BOKO HARAM: E' UNA PSY-OP ?

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI KEVIN BARRETT

presstv.ir

Boko Haram è una psy-op ? Ci dicono che Boko Haram, un gruppo di islamici-radicali, ha rapito delle studentesse in Nigeria. Questo classico del benecontro-il –male contrappone degli estremisti islamici impazziti contro delle adorabili bambine innocenti. Il mondo intero richiede il salvataggio delle ragazze e condanna i diavoli dell’ Islam radicale“.

E ‘una storia eccezionale – una di quelle con cui fanno i film di Hollywood: Ma sarà vero ?

Anche se la storia è ormai sotto i riflettori di tutti i media mondiali, è una storia piena di buchi e le dichiarazioni ufficiali sono assolutamente inconsistenti.

Il Christian Science Monitor, una sorta di Bibbia dei teorici della cospirazione, sottolinea:

“A guardare i titoli a caratteri cubitali e gli appelli, quello che non viene raccontato sono i fatti fondamentali. Non è chiaro quante ragazze siano state rapite, ci siano, chi le abbia rapite, a che ora ed esattamente come.”

Si tratta di una storia con eroine e criminali sconosciuti che compiono azioni sconosciute in un tempo sconosciuto, questi fatti non potrebbero nemmeno definirsi “mito”. Forse anche “rumor” potrebbe anche essere esagerato.

La storia di Christian Science Monitor continua :

“Per cominciare , il numero di ragazze rapite dalla auto-dichiaratasi cellula islamista radicale Boko Haram, quelle che poi sono state salvate continua a cambiare. Prima erano state salvate 129 ragazze. Poi 121 e ne mancavano otto. L’indomani hanno detto che nessuna era stata salvata. Sembra che non esiste nessuna foto di gruppo delle ragazze, ne addirittura nemmeno tutti i loro nomi (certi siti web per le foto delle ragazze hanno usato foto prese altrove ).”

E’tutto molto strano. Fa tornare alla mente certe anomalie come quelle sulle dichiarazioni ufficiali fatte sulle vittime della sparatoria nella Scuola di Sandy Hook a dicembre del 2012 e sulle bombe della Maratona di Boston di aprile 2013.

Il sito web di notizie locali Boston.com elencava i nomi, l’età e la città di origine di quattro persone uccise dalle bombe di Boston e di sessanta feriti. Le autorità però hanno sostenuto che erano state 264 le persone rimaste ferite. I video hanno mostrato che l’ area in cui la bomba è esplosa era in gran parte vuota, con poche persone. Sentire che 264 persone erano rimaste ferite ha lasciato interdetti molti investigatori, tra cui il Professore Emerito James Fetzer dell’University of Minnesota, che ha ritenuto le cifre grossolanamente esagerate. Non c’è nessuna documentazione, nemmeno una lista di nomi, per 204 delle 264 persone che sarebbero rimaste ferite.

Inoltre, il professor Fetzer e altri investigatori sostengono che i video di Boston dimostrano che alcuni degli “infortuni” più clamorosi erano dei falsi, in stile hollywoodiano. Una delle presunte vittime, Nick Vogt , in realtà aveva perso le gambe in Afghanistan , non per le bombe di Boston. Nel suo articolo “Qualche dura lezione “dalle bombe di Boston”, Fetzer presenta delle fotografie che pretendono di dimostrare che Vogt era preparato con delle finte protesi ferite per effetto della bomba. Le foto e il video che mostra Vogt e un altro uomo che sembra abbia perso una delle sue gambe, Jeff Bauman, sollevava seri interrogativi su come una persona possa perdere le gambe a seguito di un forte trauma senza dover subire nemmeno una minima perdita di sangue. Bauman è stato messo in posizione verticale su una sedia a rotelle – difficile raccomandare questo trattamento a qualcuno che ha appena perso una gamba – e portato mentre è ancora pienamente vigile e senza nessun dolore apparente.

James Fetzer commenta :

“Guardate le foto di Jeff Bauman. Perché dalle gambe non esce il sangue ? Come fa a stare in piedi, cosciente e vigile come se fosse appena sceso da una sedia a rotelle ? Le sue false protesi sono rimaste per terra mentre lo stanno portando via di corsa, per questo si sono fermati per rimetterle a posto ! Ma quanto è stupido il popolo americano ? “

Stella Tremblay, Rappresentante dello Stato del Massachusetts lo ha capito – ed è stata censurata dai suoi colleghi legislatori per aver fatto domande sulle bombe, che le foto mostrano essere state portate da mercenari della Craft International, non dai fratelli Tsarnaev.

Fetzer ritiene anche che la sparatoria alla scuola di Sandy Hook del 14 dicembre 2012 sia stata un evento organizzato. In un articolo scritto insieme al prof. James Tracy e altri, dal titolo ” Dieci buoni motivi: Sandy Hook era un falso preparato” Fetzer critica il rapporto criminale ufficiale dello Stato del Connecticut:

“Il rapporto non riporta nemmeno i nomi, l’età o il sesso delle presunte vittime della sparatoria. Non c’è nessuna evidente identificazione dei morti … Chiunque abbia tampo e voglia di scorrere le notizie sui reato commessi in America negli ultimi secoli, sicuramente non riuscirà a trovare altri rapporti nei quali non siano riportati i nomi, l’età o il sesso delle vittime, con unica eccezione delle vittime di crimini sessuali. Il rifiuto di fornire queste informazioni fa parte di un modello di inganni e raggiri che vanno dal Sindaco di Newtown che ha preso accordi segreti con il legislatore statale per evitare che i certificati di morte fossero pubblici , al 911 a cui è stato messo il bavaglio sugli ordini impartiti ai responsabili di abbattere l’edificio.”

Per riassumere: Più di 200 presunte vittime delle bombe della maratona di Boston rimangono senza nome, senza uno straccio di prova che nemmeno esiste. Il rapporto ufficiale di Sandy Hook, allo stesso modo, omette i nomi
delle vittime e dei testimoni. E ora il governo nigeriano non dà nessuna prova convincente che alcuni individui specifici siano stati effettivamente rapiti, né dà nessun dettaglio su quando e come sia avvenuto il presunto rapimento.
Il recente video con il presunto leader di Boko Haram Abubakar Shekau accanto a una foto con delle studentesse in preghiera fa sorgere più domande che risposte. In primo luogo, se la persona nel video è davvero Shekau, perché il governo nigeriano continua a insistere sul fatto che Shekau sia morto? Perché Boko Haram e Shekau (ammesso che sia davvero Shekau) hanno aspettato tre settimane per rivendicare la responsabilità del presunto rapimento?

Il Christian Science Monitor sottolinea che “ l’unica prova certa che Abubakar Shekau sia ancora il leader di Boko Haram è che lo dice lui stesso. Questo è l’uomo che ha minacciato di uccidere l’ex Primo Ministro britannico Margaret Thatcher, dal suo nascondiglio a nord-est della Nigeria, più di sei mesi dopo la sua morte.”

Molti nigeriani si chiedono se Boko Haram esista davvero. Questa presunta organizzazione islamica radicale è stata incolpata per le uccisioni di migliaia di persone, ma i dettagli su quei fatti sono talmente torbidi che molti osservatori sospettano che possa trattarsi più di un “mito più che della realtà”. Secondo una teoria , i veri assassini sono dei mercenari pagati per mettere in scena delle false- flag sul ” terrorismo islamico” per giustificare l’intervento straniero in una Nigeria ricca di petrolio.

Il governo della Nigeria deve dare al mondo una spiegazione completa, coerente, pienamente documentata e trasparente della storia del rapimento delle studentesse. Allo stesso modo, il governo degli Stati Uniti deve rendere conto al mondo in modo completamente trasparente degli eventi di Boston e di Sandy Hook. In tutti questi casi – come in tanti altri episodi terroristici spettacolari – ci sono buone ragioni per le popolazioni di sospettare che i loro governi stiano mentendo.

Sappiamo che il governo degli Stati Uniti ha una lunga storia nella progettazione e messa in scena di falsi incidenti terroristici che sono serviti a galvanizzare l’opinione pubblica, a limitare le libertà civili, a far scattare delle guerre pre-programmate, per perseguire una “strategia della tensione” e per raggiungere altri obiettivi strategici. Chiunque dubiti di questo dovrebbe semplicemente scrivere su un qualsiasi motore di ricerca le parole : ” Operazione Northwoods “o” Operazione Gladio “

Altri governi fanno la stessa cosa. Israele, con il Lavon Affair , con il massacro della USS Liberty, con la false flag dell’Achille Lauro, e molti incidenti simili , possono essere esempi delle false flag presentate al mondo.

Ci sono personaggi del governo nigeriano magari con aiuto dall’estero che abbia addestrato o fornito assistenza per gli attacchi di “Boku Haram” ? Questo potrebbe essere solo l’ultimo esempio di una tendenza mondiale: la creazione e la distribuzione di brutali gruppi di militanti Takfiri al servizio del sionismo e dell’imperialismo per screditare l’Islam?

Kevin Barrett

Fonte: http://www.presstv.ir

Link: http://www.presstv.ir/detail/2014/05/14/362619/is-boko-haram-a-psyop/

14.05.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
9 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
9
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x