Home / ComeDonChisciotte / Bollettino della sera

Bollettino della sera

DI MARIA RITA GISMONDO

facebook. com

Bollettino della sera. Giornata molto impegnativa. Appena ho avuto un minuto di respiro e trovati due neuroni liberi , sono riuscita a pensare. Innanzitutto un chiarimento. Il presunto (poi smentito) paziente zero è arrivato in Italia quando i voli diretti non erano ancora stati interrotti. In Italia si è fatto davvero tutto per evitare l’ingresso del virus e dobbiamo riconoscerlo.

Adesso è arrivato, è vero, perché il panico? Piuttosto stupore. Ci sono molte cose che non riesco a spiegare.

Prima riflessione. Il paziente zero è stato sempre negativo per il virus ma anche negativo per anticorpi. Prova inconfutabile che non è mai stato infettato. Se non è il paziente zero, come ha fatto ad infettare i suoi contatti? In Veneto sono comparsi casi positivi. Da quale contatto? C’è un unico soggetto all’origine dei due focolai? Sono burned out…ci penserò domani. Chi volesse vedermi, domani sera sarò su Speciale TG1 alle 23.30.

I miei angeli mi hanno imposto di restare a casa stasera ma mi aspettano oltre 24 ore di attività domani. Dormo. Vi prego, seguite le raccomandazioni pubblicate dal Min Salute. Scusate, ma state calmi…forse sono davvero burned…questa settimana sono morti in Italia 2 pazienti a causa del Coronavirus e 24 per influenza. Rispettivamente 50 casi positivi e 656.000…mah! per me c’è un chiasso eccessivo…buonanotte. Dormo con un orecchio al telefono. Domani mattina alle 7 sarò in ospedale. F

Fate sogni d’oro!

 

Maria Rita Gismondo

Direttrice del dipartimento di microbiologia, virologia e diagnostica delle bio emergenze dell’ospedale Sacco di Milano, centro di riferimento per i contagi in Lombardia

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/maria.gismondo/posts/10218041495961658

22.02.2020

 

NdR

Potete seguire il suo profilo Facebook in continuo aggiornamento QUI

 

 

Pubblicato da Davide

Precedente “Il Carnevale è antisemita, sia vietato”, Israele contro i carri di Aalst
Prossimo Se Roma non ride, Berlino piange.

Lascia un commento