Cancellare la Russia

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

 

Dinesh D’Souza – The Epoch Times – 28 marzo 2022

 

L’espressione “cancellare la cultura” è arrivata a riferirsi al processo di ostracismo, penalizzazione e censura che viene imposto dalle istituzioni culturali americane a coloro che sposano pubblicamente punti di vista odiosi e offensivi per la sinistra politica. In questo senso, la “cancel culture” è un artefatto delle guerre culturali interne. Su questioni che vanno dalla Covid-19 ai brogli elettorali al cambiamento climatico, molti americani – in particolare patrioti, cristiani e conservatori – sono stati messi a tacere, licenziati o svergognati pubblicamente per aver deviato dalla stretta linea di partito della sinistra.

Ma ora, sembra, la cultura dell’annullamento ha esteso i suoi tentacoli per prendere di mira, beh, l’intera nazione della Russia e tutto ciò che è russo. Questo di per sé è una sorpresa. Durante la Guerra Fredda, e anche dopo, l’America era in grado di confinare le dispute interne tra le fazioni politiche nei propri confini. La politica estera, tuttavia, era una questione completamente diversa, perseguita attraverso le normali tecniche di negoziazione, isolamento diplomatico, guerre per procura, sanzioni commerciali, e in alcuni casi un boicottaggio olimpico.

Vale la pena notare che sanzioni e boicottaggi hanno un effetto reciproco. Quando il presidente Jimmy Carter boicottò le Olimpiadi del 1980, per protestare contro l’invasione sovietica dell’Afghanistan dell’anno precedente, ciò significò che gli atleti americani non parteciparono. Le Olimpiadi andarono avanti. In un certo senso, l’America annullò se stessa. Le sanzioni commerciali, per definizione, danneggiano entrambe le parti per la semplice ragione che il commercio beneficia reciprocamente entrambe le parti. Rifiutando di comprare il petrolio russo, per esempio, l’America rischia di pagare prezzi più alti perché sta tagliando fuori come potenziale fornitore la terza nazione produttrice di petrolio del mondo.

Il dispiegamento della cultura dell’annullamento verso la Russia è, a mia conoscenza, il primo caso di esportazione di un’arma interna di sottomissione politica nel dominio della politica estera. In effetti, l’amministrazione Biden e la sinistra stanno cercando di fare alla Russia precisamente quello che stanno tentando di fare ai conservatori politici, cioè piegarli al conformismo. In qualche modo la sinistra pensa di poter punire Vladimir Putin, i suoi alleati e praticamente chiunque non condanni apertamente le sue azioni, con lo stesso randello che ha usato contro Alex Jones, Laura Loomer e Nick Fuentes.

La battaglia contro la Russia è una nuova frontiera della politica americana“, nota la redazione di Revolver News, un sito online. “È la globalizzazione delle tattiche BLM e della cultura dell’annullamento. È il George Floydismo convertito da clava domestica a dottrina di politica estera“. E poiché il wokeismo non è più confinato negli Stati Uniti e ha diffuso i suoi tentacoli soffocanti in tutto l’Occidente, altri paesi occidentali – le nazioni europee, i canadesi, persino gli australiani – stanno tutti entrando nel gioco della cancellazione della Russia.

C’è qualcosa di un po’ comico in tutto questo, a causa dell’ingenuità dell’ipotesi di fondo. Putin cambierà davvero idea sulla sconfitta dell’Ucraina perché le compagnie di carte di credito statunitensi non faranno affari in Russia? (Putin è passato freddamente alle compagnie cinesi) o perché le banche statunitensi limiteranno i suoi trasferimenti internazionali? O perché le notizie russe sono deplorate sui social media?

La situazione diventa ancora più assurda quando uno dei più grandi giocatori di scacchi del mondo, Sergei Karjakin, viene bandito dai tornei di scacchi perché ha scritto su Twitter che sostiene il presidente russo, il popolo russo e l’esercito russo. Questo è un punto di vista politico; se domani l’India invadesse il Pakistan – quale che sia la giustificazione, o senza alcuna giustificazione – il 99% degli indiani affermerà che sostiene il primo ministro indiano, il popolo indiano e l’esercito indiano.

A una cantante russa viene impedito di esibirsi al Met perché si rifiuta di parlare contro Putin. (Evidentemente anche il silenzio non basta. Anche i personaggi culturali che vogliono stare lontani dalla politica sono tenuti, per evitare la cancellazione, a ripetere la posizione dell’amministrazione Biden). In Italia, l’Università di Milano-Bicocca ha bloccato un corso su Dostoevskij perché, beh, si sa. Più tardi la scuola ha cambiato idea, ma a condizione che il corso includesse la “letteratura ucraina”, anche se pochissime persone fuori dall’Ucraina sanno cosa sia.

C’è di più. Una federazione internazionale di gatti ha escluso la partecipazione dei gatti russi nell’apparente convinzione che anche gli animali debbano condividere l’ignominia di Putin. Portando questa logica alla sua reductio ad absurdum, un festival mondiale degli alberi escluderebbe la partecipazione di un albero russo piantato quasi due secoli fa dal grande scrittore russo Ivan Turgenev.

Mentre possiamo essere sicuri che Putin sta ridendo – beh, almeno ridacchiando – di tutta questa patetica segnalazione di virtù, allo stesso tempo impone una sofferenza inutile e ingiusta al popolo russo. La cultura della cancellazione finisce per colpire un bersaglio, ma è il bersaglio sbagliato. È il popolo russo che scopre di non poter viaggiare facilmente, di essere ostacolato nelle transazioni bancarie ordinarie, di essere tagliato fuori in alcuni casi dall’impiego delle sue capacità e dei suoi talenti, e di essere demonizzato per – beh, per cosa esattamente?

Una cosa è dire, come disse Osama bin Laden, che in una democrazia il popolo è responsabile delle azioni dei suoi leader. È vero, perché è il popolo che ha messo quei leader in posizioni di potere, e il popolo ha il potere, se vuole, di rimuoverli. Ma questo non si applica a Putin. Non è un leader democraticamente eletto, anche se usa il titolo (“presidente”) e alcuni degli orpelli della democrazia. Quindi perché il popolo russo dovrebbe pagare per i misfatti di Putin? Ovviamente, non dovrebbero.

 

Link: https://www.theepochtimes.com/cancelling-russia_4366042.html?utm_source=opinionnoe&utm_campaign=opinion-2022-03-28&utm_medium=email&est=fcRoZcriYZz4SgskxldPFb74kQ9L9dPjmHIPMh6WQ7D1VPq5UDmAXAPunpykh4PPCDpwAg%3D%3D

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono le opinioni dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di ComeDonChisciotte.

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
19 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
19
0
È il momento di condividere le tue opinionix