Home / ComeDonChisciotte / ASSALTO FINALE ALLE ULTIME SACCHE DI ESISTENZA

ASSALTO FINALE ALLE ULTIME SACCHE DI ESISTENZA

DI SERGIO BARATTO

Falluja, novembre 2004.

Laggiù la chiamano la città delle mille moschee. Dopo la caduta del regime di Saddam Hussein, la città era stata pacificamente occupata dalle truppe americane. Il comando militare alloggiava nella vecchia sede del partito baathista e i capitribù avevano eletto un sindaco convinto sostenitore della coalizione. Finché una manifestazione di protesta contro la presenza statunitense (200 persone) non è stata soffocata nel sangue (una quindicina di morti).
350.000 abitanti. Centinaia di migliaia di sfollati, migliaia di persone rimaste senza casa, prigioniere in una città assediata, bombardata e poi attaccata con carri armati e artiglieria pesante. L’inverno in arrivo porta il freddo anche a quelle latitudini, non si creda che in Arabia il sole scotti sempre con la medesima intensità di una bomba all’uranio.

Gli americani sono rientrati in città con il vigore e la prepotenza virile che si esigono dalle truppe mitologiche dei kolossal d’azione, benché senza colonna sonora e con gli occhi azzurri a testimoniare la loro difformità dai mongoli antichi dell’Orda. Sono entrati dopo il tramonto, all’ora in cui si ricomincia a bere e mangiare in tempo di ramadan: apprezzabile gesto di cortesia, non fosse per la generale scarsità di acqua e cibo.
Hanno occupato con facilità burrosa cinque ospedali, nonostante la vile propaganda dei fatti continui a sostenere che a Falluja ne sia sempre esistito soltanto uno. Da giorni si combatte strada per strada.
Nessuno conta i saraceni morti, come vorrebbero le norme internazionali. Non è tempo di onanismi contabili, bisogna catturare Al Zarqawi. Oh, accidenti, è scomparso! Pazienza, vorrà dire che lo riacciufferemo a Mosul.
Nel frattempo, che a nessuno passi per la testa di riandare col pensiero a Srebrenica o a Sarajevo. Sarebbe storicamente sbagliato e di cattivo gusto.

I convogli della Mezzaluna Rossa non hanno il permesso di entrare in città. Camion e ambulanze cariche di cibo, tavolette per purificare l’acqua, medicine e biancheria. Persino le mutande evidentemente non possono passare. I feriti muoiono dissanguati senza poter ricevere alcun tipo di soccorso e una volta cadaveri vanno a ingombrare le strade. Ce ne sono a centinaia, dicono, i tank statunitensi li maciullano passandoci sopra con i cingoli (per fortuna da morti non si avverte più alcun dolore). Nessuno sa quanti civili sono caduti sotto i colpi della necessità o – meno eroicamente – sotto il tetto delle proprie case. Poiché non è permesso ad alcun estraneo affacciarsi alla porta del macello, possiamo conservare in cuor nostro la speranza che nessuno di loro sia rimasto colpito e che tutto si giochi virtuosamente tra giubbe blu e tagliatori di teste.
Quanto a questi ultimi (riprendo dalla Reuters): “Sono piuttosto duri a morire [che protervia!]. Queste persone non sparano a caso [che malvagità!], ma attendono che le loro difese li raggiungano alle loro basi. È in quel momento che aprono il fuoco [astuti come serpenti!]”. Il demenziale sketch è del colonnello Mike Shupp, un idiota che in un mondo normale sarebbe inabile persino a condurre un programma di Telepadania.

Ancora dalla Reuters: “‘Non abbiamo cibo o acqua. I miei sette bambini soffrono tutti di diarrea grave. Uno dei miei figli è stato ferito da una scheggia la notte scorsa e sanguina, ma non posso fare niente per aiutarlo’, ha raccontato l’uomo, che ha detto di chiamarsi Abu Mustafa. ‘Ci sono dei corpi in strada’”.
Ma davvero vogliamo fidarci di uno che si chiama Abu Mustafa? Perché, secondo il comando militare statunitense, non c’è alcun bisogno di un’operazione di emergenza sanitaria per portare soccorso alla popolazione civile a Falluja. “Non ci dovrebbero essere rimasti civili intrappolati dai combattimenti nella città”. La battuta, naturalmente, è ancora del colonnello Shupp.

Questo accade oggi, domenica 14 novembre, nel totale silenzio della comunità internazionale. Chissà, m’interrogo mentre fumo una sigaretta alla finestra, forse invece Kofi Annan avrà detto qualcosa, forse l’Unione Europea avrà diramato qualche comunicato e io per distrazione non me ne sono accorto. Indubbiamente qualche parlamentare di sinistra qui da noi avrà presentato una mozione urgente. Strano a dirsi, ma questa certezza non mi provoca il benché minimo fremito al sacco scrotale.
Il governo italiano si trova là, al fianco dei carri armati americani. Se non fisicamente, con tutta la forza della comunanza d’ideali. La storia è questa: per quanto la si possa rigirare, il governo che ci rappresenta partecipa al massacro di Falluja.
Questo accade oggi, senza che in apparenza nessuno perda sul serio lucidità di ragionamento, equilibrio, buona creanza; senza che nessuno provi un impulso irrefrenabile a scendere per strada (una strada qualsiasi, la prima che capita a portata di piedi), gridando o al limite soltanto vomitando insulti, come i matti sul metrò di sera. Vergogna, orrore.
La mattanza continua, il campionato anche. Forza Lecce e merda al bollo dell’auto. Evviva la democrazia e abbasso il carovita.
Per quanto possiamo sbattercene i coglioni, siamo per sempre coinvolti.

Sergio Baratto
Fonte: www.nazioneindiana.com
15.11.04

Pubblicato da Davide