Home / ComeDonChisciotte / BERLUSCONEIDE

BERLUSCONEIDE

DI MASSIMO FINI
IL Gazzettino

“Tutti in piedi quando entra il professore. E’ un segno di rispetto e di buona educazione” ha dichiarato Berlusconi alla videochat del Corriere. Certo che il Cavaliere ha davvero una bella faccia tosta ed è forse per questo che piace tanto a molti italiani. Chi in una riunione in Spagna di tutti i premier europei è stato pescato a fare le corna dietro la testa di un collega come uno scolaretto discolo nella foto di gruppo dell’ultimo giorno di scuola? Solo che se una birichinata del genere la fa un ragazzino, a scuola, in un giorno che è ormai di vacanza e siamo vicini al ‘rompete le righe’, è una cosa, se lo fa in un consesso internazionale un presidente del Consiglio, che rappresenta il suo Paese, è un’altra .

L’altra sera l’onorevole Fini lamentava, naturalmente in Tv (che è la principale responsabile dello sfacelo culturale del nostro Paese) che il 90% degli studenti non sa dove sia Matera. Ma chi, parlando dei mitici fondatori di Roma, li ha chiamati Romolo e Remolo? Una cosa che nella pur sgangherata scuola italiana, usata dalla nostra classe politica come area di parcheggio per precari, costerebbe a un alunno di quinta elementare un giro dietro la lavagna con un cappello con la scritta ‘asino’?


Che lezioni di buona educazione e di buon gusto possono venire da un signore che al premier norvegese Rasmussen, in visita ufficiale, fa una battuta trucida sulla propria moglie o che in quelle festicciole che la Tv organizza per autocelebrarsi fa il cicisbeo con vallette e vallettine fra le quali ci sono quelle piazzate in qualche fiction per il piacer suo o dei suoi amici?
Che credibilità può avere un signore che anche i suoi amici descrivono come bugiardo patologico (“un simpatico bugiardello”, Tiziana Maiolo; “un adorabile bugiardo”, Casini) e che, soprattutto, la Corte d’Appello di Venezia, nel maggio del 1990, quando nessun ‘accanimento giudiziario’ era ipotizzabile, ha dichiarato ‘testimone spergiuro’ (cioè ha giurato il falso in Tribunale) e che è poi stato salvato da un’amnistia voluta dai comunisti per non essere processati per i finanziamenti avuti dall’Urss?
Che rispetto per le Istituzioni e per il proprio Paese ci può insegnare un presidente del Consiglio che in terra di Spagna, davanti a tutta la stampa internazionale’ ha definito ‘Mani Pulite’, cioè inchieste e sentenze, anche definitive, della magistratura italiana “una guerra civile” e che ha delegittimato, di volta in volta, oltre la magistratura ordinaria, la Corte dei Conti, il Presidente della Repubblica?

Che senso della legalità, che ‘tolleranza zero’ può pretendere un signore che ha avuto decine di processi, che ne ha in corso uno per ‘corruzione di testimone’, che da quattro è uscito non per aver commesso il fatto ma perchè la prescrizione ha estinto il reato e che nei casi in cui non poteva proprio scapolarla ha abolito, per legge, il reato di cui era imputato come il falso in bilancio che negli Stati Uniti può costare 30 anni di reclusione?
Che coerenza dobbiamo attribuire a un signore che afferma che lui non attacca mai personalmente, dio guardi, gli avversari politici e poi definisce ripetutamente Antonio Di Pietro “un uomo che mi fa orrore”? E gli fa orrore per lo stesso motivo per cui lo fa a buona parte della classe dirigente , di destra e di sinistra: perchè, insieme al pool dei magistrati di Milano, osò richiamare per la prima volta anche la classe dirigente a quel rispetto della legge cui tutti noialtri cittadini siamo tenuti senza se e senza ma.

Il lettore dirà che sono un comunista. Io sono sempre stato anticomunista, quando i comunisti esistevano e molti di quelli che oggi se la dan da anticomunisti erano iscritti al Pci o militavano nella sinistra extraparlamentare e mi aspettavano sotto casa per darmi una lezioncina a colpi di spranga. Sono semplicemente un cittadino italiano che, passati i 60, è stufo di essere preso in giro da questa gente. Non sono gli studenti che devono alzarsi quando entra il professore, sono i nostri uomini politici che dovrebbero mettersi in ginocchio davanti al popolo italiano per averlo ridotto come l’han ridotto, in campo economico, previdenziale, sociale, morale e per avergli tolto ogni senso di onestà, di lealtà, di correttezza e persino quella buona educazione che oggi si invoca dai ragazzi.

Massimo Fini
Fonte: www.ilgazzttino.it
4.04.08

Pubblicato da Davide

8 Commenti

  1. Mah, a me sembra che il gesto delle corna del sor Berlusca sia un vero e proprio saluto massonico, e non una birichinata!

  2. PER ESSERE PIU’ PRECISI,TRATTASI DI UN SEGNO E SALUTO SATANICO,LEGATO ALLA SETTA MASSONICA

  3. Fanno le corna perché sono satanismi?

    (collegarsi alla pagina web):

    http://images.google.it/images?hl=it&q=bush+corna

  4. Ma un saluto massonico fatto con quella faccia da pirla? Suvvia un po’ di rispetto anche per la massoneria.
    Comunque caro Massimo ti capisco. Ho fatto il tuo stesso percorso. Anch’io negli anni di piombo ho rischiato di farmi spaccare la testa perchè mi ero permesso di dissentire da certe ideologie totalitarie.
    Ebbene oggi di fronte a questi cialtroni affaristi e venduti mi sento idealmente molto vicino a persone come Ferrando al quale riconosco una grandissima onestà intellettuale ed il coraggio di andare controcorrente.
    Su Berlusconi c’è poco da aggiungere, non pensiamo però che quell’altro sia meglio. La sua parte politica risponde alle elite finanziarie internazionali ed è la principale responsabile dello sfascio perpetrato con le privatizzazioni e le pseudo liberalizzazioni.

  5. Condivido quanto detto da Roberto G.

    Il 13 aprile io, da sempre tiepido verso i “rossi”, voterò Ferrando.
    E’ una persona che mi ha colpito per la sua coerenza e per il coraggio intellettuale

  6. Secondo me la ricerca affannosa di una “causa prima” ed unica di ogni male dell’Italia, vista a seconda dei casi nella massoneria, nella P2, in Berlusconi, nei comunisti, nei 40 anni di malgoverno DC, è un modo di semplificare sterile e un po’ da campagna elettorale.
    Non nego i fenomeni che, volte in modo superficiale, portate alla nostra attenzione, ma l’Italia ha tanti problemi che nascono da tante situazioni diverse le quali a loro volto hanno cause diverse.
    Il “grande vecchio” non esiste e non è mai esistito: chi ci crede vuole solo soluzioni semplici e immediate, non vuole darsi la fatica di studiare la storia, l’economia, la morale, l’informazione, i costumi, la storia della politica…
    E’ una soluzione per persone mentalmente pigre.

  7. Io il berlusca massone proprio non ce lo vedo per quanto mi sforzi. Non tutti coloro iscritti a qualche loggia possono definirsi massoni in senso stretto. Uno come il berlusca, che ama stare al centro della situazione e partecipare, da sempre, al salotto buono della finanza avrà visto in qualche loggia la possibilità di cementare il suo ego. I veri massoni sono ben altri. Le corna che fece non sono sataniste, ma semplicemente pierinesche. Le corna che usa fare Bush altrettanto non implicano satanismo, ma sono il simbolo di riconoscimento dei texani, che con quel gesto indicano le mandrie che storicamente i loro cowboys hanno sempre pascolato.

  8. Concordo remox, con la differenza che però il satanismo di Bush io lo vedo nelle sue azioni.