Home / ComeDonChisciotte / BERLUSCONI ADDIO, E SCILIPOTI DIVENTA CHE GUEVARA

BERLUSCONI ADDIO, E SCILIPOTI DIVENTA CHE GUEVARA

DI DEBORA BILLI
crisis.blogosfere.it

Mi sto divertendo moltissimo nell’assistere al voltafaccia istantaneo dei migliori rappresentanti dello scorso governo, in occasione delle dimissioni forzate del loro caro leader.

Grande sbalordimento, ad esempio, per il discorso di Cicchitto:

C’è un convitato di pietra, costituito da un complesso di interessi economici e finanziari, che oggi gioca una partita decisiva per quello che riguarda la tenuta o la non tenuta dei governi, per quello che riguarda, in sostanza, l’assetto democratico. Questo dovrebbe essere ragione di preoccupazione e non di esultanza.

Tutto ciò si è intrecciato con quella che è un’autentica crisi globale del capitalismo nell’Occidente, mentre invece, in altri Paesi, in India, in Cina, in Russia, in Brasile, c’è il massimo di sviluppo. È la contraddizione di fondo della globalizzazione che si è intrecciata con la crisi della deregolazione della finanza mondiale.

Probabilmente il capitalismo oggi sta attraversando la sua crisi più grave, più grave addirittura di quella del 1929.

Poi ha parlato Scilipoti, che prima di essere zittito da Fini ha destato entusiasmo tra i più critici verso il governo dei banchieri:

Oggi si sta facendo un colpo di Stato perchè questo è l’ultimo parlamento eletto dai cittadini italiani. Da domani saremo commissariati da un personaggio che appartiene alla lobby delle banche ed è stato indicato non certo per salvare l’Italia, ma per garantire un gruppo di mercenari e di delinquenti.

Infine, nientemeno che La Russa oggi si lancia nella critica alla sinistra complice:

Mi verrebbe da ridere e in realtà ho riso, vedendo i manifestanti che in odio a Berlusconi festeggiavano la vittoria del loro teorico nemico di classe: Mario Monti. E con lui la finanza, le banche, il capitale, i padroni, i poteri forti e ogni altro stereotipo delle battaglie della sinistra.

Cicchitto che parla di crisi del capitalismo, Scilipoti che ce l’ha coi derivati, La Russa che denuncia la vittoria dei poteri forti, Gasparri che la chiama “bancocrazia”. Una roba inaudita, francamente. Attendiamo la Santanché pronunciarsi per le donne palestinesi.

Ma mi diverte anche vedere come oggi molti in Rete celebrino queste affermazioni di alcuni tra i solitamente più derisi esponenti berlusconiani, riportate quasi fossero le ultime grida del popolo oppresso sulle barricate. Capisco il bisogno di leader tra chi non approva l’avvento di Monti e della nuova cricca, ma commuoversi per Cicchitto e Scilipoti è davvero alla disperata. Anche perché, diciamolo: se sapevano tutto, e se la pensano come un volantino noglobal, perché diavolo non ce ne hanno informato prima? Perché non hanno parlato di questo durante gli interventi urlati nei vari Ballarò e Porteaporte, o meglio ancora in Parlamento, anziché spendersi per olgettine e lodialfani?

Avremmo tutti ascoltato volentieri Cicchitto e La Russa proclamare nero su bianco il loro impegno contro lo strapotere della finanza mentre stavano al governo, invece di vederli tutti presi a difendere i processi e il bunga bunga.

Saresti stato carino, Scilipoti, con il basco del Che: ma peccato, ti sei deciso troppo tardi.

(Update: nel domenicone del totoministri, sento parlare di Veronesi e addirittura del rettore della Cattolica alla “Pubblica” Istruzione. Che Scilipoti ci aiuti!)

Debora Billi
Fonte: http://crisis.blogosfere.it/
Link: http://crisis.blogosfere.it/2011/11/berlusconi-addio-e-scilipoti-diventa-che-guevara.html
13.11.2011

Pubblicato da Davide

  • Giancarlo54

    Aderisco immantimente alle BAS, Brigate di azione Scilipoti! Scilli, sei tutti noi!

  • IVANOE

    Organigramma politico italiano

    1)Obama referente dei poteri forti americani
    2)Merkel referente di confindustria tedesca
    3)Sarkosy referente FMI per l’europa
    4) Berlusconi,Prdoi, Monti, Napolitano esecutoiri degli ordini di cui sopra…

    Ragazzi ma che stiamo dicendo ? Solo chiacchere e ciarpame da parte di questi.
    Sopra e no scherzo hanno painificato a tavolino 17 anni fa la ventua del berlusca, poi la sua caduta e adesso la venuta del referente delle banche monti….. questo per dire che qui da noi in italia ed in europa non avviene tutto per caso ma in base al trattato impolverato di Yalta.

  • Mari

    Questo personaggio e’ molto imbarazzante 🙁

  • Morire

    A dire la verità, Scilipoti, è da quando è entrato in parlamento che parla di strapotere bancario, usura legalizzata e scie chimiche. Poi, uscito da IDV, è entrato a far parte del gruppo misto con un suo movimento. Di che voltafaccia si tratta?

  • illupodeicieli

    Argomento ad hominem. Quando si attacca la persona e non l’idea di cui è portatore.

    “L’ha detto Giulio? Ma quello è un cretino!” Sarà anche cretino, ma è la sua idea che va confutata, indipendentemente dalla persona.

    Questo può valere anche per la “fonte” in senso lato: “Ho letto su un sito internet che l’11 Settembre non fu affatto portato a termine da 19 arabi…” “Ma và là, lascia perdere. In Internet girano tante di quelle stronzate!”

    Ne girano a quintali, se è solo per quello, ma sono le idee specifiche che vanno confutate, non il luogo (comune) da cui provengono.
    fonte:luogocomune.net
    ———-
    Mi pare che vadano confutate eventuali idee scilipotiane e dei suoi compagni, o camerata che siano: quelle cose dette dai parlamentari “fregati”, come sappiamo è da anni che si sanno. Tuttavia sappiamo bene come sia difficile far passare certi argomenti affinchè se ne possa discutere in maniera costruttiva: diversamente sappiamo a quali attacchi siano sottoposti i vari Giulietto Chiesa, oppure come fu presentato Eugenio Benettazzo da Michele Santoro ad Annozero e quanto tempo fu concesso a quell’intervento o da ultimo ,sempre Santoro ma nella nuova recente trasmissione “servizio pubblico” come si è comportato con Claudio Messora. Ciò solo per sottolineare che ben venga chi apre o può aprire certe strade: come si diceva una volta “chi non è contro di noi è per noi” (o qualcosa del genere). Del resto la situazione credo che non conceda molto tempo e che perchè alcune posizioni, e non da oggi, sostenute da “certa destra”, contro il capitalismo americano, contro la colonizzazione americana, possono coabitare per il tempo necessario a ristabilire o stabilire un equilibrio indispensabile. Certo non è la migliore compagnia per fare un viaggio in corriera quella di Scilipoti o La Russa, ma sono loro che vengono invitati o venivano invitati in trasmissioni tv, e ancora oggi è a loro che vengono fatte interviste e sono sempre loro che possono convocare conferenze stampa.Certo noi possiamo ricorrere a internet, ma occorre anche coordinare le azioni e avere un piano che ,mi pare, non è stato partorito. Ricordo che personaggi come Borghezio e Buontempo e una o due volte anche Di Pietro, per argomenti sui Bilderberg il primo e per il signoraggio gli altri due, hanno fatto qualcosa: e se il primo non è per alcuni attendibile o lo si reputa comico, macchietta, gli altri non mi pare che siano eccessivamente criticabili. Da sinistra,al contrario, a parte Chiesa, non mi pare ci sia tutta questa volontà di riappropriazione della sovranità nazionale, monetaria e politica. Per cui vale il detto, per me almeno, va bene purchè se ne parli: ma non in stile cicap cioè per sfottere e mettere in ridicolo le persone e gli argomenti.

  • vetusordoseclorum

    Muoia Sansone con tutti i fili…bustieri

  • nuvolenelcielo

    Non capisco il significato di questo post – oltre all’inutile retorica si intende. Se qualche rappresentante del popolo (-parlamentare voglio dire), dice qualcosa di molto giusto ed importante benvenga – perché non l’hanno fatto prima…, già. Sinceramente del prima io non so cosa farmene, ma anche se sono politici da poco e si sono svegliati solo adesso vista l’entità di quello che sta succedendo o vista la perdita di potere personale, meglio di niente.

  • sirthomasmalory

    Ma si può sapere che ha fatto Scillipoti di cosi terribile , di cosi ridicolo, di cosi’ inquitante ?

  • Andy86

    onestamente non mi sembra sto “voltafaccia”… difendono la loro (precedente e attuale) posizione, dicendo (paradossalmente) la verità, l’unico punto è che… non dicono anche loro di far parte dello stesso sistema che contestano…

  • Hamelin

    Quoto sintesi perfetta!

  • geopardy

    Sicuramente chi l’ha votato non lo avrebbe fatto sapendo che sarebbe stato lui a salvare il governo Berlusconi ed a passare dalla sua parrte e proprio un candidato dell’Idv, la forza presente nell’ultimo parlamento più anti-berlusconiana; se non fossimo in questa Italia, i suoi votanti lo avrebbero dovuto prendere a schiaffi.

    Certo, hai ragione però, di fronte ad una tale degenerazione generale, ormai, quasi più niente ci inquieta.

    Ciao

    Geo

  • consulfin

    Mi dispiace ma in questa occasione (è vero che non conosco bene quello che scrive) l’Autrice sembra farsi vittima di benaltrismo. Che cosa vuol dire che bisognava mentre stavano al governo? Certo, sarebbe stato meglio ma, prima di tutto, quanto sarebbe durato il governo? e, in secondo luogo, quelli che non avevano responsabilità di governo hanno forse fatto menzione delle responsabilità della finanza internazionale nella crisi (resa in schiavitù) greca-spagnola-portoghese-italiana? Non mi risulta. Anzi, mi sembra che stiano esultando per la vittoria definitiva delle lobby e ci stanno consegnando a loro con le mani e i piedi legati.
    Lungi da me l’idea di prendere le parti del pariolino Cicchitto ma c’è da dire una cosa: grazie al suo intervento, almeno resterà agli atti che si è parlato di ingerenze finanziarie esterne nella politica italiana. Resterà agli atti che qualcuno ha pensato che, in questi frangenti, si è consumato un colpo di stato.
    Dal canto mio spero che resti nella mente degli elettori una minima parte delle prese di posizione della cosiddetta opposizione in modo da ricordarle in occasione delle prossime vicine o lontane elezioni.
    Un’altra tirata di orecchie forse andrebbe fatta alla stampa come Repubblica e lo stesso Fatto quotidiano (nome davvero infelice): anzichè concentrare il dibattito sui fatti importanti che riguardano tutti, hanno deviato (ad arte?) il discorso sulle olgettine di cui l’Autrice non si è ancora stancata di parlare. Quante cose avremmo potuto conoscere ed approfondire se i seguitissimi Travaglio-Santoro-Berlinguer-Scalfari-Mauro… non ci avessero sottratte le energie che abbiamo impegnate per andare appresso ai loro pettegolezzi (colti al volo dalla maggioranza per fare ammuina)? E’ una sciocchezza dire che, forse, ad esempio, la manifestazione del 15 ottobre avrebbe potuto essere oceanica?

  • pippo74

    il tuo ragionamento in linea puramente egoistica non fa una piega. mi spiego meglio. diamo pure per scontata la buona fede di Scilipoti (che rimane comunque un personaggio molto ambiguo) e accettiamo le sue idee in tema di poteri forti e di sistema finanziario delinquenziale.

    su questo, credo che la maggior parte dei commentatori su CDC, sia assolutamente d’accordo. ma, c’è un ma, grosso come una casa che deve indagare la nostra coscenza. quando personaggi come Scilipoti appoggia, nemmeno troppo velatamente tipi alla saia, il cui movimento politico propugna l’espulsione di tutti gli extra comunitari attualmente presenti in Italia, come una delle azioni prioritarie per far ripartire l’economia, bèh, a questo punto il discorso scivola, a mio modesto avviso, su temi che vanno al di là delle nostre ricette economiche.

    in questo caso molto semplicemente, io, che ho rispetto dell’essere umano a prescindere dalla sua razza o dal colore della sua pelle, non posso confrontarmi nel merito economico con queste persone, perchè il nostro sistema valoriale non è conciliabile. un saluto
  • nuvolenelcielo

    Comunque queta derisione per Scilipoti è demenziale, non è certo l’unico che ha cambiato partito durante la legislatura… E non mi stupirei che fosse stato preso di mira proprio per la sua posizione sulle banche, che mi sono informato non è per niente nuova. E comunque, allora GIANFRANCO FINI!?! che DA PRESIDENTE DELLA CAMERA ha fondato un partito e ha cercato di far cadere il governo da presidente della camera contro i suoi elettori, e nessuno lo ha ancora tolto dal suo scranno istituzionale?!? Questo sì che è un personaggio che è andato oltre ogni misura del buon gusto e di cui tutti dovrebbero ridere… – ah, ma siccome lo ha fatto contro Berlusconi va bene…, già, dimenticavo…

  • geopardy

    Sicuramente chi l’ha votato non lo avrebbe fatto sapendo che sarebbe stato lui a salvare il governo Berlusconi ed a passare dalla sua parte e proprio un candidato dell’Idv, la forza presente nell’ultimo parlamento più anti-berlusconiana; se non fossimo in questa Italia.

    Bisognerebbe chiederlo a tutti i suoi votanti se ha fatto o no un voltafaccia, non possiamo decidere per loro, aldilà dell sue posizioni anti bancariste.

    Ciao

    Geo

  • illupodeicieli

    Capisco bene che c’è interesse da parte di costoro di riciclarsi:ovvero se le cose ,come speriamo, dovessero cambiare secondo le nostre intenzioni, loro possono sempre dire che “erano d’accordo, che lo avevano detto anche loro”. Quanto poi ai loro valori rispetto ai nostri, certo che sono differenti: almeno io ritengo che sia giusto che chi ha di più dia una mano a chi ha di meno e che lo stato, come recita anche la costituzione, aiuti chi ha di meno a vivere una vita dignitosa e non a sopravvivere di aiuti tramite mense o vestiti dismessi. Ovvero ti dò da mangiare se non ne hai, ma da domani ti devo permettere di camminare (e non di trascinarti) con le tue gambe.