Home / ComeDonChisciotte / BIG PHARMA – LA SUINA E I MASSONI

BIG PHARMA – LA SUINA E I MASSONI


di ANDREA SUCCI
lavocedellevoci.it

La leggenda della “suina” parte da una storiella messicana. Il virus sarebbe partito dal Messico: il paziente zero era un bambino di 5 anni, Edgar Hernandez, originario di La Gloria (Veracruz). L’assunto, inizialmente smentito, viene confermato dal Governatore di quella citta’, Fidel Herrera, solo il 26 aprile 2009, diverse settimane dopo la morte del primo niño e le segnalazioni di 400 persone contagiate, tutte a La Gloria.
Perche’ proprio in quel luogo apparentemente fuori dal mondo?

I media messicani e la popolazione locale non hanno dubbi: la colpa sarebbe da attribuire agli scempi ambientali perpetrati dalla multinazionale americana Smithfield Company, la maggior produttrice statunitense di carne suina, presente in Messico con la controllata Granjas Carrol, che dispone di circa quaranta stabilimenti produttivi, tutti compresi nella Valle del Perote, zona a confine tra lo stato di Veracruz e quello di Puebla, dove si trova appunto La Gloria. Secondo fonti non governative, e secondo gli attivisti messicani che da quattordici anni si battono per proteggere se stessi e la loro terra, la causa dell’influenza A sarebbe da ricercare nell’inquinamento acquifero prodotto dagli scarichi industriali di Granjas e in quello atmosferico dovuto alle carcasse di maiali abbandonate en plein air. In pista scende subito Big Pharma e i vaccini sono tre: il Celvapan, prodotto dall’americana Baxter; il Pandemrix della britannica GlaxoSmithKline; il Focetria, della svizzera Novartis. Il via libera arriva dall’Agenzia Europea del Farmaco, l’Emea, tramite una sottocommissione, la Chmp, che si occupa dei prodotti medicinali per uso umano. Organismi non del tutto imparziale. Ralph Edwards, responsabile dell’Uppsala Monitoring Centre svedese ed esperto di farmacologia, afferma che «le Agenzie regolatorie hanno molti piu’ rapporti con le aziende farmaceutiche che con i cittadini». «Questo e’ un grosso problema anche dell’Emea», conferma Mauro Venegoni, componente dell’organismo consultivo di farmacovigilanza del Chmp e direttore dell’ufficio farmacovigilanza dell’Aifa, la corrispondente italiana dell’Emea.
Puo’ risultare allora interessante puntare l’attenzione su alcuni illustri connazionali che operano tra l’Emea e il Chmp e sulle strutture in cui svolgono nel nostro paese la loro attivita’.

INSUBRIA DOCET

Partiamo dall’Universita’ dell’Insubria, con sedi fra Como e Varese, bersaglio, recentemente, di vibrate proteste da parte degli animalisti. Dice Francesco Caci, responsabile della Lega Antivivisezione di Busto Arsizio: «Quello che noi disapproviamo e’ l’utilizzo degli animali per studi su cannabinoidi, oppioidi, tumori e malattie neurogenerative. Abbiamo contestato gli esperimenti dal punto di vista sia etico che scientifico, perche’ sono finalizzati solo ad aumentare il numero di pubblicazioni dei ricercatori. Tra l’altro, i locali messi a disposizione dall’amministrazione di Busto sono edifici che hanno avuto bisogno di una ristrutturazione costata 15 milioni di euro, per meta’ finanziati dal comune e per meta’ con fondi europei; in realta’ dovevano essere destinati ad opere di industrializzazione».
Il direttore dell’ufficio legale dell’Emea insegna in questa universita’. E’ Vincenzo Salvatore, giurista varesino, ordinario di Diritto Internazionale all’Universita’ dell’Insubria. Rettore dell’Insubria e’ Renzo Dionigi, gia’ componente del Consiglio Superiore di Sanita’ nominato dall’ex ministro Girolamo Sirchia per il triennio 2003-2005. Consulente di Roberto Formigoni per i rapporti Sanita’-Universita’ e responsabile della Chirurgia generale 1 dell’ospedale Circolo di Varese, Renzo Dionigi e’ un massone, presente nella famosa lista Cordova del 1992.
Capofila della lobby pubblico-privata che sponsorizzo’ la nascita dell’Insubria e’ l’avvocato Ferruccio Zuccaro, proboviro dell’Ateneo varesino, ex balilla, ex vice presidente della Provincia, componente del Lions Club Varese Host e massone presente negli elenchi del ‘92. Forse e’ un caso, ma lo studio dell’avvocato Zuccaro e’ a Varese, in via Speroni 14, proprio nello stesso stabile in cui anche l’avvocato Vincenzo Salvatore svolge la sua attivita’.

L’Insubria e’ legata ad alcune tra le piu’ importanti multinazionali del farmaco come la GlaxoSmithKline, produttrice del vaccino Pandemrix, con cui ha una “Convenzione quadro per attivita’ di collaborazione didattico-scientifica” (vedi la delibera del Senato Accademico datata 22 aprile 2008); o come la Novartis, da cui si fa sponsorizzare per permettere ai docenti delle sezioni del Dipartimento di Scienze chirurgiche di partecipare allo studio internazionale Sustain come centro di arruolamento e trattamento (durata 2006-2008). La Novartis non solo produce il vaccino Focetria, ma e’ anche cliente della Huntingdon Life Sciences (HLS), la piu’ grande societa’ europea che esegue sperimentazioni animali. Per chiudere il cerchio, anche Glaxo e’ cliente della HLS: quindi sia Novartis che Glaxo fanno affari con l’Insubria e con HLS.

UN PONTE PER CARLO MAGNO

Altro personaggio interessante e’ Giuseppe Nistico’, membro del Chmp dal 2004 e anche lui scelto direttamente dal ministro dell’epoca, quel Girolamo Sirchia condannato nel 2008 in primo grado a tre anni di reclusione e cinque di interdizione dai pubblici uffici per tangenti.
Nistico’ e’ un forzista, ex presidente della Commissione Ricerca UE ed ex presidente della Regione Calabria, noto soprattutto perche’ voleva intitolare il Ponte sullo Stretto a Carlo Magno. E’ massone anche lui, nella lista Cordova del ’92. In caso di assenza alle sedute del Chmp, Nistico’ veniva sostituito da un membro supplente, Pasqualino Rossi, capo dell’unita’ operativa di farmacovigilanza dell’Aifa, che il 23 maggio 2008 viene arrestato con l’accusa di attentato alla salute pubblica. Numero due all’Aifa, secondo il Procuratore di Torino Raffaele Guariniello Rossi avrebbe ricevuto compensi per chiudere un occhio sull’Aulin, l’anti-infiammatorio che puo’ avere effetti collaterali sul fegato. Interrogato dagli inquirenti, Rossi ha confermato di aver ricevuto dei regali ma «pensavo fossero delle banalita’, non ho mai fatto cose contrarie ai doveri d’ufficio. Non mi sono mai ritenuto un corrotto».

Fino al 2004 Giuseppe Nistico’ faceva parte anche dell’European Parliament Osteoporosis Interest Group, una sorta di lobby che opera per il “call to action”: promuovere misure nazionali che rendano i pazienti piu’ consapevoli dei problemi derivanti dall’osteoporosi, aiutare i medici a riconoscerne i sintomi e spingere il sistema sanitario a pagare per trattamenti appropriati. Tra le compagnie che si occupano di finanziare le attivita’ dell’International Osteoporosis Foundation, di cui l’Interest Group fa parte, spuntano ancora una volta Novartis, Glaxo (tramite la Amgen, con cui Glaxo ha una partnership europea) e Baxter (che ha accordi commerciali con Nycomed e Teva Pharmaceutical). Va detto che Nistico’ ha lasciato il gruppo nel momento in cui e’ divenuto membro Chmp.

NEL SEGNO DI VANGUARD

Esiste un gruppo di potere che lega la Smithfield Foods – la compagnia americana dalla quale siamo partiti, e che avrebbe provocato l’influenza suina – alle tre multinazionali del farmaco produttrici del vaccino, Novartis, GlaxoSmithKline e Baxter. Tutto e’ racchiuso in una parolina magica: Vanguard, la avanguardia finanziaria mondiale. The Vanguard Group e’ una compagnia americana di investimenti che gestisce un patrimonio approssimativo di 1 trilione di dollari.
Il Vanguard possiede azioni della Smithfield (tramite, ad esempio, il Vanguard Group Inc), azioni della Glaxo (Vanguard Primecap Fund, Vanguard Health Care Fund ed altri), azioni della Novartis (Vanguard Primecap Fund, Vanguard Capital Opportunity Fund, etc.) e azioni della Baxter (Vanguard Group, Inc., Vanguard 500 Index Fund, e cosi’ via).
Ma chi detiene le azioni del Vanguard Group? Sono colossi come ExxonMobil Corporation, Microsoft Corporation, General Electric Company, J.P. Morgan Chase e Co., Procter e Gamble Company, Apple, Inc., Coca-Cola Company, Google, Inc., Hewlett-Packard Company, Philip Morris International Inc, Goldman Sachs Group, Inc., PepsiCo… Insomma, le multinazionali piu’ potenti, che possono permettersi il lusso di lanciare, allo stesso tempo, il malanno e la cura, la pandemia e il vaccino.

Andrea Succi
Fonte: www.lavocedellevoci.it
Link: http://www.lavocedellevoci.it/inchieste1.php?id=248
12.12.2009

Pubblicato da Davide

  • myone

    Quando sei in certi ambienti, il che significa in ogni ambiente che conta e che decide e che ha, autorizzato e legalmente votato e delegato, sei in un palazzo di marmo, dove si vede solo uffici, bar, sale d’ affari e nulla piu’. Sotto, lo spazzino, il portinaio, lo sturacessi e via discorrebdo, anche se lo rendi minato nel suo vivere sia ambientale, sociale, e di sudditanza, non lo puoi ne vedere e ne rendertene conto. Povera gente, gia’ si dannano per noi, lasciategli almeno l’ onore del difetto. Qui, in questo mondo, non c’e’ nulla di perfetto.
    Ma sempre l’ imperfetto_perfetto. Meglio di cosi ci stanno provando.

    In olanda i BLEKBLOK, un 400 persone, si sono messe in moto.
    Mi ha commosso che miliaia e miliaia di persone sono giunte da tutto il mondo. Ogni nazionalita’ principale e che poteva inquanto paese almeno sufficente, era rappresentata. Quasi tutto il mondo civile e comune era LI.

    Ora, come pure per genova, andare a sfasciare gratuitamente beni a chi come te non centra nulla, e’ vandalico.
    Nell’ insieme scientifico culturale e filosofico, sarebbe come dire, accettato, solo come simbolo di bilanciamento e di riscontro, come valvola di sfogo o di coscenza cieca nell’ impossibilita’ di agire o averne voce in capitolo, l’ azione teppista dei BlekBlok, ma alla fine, non serve a nulla, se non per far man forte ancora di piu’ a controbattere e etichettare per esteso, che bisogna solo protestare in silenzio e stop.
    Ad esempio, i blek blok a genova li avrei visti bene dentro il palazzo dei grandi, invece che fuori a far danni a 4 poveri simili.

    Ora, se ci fosse una vera catena d’ informazione, televisiva, radiofonica, giornalistica, non di parte ma libera e seria, dove esporre problemi e verita’ con le sue ramificazioni vere e i suoi fare veri, che rendono coscente la gente, le persone con l’ andare del tempo, si attaccherebbero a quella che dovrebbe essere primariamente l’ intento della loro sopravvivenza come specie, e ne sarebbero attente e informate. Di conseguenza, semplici manifestazioni gandiane a tema, dove raramente si vuole per cominciare NON puntare il dito su persone gia’ delegate, ma puntare il dito sui modi e sulle scelte, potendole manifestare, che ne so, esponendo lenzuola di un colore, metterebbe in moto un sistema generale in un paese, di coscenza, sia a dire si o no, sia a informarsi del perche’ di tuto questo, ecc ecc, dove, il solo vedere esposte sempre di piu’ lenzuola a giro, darebbe piu’ lo stimolo che tramite tv radio e giornale, le persone sanno e rispondono.
    Quando concatenati, ci sono informazioni riguardo tutto, ma che di volta in volta, toccano argomenti e situazioni, dove si mira a come fare e come non fare e a quello che si dovrebbe fare assolutamente, e oltre che trovare risposta in gesti di massa importanti, non ha risposte chiare e determinate e volenterose, nasca spontaneamente e come di consuetudine, che, questi cittadini di conseguenza, si trasformino in ” faccia a faccia e tu per tu”, e vadino a miliaia e miliaia alla volta e di volta in volta, come i blekblok, davanti ad istituzioni, case private degli interessati, parlamenti, e via discorrendo, a farlgi vedere che chi comanda e’ la verita’ e il senso giusto delle cose, e che solo arrivando a questo si ottempera alla realizzazione del perche’ queste persone sono delegate a fare per gli altri che sono i tutti. E dopo una volta che si va’, la seconda si va’ per altro, dopo che, date non solo le informazioni, delucidate non solo le molteplici articolazioni del perche’, e date sopratutto le dovute risoluzioni, non pervenendo al nulla o la NI o al So, si vadi per determinare una volta per tutte quello che e’ veramente, tolgiendo il cosi’ detto male di forma e di fondamento, come fanno gli ebrei. Ma qui, ono in una lotta di religione o di parte, ma veramente come voce del buon senso della vita.
    La gente, anziche’ spendere e spandere per far vedere che di soldi ne girano sempre e che il culo lo possono sempre esporre per farseli prendere i soldi, dovrebbero spenderli per farsi delle belle gite tutti i fine settimana, per un motivo e per l’ altro, dove serve e quando serve.
    Vedrete che, chi si delega a fare, e’ guardato a vista, e discussione dopo discussione, dovra’ fare solo il melgio, solo il giusto, solo il milgiore e onesto che si possa fare, e alla pari di tutto e di tutti, cosi si talgiera’ il cosi detto male, la cosi detta truffa, la cosi detta negligenza, il cosi detto interesse latente e occulto, il cosi detto potere sordo e cieco, e cosi si insegnera’ ed educhera’ non solo una societa’, ma sopratutto i singoli che ora come ora, sono automi, extraterrestri, piaghe e tarli in tutti i sensi.
    Le soluzioni ci sono a iosa, solo che, nel meccanismo subdolo e pervertito e di poltrona che esiste ora, alla faccia del volere che esista qualcosa di sufficente fra l’ insufficente generale, e la catastrofica realta’ che ci circonda e che si incrementa sempre di piu’.
    Ci vuole un vero risveglio, a miliaia e miliaia alla volta, in ogni volta, e su tutti i fronti.

    Sarebbe ora di finirla di mastrurbare notizie e tutto il resto. A quando una TV modello donchisciotte e una radio idem e un giornale idem, anzi piu’ di piu’ giornali piu’ radio e piu’ persone e persone e piu’ lenzuola e lenzuola, fino a fare di un paese un unico colore…… perche’, se di pirla ce ne sono qualche miliaio, di sani, ce ne sono a milioni, a fra questi,…. ed e’ questo che mi rode, ce ne sono a miliaia ancora di piu’ che possono alla grande sostituire i miliaia di pirla incompetendi in materia. Eh si, perche’ i competenti della materia corrente, sappiamo che sono fallimentari, non tanto nelgi affari loro che sono in attivo, ma fallimentari nelgi affari veri, giusti, esistenziali.

    Toh, me la sono fatta addosso un’ altra volta.

    Microsft esempio, se gli togli i soldi o gli metti le manette ai posi, non e’ piu’ nulla. Ce ne sono di linux che vivrebbero con il minimo vitae a sfornerebbero il fabbisogno, che non si sa’ che fabbisogno sia oltre un certo (non uso impropio), va bhe lasciamo stare.
    Tanto per dire, che hanno se gli e lo lasciano avere, ma se non l’ hanno, girano in mutande pure loro, anzi, sara’ la volta che dovranno nascondersi.
    Ah, ma sei scienziato? tricercatore? fai le medicine perche0′ non si muoia…..????…. az vieni qui che ti spacco il Mulo, fa’ lavora e taci, che fino ad ora non si sa’ che hai fatto. Inventa e ricerca a pane e companatico, che la tua deve essere una missione, non un bisness, coglione. Poi, se fai bene e fai il bravo, una molgie dei figli una casa e le ferie per andare con gli altri mille a dire qualcosa, te li si da’ ugualmente.
    Anzi, a te di piu’, ma non tutto, che sarebbe non oltre il doppio di chi ha calli in mano. Perche’ con nulla, sei arrivato ad avere per milioni di persone, e questo non e’ bene, perche’ alla fine prendi per il culo chi te gli ha dati i soldi sai. Non credere che i soldi te li hanno dati dei cretini da spennare, te li ha dati il tuo prossimo che ingnorante piu’ di te si fida del tuo servizio per farlo stare meno ingnorante e pezzente, cretino.

    ( a parte che si diceva che il virus e’ stato riesumato modificato e lanciato dall esercito usa per fare bisnes e tentare man basse pro o contro questo o quello)… ma non fa nulla. Pure le concentrazioni di produzione sopratutto inutili dovrebbero essere eliminate. Una volta il porco l’ avevano tutti in campagna e con uno si mangiava in 10 ciccia per tutto l’ anno, ed erano gente che potavano gli alberi da frutto con le mani nude, cari i nostri e vostri e tutti fi__cchini che siamo, Eh si, perche’ siamo anche in un mondo di fanculozzi, sedia e bla bla bla con riscaldamenti che vanno e luci che brillano e cadeaux sempre sui banchi… o no…..//
    Conunque sia, un benessere basilare si puo’ in tutto e per tutti, ma quello che rovina e’ l’ esoso, l’ inutile, sopratutto quando e’ manipolato come cifra e filtrato come affare e potere, questo rovina, e di conseguenza, porta a una polita e a politici e affaristi senza lavoro vero, a fare i magnacci una volta per tutte nella vita, rovinando tutto e tutti, questo e’ il vero NON senso delle cose.

    Bon, scaricato, ora lascio perche’ mi sta’ prendendo un’ altra scarica, anzi, l’ ho gia’ fatta, spiacente. Fra idiozie mie paragonate a infinite idiozie micidiali vere, benedetta scarica casereccia.
    (visto che ‘ vuoto e che ci rimarra’ sto spazio, l’ ho riempito io….. sorry)

    Pensavo: ho sempre ofiato i conunisti e chi vuole le rivoluzioni e pure o fascisti imponi che….perche’ basta parlare, e sembrerebbe che pure un asino capisca in silenzio e acconsenta. Ma a volte, si arriva a squilibri e a parti cosi estreme, che a forza di logorare, alla fine il capirsi e’ mettere in gioco il tutto per tutto, e senza discorsi, senza rendere conto di nulla, perche’ una cosa sta’ LA e un’ altra sta’ DALL’ ALTRA PARTE.
    Se si diventa sordi, le legnate parlano da sole senza parole.
    Se invece che guardare al loro di ambiente con il riscaldamento delgi altri, guardassero veramente all0 ambiente dove vivono i loro simili, che siamo noi e che li abbiamo fatti andare la’ noi, creando a forza un ambiente vero pulito vivibile lavorativo a misura che serve senza danni e senza intrallazzi, allora le cose sarebbero diverse. Ma non e’ cosi. Uno fanno per te, un altro lo fanno perche’ tu possa fare, e cento lo impongono per tirare le fila loro. questa e’ la schifezza. Ma non meritano nemmeno di essere presi in considerazione, ma purtroppo siamo noi che li consideriamo, li diamo le chiavi in mano, a tal punto, che tutto e’ in automatico, e in automatico e’ pure l’ 1x1x100.
    E’ per questo che si arrivera’ a un folle faccia a faccia con un altro folle.
    Qui ora mai siamo monolitici_globali, e impasta che ti rimpasta, la pasta sara’ una sola, ma prima di diventare una sola, come insegna la matematica, un passo prima si arrivera’ a due, due che vorranno che la pasta sia per uno o per l’ altro, e dentro al pastone rimpasto, ci girera’ tutta l’ umanita’, direttamente o indirettamente, e se le braccia dell’ impastatrice sono a questo modo, tritera’ tutto senza sosta e senza rotture, perche’ se non si rompono ste braccia prima, l’ acciaio avra’ temperato ogni possibilita’ di fermata.

    Non so’ se in questo avulso atipico in qualcosa mi sono spiegato.
    Alla fine, potrebbe senz’ altro essere, come tutti gli articoli ben fatti a miliaia che ci sono qui, che messi assieme, fanno un altro avulso di tutto e di nulla, mentre il tutto continua, e non si riesce a trovare un interruttore che accenda nulla o che spenga nulla, perche’ la centrale e’ a se’, indipendente, e intoccabile.

    Dicono gli evoluzionisti che ogni specie e ogni forma e’ un processo di millenni. Noi ora, siamo un’ unica forma processata mondiale, dove il globale come intelligenza e dato di fatto e’ unico. E’ questa la rogna. Quindi quello che si fa o che fanno e’ unico, varra’ per tutti. E se siamo tarati a questo modo, da colgioni assassini a delinquere e incapaci veramente, siamo a buon punto come parto da aborto. In un momento potremmo essere all’ anno zero. Qualcosa non va’ piu’, e sebbene il mio vicino propietario di 30 ettari volesse metterci la volonta’ di sfamarci perche’ ha due trattori e volesse seminare grano basta che gli facciamo compagnia, perche’ altro non si potra’ fare, se non ha sementi gasolio e elettricita’ per dare acqua, la volonta’ divenra immaginazione e miraggio. Certo che il catastrofismo e’ limitato e limitatorio e riduttivo, ma per quelli che subiscono in vero e per le prerogative che ci aspettano, volerlo vedere come tale non e’ poi tanto follia.
    Basta che te stai a casa e non hai piu’ nessuno che ti garantisca nulla men che meno da un sistema che non c’e’ piu’ o non puo’, la catastrofe ce l’ hai gia addosso e in casa. E se sei non solo te, e se sei a centinaia o miliaia, la cosa si fa’ dura. Il cannibalismo non e’ tanto una soluzione di un altro mondo, quelle che erano persone da supermercato e da regali natalizi, cambiano in un momento e mostrano il vero recondito soffocato, se e’ per quello.
    E poi diciamocelo. Siamo in gabbia. In allevamento. Andiamo perche’ abbiamo i paraocchi, ma nessuno ha nelle propie mani l’ indipendenza e la sufficenza di gestire localmente e di averne possesso di una autosufficenza di sostentamento e di oranizzazione, della serie, se manca la luce, ci sono le candele e la fabbrica ce l’ abbiamo, o il generatore c’e’ e abbiamo il fiume di gasolio dove a secchi peschiamo.
    O io garantiro’ il pane, te l’ acqua, te la verdura, te tessi e garantisci i vestiti, e via discorrendo, a modo che, ogni 200 persone se la cavano anche in un post_nucleare senza radiazioni. Qui, se salta qualcosa, anche se piccola, saltano miliaia di persone di volta in volta, e con effetto domino, perche’ il meccanismo e’ troppo complicato, staccato, enorme, e sopratutto inutile, alla fine.

    E come stando nella ricorrenza, sembra che l’ ambiente ci faccia avviso, e se non fosse vero, l’ avviso c’e’ e come se c’e’, perche’ senz’ altro e’ l’ avviso arcaico della nostra coscenza, dove non si e’ mai vissuto bene, dove non la si e’ mai rispettata sta terra e sta vita sopratutto. Dicono molte filosofie e leggi spirituali e scientifiche non ufficiali, che ci sono mondi paralleli e veri insondati e non conosciuti, dove il tutto confluisce sempre, e non c’e’ azione o mdo che non interragisca con un tutto.
    La cosa che fa’ piu’ apura e’ la pazzia umana passata come forma e come regola, Questa’ e’ la piu’ grande e forte interferenza reale e creatrice del peggio, lo e’ sempre stata, ricordiamocelo nel passato e guardiamolo nel presente.

    Ho visto alcuni giorni fa una setta o comunita’ nascosta spirituale o cose a questo modo, dove, in una sala della natura, avevano messo degli elettrodi alla sommita’ delle piante e alle radici delle piante, convolgiando le onde magnetiche delle piante in un amplificatore, che come si sa’, sia il suono della voce che la parola che i suoni delgi strumenti e la scienza musicale, dove si basa sulle frequenze delle onde sonore che emettono suoni secondo una frequenza che dividendola o moltiplicandola per se stessa da’ la scala cromatica dei suoni che sono applicati nella musica sugli strumenti musicali, queste piante, con le loro frequenze, facevano musica, sembravano organi, flauti, cori e concerti, dove ogni singola pianta emanava il suo suono, ed erano influenzabili fra loro, dialogacano a seconda dei suoni che percepivano delle altre e di conseguenza rispondevano secondo un loro linguaggio, nel senso che non era campionato, e a seconda di come si modificava l’ ambiente, tramite anche della presenza di altri esseri viventi, intereagivano, ed intereagivano pure quando un umano cantava con loro o emetteva suoni.
    Si vero, c’e’ senz’ altro una dimensione della vita che e’ nascosta, persa, ma esiste ed e’ latente, quella degli animali dei vegetali, delle pietre e di tutto quello che sotto tante forme esiste ed e’ pensato.
    Appunto, come lgi uomini. Interragiscono fra di loro, sopratutto come pensiero, come esseri, come sostanza ed essenza. Ma se siamo messi cosi’, siamo messi male, e qualunque cosa non puo’ altro che rendere un modificato alterato che non serve propio a far ritrovare un vero esenziale che serva per vivere. Figuriamoci, quando il modificato, e’ diventato reale in tanto e in tutto, come il sociale che ci troviamo a vivere, pensare, nella sua forma reale e concreta, che se guardiamo, e’ la piu’ deleterea e la meno vivibile, e il bello obrutto che sia, e’ che ce la creiamo noi o ce la facciamo sopportare per forza, come contrario di quello che vorremmo vedere, sentire vivere.

    Ok, notte a tutti, o giorno, se qualcuno arrivera’ qui in fondo.

  • Jack-Ben

    http://isilenti.wordpress.com/2008/07/05/noam-chomsky-capire-il-potere/

    anche Chomsky ha qualcosa da raccontare …..

    ho trovato questo link casulmente voi cosa ne pensate

  • fm

    Un libro ottimo. Come molti altri libri di Chomsky.
    Leggilo se puoi.