BREAKING NEWS ESCLUSIVA: CATTURATO DAI CURDI SIRIANI, LA “MENTE” DEGLI ATTENTATI DI BRUXELLES COINVOLGE ERDOGAN

DI NAHED AL HUSAINI

veteranstoday.com

Ogni cento rifugiati un terrorista ed ogni tre terroristi un attentatore suicida dell’ISIS, pronto a morire dietro comando turco

Le forze popolari curde che combattono in Siria hanno oggi [24 Marzo] catturato un alto funzionario dei Servizi Segreti turchi che, “sottoposto ad interrogatorio”, ha coinvolto il Presidente Erdogan.

A Veterans Today è stato dato accesso alle confessioni registrate che hanno rivelato il ruolo del MIT [Milli Istihbarat Teskilati, Servizi Segreti turchi] nelle esplosioni di Bruxelles ed i piani per effettuare ulteriori attacchi in Europa.

Il “funzionario sospetto” ha confessato il suo ruolo nella pianificazione – a Raqqah – dell’attacco di Bruxelles, in collaborazione con l’ISIS.

L’informazione che ha portato alla sua cattura deriva da un’intercettazione effettuata dai russi. Ci è stato detto che questi ultimi non sono stati coinvolti nella cattura, ma che una squadra di Spetsnaz [corpi speciali russi] potrebbe essere stata messa a disposizione come supporto.

I Servizi Segreti turchi gestiscono un centro di pianificazione operativa posto in un complesso sotterraneo di Raqqah, secondo il nostro riluttante informatore [il funzionario catturato]. Il centro, costruito al di sotto di un impianto di atletica, contiene scorte di armi chimiche e biologiche, tra le quali il gas sarin, il virus per l’influenza suina e tonnellate di materiali per la produzione di altri tipi di gas.

Gli Stati Uniti, coordinandosi con l’unità siriana “Tigre”, colpirono quel complesso nell’Ottobre del 2014, nell’ambito di una di quella mezza dozzina di operazioni altamente segrete effettuate congiuntamente. L’operazione portò alla cattura di alcuni ufficiali del Qatar, dell’Arabia Saudita e della Turchia.

Le note dell’interrogatorio che abbiamo ricevuto fino ad ora dal Segretario Generale del DESI [Dipartimento di Sicurezza e Informazioni per l’Europa], Dott. Haissam Bou Said, indicano che dietro agli orribili attentati suicidi c’è proprio il MIT e che alcune cellule terroristiche turche erano state impiantate anni fa in Europa, in collaborazione con un’infrastruttura del crimine organizzato attiva nel traffico degli esseri umani e della droga, al lavoro con gruppi israeliani e sauditi per effettuare attacchi terroristici “false flag”.

Il Presidente Erdogan, secondo la nostra fonte, ha introdotto le cellule terroristiche addestrate dal MIT nascondendole all’interno del flusso di profughi, attentamente orchestrato, per poi indirizzarle presso le comunità della criminalità turca, con sede in Germania, Belgio ed Olanda.

Fonti dell’intelligence statunitense hanno notato che da oltre un decennio la criminalità organizzata turca è centrata a Monaco di Baviera, che è il “ground zero” per gli attacchi terroristici che dovrebbero colpire gli Stati Uniti alla vigilia delle prossime elezioni presidenziali.

Nahed Al Husaini, capo-ufficio di Veterans Today a Damasco

Fonte: www.veteranstoday.com

Link: http://www.veteranstoday.com/2016/03/24/breaking-exclusive-brussels-mastermind-captured-by-syrian-kurds-implicates-erdogan/

24.03.2016

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Servus
Servus
25 Marzo 2016 17:03

Come mai nella foto postata c’è il Mossad che nell’articolo non è citato? Va bene che il Mossad è come il prezzemolo, ma qui non c’è. 

Fedeledellacroce
Fedeledellacroce
25 Marzo 2016 17:18

E’ la "par condicio" mio caro

Toussaint
Toussaint
25 Marzo 2016 18:58

Breaking/Exclusive: Erdogan to Belgium, “Screw you, we will do it again!” – http://www.veteranstoday.com/2016/03/25/erdogan-to-belgium-screw-you-we-will-do-it-again/ [www.veteranstoday.com] Turkey boasts of "deporting" Barkouri, a known terrorist to Belgium … deporting, dont you mean SENDING? [Editor’s Note:  We have the confirmed story with multiple sources, Brussels airport bomber Bakraoui was recruited while an ISIS jihadi in Syria, because of his Belgian passport.  While in Raqqah, at a suicide bomber training facility, he was taken by Turkish intelligence across the border where he was “arrested” and “deported” to the Netherlands. There, according to airline security sources, Bakraoui, as with other terrorists as well, was walked around security by employees of Israeli ICTS, the same company that aided “crotch bomber” Umar Farouk Abdulmutallab board Northwest Flight 253 in Amsterdam on Christmas Day 2009 without a passport or ticket, placing him in First Class. As you will learn below, Bakraoui was arrested as a known terrorist by Turkey and not imprisoned or turned over to Belgian authorities but “allowed” to return, not to Belgium but to the Netherlands, on a commercial flight, despite the fact that the same records that led to both the arrest of Bakraoui and his “deportation” because of his known terror background, as Erdogan claimed in… Leggi tutto »

Servus
Servus
25 Marzo 2016 20:48

Ah, ora abbiamo il legame con il Mossad.

kefos93
kefos93
25 Marzo 2016 21:20

Forse perché l’esercito israeliano è pappa e ciccia  con ISIS…non credi ?

makkia
makkia
25 Marzo 2016 21:56

Continuo a trovare piuttosto labili i collegamenti che fa Veterans Today nei suoi articoli. E le informazioni clamorose meriterebbero riscontri più approfonditi. Di sicuro ci sono però c’è qualcosa che non funziona all’aereoporto di Amsterdam.La sicurezza dell’aereoporto Shiphol non è gestita dalle forze di sicurezza olandesi ma da una compagnia privata, la ICTS.Ancorché basata in Olanda la ICTS fu fondata da ex-ufficiali dello Shin Bet israeliano e fa vanto di avere un know-how approfondito sulle "stringenti" misure di sicurezza che usano lo stato di Israele e la sua compagnia di bandiera. Chiamarla "compagnia israeliana" è un po’ una forzatura, ma comprensibile, visto il "retroterra aziendale". Di fatto la ICTS di Shiphol ha gestito malissimo il controllo del terrorista Abdul Mutallab ("mutanda esplosiva"). Ha tracciato invece Richard Reid ("scarpe esplosive"), lasciandolo partire da Shiphol per Israele e segnalandolo al Mossad, che lo avrebbe controllato tutto il tempo. Tuttavia Reid fu lasciato libero di tornare da Israele e nessuna agenzia di sicurezza americana o europea fu informata della sua pericolosità. Fu pizzicato dalle forze di sicurezza francesi senza alcun aiuto da parte della ICTS o del governo israeliano. Altresì la ICTS (o meglio una sua consociata) era la compagnia di sicurezza dell’aereoporto… Leggi tutto »

Senna
Senna
25 Marzo 2016 22:29

Articolo spazzatura, pura disinformazione per creare confusione !!!
Non pubblicate nemmeno merda di questo livello !!!

Earth
Earth
25 Marzo 2016 22:40

Qui non si parla piu’ di terrorismo, qua si parla di uno stato che ha dichiarato guerra in maniera non ufficiale.

Se la Turchia non viene spazzata via, vuol dire che c’e’ di mezzo anche l’ Europa.
pierodeola
pierodeola
26 Marzo 2016 10:41

Re: BREAKING NEWS ESCLUSIVA: CATTURATO –
Non è una novità che i turchi fanno il terrorismo a 90 gradi. La novità sarebbe che non fossero più sostenuti da Usraele e dalla NATO e che la bella donna tedesca smettesse di foraggiarli e promettere l’entrata in europa. Ci porteremmo a casa 70 mln.di musulmani e qualche miliaia di terroristi al soldo di Erdogan. Facile da capire ma difficile per i politici europei coinvolti nel caos a tutti i costi.
p { margin-bottom: 0.25cm; direction: ltr; color: rgb(0, 0, 0); line-height: 120%; }p.western { font-family: "Calibri",sans-serif; font-size: 11pt; }p.cjk { font-family: "Calibri",sans-serif; font-size: 11pt; }p.ctl { font-family: "Times New Roman",serif; font-size: 11pt; }a:visited { color: rgb(128, 0, 128); }a.western:visited { }a.cjk:visited { }a.ctl:visited { }a:link { color: rgb(0, 0, 255); }

Toussaint
Toussaint
26 Marzo 2016 12:46

TRADUZIONE DEL COMMENTO IN INGLESE DI CUI SOPRA [la sola nota del redattore] BREAKING NEWS IN ESCLUSIVA – ERDOGAN AL BELGIO: “FOTTETEVI, LO FAREMO DI NUOVO”. La Turchia si è vantata di aver “deportato” in Belgio Barkouri, un noto terrorista. Deportato … non intendeva forse dire INVIATO? Nota del Redattore: La storia è confermata da più fonti. Il bomber dell’aeroporto di Bruxelles, Bakraoui, fu reclutato come jihadista dell’ISIS in Siria, per il suo passaporto belga. A Raqqah, nella struttura per la formazione degli attentatori suicidi, è stato preso in consegna dai servizi segreti turchi e portato oltre il confine, dove è stato “arrestato” e “deportato” in Olanda. Un a volta arrivato – secondo fonti della sicurezza aerea – Bakraoui, assieme ad altri terroristi, ha bypassato la sicurezza grazie ai dipendenti della ICTS israeliana, la stessa società che ha aiutato il “bomber cazzaro” Umar Farouk Abdulmutallab a salire sul volo Northwest 253 ad Amsterdam, a Natale del 2009, senza biglietto e passaporto, mettendolo in prima classe. Come si vedrà in seguito, Bakraoui fu arrestato come terrorista dalla Turchia e non imprigionato o consegnato alle autorità belghe, ma “autorizzato” a tornare … non in Belgio, ma nei Paesi Bassi, su un volo… Leggi tutto »

Senna
Senna
26 Marzo 2016 16:08

Erdogan, Erdogan, Erdogan : ma che minchiate state dicendo e postando ?
Vi pare che la Turchia possa controllare quello che entra ed esce dalla Turchia ?
Ma
perchè l’Italia, la Francia, la Germania etc. etc., sarebbero in grado
di controllare quello che vola tra le varie basi Nato nei loro paesi ed
il resto del mondo ?
Tutta sta gente addestrata da e al soldo degli anglosionisti (finti terroristi o cattivi mussulmani) che trasportano avanti e indietro dal medioriente, ma cosa cazzo pensate che possano fare i vari Merkel, Renzi, Erdogan etc. ?