Armi chimiche destinate all’Ucraina: l’incidente di East Palestine non è stato un caso

di Yoishi Shimatsu, ideeazione.com

In una recente conversazione radiofonica, Jeff Rense e io abbiamo discusso alcune delle inspiegabili anomalie legate al deragliamento notturno di un treno di cisterne cariche di sostanze chimiche a East Palestine, in Ohio, che ha lasciato una serie di domande ma poche risposte chiare. In seguito al programma Rense, ho contattato un conoscente dell’Ohio orientale, “K.T.”, che fortunatamente stava seguendo i notiziari locali e i resoconti dei cittadini indipendenti online. K.T. ha rivelato le numerose incongruenze nell’insabbiamento ufficiale da parte della compagnia ferroviaria Norfolk Southern, dell’ufficio del governatore dell’Ohio e dell’EPA, indicatori di un insabbiamento in preda al panico ordinato dal governatore Mike DeWine, un repubblicano, su pressione dell’EPA guidata dai democratici e della Casa Bianca di Biden.

Il rifiuto bipartisan dei timori dei residenti della regione, insieme alla pesante copertura dei media mainstream, indica che il deragliamento del treno riguarda una questione di sicurezza nazionale e segreti ufficiali. Questo articolo analitico, coadiuvato dalle testimonianze dei cittadini della regione di confine tra l’Ohio e il Pennsylvania, espone in dettaglio le ragioni di una spedizione notturna illegale e non registrata di precursori di armi chimiche come causa del surriscaldamento quasi esplosivo dei vagoni cisterna e dell’uso di una fossa di combustione allungata da cui si è sprigionata l’inquietante colonna di fumo nero che ha alimentato le fiamme tossiche.

La chimica del disastro

In questa analisi basata sulla chimica, le scoperte sul campo, soppresse per ordine dei vertici, vengono esaminate per trovare la prova inconfutabile più eloquente: la chimica del carico liquido delle cinque autocisterne sospette, il cui contenuto è stato incendiato per ordine del governo in una trincea scavata in fretta e furia. Contrariamente alle smentite ufficiali e alla disinformazione sul loro contenuto chimico, il carico effettivo è stato rivelato dal rilevamento da parte dell’EPA del fosgene in quella nube nera su East Palestine. Il fosgene è stato tristemente usato per la guerra al cloro, noto come “gas mostarda”, in Francia e in Belgio durante la Prima guerra mondiale. Poiché non è un sottoprodotto del cloruro di vinile (che contiene una sola molecola di cloruro), il precursore effettivo all’interno di quelle autocisterne era una sostanza chimica più pericolosa, legata con una quantità doppia di cloruro, proprio come il fosgene.

Le domande che si pongono sono le seguenti: Perché cinque autocisterne piene di un precursore di armi chimiche volatili sono state trasportate verso la costa orientale? Qual era la destinazione finale di questo carico chimico? Il carico chimico doveva essere utilizzato per uso militare durante la guerra, in palese violazione del trattato internazionale che vieta le armi chimiche? Quale zona di battaglia è stata presa di mira per il massiccio attacco di guerra chimica?

L’uso di armi chimiche è una grave violazione del diritto internazionale, un crimine contro l’umanità. I principali sospettati in questo caso di genocidio sono il presidente Joe Biden, il vicepresidente Kamala Harris, il segretario alla Difesa Lloyd Austin, il capo della CIA William Burns e il suo consigliere per la sicurezza Jake Sullivan, il segretario ai Trasporti Pete Buttigieg, il capo dell’EPA Michael Regan e altri lacchè del regime guerrafondaio.

Fact Checkers alias Falsità ufficiale

Le dichiarazioni dei media mainstream e le smentite dei cosiddetti “fact-checkers”, alias apologeti delle agenzie di intelligence, dei politici “informati” e dell’industria bellica, hanno solo aggiunto “benzina alle fiamme” della loro stessa esposizione e rimozione. (La maggior parte delle loro frettolose affermazioni sui fatti del disastro ferroviario si sono rivelate esagerate o semplicemente sbagliate). Per risparmiarsi il culo, i criminali politici di alto livello hanno minimizzato i rischi quasi apocalittici dello smaltimento all’aperto mediante combustione di sostanze chimiche tossiche a East Palestine, una cittadina di 1.300 famiglie senza alcun peso politico o risorse finanziarie sufficienti per portare avanti la causa per ottenere giustizia.

La reale composizione chimica di quel carico liquido è stata identificata in modo errato in un insabbiamento criminale, ovviamente per motivi di un’operazione militare e di intelligence pianificata, in palese violazione del Trattato internazionale sulle armi chimiche contro la produzione, lo stoccaggio, l’impiego e l’uso di sostanze chimiche letali in guerra o in disordini interni. Ci sono prove sufficienti, anche in questa fase iniziale, perché le nazioni bersaglio del gas (in un’operazione a bandiera falsa), tra cui Polonia, Bielorussia, Russia e Ucraina, avviino un procedimento presso il Tribunale dell’Aia per i crimini di guerra contro l’amministrazione Biden per crimini pianificati contro l’umanità con l’impiego programmato di un’arma chimica vietata in un’operazione a bandiera falsa.

Date le limitazioni politiche imposte agli Stati membri dell’alleanza NATO, ai quali è vietato usare o anche solo dispiegare armi chimiche in stand-by, l’unica ragione possibile per trasportare quella grande quantità di gas velenoso, circa 17.000 galloni, in direzione est verso un campo di prova militare e verso un porto dell’Atlantico è stata quella di perpetrare un’operazione a bandiera falsa contro uno o più Stati nemici e, in questo caso particolare, contro una “nazione alleata vittimizzata”, l’Ucraina. Data l’attuale situazione di stallo in Europa orientale, l’ultima carta del mazzo della CIA è quella di simulare un attacco chimico “russo” contro gli ucraini e, più precisamente, contro la Polonia al preciso scopo di incitare l’alleanza NATO a dichiarare guerra totale contro la Russia e la Bielorussia, facendo così precipitare la Terza Guerra Mondiale. Ovviamente, il capo della NATO Jens Stoltenberg, un pazzo guerrafondaio certificabile, era coinvolto in questo complotto idiota.

È interessante notare che il Presidente Joe Biden si è recato in visita segreta a Kiev, due settimane dopo il disastro, che ha seriamente intaccato i suoi piani di guerra a sorpresa, per conferire con Volodymyr Zelensky, un altro cospiratore che era visibilmente deluso di sentire “la cattiva notizia” della fine degli attacchi con gas velenosi. Biden ha viaggiato per 10 ore in treno fino a Kiev per piangere la fine del complotto clandestino della NATO per andare in soccorso dell’Ucraina. Poiché non sono state versate lacrime per East Palestine, non piangerò per il criminale di guerra Zelensky o per il suo padrone Joe Biden. Possiamo solo essere grati, a qualche forza nascosta, che nessuno sia stato ucciso immediatamente in East Palestine, anche se la minaccia per la salute persisterà per molti mesi, e forse anni, a partire da oggi.

Carico liquido dal sito di rifiuti tossici della Dow

La fonte del carico a Madison, nell’Illinois, era un impianto di produzione di barre di uranio dismesso della famigerata società Dow Chemical (nota per l’Agente Arancio), che più recentemente ha operato sotto il nome di copertura di Spectrulite. Dalla metà degli anni ’90, il sito radioattivo, situato al di là del fiume Mississippi da St. Louis, è stato oggetto di uno sforzo di “bonifica” (contenimento della tossicità) da parte dell’EPA, che si è opposta alla designazione dell’enorme caos come discarica permanente di rifiuti pericolosi. Il composto a base di cloro contenuto nei cinque vagoni cisterna sospetti è stato falsamente descritto dall’EPA e dalla Norfolk Rail come “cloruro di vinile”, una sostanza piuttosto innocua, per nascondere il contenuto effettivo di cloruro di vinilidene altamente volatile. Quest’ultimo, un potente agente ossidante noto anche come 1,1 dicloroetene, è stato utilizzato dalla Dow per pulire le barre di combustibile all’uranio presso l’impianto di Madison, dove da allora è stato stoccato in serbatoi di acciaio.

La domanda logica che sorge spontanea è: Dove sarebbe stato consegnato quel carico letale? La destinazione della Norfolk Southern era appena oltre il confine di Stato, a Conway, in Pennsylvania, nella contea di Beaver, confinante con la contea di Columbiana, in East Palestine. Ma il viaggio non finiva lì. Il Conway Rail Yard, gestito da Norfolk Southern per oltre un secolo, è un enorme impianto di commutazione, il più grande degli Stati Uniti fino agli anni Ottanta. Conway confina con il fiume Ohio e quindi non ha un grande impianto chimico o di smaltimento dei rifiuti in grado di accogliere autocisterne con una capacità di 30.000 galloni. Pertanto, è lecito concludere che le cinque autocisterne sospette, insieme a diverse altre autocisterne di prodotti chimici, si trovavano in coda al treno per essere disaccoppiate e trasferite in una direzione completamente diversa da quella dei vagoni riempiti di prodotti alimentari provenienti dalla regione dell’alto Mississippi e diretti ai magazzini vicino alle principali città dell’est.

Destinazione mortale

Poiché il sito di Madison (Illinois) era un centro di stoccaggio dell’EPA su larga scala in un gomito della costa del Mississippi, non avrebbe avuto alcun senso spostare il carico sensibile per centinaia di chilometri in una regione densamente popolata situata a soli 25 chilometri da Pittsburgh, che non è un centro dell’industria chimica. Al giorno d’oggi gli impianti chimici pericolosi sono situati in mare, in caso di fuoriuscita, soprattutto lungo la costa del Golfo. Non ci sono narrazioni alternative oltre agli ovvi “soliti sospetti”.

Pertanto, le autocisterne tossiche non contrassegnate erano ovviamente dirette all’arsenale di armi chimiche di Edgewood, situato nell’Aberdeen Proving Ground dell’esercito americano, di fronte alla baia di Chesapeake, a nord di Baltimora, nel Maryland. Per i Pollyanna che ancora credono che il grande Joe Biden non possa sbagliare, qui di seguito espongo il probabile percorso previsto per la seconda tratta del treno: ripresa del viaggio dallo scalo ferroviario di Conway attraverso Pittsburgh, poi verso Altoona e il nodo di Harrisburg, da dove il treno tossico fa un breve tratto verso nord e riprende il movimento verso est lungo i binari del Maryland in direzione di Baltimora, per poi deviare a sinistra su un binario secondario verso Aberdeen, sulla costa settentrionale del Chesapeake. Altre domande o obiezioni?

All’arrivo nell’impianto di Edgewood, il carico utile di cloruro di vinilidene viene prontamente trasformato in cloro puro o in fosgene, molto più probabilmente “meno letale”, per essere iniettato in contenitori, da collegare a bombe e proiettili d’artiglieria. L’obiettivo tattico è quello di abbattere i civili polacchi, non di renderli morti in meno di un’ora, anche se molti moriranno sicuramente a causa del tessuto polmonare avvelenato, in numero sufficiente per ottenere una dichiarazione di guerra della NATO contro la Russia e la Bielorussia. Questo tipo di uso segreto del fosgene è illegale secondo la legge statunitense e la Convenzione internazionale sulle armi chimiche (CWC) ratificata da 53 nazioni, compresi gli Stati Uniti, nel 1963. Un divieto di fatto sulle armi chimiche esiste dalla fine della Prima Guerra Mondiale. Joe e Volodomyr, che diavolo avevate in mente voi due pazzi? Ora, chiudete le formalità legali per i vostri processi per crimini di guerra e ingoiate le capsule di cianuro come se fossero caramelle gommose.

Uccidere i polacchi, incolpare Mosca

L’unica spiegazione per questa palese e segreta violazione della governance globale è tipica delle numerose operazioni illegali internazionali che hanno coinvolto Joe Biden, il principale sponsor degli aiuti militari NATO-USA al regime canaglia di Zelensky in Ucraina. Un misterioso attacco con gas cloro nell’Ucraina occidentale e contro la Polonia, alleata della NATO, con scene televisive della CNN-BBC-ABC di ustioni chimiche inflitte a migliaia di cittadini polacchi nella loro patria pastorale, invocherebbe assolutamente l’autorizzazione alla guerra da parte della NATO per proteggere i civili alleati da attacchi illegali con gas, lanciando una campagna di bombardamenti a tutto campo e un’invasione di terra della Crimea, della regione di Donetsk e della Russia stessa, in pratica dando inizio alla Terza Guerra Mondiale.

Provocazioni simili per giustificare l’intervento furono inventate da Bill Clinton e Tony Blair per invadere e smembrare la Repubblica di Jugoslavia nel 1999-2000. Il sinistro complotto dietro un’operazione a bandiera falsa per gasare civili “sacrificabili” in Polonia e Ucraina è tutto per l’auto-accrescimento politico di quell’imbecille schivo di Biden, che dovrebbe essere rinchiuso in un manicomio. Chi altro potrebbe essere coinvolto nel complotto, non menzionato prima? Quel pervertito assassino di Adam Schiff, la First Lady Mrs. Zelensky e, naturalmente, quel disadattato mentale del capo della NATO Jens Stoltenberg, tutti clown assassini.

La parte noiosa: la chimica

Ok, mi rendo conto che la stragrande maggioranza degli esseri umani ragionevoli teme le lezioni di chimica. Facendo parte della generazione “Sputnik catch-up with the Soviets”, all’università ho abbracciato la chimica organica come la bacchetta magica che avrebbe salvato l’umanità dall’autodistruzione. Il mio sogno di un mondo senza sofferenza era ingenuo, anzi folle. Quindi vi prego di sopportare questa “lezione alla lavagna” per qualche minuto per comprendere il pericolo nascosto in quelle cinque autocisterne, e poi andate al vostro bar o cocktail lounge preferito per lavare via i pensieri orribili.

L’indizio che non lasciava dubbi era il rilevamento a mezz’aria del fosgene nella nube nera sopra la fossa di combustione della ferrovia. La sua formula è COCl2, tradotta come C per carbonio, O ossigeno e CL-2 due molecole di cloro. Il suo nome deriva dalle parole greche “luce” e “nascita”, poiché fu sintetizzato per la prima volta esponendo il monossido di carbonio a una forte luce solare, dando vita a uno strano composto giallastro che odora di fieno appena falciato. Il bizzarro nome dell’azienda Spectrulite di Dow si ispira all’inquietante bagliore giallastro del cloruro di vinilidene e del fosgene quando vengono riscaldati. A contatto con l’uomo e gli animali, brucia gli occhi, le orecchie e le narici, infliggendo un dolore insopportabile e orribili cicatrici.

I francesi utilizzarono il fosgene durante la guerra di trincea nella Prima Guerra Mondiale, causando la morte di 85.000 soldati tedeschi, inglesi, americani e francesi; l’esercito imperiale giapponese utilizzò il fosgene per decimare la popolazione civile cinese negli anni ’30, con grande sgomento delle potenze europee. Seguendo queste orme ben documentate, Joe Biden e il suo aiutante Zelensky volevano usare questa tossina vietata contro gli ucraini, i volontari militari occidentali e i contadini polacchi per giustificare la loro folle campagna per deporre Putin.

L’individuazione del fosgene nella nuvola nera di fumo sopra la fossa di combustione di East Palestine indica che il contenuto chimico delle cinque misteriose autocisterne non era cloruro di vinile, come falsamente sostenuto dalla Spectrulite-Dow, dalla Norforlk Southern e dall’EPA, ma comprendeva in realtà il più volatile dicloruro di vinilidene (CH2=CCl), una molecola contenente carbonio (C) e due particelle di cloro (CL, quest’ultima L minuscola da non confondere con il numero 1). L’elemento carbonio aumenta la volatilità/infiammabilità durante l’esposizione al calore (come accade a causa dell’attrito delle cisterne d’acciaio rovesciate che scivolano sulla ghiaia).

La massa sproporzionata della particella di cloro, rispetto agli elementi più leggeri, gli consente di liberarsi dai legami. Il peso atomico del cloro è 35,45 o tre volte quello del carbonio (12) e dell’idrogeno (1,0). Lo sbilanciamento del peso atomico fa sì che il cloro volatile possa liberarsi dai suoi legami microelettromagnetici per diventare un radicale libero, generando calore di potenza esplosiva durante le collisioni inter-molecolari, soprattutto se agitate. La cattura di componenti di ossigeno dall’aria, durante la fase finale dell’autosintesi del fosgene, provoca un’intensa ossidazione, alias combustione, come si è visto nella famigerata trincea di East Palestine.

Dal momento che all’università mi sono formato per diventare un chimico di laboratorio piuttosto che un insegnante di chimica, spero che questa semplice descrizione mostri al lettore come si sono generate le violente fiamme e l’imponente fumo nero, oltre ai potenziali effetti nocivi per gli esseri umani o gli animali che hanno ingerito i fumi (secondo quanto riferito, circa 3.500 animali selvatici sono stati uccisi e molti residenti locali hanno sofferto di “dolorosa inalazione di fumo”, alias avvelenamento chimico, a causa dell’incendio della fossa Norfork-EPA). Ok, la lezione è finita, passiamo ai miei ricordi personali suscitati dalla catastrofe della Norfolk Southern.

Esperienza precedente con l’abuso della chimica da parte del governo

Va detto che l’autore era iscritto al programma di chimica organica della Purdue University, allora leader mondiale. I miei studi furono interrotti, insieme a quelli dei miei compagni di corso, dall’assassinio a colpi di pistola del nostro professore nella sua Ferrari decappottabile. Un genio che era stato il più giovane preside di quel settore e aveva ottenuto decine di brevetti, era stato consulente scientifico della Eli Lilly. Io, insieme ad altri sette, mi rifiutai di continuare quel percorso di carriera, nonostante la garanzia di una carriera ventennale presso l’azienda farmaceutica di Indianapolis. 30 anni dopo, il New York Times pubblicò un breve articolo basato su documenti divulgati dal governo, secondo il quale Eli Lilly all’epoca era coinvolta nella produzione e nella sperimentazione di LSD per il programma di assassini MK-ULTRA della CIA. Questo ha chiarito il “mistero” dietro l’omicidio dell’onorevole professore, che rimane sotto una cappa di segretezza con la soppressione di tutte le informazioni su quell’efferato crimine di Stato.

L’unica virtù che è scaturita da quell’efferato assassinio rimasto impunito è la mia comprensione dell’assoluta necessità di vigilare e di non lasciarsi scoraggiare da menzogne, minacce, sfinimento e abuso della scienza, affinché sia fatta giustizia. East Palestine non può essere ignorata o relegata a sito di rifiuti pericolosi come è stato fatto per tante aree tossiche. Il popolo americano deve reagire contro i governi segreti autoritari, denunciare i loro crimini contro l’umanità e fare tutto il possibile per consegnare alla giustizia i criminali in ginocchio o sulla schiena. Mentre molte altre ricerche sono state effettuate in questa ampia ricerca di fonti e informazioni relative all’incidente, permettetemi di concludere per ora con la seguente rassicurazione sul mio personale gradimento di quella regione a metà dello Stato lungo la East Coast.

Il grido di un uccello

Mentre gli avvoltoi turbinavano nelle raffiche che si alzavano sulla Virginia settentrionale, saltai su ripide fessure tra imponenti picchi calcarei per arrivare alla piattaforma pietrosa più lontana e godere di un’ampia vista del Cumberland Gap, densamente boscoso. Questo avveniva durante una sosta in un viaggio di attraversamento del Paese durante la prima metà del blocco. La lunga valle nascosta sotto il fitto fogliame sottostante è stata l’antico percorso degli indiani dell’Atlantico costiero che trasportavano conchiglie nell’entroterra per il commercio di perline wampum, la moneta comune prima dell’arrivo dell’argento inglese e delle monete spagnole e del conio del primo dollaro statunitense. La traccia lasciata dai loro mocassini divenne la strada sterrata attraverso la barriera della catena degli Appalachi per gli innumerevoli carri trainati da muli e buoi che portavano i coloni europei nel Kentucky e oltre, verso la lontana costa del Pacifico. Dalla mia postazione in alto, sotto la volta di un cielo senza nuvole, l’unico indicatore della presenza umana nella bow valley era il fischio di una locomotiva invisibile che passava sotto le cime degli alberi che ondeggiavano e poi si fermavano.

Come postulato dalla teoria della relatività, ci si trova a bordo del treno in movimento o su qualche collina lontana che percepisce la sua esistenza di sfuggita. Il viaggiatore all’interno della cabina passeggeri ha l’esperienza immediata del movimento, mentre l’osservatore distante identifica il passaggio del treno solo in relazione all’ambiente più ampio, il Cumberland Gap o East Palestine. Questa stessa regola della distanza influenza il senso dell’incidente ferroviario in una piccola città dell’Ohio orientale, vicino al confine con la Pennsylvania. Non c’è modo di rivivere o ricordare palpabilmente la notte dell’incidente, eppure è possibile per un osservatore distante percepire aspetti di quell’evento all’interno delle coordinate di un contesto più ampio dello spazio circostante, intendendo qui la geografia politica ed economica lungo il percorso pianificato dei vagoni cisterna del treno dal punto di partenza alla destinazione segreta prima della spedizione in Ucraina. A differenza dei fattori di incertezza relativi a una cometa a grande distanza nello spazio, la nostra percezione è favorita dal fatto che un treno viaggia con certezza su uno specifico binario d’acciaio, almeno fino a quando non deraglia, che almeno indica la direzione verso la tappa successiva pianificata del suo truce viaggio di omicidio di massa.

Non c’erano osservatori umani all’incidente di East Palestine alle 20:55 di venerdì 3 febbraio; l’unico “testimone” è stata una telecamera di sicurezza di un’abitazione lungo i binari, che ha registrato quello che sembra essere il malfunzionamento di una ruota di un vagone box più vicino che lontano dalla locomotiva. Ancora una volta, il falso dio della tecnologia si è rivolto contro l’umanità, sfruttando abilmente le sue debolezze. La mia opinione è che, per motivi politici dietro una copertura, l’Agenzia per la “Protezione dell’Ambiente” stia trattando i residenti locali come cavie umane, come ha fatto la TEPCO nel sito del reattore di Fukushima, “per studiare gli effetti dell’avvelenamento da cloro su soggetti umani”.

Sì, osserviamo da vicino, per il progresso della scienza, cosa fanno le sostanze chimiche e la radioattività al corpo e alla mente umana. Questo odioso atteggiamento burocratico deve essere contrastato, schiacciato e quindi scoraggiato, per cui incoraggio le comunità vicine a chiedere la totale bonifica delle loro città da tracce di materiali pericolosi o, in caso contrario, a organizzare l’evacuazione permanente dei residenti di East Palestine verso la sicurezza di nuove case a prezzi accessibili e sovvenzionate con fondi pubblici, lontano dal sito di guerra accidentale al gas. Nel frattempo, fate causa ai truffatori aziendali e ai loro complici politici. Buona fortuna e che Dio benedica il popolo di East Palestine! E anche la sua omonima terra, la Palestina.

di Yoishi Shimatsu, ideeazione.com

Pubblicato su Rense

Fonte traduzione: https://www.ideeazione.com/armi-chimiche-destinate-allucraina-lincidente-di-east-palestine-non-e-stato-un-caso/

27 febbraio 2023

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
13 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
13
0
È il momento di condividere le tue opinionix