BRUNETTA CI AZZECCA SUL BRITANNIA, MA DEVE CRESCERE

FONTE: MOVISOL.ORG

Nel corso della sua sfuriata al convegno del PdL di Cortina d’Ampezzo, il ministro Brunetta ad un certo punto ha interrogato il suo pubblico: “Ve lo ricordate il Britannia?”.

“Ve lo ricordate il Britannia? Se non ve lo ricordate”, dice Brunetta, “ve lo ricordo io. Il Britannia è una nave, appartenuta già alla casa reale inglese, che navigò davanti alle coste italiane […], ospitando dentro banchieri, grand commis dello Stato, esponenti vari della burocrazia… in cui si svolse un lungo seminario, durato un paio di giorni, in cui si trassero le linee della svendita delle aziende di stato italiane”.

Benché imperfetta, l’evocazione di quel complotto, denunciato dall’EIR nel 1993 (vedi la documentazione riepilogativa), riapre il sipario sul secolare tentativo di Londra di “scrivere il destino” dell’Italia (come di tanti altri Paesi).

In questa strategia imperiale, secolare e globale, trovano posto tutte le azioni che possano rivelarsi utili a ricondurre l’Italia ad uno stato di molto precedente quello del boom economico postbellico, di fatto preda del sistema imperiale della globalizzazione.

A questo riguardo, è più interessante guardare al timoniere, piuttosto che agli ospiti del Britannia. Se vogliamo dirla tutta, si tratta della stessa cricca che arma la mano degli “insorti” che hanno trucidato i sei soldati italiani in Afghanistan. Non vogliamo certamente dire che Draghi ordina ai Talebani di bombardare i nostri soldati ma, come abbiamo scritto, che “il tritolo che ha ucciso i soldati italiani è stato pagato con i soldi di Soros”.

In altre parole, il pasticcio afghano in cui si è cacciata l’Italia a seguito degli Stati Uniti, è stato orchestrato dalle stesse forze del “nuovo impero britannico” che partorirono l’operazione Britannia. L’assalto contro l’Italia, che ebbe il culmine nell’anno del Britannia e che prosegue nella misura in cui dall’Italia si manifestano resistenze al nuovo impero della globalizzazione, al salvataggio delle banche ecc., va inquadrato nella strategia globale con cui si tenta di demolire gli stati nazionali per far posto alla Nuova Torre di Babele, come dice LaRouche. La guerra in Afghanistan fu escogitata per coinvolgere gli Stati Uniti in un disastro strategico e subire la stessa sorte che subì Atene con la Guerra del Peloponneso. A livello regionale, è la riedizione della strategia ottocentesca dell’Impero Britannico per il controllo dell’Asia meridionale.

Abbiamo più volte, in questo sito, documentato il ruolo degli inglesi nel “combattere e proteggere” i talebani, tanto da aver ottenuto per loro tramite un aumento della produzione dell’oppio. Dalle montagne afghane ai mercati della droga occidentali, riecheggia il nome di George Soros, paladino delle campagne per la liberalizzazione. Quel George Soros che l’Italia conobbe nella vicenda del Britannia e del successivo attacco alla lira che ci tramortì e ci fece accettare l’Euro senza batter ciglio.ontrollo dell’Asia meridionale.

Tuttavia – è bene ricordarlo – l’ossessione dei “Britannia Boys” non è l’Italia. Nel contesto della crisi globale, del collasso economico più grave della storia umana da noi conosciuta, l’oligarchia punta a rimuovere ogni paletto con cui la cospirazione repubblicana, che in America lottò in favore della “comunità di nazioni perfettamente sovrane” da contrapporre all’Impero Britannico, ha assestato i suoi successi storici.

Aver trascinato gli Stati Uniti, l’Italia e altri Paesi in Afghanistan, ovvero negli stessi luoghi in cui l’Impero Britannico sin dall’Ottocento non ebbe mai la meglio contro i “fanatici ribelli”, è l’estremo tentativo (forse il più palese, oltre quello del salvataggio degli speculatori con emissioni di credito nazionale americano) di far affossare il sistema americano e ogni altra sua influenza nelle istituzioni di altre nazioni.

Chi dovrebbe sostituire gli Stati Uniti nella loro egemonia globale (non priva di macchie) è, nella mente dell’oligarchia, il governo mondiale attraverso “quel che è di Cesare”, declinato nelle forme del “Financial Stability Board”, o del Fondo Monetario Internazionale.

L’Italia, grazie all’azione di Tremonti che si oppone ai salvataggi indiscriminati delle banche, è un ostacolo da rimuovere su questa strada, specialmente in vista della prossima grave fase della crisi, in cui si chiederà agli Stati di dissanguarsi ulteriormente per gli speculatori. Non pretendiamo che Brunetta afferri tutto ciò, ma constatiamo che denunciando i “Britannia Boys”, egli esprime un pensiero condiviso nel governo. Non basta per conquistare la fiducia del popolo italiano e di chi egli vorrebbe sganciare dalle “elites parassitarie”. Occorre abbandonare il liberismo e sposare quelle tesi rooseveltiane e quella Nuova Bretton Woods di LaRouche che Brunetta ha finora osteggiato (vedi “Gli industriali bellunesi invitano i rappresentanti di LaRouche”.).

Fonte: www.movisol.org
Link: http://www.movisol.org/09news176.htm
23.09.2009

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
13 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
13
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x