Home / ComeDonChisciotte / BERLUSCONI, UN DELIRIO CHE PARTE DA UN COMPLESSO D’INFERIORITA’

BERLUSCONI, UN DELIRIO CHE PARTE DA UN COMPLESSO D’INFERIORITA’

DI MASSIMO FINI
Il gazzettino

«Sono il miglior presidente del Consiglio che l’Italia abbia avuto nei 150 anni della sua storia». Per quanto scavi nel passato, recente e remoto, non ricordo qualcuno che si sia espresso in questi termini su sè stesso. Nessun regista, per quanto sommo, Ingmar Bergman o Federico Fellini o Orson Welles, ha mai detto di sè: «Sono il migliore fra tutti quelli che si sono cimentati con la macchina da presa». Nessun attore, sia pur straordinario, un Lawrence Olivier, un Vittorio Gasmann, un Dirk Bogarde, ha mai osato affermare: «Sono il meglio fico del bigoncio». Nessun atleta, si chiamasse Fausto Coppi o Pelè, si è mai dichiarato il primo in assoluto. Nemmeno Maradona, che pure era un po’ “svitato”. Neanche Rudy Nureyev, che era un narciso per temperamento e professione, ha mai detto: «Sono il più grande ballerino di tutti i tempi». E lo era. Forse solo Carmelo Bene ha detto qualcosa del genere, ma in termini ironici e autoironici («Sono apparso alla Madonna»). Invece nelle affermazioni di Berlusconi e in tutto il suo atteggiamento non c’è mai un briciolo di ironia e, tantomeno, di autoironia. Si prende sempre e tremendamente sul serio. Come quelli che in manicomio credono di essere Gesù Cristo.
Questo delirio di onnipotenza maschera in realtà, come sempre, un proporzionale e irrisolto “inferiority complex”. Se uno è davvero convinto di essere il migliore, non ha bisogno di affermarlo, ci sono i fatti a dimostrarlo. Da che cosa gli derivi questo complesso di inferiorità è impossibile dire. Ci vorrebbe un analista. Un plotone di analisti.

A me Berlusconi, come uomo, per certi versi fa anche tenerezza. Neanche diventare padrone del mondo placherebbe questa sua ansia, questo bisogno inesausto di conferme. Se non gliele danno gli altri, sente l’urgenza di darsele da solo. Per dirla con le parole di una canzone di Sergio Endrigo, gli “manca sempre una lira per fare un milione”. E, per la verità, in questa sua ossessione non gli si può dare tutti i torti.

Nonostante nella sua vita abbia fatto cose notevoli (e lasciamo perdere, per una volta, i mezzi molto discutibili che ha usato per affermarsi, anche perché migliaia di altri si sono serviti degli stessi mezzi ma non hanno avuto la sua riuscita), non è stato mai preso veramente sul serio. È stato un grande imprenditore, nel settore immobiliare e dei media, ma non è mai entrato nel “salotto buono”. Stefania Craxi mi ha raccontato che una volta suo padre e Berlusconi andarono a trovare Gianni Agnelli nella sua villa di Saint Moritz. Agnelli ricevette Bettino, ma fece attendere due ore Berlusconi in anticamera. Come politico ha successo in Italia, ma il resto del mondo, dall’Europa agli Stati Uniti al Giappone, ride di lui. Per farsi notare nei meeting internazionali ha bisogno di ricorrere a scherzi infantili, da “asilo Mariuccia”. I suoi colleghi lo sopportano perché non possono far altro, per “dovere istituzionale” per dirla con Zapatero.

Io credo che Silvio Berlusconi abbia perso una formidabile occasione per diventare un grande uomo di Stato. Aveva tutto: esperienza, ricchezza personale, una batteria di media a disposizione, un consenso fortissimo e un’opposizione ridicola. Era considerato, e con buone ragioni, “l’uomo della Provvidenza”. Solo Benito Mussolini si è trovato con un potere altrettanto forte in mano. Ma mentre Mussolini aveva in testa un’idea di Stato e di Nazione che realizzò con coerenza e ha fatto buone cose (l’Iri, la creazione di una burocrazia efficiente, le bonifiche, per spulciarne solo alcune) prima che la sconfitta bellica liquidasse il fascismo, Berlusconi è su piazza da quindici anni, 2500 giorni li ha passati come capo del governo gli altri come capo indiscusso dell’opposizione, ma sfido chiunque a dire che in questo periodo l’Italia sia migliorata di un ette. La sola cosa che è riuscito a fare è spaccare il Paese in due. E adesso sta venendo in uggia anche ai suoi alleati e a parte dei suoi seguaci.

Penso che sia stato proprio il suo debordante narcisismo a perderlo. E di lui, oggi, si potrebbe dire, malinconicamente, quello che Leone Trotzkij, in un famoso discorso, disse dei menscevichi: “Avete sprecato la vostra parte, ritornate nella spazzatura della Storia”.

Massimo Fini
Fonte: http://www.massimofini.it/
Uscito su “Il gazzettino” il 18/09/2009

Pubblicato da Davide

  • Sokratico

    Berlusconi è un mediocre circondato da squali voraci…Previti, Dell’Utri (con cosche a seguito), Letta, Galliani, i figli di primo letto… Ma lo vedete questo “statista” che si compiace e si inorgoglisce quando una troia gli dice che “all’inizio mi ha fatto un male pazzesco!” Cioè voglio dire, ve lo immaginate uno cui hanno asportato la prostata che riesce a credere di fare “un male pazzesco” a una trentenne entraineuse di professione? Dai siamo seri…quest’uomo è rincoglionito…mi farebbe quasi pena se non avesse usato come carta igienica la Costituzione italiana…

  • lucamartinelli

    allora,cari amici. l’argomento si presta a discussioni interminabili. mi sembra che l’articolo racconti cose trite e ritrite. vorrei provare a stare sopra le righe e tentare una brevissima analisi del fenomeno. sappiamo tutto di Berlusconi. quello che non teniamo spesso presente è il fatto che anche lui,come tutti i politici ai vertici del potere, è un maggiordomo dei grandi banchieri o della massoneria, che ormai giorno dopo giorno scopriamo quanto sia infiltrata nei gangli dello stato. è stato solo un prescelto per portare avanti il piano di “rinascita democratica” il compenso è stato la quotazione in borsa di Mediaset che ha portato al ripiano dei debiti che Fininvest aveva. perche’ sta ora cadendo in disgrazia? non certo per i fatti di mutande che ci stanno ancora annoiando, ma perche’ chi lo ha messo al potere non è soddisfatto del suo operato. “ringraziando iddio” la sua gestione governativa è stata nulla dal punto di vista delle aspettative dei suoi padroni, vedi ulteriori privatizzazioni, trasferimento massiccio della sanita’ al privato etc etc. da questo lato ha fatto piu’ danni Prodi, noto maggiordomo di Goldman Sachs. ecco perche’ penso che l’articolo di Fini sia molto superficiale, moltissimo. non si chiede nessun perche’. grazie a tutti per l’attenzione.

  • maristaurru

    ED ecco perchè ormai a quanto pare non ci resta che aspettare che Prodi il pacioccone sorridente con lo sguardo freddo da squalo, realizzi l’affondo e mandi i resti logori e stanchi del paese all’inferno, mentre pedine cieche e maggiordomi furbi consumeranno le briciole che vorranno gettargli..se gliele getteranno, perchè spesso i potenti, a lavoro fatto.. non pagano, come sa ogni buon artigiano, come non sanno i parassiti stipendiati da noi fin ora e per i bei risultati che vediamo.

  • TitusI

    hai beccato il complesso giusto…;)

  • lucamartinelli

    è probabile che sia come dici. ma non trascurerei i nuovi fatti che riguardano Gianfranco Fini. forse stanno preparando qualcosa di nuovo. una nuova strategia. Prodi potrebbe essere fuori tempo o “bruciato”,come si suol dire. riguardo le tue ultime parole ti dico di non prendertela. “loro” non hanno mai avuto rispetto e considerazione dei cittadini e del nostro lavoro. sono grassatori, ladri ,se non peggio. arraffano, arraffano…….tanto possono farlo,la nostra è una finta democrazia. siamo impotenti, non abbiamo armi. quando scendiamo in piazza sperimentiamo la violenza dei loro cani da guardia, cioe’ le forze dell’ordine. infatti in uno stato democratico la polizia è al servizio del cittadino, in un regime o in una finta democrazia è il cane da guardia dei padroni. capisco che siamo scivolati su un argomanto tosto. infatti tutte le persone di buona volonta’ si chiedono che possiamo fare. ammetto di non avere una risposta. posso solo, a livello personale ,vivere in modo diverso per quanto possibile. buona domenica.

  • morfina

    “Se uno è davvero convinto di essere il migliore, non ha bisogno di affermarlo, ci sono i fatti a dimostrarlo.”

    In italia basta affermare (e far affermare alle proprie televisioni e giornali) di essere il migliore e basta all’80% degli italiani per essere convinti che lo sia veramente.

  • Galileo

    …da che cosa gli derivi questo complesso di inferiorità è impossibile dire. Ci vorrebbe un analista. Un plotone di analisti, scrive Fini…ma chiediamolo a naomi (noemi come cavolo si chiama questa) che c’è lo dice rapidito.

    Fini ti sei bevuto il cervello, tenerezza? Tenerezza si prova per un cane, un gatto tirato sotto da una macchina. Certo che ci chiediamo perchè Fini (questo Fini) ultimamente esce con “articoli” preferiali (si chiamano)…

    Personalemte me ne fraga un bel niente che uno vada strombazzando che è il migliore o meno, e anche questa storia che se sono il migliore uno non lo deve dire mi sembra un preconcetto precostituito, non stá bene, non si fá, cantava Vasco Rossi…che dica quello che voglia, ma che lo dimostri.

  • 1sasso

    secondo me stavolta fini ha incasellato una serie di czzt in fila che poteva risparmiarsi.

  • radisol

    A parte il solito elogio “en passaint” del fascismo che ci ricorda chi e cosa pensa veramente Massimo Fini ( come diceva Benigni, pure l’imperatore Bokassa avrà fatto durante il suo folle dominio, chessò, una strada, un ospedale …), per il resto bisogna dire che sull’analisi psicologica del Berluska di oggi mi sembra proprio ci abbia preso … con grande scorno dei berluscones d’accatto ….. per rendersene conto bastava guardarlo in faccia a “Porta a porta” ….. poi d’accordo che il “potere reale” in Italia e nel mondo è un altro, le banche d’affari, le multinazionali, le major, Big Pharma, il FMI, il Vaticano, Israele o chi cazzo volete …. ma questo non vuol dire che dobbiamo continuare a farci governate da uno psicopatico … o da più psicopatici … non è che Brunetta o Gasparri o La Russa scherzino nemmeno loro in materia ….. anche loro basta guardarli un attimo con attenzione per rendersene conto ….

  • vic

    Cavolo, ma l’ho gia’ sentito l’epiteto il migliore!

    Pensa e ripensa, mi frulla in testa sto migliore, dov’e’ che lo sentito? C’era uno detto il migliore, era un personaggio notissimo. Ne sono sicurissimo.

    Poi zac, il flash: ma certo era Togliatti il migliore! I suoi lo chiamavano proprio cosi’. Adesso sarebbe da indagare se si fosse mai chiamato da solo “il migliore”.

    In quel caso occorre ammettere che la penisola e’ una culla di migliori!

    Coi migliori saluti

  • harth88

    E se qualcosa va storto nel processo si può sempre far ripetere dalle stesse televisioni e giornali che, Non l’ho mai detto! A quel punto quell’80% diventa totalmente incapace di ricordare un fatto successo il giorno prima e tutti i fatti diventano opinioni..

  • vic

    Ehm,

    se e’ per quello mezzo mondo e’ governato da psicopatici. Li troviamo nei governi e anche nelle grandi e piccole industrie. Non in tutti/e, per carita’ e per fortuna.

    Piccolo esempio documentato. Un collega di studi del gruppetto dei famosi neocon USA, racconta che all’universita’ tutti li chiamavano “the crazies”, cioe’ “i pazzi”. Decenni dopo “the crazies” son finiti a tirare i fili del governo di una cosiddetta superpotenza.

    Quindi non meravigliamoci piu’ di niente.

  • juanmatus

    caro Fini, ignori forse la grazia di Nijinsky…?

  • Mampr

    non trovo questo articolo su “Il Gazzettino” del 18 settembre
    Siete sicuri che sia stato pubblicato?

  • Eli

    Signor Fini, lei che conosce così bene le buone cose fatte da Mussolini, ci dica : Il Duce andava con le minorenni o no? Sa, sto compilando un dizionarietto delle similitudini…Sentiti ringraziamenti.

  • gianni_RISC

    Non credi che due persone costituiscano, nel buio di questa notte che ci circonda, una moltitudine?

    Perchè non troviamo un modo di mettere “in rete” la gente che, in un modo o nell’altro, è consapevole del sistema che ci circonda e in potenza può mettere in atto una rivoluzione di pensiero e di modo di vivere la Repubblica?

  • 1sasso

    PER valutare le parole di fini occorre chiarire prima a quali valori si fa riferimento.Da quello che si vede in giro per le strade direi che berlusconi li incarna tutti i valori condivisi.

  • brezzarossa

    Ma quale complesso di inferiorità, è solo solo un vecchietto, con il vizio della masturbazione mentale, che sta ogni giorno di più perdendo il contatto con la realtà. Non ha perso l’occasione per diventare un grande uomo di stato semplicemente perchè non può esserlo, non ne ha le capacità.

    Saluti a tutti.

  • Sassicaia

    La costituzione italiana e’ carta igienica

  • Sassicaia

    Signor Fini,a parte il fatto che Berlusconi puo’ suscitare tutto fuorche’ tenerezza,in cosa e’ migliorata l’Italia al termine del ventennio fascista?

  • Sassicaia

    Beh se non altro il duce era dotato di autoironia,dote che il berlusca non ha,
    senza la quale non avrebbe esposto al pubblico ludibrio la sua pancia
    immensa davanti alle telecamere dell’istituto luce nella trebbiatura del
    grano italico.

  • GiuseppeManeggio

    Ciò che ci ha lasciato il fascismo è in parte ancora in essere. Tralasciando la distruzione di una guerra che come tutte aveva portato sul lastrico il nostro Paese, ciò che è rimasto del fascismo è assai evidente. Il sabato non lavorativo, le otto ore di lavoro settimanale, l’INPS, l’INAIL, l’IRI, e altri istituti che in campo sociale sono restati sani anche negli anni successivi.
    Sul piano sociale credo che abbia fatto di più Mussolini in 20 anni che questi farabutti che da 60 anni svendono l’Italia applicando liberismo e mercato in ogni settore.

  • Eli

    Davvero pensi si trattasse di autoironia? Mi meraviglio. Credo invece pensasse di essere un gran fico, proprio come Papy, che s’incensa da solo.
    L’autoironia non è in dotazione dei tiranni e tirannelli in nessuna epoca.

  • Kiddo

    Che ne pensi in un futuro prossimo un bel tandem Casini-Fini? L’uno è appoggiato dalla chiesa e si presenterebbe come il rassicurante moderato, l’altro , appoggiato dai veri poteri USraeliani, come l’uomo forte in grado di raddrizzare il paese, ostacolare la criminalità , combattere i clandestini ecc. L’Italiota medio se li berrebbe alle prossime elezioni??

  • Sassicaia

    Pare invece che Chavez abbia detto di se stesso ad una cena che usa il viagra per non farsi la pipi’ sulle scarpe.

  • shatka

    Io recentemente sto pensando e mi sto sempre più convincendo che “il Berla” altro non sia che un “bambinone” cresciuto e che in realtà non sia l’ipotetico “mafioso” che tutti pensano perchè lui in realtà… E’ VITTIMA DELLA MAFIA, altro non è se non un giocattolo nelle mani della criminalità.
    Penso questo perchè ho provato a farmi qualche “calcolo”:

    1- prima della sua entrata in politica era a capo di svariate grandi aziende e poteva essere annovaerato tra gli uomini più ricchi d’Italia… e noi si sa che la criminalità rivolge la sua attenzione dove ci sono soldi, giusto?

    2- Per questo sulle sue aziende, in primis, e su di lui la criminalità ha puntato gli occhi cercando il modo su come potesse entrare nel giro di capitali che egli gestiva.

    3- Per questo vinse le elezioni anche con grande consenso del Sud

    4- Per questo secondo me vorrebbe costruire il ponte sullo Stretto: oltre a gonfiare il proprio egocentrismo, il ponte sarebbe un’idrovora di capitali da spartirsi tra le varie lobbies e imprese coinvolte nell’appalto: non riusciamo a finire la Salerno-Reggio Calabria (con tutti i soldi persi) e pensiamo di poter davvero costruire il ponte???

    5- Vogliamo parlare dei tagli alle forze di Polizia? Macchine di servizio ferme perchè non c’è sufficiente assistenza, auto che raggiungono i 150-200000 Km senza essere cambiate, straordinari pagati “a babbo morto” o che devono anticipare di tasca loro i soldi per il pieno…
    E il blocco del tun-over??? Gli agenti in pensione non verranno ricambiati da nuove entrate. Manovre e tagli questi che limitano l’efficienza delle Forze dell’ordine contro la criminalità.

    6- Ma fra i vari schieramenti politici perchè allearsi con il Movimento per l’Autonomia Siciliana?

    7- Depenalizzazioni dei falsi in bilancio e di altri vari reati

    8- Definire “Mangano è un eroe, non Di pietro!” ed averlo preso al suo servizio parla da solo…

    9- Tutte le offese portate avanti contro la magistratura

    10- Per evitare che un giorno si possa svegliare con l’intenzione di tornare sulla retta via gli sono stati messi intorno uomini condannati per mafia (es. dell’Utri) e quindi mafiosi che lo potessero “controllare”, uomini messi in punti chiave del suo impero economico proprio per avere maggior controllo su di esso nel qual caso il Berla non servisse più e infatti pian piano si sta cercando di “scaricarlo” (chi al suo posto? G.Fini o M.Draghi in un governo tecnico)

    11-Leggi varie: ex-Cirielli, Pecorella, reintroduzione del “legittimo sospetto” che potrà essere usato per lo togliere le indagini ai titolari e spostarle in altre procure.

    CHI PIU’ NE HA, PIU’ NE METTA.

    Ho scritto qui questi miei pensieri e sicuramente qualcuno potrà aggiungere o togliere/correggere delle cose. Li ho scritti per discutere questo tarlo che ho in mente: Berlusconi NON è colui che comanda il paese ma è IL COMANDATO, il servo di altri poteri.

    Sbaglio?

  • anacrona

    Apri chi occhietti che quello che ha realizzato Mussolini lo vedi intorno a te …

  • anacrona

    Hai fatto centro …

  • Sassicaia

    Mussolini ha creato la Padania?

  • Eli

    Allora, se è dotato di autoironia, non è un tiranno. Bisogna saper distinguere una battuta di spirito dalle verità rivelate.

  • vic

    Come la vedi con la prevista centrale nucleare siciliana? Pensare che certi impianti finiscano in mano alle mafie fa’ venire i brividi. Altro che centrali bulgare!

    Cordialita’

  • Eli

    Intanto non c’è più la dittatura, c’è una parvenza di democrazia, e scusa se è poco. Non si uccidono più gli avversari politici, non si mandano al confino, non si fanno guerre di aggressione per conquistare altri paesi, ma solo guerre servili al soldo degli USA. Non abbiamo più leggi razziali contro gli ebrei, non li deportiamo più nei campi di concentramento, anche se adesso si organizzano campi di detenzione per i migranti, che non è certo una nobile azione. In un colpo solo ci siamo sbarazzati della dittatura e dei Savoia, ed anche questo, scusate se è poco! Noi abbiamo sempre vissuto in un paese democratico, non conosciamo pertanto l’oppressione, la censura sfacciata, anche se la propaganda sta raggiungendo livelli da Min-Cul-Pop. Ho raccolto i racconti dei miei nonni e dei miei zii anziani sul fascismo, e non era un bel vivere. Mio padre asserisce che per lui “E’ sempre stata una buffonata, divenuta tragica con le leggi razziali e la guerra”. Basta studiare un po’ di storia e guardarsi qualche documentario Luce per capire cosa è stato il fascismo, e come ha ridotto questo paese.

  • lucamartinelli

    credo, caro amico, che bazzicando questo sito cadiamo nell’errore di credere che la maggior parte della popolazione sia come noi. purtroppo,quando arrivano le elezioni, ci si accorge che non è cosi’. ci si sveglia da un sogno.

  • Eli

    E’ anche un uomo che ha paura. Lui sa di chi. E quelli come lui, quando sono impauriti, diventano molto molto pericolosi.

  • lucamartinelli

    hai ragione, potrebbe andare cosi’, e gli italioti si berrebbero anche questo. ma è solo facciata. i padroni veri rimarrebbero sempre gli stessi, sempre nell’ombra. il problema è cambiare dalle fondamenta questo sistema, tornando a una vera democrazia. ma ,credimi, non sono sicuro che ne abbiamo la forza e le possibilita’. personalmente penso che forse solo la crisi che sta arrivando potrebbe rendere le masse sensibili a cio’ che noi crediamo giusto. so che è desolante, ma il sistema che “loro” hanno messo in piedi non ci lascia neppure un pertugio in cui infilarci. staremo a vedere. nel frattempo diamoci da fare per diffondere una vera informazione. questo lo possiamo fare. sai che ogni volta che dico che Bankitalia è una S.p.A. cascano TUTTI dalle nuvole? ed è solo un esempio. saluti

  • pistorius

    Massimo Fini si sta rimbambendo, che peccato.
    Resta un uomo degno, e un giornalista di una correttezza ed autonomia esemplari.

    Ma arrivare a parlare di Mussolini solo per dire che ha fatto cose buone citando la solita storia dell’IRI e delle bonifiche dell’Agro Pontino, come se fossero cose qualificanti di un governo di 20 anni (peraltro: la scienza e la tecnica, le università sa il signor Fini che fine hanno fatto con il fascismo?)e il male fosse solo derivato dall’alleanza coi nazisti, è davvero penoso.

    Possibile che Fini non ricordi Pasolini, che lui stesso intervistava, quando diceva: il fascismo c’è stato per 20 anni in Italia, in una fase storica di urbanizzazione, meccanizzazione, industrializzazione: governava senza opposizione: quello che ha fatto di “buono” non poteva non farlo, lo avrebbero fatto tutti – e meglio.

    Per il resto, vero che chi si autoloda ed ha complessi di megalomania nasconda un complesso di inferiorità ma non esageriamo col Berlusconi vittima di Agnelli, povero sfigato, e soprattutto basta con la storia del grande imprenditore: grande baro, semmai, grande fuorilegge: come le ha avute le frequenze nazionali delle sue tv? occupandole illegalmente e avendo poi favori dai suoi amici politici, leggi ad personam già allora per evitare che intervenisse la magistratura. E allora per essere fuorilegge e vincenti barando, infrangendo la legge, non occorre essere bravi, occorre essere senza scrupoli e avere amici che ti coprono.

    Caro Fini, a lei fa tenerezza Berlusconi, a me lei quando scrive queste cose.

  • Sassicaia

    Forse mi sono espressa male io allora,volevo appunto sottolineare che al
    termine del ventennio,a mio avviso,l’Italia non era per nulla migliorata
    rispetto a prima,anzi:il fascismo ha lasciato in eredita’ solo lutti,morte,macerie ed odio e forse qualche piccola opera di bonifica ma
    sicuramente gli aspetti negativi superano ampiamente quelli positivi.
    A quelli che dicono che la situazione oggi e’ paragonabile a quella del fascismo come dittatura vorrei dire ma credete davvero che se ci fosse ancora il fascismo tutti noi potremmo permetterci oggi di venire nei vari
    blog e dire tutto cio’ che ci pare?Credete veramente che il secondo quotidiano nazionale potrebbe quotidianamente sparare a zero sul governo?
    Credete che sarebbe permesso ad una trasmissione come annozero di
    andare in onda?Quanto ai cpt il paragone coi lager e’ improponibile:nei cpt
    non si finisce sulla base dell’appartenenza ad un’etnia o a una nazionalita’,
    ma in base al fatto che si entra sul territorio di una nazione violando una
    legge regolarmente approvata da un parlamento regolarmente eletto,dunque espressione della sovranita’ popolare,peraltro perfettamente
    in linea con la normativa degli altri paesi europei.E nei cpt inoltre,cosa non
    secondaria,non esistono camere a gas,tribunali speciali o plotoni d’esecuzione:sottigliezze.

  • Sassicaia

    Se non e’ un tiranno uno che abolisce la liberta’ di stampa e proibisce il
    golf perche’ e’ uno sport borghese non saprei dire chi lo e’.

  • marcello1950

    DRAMMATICAMENTE VERO:

    CHE DICE TANTO SUI LIMITI DEL SUO POPOLO
    E CHE DA ANCHE LA MISURA DELLA POCHEZZA DI UNA OPPOSIZIONE CHE HA DISTRUTTO L’ECONOMIA
    DOPO AVER VENDUTO IL PAESE AGLI STRANIERI.
  • Eli

    E’ vero che la legge razzista contro i migranti è stata varata da un parlamento. Ma non tutto ciò che è legale è legittimo. Sotto il nazismo era legale perseguitare gli ebrei, non vuol dire che fosse legittimo od umanamente condivisibile. E’ profondamente ingiusto e disumano condannare chi fugge da fame, guerra, genocidi, miseria, e tenerlo imprigionato per SEI mesi. Nei CPT non ci sono fucilazioni o camere a gas, ma i migranti subiscono percosse, torture, spesso se stanno male non chiamano neppure il medico e li lasciano morire così. Tali angherie ono perpetrate non solo dai poliziotti, ma perfino dai membri della CRI, che, non dimentichiamolo, è un ordine militare. Basta informarsi. E ad una legge ingiusta, è auspicabile disobbedire, come ha affermato un recente “suggerimento” del Presidente del Tribunale dei minori di Genova.
    Purtroppo molti italiani non hanno mai cessato di essere fascisti, e questa è la matrice della barbarie che oggi ci circonda, integrata dai leghisti che riecheggiano il nazismo.

  • Tonguessy

    “Ci vorrebbe un analista. Un plotone di analisti. “
    Che l’esecuzione abbia inizio

  • Eli

    Chavez ha fatto chiudere una televisione ed un giornale che, con i finanziamenti della CIA, avevano organizzato un colpo di stato contro di lui. In otto anni di presidenza ha convocato dieci referendum, ed ogni volta il popolo lo ha rieletto. Mai presidente fu più votato di lui. Quanto al golf, comporta un grande spreco di acqua per il mantenimento del green, ed un uso spropositato di erbicidi ed altri veleni. Quali sono le tue priorità? Meglio occuparsi della Terra o dei divertimenti dei ricchi? Quanto alle libertà democratiche in Italia, che secondo te sarebbero garantite, sul sito del Parlamento c’è la proposta di legge di quella sciacquetta della Milly Carlucci e di un altro deputato del PDL per mettere un bel bavaglio al web. Dagli solo tempo.

  • Duffy

    a parlare di queste cavolate su berlusconi si fa il gioco del sistema
    tutti a parlare di mignotte, festini e virilità del premier
    quando l’unica cosa che si ottiene parlando di queste cose è omettere l’unica cosa veramente scomoda

    che è la seguente

    http://www.lavocedellevoci.it/inchieste1.php?id=211

    ricordo inoltre a tutti di guardarsi l’intervento di Solange Manfredi
    http://www.youtube.com/view_play_list?p=267B0705AA8ABC78

  • Sassicaia

    Non so se sai che Chavez ha fatto promulgare una legge che attribuisce
    a lui la facolta’,in qualunque momento e a suo insindacabile giudizio,
    di censurare una notizia che puo’ turbare l’ordine pubblico,di fatto una
    censura a tutti gli effetti.Se vai sul sito “il barbiere della sera” troverai
    tutti i chiarimenti a riguardo con commenti inferociti anche di molti
    blogger di sinistra e filo-socialisti reali.Se questa non e’ censura dittatoriale,non so quale altra possa esserlo.Riguardo al fatto che e’ stato eletto ti ricordo che anche Hitler e Mussolini furono regolarmente
    eletti dal popolo.Un saluto

  • Sassicaia

    Chi conosce la storia sa che leghismo e nazismo sono agli antipodi:
    il primo vuole uno stato secessionista federale e quanto piu’ piccolo
    possibile,che non invada altri paesi,il secondo uno stato centralizzato
    forte,espansionista e che sottometta i popoli vicini.La lega vuole in pratica coltivare il suo orticello in pace,il nazismo vuole coltivare un giardino dell’eden grande quanto il mondo.La legge non contro i migranti
    ma contro l’immigrazione clandestina(cosa ben diversa),non e’ razzista
    perche’ non discrimina in base alla razza o al colore della pelle ma in base allo status di regolare o meno,la qual cosa e’ molto ma molto diversa.Puoi essere regolare o clandestino indipendentemente dal tuo
    paese d’origine:la differenza sta nel fatto se hai o meno seguito l’iter e
    la trafila che le leggi italiane ed europee prevedono.Leggi analoghe esistono nella socialista Spagna,nella laburista inghilterra,nella socialdemocratica germania e nella democratica america e nessuno nei loro paesi,perche’ hanno opposizioni intelligenti,si sogna di definirle razziste.Quanto al fatto che i clandestini vengano torturati nei cpt e’
    una menzogna colossale che nemmeno Agnoletto riuscirebbe a dire.

  • Eli

    Ma perché ti proccupi tanto della mancanza di democrazia in Venezuela, quando in Italia siamo ridotti veramente male? Preoccupiamoci di quello che POSSIAMO FARE QUI, e lasciamo che gli altri popoli si governino come vogliono. E’ come vedere il granello di sabbia nell’occhio dell’altro e NON VEDERE LA TRAVE CHE E’ NEL NOSTRO.

  • Matt-e-Tatty

    Qualsiasi centrale nucleare in Italia fà venire i brividi… si trovasse anche in Val d’Aosta… è non è solo un problema di smaltimento delle scorie, qualsiasi opera pubblica in Italia, gira e rigira, finisce in mano sempre alla stessa “impresa” (Impregillo) e a quanto pare non ne riescono a fare una che stia sù… troppo basse le cifre degli appalti per potersi permettere di guadagarci, pagare le maestranze, e utilizzare ferro e cls nelle giuste quantità e ricette… a qualcosa poverini devono rinunciare… di solito si parte dal ferro e dal cls, poi è la volta delle maestranze… il guadagno… che razza di impresa sarebbe se rinuncasse al guadagno?

  • Eli

    Sassicaia, se i cervelli fossero tassati, tu otterresti un rimborso!