’accessibilità e la trasparenza degli Archivi

e che sono spesso ancora fermi all’epoca del fascismo-antifascismo

e dei tentati golpe militari in Italia: p.

115: si riferisce di fascicoli scomparsi all’Archivio di Stato, e

in particolare uno titolato “Israeliani

in Italia” (“Il contenuto è stato

distrutto” è scritto

sulla copertina) e si accenna a “archivi

… ripuliti e molte storie sepolte“;

p. 162: “è consuetudine del Mossad lasciare un’ombra di mistero

intorno a tutte le operazioni che gli vengono attribuite. Non conferma

né smentisce”; p. 191 (una sorta modalità “massonica” di informazione,

rivolta alle élite che devono sapere, ma di cui non devono diffondere

i contenuti specifici alle opinioni pubbliche): “quelli che devono

sapere, sanno. E quelli che devono sapere, sanno che non c’è posto

al mondo dove Israele non può agire” (Ehud Olmert).

La Norvegia è un’eccezione

a questa “regola”? Difficile a credersi. E se sì, comunque, perché

allora i grandi media non hanno riferito e non riferiscono tranquillamente

e professionalmente tutte quelle unità di notizia su cui abbiamo sin

qui ragionato e scritto in pochi? Questo è il punto in cui invita a

riflettere questo articolo.

P.S.:. Mi accorgo di aver tralasciato

ogni accenno all’11 settembre. Rinvio comunque al mio

11 settembre, Palestina radice della guerra “Quaderni di contropiano”
del gennaio 2002

*********************************************

Claudio Moffa
Fonte: www.claudiomoffa.it

29.07.2011

Pubblicato da Davide

  • zufus

    Anche se la fluidità della scrittura non è uno dei doni principali di Moffa, non si può che essere d’accordo con lui.

  • gnorans

    I giornalisti oggi fanno il contrario del loro lavoro, IMPEDISCONO la diffusione di notizie, in quanto lavorano al posto di giornalisti veri.
    E’ un comportamento criminale al servizio di criminali.
    Mi sono domandato spesso se, in alcuni casi di comprovata disinformazione, ci sia una possibilita’ concreta di una denuncia alla magistratura.

  • anyms

    Evidentemente ognuno ha i suoi motivi per depistare e nessuno sul caso del terrorista di Oslo ha espresso non la “ipotesi” piu evidente ma il resoconto della verità.

    Il terrorista di Oslo non è un matto,non è un templare,non è del Mossad,non è nulla di cio che hanno detto anche i vari Moffa.

    Il povero ragazzo norvegese è solo una VITTIMA ! di quello che viene genericamente definito il reato di ISTIGAZIONE ALL’ODIO.
    Se c’è un legame tra questo attentato ed il MOSSAD esso sta proprio nel fatto che sono le principali AGENZIE SIONISTE A DIFFONDERE ED ISTIGARE ALL’ODIO E ALLA VIOLENZA CONTRO I MUSSULMANI E I NEMICI DI iSRAELE,SOPRATTUTTO SUL WEB.

  • illupodeicieli

    Non so se la Norvegia farà retromarcia. Quanto invece agli archivi e sopratutto ai segreti di stato, mi chiedo chi è al corrente del contenuto. Se per esempio un capo di governo (parlo dell’Italia) sa o no : da cretino quale sono mi chiedo se e quando ne avrebbe letto il contenuto e se capisce ciò che legge,e se si tratta di “cose vecchie” sa chi sono le persone citate. Ovvio che mi chiedo perchè,ora che può essere tutto digitalizzato, non viene messo on line per consultazioni che ognuno di noi potrebbe voler svolgere. Insieme alla “riesumazione del patrimonio artistico e letterario tenuto nascosto nei magazzini statali e non” darebbe lavoro a tanti giovani e meno giovani. Sui giornalisti non posso che dare addosso ancora al mio amico Zucconi e a radio Capital: informazione a metà e senza costrutto. Capisco andare contro Silvio ed è anche giusto ma occorre anche offrire alternative, possibilmente, valide. Su notizie internazionali lui è sempre della stirpe di quelli che “devono vedere e che occorre disporre di tutti o di altri elementi”:così il tempo passa e noi bambini ci dimentichiamo delle cose e lui non si deve sbilanciare. E’ preferibile avere un nemico dichiarato di un falso amico.

  • tortnoise

    Anche se [email protected] non mi entusiasma, inizio a chiedermi se non si il caso di moderare un po di piu` gli articoli pubblicati.
    Certo un puo` sempre non leggere quegli articoli che sembrano senza senso, come ad esempio questo.
    In cui si afferma tirandola per le lunghe che dietro ai massacri in Norvegia ci sia Israele e si parla di fatti “unita` di notizia” di cui pero` nell`articolo non c`e` neanche l`ombra.

    Nessuna delle affermazioni chiave (Breivik è un sionista) vengono supportate da fatti.
    Al contrario per dare un po di credibilita` alle affermazioni prive di fondamento
    le si collega a tutta una serie di fatti con cui non c`entrano assolutamente nulla.(Spatuzza, Moro…)

    “Tecniche di disinformazione….”

  • claudiomoffa

    Le “prove”, cioè le foto di articoli e simili, si trovano sulla mia pagina facebook. Purtroppo ieri pomeriggio, verso le 19, non mi ha più funzionato la penna TIM, causa errore account o simili. Vedrò di rimediare pubblicando le immagini (se si può) qui. Oppure puo’ andare sul mio sito, e vedrà che trova una buona parte della documentazione relativa ai punti da me elencati.

  • tortnoise

    Ed ecco un paio di affermazioni del “filosionista” Breivik .

    There is no Jewish problem in Western Europe (with the exception of the UK and France) as we only have 1
    million in Western Europe, whereas 800 000 out of these 1 million live in France and the
    UK. The US on the other hand, with more than 6 million Jews (600% more than Europe)
    actually has a considerable Jewish problem. p.1163

    Q: Are you a holocaust denier?
    A: Assuming of course that you are referring to the Jewish holocaust under Nazi
    Germany; (…)I don’t find the anti-holocaust evidence credible so I don’t see a reason why
    anyone should deny the Jewish holocaust. As far as I have understood; Nazi Germany
    didn’t originally want to annihilate the Jews. They were considering deportation but they
    didn’t really have any location to deport them to, and they weren’t offered any location
    by the allied forces. They didn’t start massacring the Jews until after they realised that
    they were losing the war and the window of opportunity was closing fast (after the failed
    Russian invasion in1941). I guess, they used the following logic; they felt they had to cut
    out what they viewed as a cancer before they lost the war somewhat like many Serbs did
    during the Balkan war. They wanted to deport but as their adversaries made that
    impossible they chose the only solution (according to their logic). No one should try to
    justify genocide, it is a bad thing that cannot or should not be excused. There are always
    other options.p.1366

    In realta` appare abbastanza chiaro che Breivik appoggia i sionisti come possibili alleati contro il nemico comune e perche` comunque con il il sionismoc ondivide il nazionalismo e l`antimulticulturalismo.

  • edo

    E’ vero, non c’è traccia in internet della foto di Mincuzzi. Qualcuno è in grado d’inserirla su google immagini? Giusto per vedere in quanto tempo saprisce anche da li…
    Se non fosse per Blondet, Moffa e pochi altri non sapremo niente di nulla e potremo “ragionare” solo sulle ipotesi proposte dalla peggiore propaganda di regime.
    Grazie a comedonchisciotte per ciò che pubblica.

  • claudiomoffa

    Per tortnoise: lei cita alcuni passi tratti dalle pagine 1365 e 1366 del dossier di ABB – che peraltro non smentiscono il filosionismo dello stragista di Oslo – ma non ne cita altri che lo affermano esplicitamente e che qui riporto: p. 1365, “… Sensible people should support Zionism (Israeli nationalism) which is Israel’s right to self-defence against Jihad”; “I am a strong supporter of Israel and of all (sic) patriotic Jews”. Che poi ABB parta da un punto di vista “cristiano” e “europeo” per giungere alla sua esaltazione del sionismo – un movimento colonialista che ha occupato una regione araba-palestinese in nome del diritto biblico – non è cosa nuova nella recente e non recente storia occidentale : al filone cristiano sionista appartengono in Italia i “Lepantini”, così come apparteneva negli USA il presidente Bush, l’artefice della seconda guerra di aggressione (e distruzione) dell’Iraq. La sostanza della strage di Oslo non cambia: forse ABB non è anche ebreo (come sostiene Mattogno), è solo un Shabbat goy come scrive anche su Come Don Chisciotte Gilad Atzmon, ma sicuramente è un criminale ammiratore e sostenitore di Israele

    PS: ma perché non dice come si chiama? Perché non mette in gioco il suo nome e cognome, come fa il sottoscritto?
    PS 2: ho caricato su claudiomoffa.it i documenti e riferimenti di cui lei lamentava l’assenza ieri. Immagino che li abbia visionati, considerato che nell’ultimo suo commento fa riferimento al mio “buco” sul filosionismo di ABB, su cui non ho ancora caricato nulla sul mio sito. Ma non fosse così, ora può farlo. Prossimamente, cercherò di completare l’articolo con altra documentazione: comprese le pagine 1365-66 del dossier di ABB

  • pingus

    Per sputtanarli basta spiattellare, a questi giornalisti, direttamente gli articoli dalla stampa mainstream israeliana. Si evita pure il rischio di passare per complottisti
    E chiedere conto del perche’ giornali come Ydot, Jerusalem Post ecc non hanno mancato di evidenziare le simpatie sioniste di Breivik, mentre loro, queste cose, non possono neanche permettersi di sussurrarle.

  • claudiomoffa

    http://www.lindro.it/Oslo-un-teorema-coerente

    Intervista a Claudio Moffa, professore di Storia delle Relazioni Internazionali all’Università di Teramo
    Oslo, un ‘teorema coerente’
    Le ragioni della strage di Utoya oltre la xenofobia e l’odio antislamico

    ____________________

    “gli stragisti hanno scelto per i loro crimini, una tempistica e degli obbiettivi che hanno ben poco a che fare con la questione immigrazione in sé”

    “nella stragrande maggioranza dei casi i mass media stanno svolgendo un lavoro di occultamento non della verità. E al loro rimorchio vanno come sempre, i ceti politici nazionali e le autorità giudiziarie e investigative … La questione di fondo è l’occultamento sistematico delle unità di notizia che ho appena elencato e che evidenziano un acuto conflitto tra Tel Aviv e Oslo: perché non parlarne, per poi magari commentare che si tratta di dati irrilevanti? Questo è il problema…”

    “Che segno ha la guerra di Libia? Chi l’ha voluta? Di nuovo i media mondiali hanno occultato alcuni dati di fatto illuminanti: la durissima polemica dell’agosto 2009 di Gheddafi contro Israele, accusato dal leader libico di fomentare le guerre in Africa; il ruolo d’avanguardia dell’aggressione del 2011 contro Tripoli, di Sarkozy e Cameron; e i legami strettissimi dei due leader europei con Israele.

    “L’effetto è dunque un isolamento totale della Norvegia in quanto Stato e soggetto diplomatico, e in quanto governo laburista, cioè di sinistra”